0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

RubricheWho is whoWho is who? Péter Magyar, lo sfidante di Orbán

Who is who? Péter Magyar, lo sfidante di Orbán

-

Péter Magyar è diventato famoso nelle ultime settimane per le sue dure critiche al governo ungherese coinvolto in due scandali legati alla corruzione e alla pedofilia. L’ondata di proteste rappresenta un grattacapo per il governo di Viktor Orbán che si preparava a “prendere Bruxelles” alle elezioni europee di giugno 2024.

Nome: Péter Magyar

Nazionalità: Ungherese

Data di nascita: 16 marzo 1981

Ruolo: Politico ed avvocato

Péter Magyar è nato e cresciuto a Budapest in un contesto familiare strettamente legato agli apparati politico e giudiziari del Paese. Da parte materna, egli è pronipote dell’ex Presidente della Repubblica ungherese, Ferenc Mádl, e nipote di Pál Erőss, ex giudice della Corte Suprema. Anche la madre Mónika ha rivestito incarichi rilevanti nell’apparato giudiziario magiaro.

Laureatosi in giurisprudenza all’Università Cattolica Pázmány Péter, la sua carriera si è sviluppata nell’ambito del diritto commerciale internazionale. L’avvicinamento alla politica è arrivato in concomitanza alle ondate di proteste antigovernative scoppiate nell’autunno del 2006. Magyar, assieme ai suoi familiari ed altri colleghi, hanno fondato nel 2007 “Ne féljetek” (Non temete!), un movimento civico che offriva supporto legale alle persone vittime di violenza della polizia durante le proteste.

In quel periodo, Magyar ha conosciuto Judit Varga, sua futura moglie. I due hanno trascorso quasi un decennio a Bruxelles, in cui egli ha lavorato come diplomatico presso la rappresentanza permanente dell’Ungheria presso l’UE. Sebbene la coppia e i loro tre figli fossero spesso descritti dai media ungheresi come “il prototipo della famiglia conservatrice”, i due hanno divorziato nel 2023.

L’ascesa politica di Magyar è stata improvvisa e rapida. Il 10 febbraio, Katalin Novák, Presidente della Repubblica, si è dimessa a seguito di uno scandalo riguardante la concessione della grazia ad individui implicati in reati di pedofilia. Anche la Varga, all’epoca Ministro della Giustizia, si è dimessa poiché ha presentato le proposte di grazia alla Novák. Il caso ha spinto Magyar a denunciare, in un’intervista pubblica, alcune personalità importanti di Fidesz, il partito nazional-conservatore al potere da oltre un decennio in Ungheria, di “nascondersi dietro Novák e Varga” per beneficiarne in termini di potere e ricchezza individuali. A fine marzo, Magyar ha consegnato ai social media e alla procura di Budapest un audio nel quale l’ex moglie accusa di corruzione alcuni membri della cerchia ristretta di Orbán.

Entrambi gli eventi hanno scatenato ondate di proteste antigovernative che hanno invaso le strade di Budapest ed altre città nel Paese. I media locali hanno ridimensionato l’ascesa politica di Magyar come un fenomeno passeggero il cui successo “è significativamente più basso rispetto a quello di Fidesz” oltre a liquidare le accuse di corruzione insinuando che l’audio sia stato estorto “da un uomo arrogante e narcisista che picchiava l’ex moglie”.

Ciononostante, la popolarità dell’attuale leader dell’opposizione è parecchio alta come dimostrato dalle oltre due milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube del primo intervento contro il governo. Magyar è attualmente a capo del partito conservatore “Rispetto e Libertà” (TISZA; Tisztelet és Szabadság Párt). La sfida più immediata riguarda la capacità di formare liste elettorali competitive per le elezioni europee e quelle comunali di Budapest di giugno che possano scalfire la supremazia di Fidesz. Tale scenario preoccupa l’attuale Primo Ministro ungherese il quale prospettava di “prendere Bruxelles” ossia diventare, tramite il gruppo dei conservatori europei, un attore influente nella politica della prossima Commissione. L’inaspettata popolarità di Magyar renderà la campagna elettorale di Fidesz più difficile in quanto dovranno cercare di contenere una possibile perdita di voti a favore di liberali e socialisti.

Articoli Correlati

Who is Who? Mark Rutte

Mark Rutte, il primo ministro olandese, ha presieduto il Partito di centro-destra VVD e ha guidato quattro diversi governi...

Who is Who: Tucker Carlson

Nome: Tucker Carlson Nazionalità: Statunitense Data di nascita: 16 maggio 1969 Chi è: giornalista, personaggio televisivo e commentatore politico  Tucker Carlson, figlio di...

Who is Who: Gavin Newsom

Nome: Gavin Newsom Nazionalità: Statunitense Data di nascita: 10 ottobre 1967 Ruolo: governatore della California e membro del partito democratico Carriera politica:  Nel 2004...

Who is Who: Ron DeSantis

Nome: Ron DeSantis Nazionalità: Statunitense Data di nascita: 14 settembre 1978 Ruolo: Governatore della Florida e possibile contendente  di Trump alle primarie...