Who is Who: Mikhail Mishustin

Nome: Mikhail Vladimirovic Mishustin
Nazionalità: Russa
Data di nascita: 3 marzo 1966
Ruolo: Primo Ministro del Governo della Federazione Russa

Who is Who: Mikhail Mishustin - GEOPOLITICA.info

Classe 1966 (54 anni), Mikhail Mishustin si forma nell’Università Statale di Tecnologia di Stankin, laureandosi nel 1989 e conseguendo successivamente due dottorati in materie economiche, manifestando una grande attenzione per i nascenti processi di digitalizzazione dei sistemi produttivi e di modernizzazione degli apparati amministrativi. Alla fine degli anni Novanta, nel 1998, viene nominato Vicedirettore del Servizio Tributario Federale e, a seguito della riorganizzazione del Governo nel 1999, diviene Viceministro con delega a tasse e tributi, partecipando al processo di consolidamento macroeconomico dello Stato sostenuto da Alexey Kudrin, il primo e più importante Ministro delle Finanze dell’era Putin. Nel 2004 è posto a capo dell’Agenzia Federale del Catasto e successivamente, nel 2006, dell’Agenzia Federale per la Gestione delle Zone Economiche Speciali. A seguito di tale esperienza, nel 2008 ritorna al settore privato al vertice del Gruppo UFC (OFG Invest), una società operante nel settore degli investimenti. Dopo due anni, nel 2010, ritornerà nell’amministrazione pubblica come Direttore del Servizio Tributario Federale, nel quale resterà per dieci anni fino alla nomina a Primo Ministro dopo le inaspettate dimissioni di Dmitrij Medvedev.

La sua nomina a Capo del Governo è giunta inaspettata tanto all’opinione pubblica russa quanto agli osservatori internazionali. Nel corso della sua carriera, come si è visto, ha ricoperto ruoli non di primo piano, dalle caratteristiche per lo più tecniche, mostrandosi un abile burocrate senza mai ricoprire incarichi squisitamente politici. Negli ultimi dieci anni, Mishustin ha consolidato la capacità di acquisizione delle tasse da parte del Servizio Tributario Federale, avviato un ampio processo di digitalizzazione della macchina amministrativa, migliorando così i rapporti con il settore imprenditoriale e consolidato l’uso dei pagamenti elettronici, si è inoltre distinto per un duro contrasto alla corruzione all’interno dell’apparato dello Stato, uno degli elementi che più ha compromesso la capacità del Governo russo di riscuotere i tributi dalle diverse entità della Federazione.

La nomina di figure dal profilo tecnico non è una novità assoluta per il Governo Russo, non solo negli anni di Eltsin ma anche, e soprattutto, dall’avvento di Vladimir Putin, gli incarichi economici, malgrado la loro evidente valenza politica, sono stati ricoperti da tecnici, dimostrando una naturale predisposizione della classe dirigente moscovita per figure competenti ma prive di un ampio supporto politico al di fuori del legame con il Presidente.

La scelta di un figura politicamente marginale ma tecnicamente competente può essere quindi interpretata in due modi: dato il processo di riforma costituzionale che verosimilmente sarà portato avanti nei prossimi mesi, la scelta di un premier politicamente non indipendente favorirà un riposizionamento della figura di Vladimir Putin in un ruolo influente senza dover apportare modifiche radicali al testo costituzionale o forzare le disposizioni contenute nella legge fondamentale dello Stato; alternativamente, analizzando il discorso pronunciato di fronte alla Duma, che il 16 gennaio ha confermato la nomina di Mishustin con una maggioranza schiacciante di 383 voti favorevoli e 41 astensioni ( principalmente dei deputati comunisti), il nuovo premier potrebbe essere la figura più adatta per avviare quelle riforme fondamentali per la modernizzazione della Russia al fine di rafforzarne la struttura economica, ancora oggi eccessivamente dipendente dall’esportazione delle risorse naturali e armamenti e non in grado di sostenere una crescita economica consolidata, nonché la capacità del settore privato di fornire capitali e innovazioni, fondamentali per un effettivo avanzamento dell’economia della Federazione.