0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheAfrica SubsaharianaGli USA escludono Etiopia, Mali e Guinea dal programma...

Gli USA escludono Etiopia, Mali e Guinea dal programma AGOA

-

Gli Stati Uniti hanno escluso l’Etiopia, il Mali e la Guinea dall’accesso al programma commerciale senza dazi AGOA. La misura segue la minaccia del presidente Joe Biden di conseguenze per le presunte violazioni dei diritti umani e i recenti colpi di stato.

La mappa (Credit. AGOA.info) indica il volume di esportazioni verso gli USA dei paesi esclusi dall’AGOA nel 2020

“Gli USA oggi hanno escluso l’Etiopia, il Mali e la Guinea dal programma di preferenze commerciali AGOA a causa delle azioni intraprese da ciascuno dei loro governi in violazione dello statuto AGOA”. Questa è stata la dichiarazione dell’ufficio del rappresentante commerciale statunitense.

Durante gli anni ’90, gli Stati Uniti si sono resi conto che offrivano pochi benefici commerciali tangibili agli esportatori, in particolare privati, dei paesi africani. Inoltre, gli Stati Uniti volevano creare un partenariato più significativo con i paesi africani basato sulla crescita economica e sul commercio condiviso. Da queste considerazioni è nato il regime commerciale esente da dazi previsto dall’African Growth and Opportunity Act (AGOA). La legislazione commerciale AGOA fornisce alle nazioni dell’Africa sub-sahariana un accesso senza dazi agli USA se questi soddisfano certi requisiti di ammissibilità. Fondamentali criteri sono l’eliminazione delle barriere al commercio e agli investimenti statunitensi ed il progresso verso il pluralismo politico.

A differenza di altri accordi commerciali preferenziali, si tratta di un accordo preferenziale non generalizzato e non reciproco tra paesi in via di sviluppo e paesi sviluppati. Questo significa che l’AGOA non è un accordo commerciale regionale (RTA) categorizzato nell’articolo XXIV dell’Accordo generale sulle tariffe e il commercio (GATT). Allo stesso modo non è un regime preferenziale generalizzato giustificato dalla clausola di abilitazione nel sistema giuridico dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO). A causa della sua incompatibilità con le regole del WTO, l’AGOA ha ricevuto molte critiche fin dal suo inizio.

Le ragioni politiche dietro l’esclusione

Biden aveva già detto a novembre che l’Etiopia sarebbe stata tagliata fuori a causa di presunte violazioni dei diritti umani nella regione del Tigray. Il Ministro del Commercio dell’Etiopia ha detto a novembre che era “estremamente deluso” dall’annuncio di Washington. Si è detto in merito che la mossa avrebbe invertito i guadagni economici e avrebbe avuto un impatto ingiusto e danneggiato donne e bambini. Mali e Guinea sono, invece, stati presi di mira a causa dei recenti colpi di stato che si sono verificati.

I paesi beneficiari non hanno alcun diritto di fare ricorso contro le decisioni del governo degli Stati Uniti perché l’AGOA è una legislazione nazionale statunitense. Questa è una notevole differenza rispetto agli accordi commerciali preferenziali non reciproci dell’UE verso i paesi africani paesi africani, che sono regolati dal diritto internazionale e quindi non possono essere cambiati solo dall’UE senza un accordo tra le parti contraenti.

“L’amministrazione Biden-Harris è profondamente preoccupata per il cambio incostituzionale di governo sia in Guinea che in Mali. [è profondamente preoccupata] per le gravi violazioni dei diritti umani internazionalmente riconosciuti perpetrate dal governo etiope e da altre parti nel conflitto nel nord dell’Etiopia“. Queste sono le ragioni esposte dall’United States Trade Representative. “Ogni paese ha chiari punti di riferimento per un percorso verso il reintegro [nell’accordo]. L’amministrazione lavorerà con i loro governi per raggiungere questo obiettivo”, ha aggiunto. Le ambasciate di Washington dei tre paesi africani non hanno ancora risposto alle richieste di commento.

La rilevanza economica dell’accordo e le sue problematiche

Da quando è stata promulgata come legislazione statunitense nel 2000, l’AGOA ha contribuito allo sviluppo economico dei paesi beneficiari incoraggiando le esportazioni verso il mercato statunitense e promuovendo gli investimenti statunitensi in essi. Tra il 2000 e il 2008, le esportazioni totali nell’ambito dell’AGOA1 dai paesi dell’Africa subsahariana verso gli Stati Uniti sono aumentate significativamente da 8,2 miliardi di dollari a 66,3 miliardi di dollari.
La sospensione dei benefici minaccia l’industria tessile etiope, che rifornisce i marchi globali della moda, e le speranze del paese di diventare un polo produttivo. Inoltre tale esclusione pone ulteriore pressione su un’economia che si sta logorando a causa del conflitto del Tigray, della pandemia di coronavirus e dell’alta inflazione. L’AGOA portava all’Etiopia circa 100 milioni di dollari ogni anno e generava occupazione per circa 100.000 persone. Le principali beneficiarie erano donne nel sud dell’Etiopia che lavorano in fabbriche tessili che esportavano negli Stati Uniti.

Corsi Online

Articoli Correlati

La possibile mediazione mozambicana nella guerra russo-ucraina

Il paese africano ha avuto degli ottimi rapporti con la Russia sin dai tempi della guerra di liberazione, quando...

Come difendere l’ordine internazionale? Un dilemma per gli Stati Uniti di Biden

«Ho promesso di impegnarmi ancora una volta con il mondo, non per affrontare le sfide di ieri, ma quelle...

Confronto tra l’influenza di Cina e USA nel Corno d’Africa: il caso del Djibouti

Per via della sua posizione strategica sullo stretto di Bab el-Mandeb, il Djibouti si trova al centro di alcune...

Famiglia italiana rapita in Mali. Quali sono le politiche di deterrenza contro i rapimenti

Come è capitato gli anni passati in occasione della liberazione di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo prima, e di...