0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

RubricheIntervisteTerrorismo nel Sahel: un’intervista a Niagalé Bagayoko

Terrorismo nel Sahel: un’intervista a Niagalé Bagayoko

-

Allo scopo di indagare sul fenomeno del terrorismo che con crescente intensità affligge la regione del Sahel, Geopolitica.info ha intervistato Niagalé Bagayoko, politologa e Presidente dell’African Security Sector Network (ASSN).

Domande

  1. Dal 2012 la regione del Sahel, che include il Mali, il Burkina Faso e il Niger, è una delle regioni più instabili al mondo. Negli ultimi anni, questa regione è stata caratterizzata da una rapida proliferazione di cellule jihadiste e gruppi terroristici. Quali sono i principali gruppi che operano attualmente nella regione? Hanno la stessa ideologia e/o gli stessi obiettivi? Quali sono gli elementi del loro modus operandi che li differenziano individualmente? Qual è la natura delle relazioni tra questi gruppi jihadisti?

Prima di tutto, è importante non considerare omogenei e monolitici i movimenti jihadisti che operano attualmente nel Sahel, poiché si distinguono sia per ideologia e affiliazioni, sia per modalità di azione e aree di presenza o influenza. Sebbene la maggior parte di questi gruppi jihadisti abbia scelto di essere affiliata alle due principali organizzazioni jihadiste internazionali, Al-Qaida e lo Stato Islamico, essi hanno anche profonde ramificazioni locali e sono ben radicati in alcune comunità locali.

Il Gruppo per il Sostegno dell’Islam e dei Musulmani (GSIM)

Il GSIM è una coalizione di movimenti jihadisti affiliati all’ideologia islamista di al-Qaida. È guidata da Iyad Ag Ghali, ex capo ribelle tuareg Ifoghas attivo nelle ribellioni tuareg degli anni ’90 e 2000, diventato poi capo del gruppo jihadista Ansar Dine. Questo gruppo ha partecipato attivamente all’offensiva del 2012 che ha segnato l’inizio della guerra in Mali, insieme ad altri movimenti armati che si riconoscono nell’ideologia jihadista, tra cui AQMI (al-Qaida nel Maghreb islamico) – erede dei gruppi terroristici algerini del GIA (Gruppo islamico armato) e del GSPC (Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento) – Al-Mourabitoune (gruppo di Mokhtar El Mokhtar) e il MUJAO (Movimento per l’unità del jihad nell’Africa occidentale), che hanno stretto un’alleanza di circostanza con il movimento ribelle tuareg del MNLA (Movimento Nazionale di Liberazione dell’Azawad), il quale non aveva rivendicazioni religiose, ma territoriali e indipendentiste. È stato per contrastare l’offensiva congiunta di questi gruppi ribelli indipendentisti da un lato e dei gruppi jihadisti dall’altro che il governo di transizione – istituito in Mali a seguito del colpo di Stato del 2012 guidato dal capitano Amadou Sanogo che ha instaurato la giunta del CNRDRE (Comitato nazionale per la ricostruzione della democrazia e il ripristino dello Stato) – ha richiesto l’aiuto della Francia, che ha avviato l’Operazione Serval nel gennaio 2013. Prima di essere respinti dall’esercito francese, alcuni di questi gruppi sono riusciti a stabilirsi localmente nel nord del Mali (nelle città di Timbuctù, Kidal e Gao) e nella regione di Mopti, in particolare nel circondario di Douentza. Il GSIM, fondato nel 2017, riunisce elementi dei gruppi jihadisti Ansar Dine, AQMI, Al-Mourabitoune e della Katiba del Macina, creata dal predicatore Amadou Koufa nel centro del Mali, una regione diventata rapidamente l’epicentro della crisi maliana, che si è poi diffusa nella regione del Liptako-Gourma situata nello spazio di confine tra Mali, Niger e Burkina Faso. Da allora, gli attacchi si sono moltiplicati in questa zona, con il GSIM che ha principalmente preso di mira i rappresentanti dello Stato (militari, naturalmente, ma anche governatori, prefetti, capi tradizionali) e le forze internazionali presenti, come la MINUSMA (Missione multidimensionale integrata delle Nazioni Unite per la stabilizzazione in Mali), la Forza francese Barkhane, la Task Force europea Takuba e la Forza congiunta del G5-Sahel (FC-G5). È con i leader Iyad Ag Ghali e Amadou Koufa che il Presidente Ibrahim Boubacar Keïta (IBK) ha annunciato nel 2020 l’avvio di un processo di negoziazione, facendo riferimento alle raccomandazioni della Conferenza di conciliazione nazionale del 2017 e del Dialogo nazionale inclusivo (DNI) del dicembre 2019. Il GSIM aveva annunciato il 7 marzo 2020 di accettare di essere coinvolto nei processi di negoziazione, ma i colloqui sembravano aver fatto pochi progressi fino alla destituzione del Presidente Keïta4.

Lo Stato Islamico in Africa Occidentale e nel Sahel – ISWAP ed EI-S

L’Islamic State in West African Province (ISWAP) è un movimento jihadista affiliato allo Stato Islamico (IS) attivo prevalentemente nell’area del lago Ciad, con una cellula nata dalla scissione di una componente dell’ex gruppo Boko Haram, il cui legame con l’IS centrale era già stato riconosciuto. Invece, il gruppo rimasto fedele ad Abubakar Shekau ha continuato ad agire all’interno del JAS (Jama’atu Ahlis Sunna Lidda’adati wal-Jihad) diretto dallo stesso Shekau fino alla sua scomparsa nel 2021.

Mentre il MUJAO si era insediato a Gao, l’EIGS, oggi EI-S, ha principalmente operato nella zona delle tre frontiere. È l’EIGS, oggi EI-S, a essere responsabile degli attacchi più spettacolari perpetrati sia contro le forze armate dei paesi saheliani, ad esempio l’attacco a Indelimane in Mali, l’attacco a Inates in Niger, l’attacco a Arbinda in Burkina Faso, e l’attacco a Chinagoder in Niger, ma soprattutto degli attacchi più sanguinosi contro le popolazioni civili saheliane (nonché contro civili occidentali, come nel caso del massacro di Kouré contro il personale umanitario di ACTED, rivendicato tardivamente da questo gruppo).

Durante il Vertice di Pau, che ha riunito il 13 gennaio 2020 il presidente della Repubblica francese e i suoi omologhi del G5-Sahel, si è deciso di concentrare gli sforzi dell’Operazione Barkhane e della FC-G5 nella lotta contro l’EIGS, oggi EI-S, nella zona delle tre frontiere per contrastare i gruppi armati terroristici (GAT).

Le relazioni tra i gruppi jihadisti: tra cooperazione e rivalità

È opportuno menzionare l’esistenza di altri gruppi jihadisti nel Sahel, come il gruppo Ansarul Islam6, creato da Malam Dicko e apparso nel nord del Burkina Faso. Oppure il gruppo Ansaru in Nigeria7, anch’esso nato da una scissione all’interno di Boko Haram, ma affiliato ad al-Qaida. Tuttavia, questi due gruppi hanno perso influenza (si potrebbe dire addirittura scomparsi) dopo la morte o l’arresto dei loro rispettivi leader. Inoltre, le relazioni tra i diversi gruppi jihadisti sono state a lungo difficili da decifrare, oscillando tra cooperazione e competizione prima di precipitare in una chiara ostilità.

È così che all’inizio del 2020 un numero significativo di combattenti del GSIM ha abbandonato il gruppo, in particolare quelli della katiba del Macina, per unirsi all’EIGS, oggi EI-S. Sono state avanzate varie spiegazioni per queste defezioni, tra cui i successi militari ottenuti dall’EIGS, oggi EI-S, la contestazione della distribuzione da parte del GSIM delle tasse prelevate e dei bottini di guerra, la messa in discussione della gestione da parte di Amadou Koufa delle risorse nell’area del Delta del Niger, in particolare l’accesso alle “bourgoutières” e ai diritti di transito del bestiame che mettono in dubbio alcuni diritti consuetudinari. Questo esempio dimostra che è necessario anche distinguere tra i capi e i leader dei gruppi jihadisti, le cui motivazioni sono di natura politico-religiosa, e i combattenti, le cui motivazioni iniziali sembrano essere molto diverse (economiche, simboliche, legate alla criminalità e al banditismo, ma anche alla costrizione, senza che questo impedisca che in seguito le motivazioni possano mutare e diventare spirituali).

A partire dalla primavera del 2020 si è affermata un’altra logica: quella della guerra aperta tra GSIM ed EIGS, oggi EI-S, confermata senza ambiguità dai loro canali di comunicazione ufficiali (agenzie di stampa, riviste settimanali, video di combattimenti). I due gruppi jihadisti si affrontano ora in modo accanito. Le battaglie del 2020 e del 2022 sembrano essersi chiaramente risolte a favore del GSIM, mentre l’EIGS appare in parte indebolito dalle operazioni condotte contro di esso dalla Forza Barkhane.

Sebbene la pressione sull’EIGS, oggi EI-S, sia stata mantenuta, il Vertice di N’Djamena del 15 e 16 febbraio 2021 ha deciso di concentrare anche la lotta contro i GAT (gruppi armati terroristici) sul GSIM, la cui “decapitazione dei capi” (Iyad Ag-Ghali e Amadou Koufa) è stata richiesta dal Presidente francese Emmanuel Macron. L’eliminazione di figure importanti del movimento, come Abdel Malick Droukdel e Bah Ag Moussa nel 2020 prima di questo annuncio, o Yahia Djouadi nel febbraio 2022, dimostra che il movimento islamista affiliato ad al-Qaida è rimasto nel corso degli anni un obiettivo privilegiato della Coalizione internazionale per il Sahel.

  1. Gli eventi recenti, come la fine dell’operazione Barkhane in Mali alla fine del 2022 e il ritiro delle forze francesi (Sabre) dal Burkina Faso all’inizio di quest’anno, hanno dimostrato il fallimento degli strumenti di cooperazione militare occidentali nella formazione delle forze armate del Sahel. Ritieni che la risposta internazionale alla crisi del Sahel sia stata insufficiente? Perché gli strumenti tradizionali di cooperazione utilizzati dagli attori internazionali, sia bilaterali che multilaterali, hanno fallito?

Effettivamente, ci troviamo di fronte a un fallimento collettivo, sia da parte dei partner internazionali che degli attori nazionali. L’approccio ampiamente standardizzato adottato dagli attori internazionali, sia bilaterali che multilaterali, in regioni come il Sahel, l’Afghanistan o il Medio Oriente, si è rivelato basato su stereotipi e non ha tenuto sufficientemente conto della realtà contestuale locale, in particolare nel Sahel. Quando si parla di cooperazione militare occidentale nella regione, si pensa all’intervento militare francese nell’ambito dell’operazione Barkhane, nonché al dispositivo Sabre, che si concentra maggiormente sulle forze speciali a livello nazionale. Si può anche menzionare la MINUSMA (Missione multidimensionale integrata delle Nazioni Unite per la stabilizzazione in Mali) come strumento dell’ONU, la Forza congiunta del G5-Sahel (FC-G5) come strumento regionale, la MISMA (Missione internazionale di sostegno al Mali sotto conduzione africana), composta dalle truppe della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (CEDEAO) e della Comunità economica degli Stati dell’Africa centrale (CEEAC), e la missione EUCAP Sahel Niger, inizialmente incentrata sul “capacity building” e successivamente riorientata verso una missione più a vocazione poliziesca e militare. Sfortunatamente, nessuno di questi strumenti è riuscito a raggiungere il proprio obiettivo iniziale di stabilizzare la situazione e impedire l’espansione del jihadismo, così come altri fenomeni come le ribellioni politico-militari, le violenze legate alla criminalità organizzata e la proliferazione di milizie o gruppi di autodifesa, in particolare in Mali e Burkina Faso. Inoltre, la governance si è deteriorata con la proliferazione di colpi di stato nella regione. Questo fallimento può essere spiegato dalla mancanza di familiarità delle soluzioni proposte con gli attori, le norme, le reti e i processi decisionali specifici della regione saheliana. Le recenti crisi dimostrano chiaramente, soprattutto nel contesto saheliano, che il ruolo degli attori stranieri e internazionali può essere efficace e avere un impatto reale solo se accompagnato da diagnosi e approcci locali.

  1. La recente proposta militare e regionale della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (CEDEAO) volta a creare una nuova unità congiunta per combattere il terrorismo può fornire gli strumenti necessari per affrontare il problema in modo strutturale?

Prima di tutto, il ruolo della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (CEDEAO) deve essere affrontato in modo differenziato. Innanzitutto, ci sono le sue azioni politiche, in cui ha svolto un ruolo significativo fin dall’inizio della crisi nel Sahel, attraverso la negoziazione dell’accordo di Ouagadougou (2004) che ha preceduto la crisi, e successivamente l’accordo di Algeri, ufficialmente denominato Accord pour la paix et la réconciliation au Mali (2015). La CEDEAO si è anche impegnata attivamente a partire dal 2012, durante il colpo di stato del 22 marzo perpetrato da Amadou Haya Sanogo contro il presidente in carica dal 2002 Amadou Toumani Touré, e è riuscita a negoziare una transizione politica a favore del ritorno dei civili al potere. Ha anche svolto un ruolo predominante durante il secondo colpo di stato nell’agosto 2020, che ha portato al rovesciamento del presidente della Repubblica, Ibrahim Boubacar Keïta, al potere dal 2013, e durante il terzo colpo di stato, comunemente chiamato “il colpo di stato nel colpo di stato”, avvenuto nel maggio 2021, che ha portato al potere il presidente di transizione della Repubblica del Mali Assimi Goita, già autore del colpo di stato del 2020.

Tuttavia, questi sforzi sono stati visti in modo abbastanza critico dall’opinione pubblica nella sottoregione. È stato rimproverato alla CEDEAO di adottare un approccio contraddittorio verso le autorità militari che hanno preso il potere in Mali a partire dal 2020, mostrandosi ferma in alcuni casi mentre dimostra indulgenza verso i leader che hanno modificato gli ordinamenti costituzionali per prolungare il loro mandato in altri paesi dell’Africa occidentale, come la Costa d’Avorio e la Guinea. Questa incoerenza nell’approccio della CEDEAO ha danneggiato la sua legittimità. Tale politica a geometria variabile è quindi considerata un fattore di delegittimazione della CEDEAO. Inoltre, le sanzioni estremamente rigorose dal punto di vista economico adottate dopo il secondo colpo di stato in Mali sono state molto malviste dalle popolazioni e sono state accusate di colpire principalmente i civili anziché gli Stati e le autorità dello Stato maliano interessate. Allo stesso modo, in Burkina Faso, dopo i due colpi di stato – il primo il 23 gennaio 2022 e il secondo il 30 settembre 2022 – la CEDEAO non è apparsa come un attore in grado di imporre decisioni estremamente rigorose.

Ciò si aggiunge al secondo aspetto del suo intervento, ovvero quello militare, in cui in realtà non è mai stata in grado di mobilitare truppe nell’ambito della sua Forza Africana di Pronto Intervento (FAA), che rientra nel meccanismo di gestione dei conflitti del 1999. Anche nel 2012, nonostante approfondite discussioni del suo Comitato di Stato Maggiore si siano svolte a New York, non è riuscita a ottenere l’approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per un intervento militare.

Per rispondere alla vostra domanda, le recenti dichiarazioni della CEDEAO sull’annuncio della creazione di una nuova forza di intervento non sono effettivamente una novità, poiché è già prevista dai suoi documenti. Allo stesso modo, quando esprime la sua intenzione di istituire una forza per combattere i colpi di stato nella sottoregione, ciò non si concretizza, compromettendo la sua credibilità.

  1. La Mauritania è un caso eccezionale nella regione del Sahel per la sua capacità di resistere alla minaccia jihadista, nonostante i numerosi attacchi subiti tra il 2005 e il 2011. La politica di deradicalizzazione del paese sembra aver funzionato, almeno fino ad ora, ma come? Come spiegheresti questa differenza rispetto agli altri paesi della regione?

Dal 2011 la Mauritania è riuscita a preservare la sua stabilità di fronte alla minaccia jihadista, nonostante gli attacchi frequenti subiti tra il 2005 e il 2011. Questa resilienza si spiega con l’adozione precoce di una strategia multidimensionale che non si è limitata all’aspetto militare, a differenza di altri paesi della regione. La Mauritania ha rafforzato le sue forze armate, in collaborazione con la Francia e le forze speciali, al fine di creare e riorganizzare unità specializzate responsabili della sicurezza delle frontiere nazionali. Tuttavia, ha anche dato grande importanza al dialogo intra-religioso all’interno dell’Islam. Va notato che l’uso del termine “deradicalizzazione” nella tua domanda è problematico, poiché è ampiamente riconosciuto che gli approcci alla deradicalizzazione hanno mostrato risultati contrastanti. Al contrario, la Mauritania è stata in grado di riconoscere l’importanza dei dibattiti teorici, filosofici ed escatologici all’interno della religione musulmana. Ha mobilitato gli ulema (studiosi religiosi) per avviare discussioni su argomenti come il Corano e la Sharia, coinvolgendo persino attori non violenti che promuovono una visione conservatrice o salafita dell’Islam. Questi dialoghi hanno permesso di affrontare questioni relative al contratto sociale. Inoltre, la Mauritania svolge un ruolo cruciale nella regione accogliendo rifugiati, in particolare provenienti dal Mali. Questo contributo umanitario è anche un fattore importante per prevenire tensioni e conflitti.

È inoltre rilevante menzionare il Niger, che ha adottato un approccio multidimensionale simile ed ha ottenuto risultati migliori. Il Niger ha notevolmente potenziato le sue capacità militari e di sicurezza interna, ponendo un’enfasi sulla coesione sociale attraverso istituzioni come l’Alta Autorità per la Consolidazione della Pace (HCP). Il paese ha diversificato le sue partnership internazionali collaborando strettamente con paesi come la Francia, ma anche la Turchia e la Russia, in particolare per quanto riguarda l’approvvigionamento di armamenti. Inoltre, il Niger ha implementato politiche di amnistia nella regione del Lago Ciad, nella zona centrale del Sahel, e ha intrattenuto un dialogo con alcuni gruppi jihadisti nelle regioni di Tillabéry e Ottawa.

  1. Dall’ultimo colpo di stato avvenuto a gennaio, il regime del capitano Traoré si è impegnato in una strategia offensiva e antiterroristica basata sulle milizie. Dallo scorso ottobre, a supporto delle forze armate, 90.000 Volontari per la Difesa della Patria (VDP) sono impegnati nella lotta al terrorismo. Nonostante ciò, le statistiche degli attacchi terroristici in Burkina Faso continuano ad aumentare. Quali sono i limiti della strategia antiterroristica della giunta del capitano Ibrahim Traoré?

I limiti della giunta del capitano Ibrahim Traoré, leader del Burkina Faso dal 30 settembre 2022, sono gli stessi di tutti gli attori nazionali e internazionali nella regione del Sahel. È importante sottolineare che, a differenza di altri paesi come la Mauritania o il Niger, le autorità del Burkina Faso, fin dall’inizio, compreso durante il regime civile, hanno manifestato una grande riluttanza a cooperare con gli attori internazionali. Anche il presidente Roch Marc Christian Kaboré, al potere dal 2015 e rovesciato nel gennaio 2022, non prevedeva una cooperazione molto spinta, soprattutto con l’operazione Barkhane. È vero che le truppe dell’operazione Sabre erano schierate sul suolo burkinabé, ma intervenivano principalmente all’esterno del paese. Lo stesso è accaduto per il colonnello Paul-Henri Sandaogo Damiba, che lo ha rovesciato, e che è stato presidente della transizione dal 24 gennaio 2022 al 30 settembre 2022, e che ha comunque cercato di avvicinarsi ai partner internazionali. L’attuale presidente Ibrahim Traoré è tornato a questa tradizione di riluttanza verso ogni interferenza straniera, un approccio che risale a una tradizione più antica, quella del sankarismo del leader Thomas Sankara, presidente dal 1983 al 1987, che aveva un approccio estremamente patriottico e nazionalista dello stato, del suo sviluppo e della sua sicurezza.

I gruppi attivi in Burkina Faso non sono milizie, ma piuttosto gruppi di autodifesa comunitaria. È cruciale sottolineare che questi gruppi sono emersi su iniziativa delle stesse popolazioni, e non del governo. Di fronte all’incapacità delle autorità, in particolare delle forze dell’ordine, di affrontare la criminalità organizzata di cui erano vittime, le comunità hanno formato questi gruppi. Durante il governo di Roch Marc Christian Kaboré si stava considerando di proibirli, ma a causa delle proteste popolari si è deciso di mantenerli e integrarli in un quadro più ampio chiamato “Volontari per la Difesa della Patria” (VDP), creato per regolamentare questi gruppi di autodifesa tramite una legge. La strategia attuale del Burkina Faso mira a rafforzare il coinvolgimento e il ruolo dei militari nella lotta contro i gruppi jihadisti sul territorio, mentre i VDP vengono mobilitati a supporto. Tuttavia, finora i risultati ottenuti non sono considerati molto convincenti.

Articoli Correlati

Pirates of the 21st century: the modern threats shaping our world

Piracy dates back 2000 years to ancient Greece when the Greeks faced challenges in commerce. During the Roman era,...

La difesa italiana nel fianco Sud della NATO

Una delle caratteristiche principali della politica di difesa italiana, che la distingue da molti altri Paesi europei, è la...

Le elezioni in Sudafrica – maggio 2024

Secondo il grafico pubblicato dal sito V-Dem che misura la democrazia in tutti i Paesi del mondo, le elezioni...

L’adattamento ai cambiamenti climatici nelle città africane tra sicurezza e sviluppo

Nonostante le città ricoprano solamente il 3% della superficie della Terra, esse emettono il 78% delle emissioni di anidride...