0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

NewsLa partecipazione di Taiwan alla conferenza del cambiamento climatico

La partecipazione di Taiwan alla conferenza del cambiamento climatico

-

Nel trentesimo anniversario della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) i tragici eventi legati all’innalzamento delle temperature che hanno colpito l’Europa e gli Stati Uniti e hanno innescato incendi boschivi a luglio e inondazioni da record hanno devastato il Pakistan ad agosto, hanno ricordato ancora una volta che i disastri causati da eventi meteorologici estremi stanno diventando più distruttivi e continuano a trascendere i confini nazionali. Né i paesi sviluppati né quelli in via di sviluppo possono sfuggire alla crisi climatica. È necessaria un’azione per il clima più ambiziosa per salvare il nostro pianeta prima che sia troppo tardi. In qualità di attore responsabile nella comunità internazionale, Taiwan chiede alle nazioni di tutto il mondo di sostenere la sua partecipazione alla 2022 United Nations Climate Change Conference, che si terrà dal 6 al 18 novembre a Sharm el-Sheikh, in Egitto. Taiwan spera di contribuire in modo più sostanziale alla comunità internazionale mentre creiamo insieme un mondo a zero netto.

Pubblichiamo in maniera integrale il messaggio di Chang Tzi-chin, Ministro della Protezione Ambientale (Environmental Protection Administration) della Repubblica di Cina (Taiwan) dal titolo: Taiwan dà slancio alla transizione globale verso emissioni nette zero.

Il mondo ha intrapreso la transizione verso emissioni nette zero. Gli approcci innovativi alla cooperazione internazionale evidenziati nell’Accordo di Parigi – che richiede un’ampia cooperazione da parte di tutti i Paesi per raggiungere gli obiettivi di riduzione globali – stanno gradualmente prendendo forma. Taiwan è desiderosa e in grado di cooperare con i partner internazionali per ottenere congiuntamente una transizione net-zero, mobilitare l’azione globale per il clima e garantire un ambiente sostenibile per le generazioni future.

Essendo la 21a economia più grande del mondo, Taiwan ha un’influenza importante sulla prosperità economica e sulla stabilità nella regione dell’Indo-Pacifico. In particolare, l’industria dei semiconduttori di Taiwan occupa una posizione fondamentale nelle catene di approvvigionamento internazionali. L’industria riduce attivamente l’uso delle risorse energetiche nei suoi processi produttivi sviluppando nuove tecnologie e nuovi modelli. Attraverso innovazioni in continua evoluzione nei semiconduttori, ha sviluppato numerose applicazioni intelligenti per dispositivi elettronici e promosso il risparmio energetico globale. Taiwan sta portando avanti sostanziali azioni per il clima e sta conducendo vigorosamente la transizione energetica. A maggio 2022, la capacità cumulativa di energia rinnovabile installata aveva raggiunto 12,3 GW, un aumento significativo del 60% rispetto al 2016. Dal 2005 al 2020, il PIL di Taiwan è cresciuto del 79%. Nello stesso periodo, l’intensità delle emissioni di gas serra è diminuita del 45%, dimostrando che la crescita economica è stata disaccoppiata dalle emissioni di gas serra.

Nella Giornata della Terra del 22 aprile 2021, la Presidente Tsai Ing-wen ha annunciato l’obiettivo di Taiwan di zero emissioni nette entro il 2050. Nel marzo 2022, lo Yuan Esecutivo ha pubblicato La Strada di Taiwan verso le emissioni nette zero nel 2050. La tabella di marcia delinea quattro principali strategie di transizione nell’energia, nell’industria, negli stili di vita e nella società. Basandosi sui fondamenti paralleli della governance riguardanti la ricerca e sviluppo tecnologico (R&S) e la legislazione sul clima, le strategie sono integrate da 12 strategie chiave. Queste sono l’energia eolica e solare; idrogeno; energia innovativa; sistemi di alimentazione e accumulo di energia; risparmio ed efficienza energetica; cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio; veicoli senza emissioni di carbonio ed elettrici; riciclaggio delle risorse e zero rifiuti; pozzi di carbonio naturale; stili di vita verdi; finanza verde; e giusta transizione. Integrando le risorse intragovernative, Taiwan svilupperà un piano d’azione passo dopo passo per raggiungere i suoi obiettivi.

Nel costruire le basi della ricerca e dello sviluppo tecnologico necessarie per raggiungere la transizione netta zero, Taiwan si concentrerà su cinque aree: energia sostenibile, basse emissioni di carbonio, circolarità, negatività carbonica e scienze sociali. Il Greenhouse Gas Reduction and Management Act è in fase di modifica e sarà ribattezzato Climate Change Response Act. Gli emendamenti renderanno l’azzeramento delle emissioni nette entro il 2050 un obiettivo nazionale di riduzione a lungo termine, miglioreranno l’efficacia della governance climatica, aggiungeranno un capitolo sull’adattamento ai cambiamenti climatici, rafforzeranno la divulgazione delle informazioni e la partecipazione pubblica e introdurranno un meccanismo di tariffazione del carbonio. L’atto fornirà incentivi economici per la riduzione delle emissioni, guiderà la crescita verde e a basse emissioni di carbonio, e contribuirà a completare le basi della legislazione e della governance nazionale sul clima. La visione a lungo termine di Taiwan per il 2050 è quella di fare della transizione verso emissioni nette zero la nuova forza trainante dello sviluppo nazionale. Creando strategie di transizione e basi di governance competitive, circolari, sostenibili, resilienti e sicure, Taiwan stimolerà la crescita economica, incoraggerà gli investimenti privati, creerà posti di lavoro verdi, promuoverà l’indipendenza energetica e migliorerà il benessere sociale.

A causa di fattori politici, Taiwan è esclusa dalle organizzazioni internazionali e non può partecipare in modo sostanziale alle discussioni sulle questioni climatiche globali. È difficile per Taiwan rimanere al passo con gli sviluppi attuali e svolgere correttamente i compiti correlati. Ciò creerà delle lacune nella governance globale del clima. Taiwan ha limitate fonti di energia indipendenti e un sistema economico orientato al commercio estero. Se non riesce a collegarsi perfettamente con i meccanismi di cooperazione internazionale nell’ambito dell’accordo di Parigi, ciò non solo influirà sul processo di conversione al green delle industrie taiwanesi, ma minerà anche la stabilità delle catene di approvvigionamento internazionali. Di fronte alla minaccia di misure di adeguamento del carbonio alla frontiera, la competitività complessiva di Taiwan potrebbe essere seriamente compromessa se non fosse in grado di partecipare equamente ai meccanismi internazionali di riduzione delle emissioni. Ciò indebolirà anche l’efficacia della cooperazione internazionale e minerà l’economia globale.

La transizione verso emissioni nette zero è una responsabilità collettiva inevitabile di questa generazione. Sarà possibile raggiungere l’obiettivo solo se la comunità internazionale lavorerà insieme. Con spirito pragmatico e professionale, Taiwan è disposta a dare un contributo concreto per affrontare il cambiamento climatico globale. La pandemia di COVID-19 ha dimostrato che, qualunque sia la situazione, Taiwan ha un enorme potenziale per contribuire al mondo in modi estremamente utili. Taiwan dovrebbe avere pari opportunità di aderire ai meccanismi di cooperazione internazionale in risposta al cambiamento climatico. Ci auguriamo che la comunità internazionale sosterrà l’inclusione immediata, equa e significativa di Taiwan.

Corsi Online

Articoli Correlati

Londra insiste sull’accordo con il Rwanda

Alcuni ambienti britannici sia politici che culturali, con la nomina a primo ministro di Rishi Sunak si aspettavano una...

CNTC’S moves to expand globally via illicit activities

China National Tobacco Corporation (CNTC) is a state-owned monopoly and the world’s largest producer of cigarettes and tobacco leaves....

Un saluto all’Ambasciatore Andrea Sing-Ying Lee

Pubblichiamo un saluto della Redazione di Taiwan Spotlight all’Ambasciatore Andrea Sing-Ying Lee, che lascerà l’Italia dopo più di quattro...

La posizione giapponese su Taiwan: due Paesi uniti da uno scomodo vicino

La Cina rappresenta, per il Giappone, uno scomodo vicino con il quale è aperta una disputa territoriale e la...