0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

RubricheTaiwan SpotlightTaiwan collabora con il mondo per un futuro a...

Taiwan collabora con il mondo per un futuro a zero emissioni

-

Nel contesto dell’urgente necessità di affrontare il cambiamento climatico e ridurre le emissioni di gas serra, è essenziale coinvolgere attivamente tutti i paesi del mondo in sforzi congiunti. Tra i protagonisti chiave in questa lotta globale, Taiwan emerge come un attore cruciale, la cui partecipazione può fare la differenza nella transizione verso un futuro a zero emissioni. 

Le ragioni per coinvolgere Taiwan nei progetti a zero emissioni sono molteplici e riguardano soprattutto l’importanza di una collaborazione globale inclusiva.

Taiwan: Una Potenza Tecnologica e Industriale

Taiwan si trova in una posizione unica per contribuire significativamente alla ricerca, allo sviluppo e all’implementazione di soluzioni a zero emissioni. La sua capacità di innovare e produrre tecnologie sostenibili potrebbe accelerare la transizione verso un futuro più verde a livello globale. Coinvolgere Taiwan nei progetti a zero emissioni significa stabilire partnership strategiche con uno dei principali attori economici dell’Asia. La collaborazione può favorire lo scambio di conoscenze e tecnologie, contribuendo a superare le sfide legate alla transizione energetica. Taiwan ha dimostrato una forte propensione per l’innovazione, e la condivisione di idee e conoscenze può essere fondamentale per lo sviluppo di soluzioni più efficienti e sostenibili. Taiwan ha fatto progressi significativi nell’adozione di pratiche sostenibili nel settore manifatturiero. Coinvolgendo attivamente il paese in progetti a zero emissioni, è possibile promuovere l’adozione di tecnologie pulite e la riduzione dell’impatto ambientale delle attività industriali. La creazione di una catena di approvvigionamento sostenibile e responsabile può avere impatti positivi su scala globale. Coinvolgere Taiwan nella riduzione delle emissioni rappresenta anche un passo avanti nella diplomazia ambientale. La lotta contro il cambiamento climatico è un problema che non conosce confini, e la partecipazione di Taiwan può contribuire a creare un fronte comune internazionale. Inoltre, coinvolgere Taiwan invierebbe un messaggio positivo riguardo all’impegno globale per affrontare le sfide ambientali, indipendentemente dal contesto politico. La battaglia per ridurre le emissioni e affrontare il cambiamento climatico è una sfida globale che richiede la collaborazione di tutti i paesi, grandi e piccoli. Coinvolgere Taiwan nei progetti a zero emissioni è non solo un passo logico, considerando la sua posizione di potenza economica e tecnologica, ma è anche essenziale per creare un fronte coeso nella lotta contro il cambiamento climatico. La collaborazione inclusiva è la chiave per un futuro sostenibile, e Taiwan può svolgere un ruolo decisivo in questa cruciale transizione verso un pianeta più verde e resiliente.

Qui a seguire il messaggio integrale del Ministro dell’Ambiente della Repubblica di Cina (Taiwan) Shieu Fuh-sheng dal titolo “Taiwan collabora con il mondo per un futuro a zero emissioni”

Il cambiamento climatico sta avendo un impatto sul mondo con una velocità senza precedenti. La concentrazione di gas serra nell’atmosfera continua ad aumentare e le temperature medie globali hanno raggiunto livelli record. Ma non è troppo tardi. Se agiamo ora, possiamo ancora raggiungere un futuro vivibile e sostenibile. Taiwan sta lavorando insieme alla comunità internazionale per raggiungere l’obiettivo comune di emissioni nette zero e sta cercando opportunità per contribuire con i suoi punti di forza nelle tecnologie verdi e in altre tecnologie. Con il mondo che deve affrontare la minaccia del cambiamento climatico e la sfida della ristrutturazione della catena di approvvigionamento, Taiwan è un partner affidabile, sicuro e degno di fiducia.

Lo scorso febbraio, la Presidente Tsai Ing-wen ha annunciato la promulgazione del Climate Change Response Act, che codifica l’obiettivo di emissioni nette a zero per il 2050. Elevando l’obiettivo di zero emissioni nette da dichiarazione politica a requisito legale, Taiwan ha dimostrato la sua determinazione a ridurre le emissioni. Il governo sta istituendo un meccanismo di tariffazione del carbonio e introducendo incentivi finanziari per guidare le imprese verso uno sviluppo sostenibile e a basse emissioni di carbonio. Nel 2022, Taiwan ha pubblicato il suo Pathway to Net-Zero Emissions in 2050 e ha annunciato 12 strategie chiave per la transizione a zero emissioni. Basandosi sulla duplice governance della ricerca e dello sviluppo tecnologico e della legislazione sul clima, Taiwan sta accelerando la transizione energetica, industriale, dello stile di vita e sociale. La prima fase (dal 2023 al 2026) del programma di scienza e tecnologia a zero emissioni si concentrerà su cinque aree di sviluppo principali: fonti energetiche sostenibili e orientate al futuro, basse emissioni di carbonio e riduzione delle emissioni, emissioni negative di carbonio, economia circolare e scienze umane e sociali. Il programma promuoverà la ricerca, lo sviluppo e le applicazioni della tecnologia a zero emissioni.

Taiwan ha raggiunto risultati eccezionali nella transizione energetica. Negli ultimi 10 anni, l’intensità energetica è migliorata di una media annuale del 2,9%. Secondo un rapporto del 2022 pubblicato dall’American Council for an Energy-Efficient Economy, l’efficienza energetica di Taiwan è salita all’ottavo posto nel mondo, seconda in Asia solo al Giappone. Negli ultimi cinque anni, la capacità installata di energia rinnovabile di Taiwan è cresciuta in media del 21,9% ogni anno. La media mondiale è del 9,1%. Taiwan ha superato i suoi vicini asiatici, tra cui la Repubblica di Corea, la Cina e il Giappone. Nel 2023, la capacità combinata delle installazioni di energia eolica e solare a Taiwan raggiungerà circa 13,9 gigawatt, un aumento di sette volte rispetto al 2016. In totale sono state installate 264 turbine eoliche offshore in tutto il Paese. Si prevede che quest’anno le energie rinnovabili genereranno il 10% di tutta l’elettricità di Taiwan. Per garantire una fornitura di energia stabile e ridurre l’inquinamento atmosferico e le emissioni di carbonio, il governo continuerà a massimizzare lo sviluppo dell’energia verde e dell’energia orientata al futuro e a migliorare ulteriormente l’efficienza energetica. Grazie a questi sforzi, insieme a misure complementari come lo sviluppo di accumulatori di energia diversificati e il rafforzamento della resilienza della rete elettrica, Taiwan sta costantemente realizzando la transizione energetica.

Mentre un numero sempre maggiore di Paesi si impegna a raggiungere l’obiettivo delle emissioni nette zero, Taiwan ha avviato riforme strutturali per consolidare le proprie autorità ambientali e rafforzare la capacità amministrativa. Lo scorso agosto, la Environmental Protection Administration è stata ristrutturata e trasformata in Ministero dell’Ambiente (MOE). La Climate Change Administration, di recente istituzione, coordina gli sforzi per rispondere al cambiamento climatico e ridurre i gas serra. I risultati della ricerca scientifica sui cambiamenti climatici e l’attuazione delle azioni di adattamento sono stati pubblicati nel rapporto Adaptation Communication. Taiwan ha anche istituito un team interdisciplinare per compilare il Climate Change Adaptation Action Plan. L’iniziativa promuove soluzioni basate sulla natura e dà voce ai gruppi vulnerabili. Questi sforzi mirano a rafforzare la capacità complessiva di Taiwan di rispondere ai cambiamenti climatici, proteggere la sicurezza pubblica e promuovere lo sviluppo sostenibile nazionale.

Oltre il 70% delle risorse di Taiwan sono importate. Ma nel 2022, il tasso di riciclaggio dei rifiuti urbani ha raggiunto il 59,5% e il tasso di riutilizzo dei rifiuti industriali è salito all’86,5%. Grazie alla nuova Resource Circulation Administration, istituita dal Ministero dell’Ambiente, la precedente attenzione al controllo dell’inquinamento si è spostata sullo sviluppo della circolazione complessiva delle risorse, sul miglioramento dell’efficienza della governance ambientale, sullo sviluppo di un’economia circolare e sull’introduzione del concetto di rifiuti zero. Partendo dalle solide basi esistenti, Taiwan ha formulato tre strategie di circolazione: l’utilizzo di progetti verdi per la riduzione dei rifiuti alla fonte, il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse e il bilanciamento e la gestione della capacità di trattamento dei rifiuti. Una rete circolare ben funzionante sarà creata in coordinamento con le industrie a monte, a metà strada e a valle. Taiwan sta inoltre sviluppando tecnologie e sistemi innovativi per supportare la circolazione delle risorse e accelerare i progressi verso la visione di zero rifiuti e zero emissioni.

Taiwan è un’economia orientata all’esportazione. Le sue operazioni commerciali sono fortemente influenzate dalle condizioni e dalle normative internazionali. Con le tendenze globali verso i meccanismi di adeguamento alle frontiere del carbonio e i requisiti della catena di approvvigionamento verde, il governo ha istituito un meccanismo di coordinamento interministeriale per aiutare le aziende a contenere e ridurre il contenuto di carbonio dei loro prodotti e promuovere un sistema di tariffazione del carbonio. Il Green Finance Action Plan di Taiwan sostiene la transizione a basse emissioni di carbonio dell’industria, indirizzando gli investimenti di capitale verso imprese verdi o sostenibili, migliorando la governance ambientale, sociale e aziendale delle aziende taiwanesi e rafforzando il loro sviluppo sostenibile. Il Taiwan Carbon Solution Exchange (TCX), istituito lo scorso agosto, crea incentivi per le imprese a ridurre le emissioni di carbonio attraverso il commercio e gli scambi di mercato. Il TCX promuove inoltre la ricerca e lo sviluppo di tecnologie a bassa emissione di carbonio, rafforza la coltivazione di talenti nel mercato del carbonio e guida il ciclo virtuoso dell’economia verde.

Come forza per il bene nel mondo, Taiwan continua a cercare pragmaticamente opportunità per contribuire alla comunità internazionale, nonostante incontri molteplici ostacoli. Sfruttando i suoi vantaggi e i suoi punti di forza nello sviluppo di tecnologie verdi, Taiwan può applicare la sua esperienza a programmi in settori quali i soccorsi in caso di calamità, la prevenzione delle calamità, l’ambiente, la medicina, la salute pubblica e l’energia verde. Ci auguriamo che il popolo taiwanese possa avere pari accesso al lavoro della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici. Ci auguriamo che Taiwan possa aderire ai meccanismi di cooperazione internazionale per affrontare i cambiamenti climatici, partecipare ai negoziati relativi all’Accordo di Parigi e intraprendere azioni collettive con la comunità internazionale per superare insieme la crisi climatica. Taiwan è una parte importante della soluzione e un partner affidabile, sicuro e degno di fiducia mentre il mondo affronta la crescente minaccia del cambiamento climatico e si adatta alla ristrutturazione delle catene di approvvigionamento.

Shieu Fuh-sheng

Articoli Correlati

Recensione a “Madre Patria. Un’idea per una nazione di orfani” di Vittorio Emanuele Parsi, Bompiani, 2023

Un manifesto che rimette al centro il valore della Patria: un concetto che rappresenta un formidabile moltiplicatore di energie,...

Giordano Merlicco, Una passione balcanica. Calcio e politica nell’ex Jugoslavia dall’era socialista ai giorni nostri, Besa, 2023

Una passione balcanica, ultimo lavoro di Giordano Merlicco, è molto di più di quanto suggerisce il titolo. Il sottotitolo,...

Accordo di Partenariato economico tra Taiwan e UE. Quali vantaggi per l’Italia?

In un mondo in cui le dinamiche geopolitiche e le alleanze economiche stanno diventando sempre più cruciali per determinare...

Taiwan: Baluardo di Democrazia e Prosperità Economica

Prosperità Economica e Innovazione all'Interno di un Sistema Democratico Solido e Partecipativo: l'Index of Economic Freedom 2023. Taiwan si conferma...