Archivio Tag: Ucraina

Ukraine in Crisis

On 28 January, 2015 Sapienza University of Rome hosted a conference entitled “Historical Roots and Geopolitical Implications of the Ukrainian Crisis”. The conference was organized by The Doctorate School in “History of Europe” of Sapienza University of Rome jointly with the Link Campus University and the International Center for Policies Studies. The conference attracted considerable interest and was attended by the Rector of Sapienza University Prof. Dr. Eugenio Gaudio, Deputy Rector of Sapienza University on General Affairs Antonello Folco Biagini and the President of Link Campus University Vincenzo Scotti as well as experts and students. The conference has been chaired by Andrea Carteny (Sapienza University of Rome) and Gabriele Natalizia (Link Campus University) and hosted the key-note speeches of Yaroslav Hrytsak (Ukrainian Catholic University) Why history still matters: Euromaidan in a wider historical perspective, Yaroslav Kovalchuk (International Center for Policy Studies) Why does Russia need Ukraine? and Olexiy Semeniy (Institute for Global Transformations) Ukraine Crisis 2013-2014. Geopolitical and Security Dimensions.

Ukraine in Crisis - Geopolitica.info

Developments in Ukraine have been remaining the headline of the world’s media since the Vilnius Summit in 2013, when the president of Ukraine Viktor Yanukovych refused to sign Association Agreement with European Union. After years of negotiations over Association Agreement, Ukrainians were disappointed with the decision of the president and went out to Kiev’s Maidan to protest it. Maidan upraising was the beginning of the 2nd phase tussle over Ukraine between the West and Russia.

Russian political influence in Ukraine for the first time challenged in 2005 when Orange Revolution managed to win the second run of presidential elections. But Orange Revolution didn’t succeed in state authority. Existence of two parallel governments in the country, one by President Yushchenko and another by Prime Minister Yulia Timoschenko ended with the failure of Orange Revolution. Russian backed Viktor Yanukovych who was accused in fraud during 2005 elections was democratically elected in 2010 elections.

Scramble over former Soviet republics heated once again when European Union launched Eastern Partnership program with 6 Eastern neighbors: Belarus, Ukraine, Moldova, Georgia, Armenia and Azerbaijan. Official Kremlin accepted European integration of these 6 countries as a direct threat to Russia’s national security and in order to prevent this process introduced its Customs Union policy with former Soviet republics. Russia put all its efforts to discourage these 6 countries from close cooperation with European Union by vowing greater economic support and threatening to impose trade block.

Moscow’s suppression forced the President of Ukraine Viktor Yanukovych to annul long waited Association Agreement with EU and choose closer relations with Russia. But Ukrainian government faced with its biggest challenge after pro European supporters of the country occupied the independence square of Kiev (Maidan later to be called Euromaidan) and demanded resignation of the president. Government’s attempts to disperse the protestors led to number of death and injuries from the both sides. Causalities among civilians astounded legitimacy of Yanukovich and resulted with his exile to Russia.

Annexation of Crimea

Official Moscow commented events in Kiev as an illegal coup d’état against legitimate government and accused The United States and the European Union with supporting nationalists and extremists in Ukraine. On the pretext of protecting Russian speaking population in Crimea military forces of Russia entered to Crimea and within a short period held referendum to annex Crimean peninsula. Annexation of Crimea was also justified by Moscow with historical roots of Crimea and Russia.

Confronted separatist activities

But Russia didn’t stop with annexation of Crimea and expanded its military moves into other parts of the Ukraine. Although Russia denies its military involvement in Eastern Ukraine (Donetsk and Lugansk regions) but self declared separatist states strongly supported from Moscow. In response to deliberate destabilization and subversive activities of Russia in Ukraine, the United States and the European Union imposed severe sanctions to Russia. Punitive sanctions from the Western countries are estimated to force Russian Federation to ceasefire and restore territorial integrity of Ukraine.

Lessons learned from the past

Ukrainian crisis is similar to other frozen conflicts in Georgia (Abkhazia and South Ossetia), Moldova (Transnistria), where official Kremlin backed separatist activities in those regions. Another conflict between Armenia and Azerbaijan over Nagorno Karabakh region also could be given as an example. But unlike from other conflicts Russia indirectly involved in Nagorno Karabakh conflict. Artificially ignited nationalism and separatism in former Soviet republics continued to be a mainstream policy of Russian Federation during the last two decades. Breakaway regions inside the country guarantee Russian military existence and prevent European integration process in those countries.

Ukrainian Crisis direct threat to European Security

Europe has remained the continent of peace and stability after the end of WWII. The main idea behind the establishment of European Union was to achieve permanent peace among the European states but crisis in Ukraine created concerns over the security issues in Europe. Especially three Baltic States (Lithuania, Latvia and Estonia) and Poland, which was member of Eastern Block, alarmed with anxieties of their national sovereignty.

Sanctions to forestall aggression

Although laid sanctions and embargoes to Russian economy haven’t abstained official Moscow but Russian economy severely affected from the consequences of sanctions. Sanctions imposed by Obama’s Administration and European Union made Russian economy to experience its hardest times since the collapse of Soviet Union. Russian national currency (Ruble) has fallen dramatically against the US Dollars and Euro, inflation has increased and its economic growth has slowed down. Falling oil prices also severely affected Russian economy and become an additional driver of Russia’s economic crisis.

Balance of power in Ukraine

Starting from 2005 all governments in Ukraine breached balance of power either on the favor of West or Russia. None of them achieved to pursue balanced policy towards global powers. Former President Viktor Yanukovych pursued pro Russian policy looking indifferent to European integration and opposition on the contrary, immediately after overthrowing President Yanukovich, Ukrainian Parliament repealed controversial language bill which was adopted in 2012 by giving Russian language an official status.

Solution to Ukraine Crisis

In order to overcome obstacles Ukraine desperately needs financial aid from international community. The United States and the European Union have pointed out that bailout for Ukraine could be launched only after implementation economic and political reforms. Some experts call Western countries to launch “Marshall Plan” towards Ukraine, which is win-win strategy both for Ukraine and European Union from their point of view. Unification of Germany was possible because of economic development in Western Germany with the financial aid from “Marshall Plan”. Huge economic gap between Western and Eastern Germany pushed Eastern part to strive for unification.

For the time being long term ceasefire agreement between conflict parties and to start political negotiations could be the only right recipe to the crisis in Ukraine. But frozen conflict increases the concerns over war possibilities in the future. Lack of peace agreement and uncertainty in the region may aggravate tension and led to military clashes. Also frozen conflict can prevent Ukrainian government from fulfilling political and economic pledges. Such a situation might be acceptable only for Russia as it keeps Ukraine far from European integration. But this policy also keeps Russian economy under pressure and isolated from the world.

Transnistria: un nuovo focolaio di tensioni?

La Transnistria potrebbe divenire nei prossimi mesi un “punto critico”. Già parecchi indizi infatti spingono verso la comprensione di ciò che potrebbe rappresentare l’area nel prossimo futuro: la ratifica dell’accordo di associazione tra l’Unione europea e la Repubblica Moldova avvenuta il 14 Novembre 2014; le affermazioni del Generale Breedlove relative alla potenziale annessione da parte della Russia e le dichiarazioni di George Soros mezzo stampa riguardanti le intenzioni russe di creare un grande corridoio che colleghi Rostov sul Don a Tiraspol; l’espulsione di Vasily Kashirin, leader dell’organizzazione Unione Euroasiatica, da parte delle autorità moldave; la limitazione di libertà e transito di esponenti dell’autoproclamata Repubblica Moldava Nistriana attivate dall’Ucraina e l’arresto da parte delle autorità ucraine di sospetti appartenenti a gruppi terroristi attivi nella regione.

Transnistria: un nuovo focolaio di tensioni? - Geopolitica.info

Ma non solo: il progetto ucraino di realizzazione di un fossato di 450 km lungo la frontiera con la Transnistria allo scopo di evitare l’ingresso di mezzi militari sul proprio suolo; le restrizioni agli scambi commerciali attuate selettivamente dalla Russia nei confronti della Repubblica Moldova (es. vietato l’import di vino moldavo ad esclusione di quello proveniente dall’unità territoriale autonoma di Gagauzia); l’arresto di membri dell’organizzazione filorussa “Antifa”, i quali progettavano violente rivolte subito dopo le elezioni e le raddoppiate esercitazioni militari dei peacekeeper russi, oltre all’intensificato controllo dei ponti sul fiume Nistru da parte delle milizie transnistriane.

Naturalmente l’analisi della Transnistria, che rimane un paese per certi aspetti impenetrabile, deve essere sempre fatta con una visione complessiva dell’area.

Cruciali elezioni

Il 30 Novembre 2014 si sono tenute nella Repubblica Moldova importanti elezioni parlamentari, la cui campagna elettorale è stata caratterizzata da forti connotati geopolitici, che hanno visto il paese spaccato tra europeisti e filorussi e consegnare una vittoria di misura alle forze pro-UE, le quali si sono aggiudicate 55 seggi sui 101 in palio.

Stando a quanto dichiarato dalla commissione elettorale di controllo, il Partito Socialista (PSRM) guidato da Igor Dodon ha ottenuto 25 seggi (20,52% dei voti), affermandosi come primo partito, mentre i liberal-democratici (PLDM) dell’“uomo forte” Vlad Filat sono arrivati secondi ottenendo 23 seggi (20,14%), ma perdendo circa 200 mila voti in quattro anni, pari al 9% dei consensi; seguono i comunisti (PCRM) dell’influente ex Presidente della Repubblica Vladimir Voronin con 21 seggi (17,49%), i democratici (PDM) con 19 (15,79%) e infine i liberali (PL) con 13 mandati (9,67%). I partiti europeisti (PLDM, PDM e PL) hanno ottenuto quindi la maggioranza dei mandati nel nuovo parlamento, pur non avendo raggiunto nessuno di questi la maggioranza relativa. Ai partiti filorussi (PSRM e PCRM) quindi sono andati i restanti 46 seggi.

L’OSCE ha affermato che le elezioni sono state generalmente ben amministrate e che possono quindi ritenersi regolari, tuttavia è importante ricordare come esse siano state inficiate dalla determinante esclusione del partito Patria di Renato Usatîi, fuggito a Mosca e scappato all’arresto per finanziamento illecito del partito, che avrebbe potuto con ogni probabilità consegnare la vittoria ai filorussi e dal fatto, non secondario, che in Transnistria non si sia votato e che, anzi, il voto degli aventi diritto residenti nella regione sia stato fortemente scoraggiato dalle autorità separatiste locali, con limitazione alla circolazione il giorno del voto ed una campagna porta a porta volta a promuovere il non-voto.

Tuttavia le elezioni sono regolari e dall’accordo di PLDM, PDM e PL è nata una coalizione che certamente porterà avanti le riforme necessarie per un ulteriore avvicinamento all’Unione Europea, incrementando gioco forza la frattura con la controparte transnistriana.

Fattore Russia

In questo contesto, la piccola e dimenticata Transnistria, certamente filorussa e sempre alla ricerca di riconoscimento a livello internazionale, deve trovare una propria nuova dimensione.

Nonostante non possa essere paragonata alla Crimea, né in termini di importanza economica o culturale, né in termini di rilevanza demografica, è accomunata con questa dall’assenza di contiguità territoriale con il vero paese di riferimento, la Russia, il cui coinvolgimento nella regione va ricercato principalmente negli aspetti militari e doganali necessari al consolidamento del nuovo ruolo che Mosca vuole assurgere nell’area del Mar Nero.

L’aspetto militare è connesso alla realizzazione in Bessarabia di uno scudo anti-aereo come risposta al più altisonante “scudo stellare” occidentale. Soluzione questa molto praticabile, con un certo grado di efficacia, ottimo strumento di pressione e infine più congeniale alle finanze del Cremlino. Le 46 installazioni missilistiche già presenti nella striscia costituisce un’ottima base iniziale. Le truppe russe di peacekeeping, che da più di vent’anni sono stanziate nella regione potrebbero occuparsi della sicurezza connessa all’attuazione di tale progetto, ben integrabile peraltro dal dispiegamento di sottomarini dotati di funzionali missili Bulava nel Mar Nero.

Tuttavia l’aspetto militare è in questo caso secondario rispetto a quello doganale, fattore importantissimo per ciò che attiene il consolidamento interno, inteso come unione doganale euroasiatica, il controllo dei flussi commerciali e la circolazione delle persone “gradite”. Una nuova frontiera da guerra fredda si stabilirebbe sul fiume Nistru, non sul fiume Prut (attuali confini tra Moldova e Romania), poiché il Cremlino è sempre molto attento al rispetto del principio di legittimità per ciò che riguarda le relazioni internazionali. Inoltre, estendendo le proprie mire espansionistiche su un piccolo paese associato dell’Unione europea disperderebbe energie senza che possano esservi benefici concreti: nessun confine facilmente controllabile e nessun accesso a risorse naturali significative o ad industrie di rilievo. In aggiunta la popolazione moldava potrebbe risultare riluttante ad accettare nuove forme di controllo russo. Persino il confine logistico artificioso di epoca sovietica, quello dello scartamento ferroviario differente dagli standard occidentali, è superato sia dalla tecnologia che dalla banale capacità divisoria che un confine naturale come il fiume Nistru può meglio garantire: pochi punti d’accesso meglio controllabili.

Certamente il Cremlino non sarebbe disposto ad investire con i propri deprezzabili rubli per lo sviluppo di una regione tanto periferica e tanto desiderosa di sviluppo senza avere in cambio la garanzia di fedeltà da parte dei cittadini: meglio limitare il proprio coinvolgimento, diretto o indiretto, ai territori della riva sinistra del Nistru, ben russificati, che si sono già espressi qualche anno fa con referendum positivo per l’adesione alla Federazione russa e che già hanno adottato parecchie norme di quella legislazione nel proprio ordinamento.

Truppe russe già sono presenti e pure in veste di pacificatori, non si parlerebbe nemmeno di occupazione.

Pericoloso isolamento

A causa del crescente isolamento della regione, derivanti da cause sia interne (regime politico) che esterne (crisi ucraina e accordo di associazione tra UE e Moldova), gli stessi peacekeeper russi si trovano nei fatti ad essere logisticamente e tatticamente isolati.

Non essendovi sbocchi sul mare e considerando l’eventuale ponte aereo tra Crimea e Transnistria solo come costosa soluzione temporanea, il principale ostacolo per ristabilire i collegamenti è costituito inevitabilmente da Odessa e dai transiti che questa importante città portuale può garantire.

L’Ucraina, sospettosa nei confronti delle intenzioni russe e timorosa di perdere il controllo di un prezioso accesso al Mar Nero, sarà costretta inevitabilmente ad implementare le proprie politiche di sicurezza anche nel sud-ovest del paese. È vero infatti che attivisti filo-russi abbiano base proprio in Transnistria (fonti SIS e SBU) ed è questa la ragione principale per la quale il Governo ucraino ha limitato la libertà di circolazione sul proprio territorio a personalità di spicco dell’autoproclamata repubblica e intensificato i controlli alle frontiere attuando contestualmente una propaganda mediatica volta a mostrare le condizioni di vita della popolazione che abita in Transnistria.

La Transnistria rischia ovviamente di venire isolata anche dal punto di vista energetico, compromettendo pertanto la produzione delle acciaierie di Rȋbniţa: da qui la scelta del governo di Tiraspol di limitare la circolazione attorno alla centrale idroelettrica di Dubăsari, cosa questa che ha creato ulteriori contrasti con il governo moldavo. Questo inverno potrebbero essere facilmente tagliate le linee di approvvigionamento del gas provenienti dall’Ucraina, la quale utilizzerebbe questa mossa come ricatto nei confronti della Russia in caso di cali nelle forniture destinate a Kiev.

Se questo dovesse accadere, la popolazione demograficamente tripartita in moldavi (200.000 circa), ucrainofoni (100.000) e russofoni (200.000) non la prenderebbe certo bene: sommosse da parte di alcuni segmenti della popolazione, eventualmente sospinte da infiltrazioni di Pravy Sektor, per quanto improbabili non sarebbero poi così impossibili. Le milizie transnistriane sono state tuttavia ampiamente istruite ad affrontare ogni evenienza con più di 800 esercitazioni militari nel corso del 2014.

L’isolamento oramai è anche istituzionale: i rappresentanti di Tiraspol persistono nel bloccare le attività della Commissione Unificata di Controllo e dell’OSCE per quanto riguarda la cosiddetta crisi transnistriana. Gli esponenti della regione separatista cercano inoltre, tramite quotidiane provocazioni nei confronti delle autorità, dei funzionari e dei cittadini della Repubblica Moldova, di rimarcare la loro indipendenza anche a costo di un aggiuntivo auto-isolamento.

La Russia, in questo contesto, non potrà che attuare ogni mossa pur di ristabilire sicuri collegamenti con le proprie truppe stanziate nella regione.

Nuovo scenario potenziale e resiliente

Se è vero che la Moldova è una cosa sola, ogni forma di influenza sui territori transnistriani (pressioni politiche esterne, limitazione alle libertà personali, sanzioni economiche od operazioni militari), sarebbe da considerarsi a scapito dell’intera Repubblica, paese associato dell’Unione europea. In questo caso l’Europa dovrebbe farsi carico personalmente delle conseguenze derivanti dal mancato riconoscimento di quello che in realtà è uno stato a tutti gli effetti da ormai una generazione compiuta.

La soluzione migliore per l’Europa sarebbe quella di lasciare la Transnistria al proprio destino (qualunque esso sia, evitando punti di frizione con la Russia) ed occuparsi di una rapida integrazione ed europeizzazione dei territori ad ovest del fiume Nistru, provvedendo affinché vi sia prosperità e sviluppo, congiuntura economica permettendo. Il fiume Nistru dovrebbe essere percepito al più presto come nuova amity line d’Europa.

Un’accresciuta politica di sicurezza nel Mar Nero, derivante da un maggiore coinvolgimento russo, comporterebbe un ammodernamento portuale e navale e un potenziamento del progetto South Stream (o versioni simili), tacitamente gradito a molti paesi europei.

Le varie crisi mondiali, per come sono geolocalizzate, fanno pensare alla costa nord del Mar Nero (pacificata) come prima tappa su una moderna via della seta e la Moldova/Transnistria come primo accesso doganale per ciò che attiene il trasporto su gomma.

La crisi russo-ucraina vista dai media locali

Il fulcro del presente dossier è l’attuale situazione delle minoranze russofone nell’est dell’Ucraina, nello specifico nelle regioni di Donetsk e di Lugansk.

La crisi russo-ucraina vista dai media locali - Geopolitica.info

Il materiale raccolto, punto di partenza e di riferimento della presente analisi, proviene in parte da passaggidi articoli e blog pubblicati dal giornale ucraino Den’ Kiev (disponibile in lingua ucraina, russa e inglese), più vicino al nuovo potere centrale ucraino e ostile alle violente sommosse che agitano l’est del paese provocate da individui denominati “terroristi”; e in parte da contributi provenienti dal giornale russo Pravda, da sempre fedelissimo alla visione del Cremlino.

Le regioni di Donetsk e Lugansk si trovano all’estremità orientale dell’Ucraina e da sempre occupano un ruolo di primo piano nell’economia del paese grazie tra l’altro agli importanti giacimenti di carbone del bacino di Donetsk.
Recentemente entrambe le regioni si sono rispettivamente autoproclamate Repubblica Popolare di Donetsk e Repubblica Popolare di Lugansk.

La loro autorità non è riconosciuta a livello internazionale, ma la loro influenza politica e militare non risulta esserne affievolita, anzi, stando a quanto affermato dal giornalista Serguei Grabovski in un articolo pubblicato il 30 giugno sul suo blog sul sito Den’ Kiev.ua, il recente cessate il fuoco proclamato dal nuovo presidente ucraino Petro Porochenko, avrebbe avuto come risultato, tra l’altro, quello di legittimare il nuovo potere russofilo insediatosi nelle regioni. Se prima la popolazione riconosceva le autorità ribelli come avversari che Kiev voleva annientare, ora vedrebbe in loro un potere capace di trattare alla pari con quello di Kiev. Secondo Grabovski, la volontà stessa di Kiev di scendere a patti per trovare una soluzione pacifica alla crisi avrebbe giovato ai rappresentanti delle neorepubbliche, legittimandone le posizioni.

La situazione per le popolazioni civili residenti nelle regioni orientali del paese è drammatica e non sembra prossima ad una svolta positiva. Come rende noto la testata ucraina in un articolo del 27 giugno, secondo quanto riportato in un rapporto stilato dall’Alto commissar

L’Europa alla prova del voto: intervista a Gianluca Passarelli

Alla vigilia del voto per il rinnovo dell’Europarlamento di Bruxelles Geopolitica.info ha incontrato Gianluca Passarelli, ricercatore di scienza politica presso il dipartimento di scienze politiche de Sapienza Università di Roma. Un’occasione per tirare le somme di una campagna elettorale che, in Italia come nel resto del Continente, ha assunto per la prima volta una dimensione almeno parzialmente transnazionale, nonché un’opportunità di riflessione sul ruolo effettivo e potenziale dell’Unione nella pericolosa quanto vicina crisi ucraina.

L’Europa alla prova del voto: intervista a Gianluca Passarelli - Geopolitica.info

 

Dati dell’Istituto Cattaneo alla mano, l’Italia appare l’unico grande paese europeo in cui uno dei principali partiti di governo potrebbe confermare un significativo consenso elettorale: effetto Renzi?

La presenza di questo tipo di effetti sull’elettorato è stata oggetto di ricerca politologica sin dalla prima elezione diretta del Parlamento Europeo: negli anni Ottanta le consultazione vennero definite di “secondo ordine”, appuntamenti elettorali in cui gli elettori tenderebbero a punire gli incumbent, favorendo i partiti minori o propendendo per la scelta dell’astensionismo. Ma è probabile che oramai non si possa più fare riferimento solo a questo schema: per la prima volta notiamo in seno all’UE una personalizzazione della dinamica di governo con dei candidati alla leadership della Commissione europea e una campagna elettorale sotto molti aspetti già transnazionale.

Effetto Renzi? Non direi. E comunque non solo. Dal punto di vista simbolico, e dal  punto di vista politico, Renzi potrebbe avere tutt’al più contenuto nelle cosiddette regioni rosse del centro Italia l’emorragia di voti democratici verso il Movimento 5 Stelle. Generalmente, ritengo comunque il movimento di Beppe Grillo capace di ottenere dalla tornata elettorale un successo significativo (tra l’altro non vedrei la sorpresa posto che nel 2013 il M5s è arrivato in testa tra le forze politiche italiane, ovvero secondo se consideriamo la circoscrizione estera), soprattutto se si tiene conto della possibile sottorappresentazione dello stesso nei dati dei sondaggi: si tratta di un voto ancora con una relativamente bassa accettabilità sociale, spesso paradossalmente poco palesato e in ciò simile a quello accordato alla Forza Italia dei primi anni Duemila. Una previsione sui risultati che andremmo a scoprire dopo il 26 maggio deve, tuttavia, tenere anche conto di fattori di distorsione quali l’alto livello di astensionismo previsto, un astensionismo divenuto anche critico, ossia in un vero e proprio comportamento di voto consapevole, nonché l’effetto della redistribuzione dei voti del centro-destra. La vera partita si gioca tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, ma è in realtà Berlusconi il convitato di pietra e nessuno può ancora dire con chiarezza dove confluirà la slavina elettorale che potrebbe staccarsi da Forza Italia.

A riguardo va detto che certamente Renzi è riuscito sia ad aprire un canale di credito presso l’elettorato prima radicalmente ostile al centro sinistra, ma non sopravvaluterei troppo le dimensioni dei vasi comunicanti tra l’elettorato democratico e quello berlusconiano. Nel 2013 Berlusconi ha perso il 50%  dei voti: di questi un terzo è confluito nell’astensione e due terzi nel M5S. In questo caso l’effetto Renzi sulla destra sarà abbastanza limitato perché l’elettore fedele difficilmente deciderà di abbandonare il proprio leader storico. In Italia la geografia elettorale si basa storicamente su settori di forte immobilità, i blocchi sociali sono rilevanti e le lunghe tradizioni di comportamento elettorale difficilmente potranno essere scalfite significativamente tra un’elezione e un’altra. Nel 2013 la volatilità elettorale (il cambiamento di voto tra un’elezione e l’altra) è stato pari dal 46%, in magna pars dovuti alla presenza del M5s, mentre i passeggi in campo (da destra a sinistra e viceversa), sono stati statisticamente non significativi.

Quali crede siano in questo momento le argomentazioni capaci di catalizzare l’attenzione del corpo elettorale e quanto incideranno, anche in termini di partecipazione al voto, tematiche quali la governance economica e monetaria dell’Unione?

Noto che per la prima volta si parla direttamente di politiche europee, non come surrogato delle politiche nazionali; questo accade perché c’è una variabile interveniente fondamentale che è la crisi economica e finanziaria. Va sottolineato, però che se la governance economica e monetaria irrompe direttamente nella campagna elettorale, il dibattito sull’aspetto istituzionale appare congelato dai tempi del Trattato di Lisbona. In realtà il riassetto istituzionale sarebbe un punto altrettanto importante, anche per aprire il capitolo della legittimazione e della (in larga parte presunta) delegittimazione degli organi di rappresentanza e di governo europei. Un messaggio che avrebbe potuto avere impatto sull’elettorato del Continente sarebbe stata la proposta di un’elezione diretta del Presidente della Commissione, che avrebbe indotto la maggiore strutturazione di partiti “europei” e di una competizione continentale.

Il tema centrale che sta attraversando l’opinione pubblica è capire qual è la coalizione in grado di affrontare al meglio le criticità economiche, posto che circa tre quarti degli italiani non mette in discussione tout court la costruzione europea, ma esige da Bruxelles delle risposte chiare a problematiche reali.

Sull’argomento ritengo che le politiche rigoriste adottate negli ultimi anni rappresentino un passo necessario per il risanamento finanziario degli Stati membri, e in particolare dell’Italia (il nostro debito è ormai a livelli di guardia), ma auspico che a breve possano essere affrontate con un atteggiamento meno ragionieristico e ben più attento alle fondamentali strategie di rilancio e sviluppo.

 Data la presenza di tendenze euroscettiche sia in Italia che in Europa, secondo lei quali sono i partiti italiani che potrebbero più beneficiare di queste politiche che si riflettono dai partiti europei a quelli italiani?

All’inizio del percorso storico dell’Unione Europea in Italia erano riscontrabili partiti meno favorevoli all’UE e che poi, con il tempo hanno finito per sposare, in misure diverse, la causa europeista. Per contro nell’opinione pubblica appariva evidente la volontà di demandare all’Unione Europea la risoluzione di alcuni problemi strutturali secondo una schema che sottintendeva un’adesione di tipo strumentale all’idea dell’Europa unita:  il cittadino vedeva i benefici di quest’adesione in quanto Bruxelles forniva delle risorse materiali (ad esempio i programmi Urban I e Urban II), senza realtà avere piena coscienza del meccanismo di cofinanziamento tra gli Stati membri e dunque del ruolo politico e finanziario giocato stessa Italia in tali iniziative.

Nel corso degli anni la curva del sentimento europeista degli italiani e la crescente curva di disaffezione per il funzionamento della democrazia sono entrate in contrasto e la seconda ha finito per minare la prima.

Venuta meno la componente utilitaristica dell’adesione è cresciuto quello che sui giornali meno raffinati “euroscetticismo”. Ho, tuttavia, delle riserve su questa espressione: il termine scettico non presuppone automaticamente contrarietà, come invece si vorrebbe far intendere. Bisogna, quindi, analizzare cosa si intenda per euroscetticismo poiché c’è chi critica l’Europa tout court e chi, mettendone in discussione taluni aspetti, auspica una revisione più o meno sostanziale delle strutture politiche e funzionali.

L’unico partito che potrebbe beneficiare del sentimento di disaffezione verso l’Unione Europea è il Movimento 5 Stelle. L’appello di Matteo Salvini e della Lega Nord, per contro, appare un urlo nel deserto dato che lo spazio elettorale che aspira a ricoprire è già stato assorbito in buona misura proprio da Grillo.

Per quanto riguarda la Lega Nord si potrebbe dire che le percentuali alle elezioni, sia nazionali che europee, dipendevano molto dalla presenza di questa all’interno della compagine governativa: nel momento in cui la Lega si tirava fuori dal governo ritornava a un 8-9%, mentre nei momenti di clou della coalizione con il centrodestra berlusconiano si ritraeva. Questa volta questo fenomeno non si è verificato.

Non si è verificato (ma le urna sono ancora mute…) per due ragioni: in primis perché le elezioni europee in passato hanno consentito di giocare su elementi di radicalizzazione, e di conseguenza, l’elettore si sentiva svincolato dal voto di governo: ad esempio nelle elezioni del 1999 Emma Bonino, con una campagna elettorale molto spregiudicata, raccolse il 9% per poi vedere il consenso contratto fino all’1% nel 2001. Una dinamica resa oggi impossibile dalla citata “politicizzazione” del prossimo appuntamento elettorale.

La seconda ragione è l’assenza di una leadership riconosciuta e riconoscibile, e carismatica come in parte era quella di Bossi. Questo potrebbe in parte spiegare la défaillance, legata anche a problemi identitari della Lega Nord. Nell’ ‘87-‘90 e a metà degli anni ‘90  la Lega si proponeva come partito antisistema. Dopo l’esperienza di governo questo messaggio è meno credibile e nei suoi tradizionali bacini elettorali – soprattutto in Veneto – il partito è stato sensibilmente soppiantato dal Movimento 5 Stelle. Questo fenomeno si poteva evincere già all’inizio del 2010 quando una parte dell’elettorale dell’Italia dei Valori venne riassorbito dal M5S a segnalare la ricerca di un (nuovo) partito “anti-sistema” o se preferisce “anti-establishment”. Ripeto, i partiti euroscettici minori della destra o altri ancor più marginali come l’Italia dei Valori difficilmente riusciranno a usare la retorica antieuropea per accrescere le proprie percentuali di consenso.

Va tuttavia sottolineato che probabilmente questo ridimensionamento non sarebbe emerso in uno scenario politico senza il Movimento 5 Stelle e che i partiti della destra nazionalista e della sinistra critica avrebbero probabilmente visto crescere il proprio elettorato. A riguardo, quale potrebbe essere il risultato in Italia della sinistra che si raccoglie dentro la lista Tsipras e della destra di Giorgia Meloni?

Non conosco molto bene le dinamiche di Tsipras a livello europeo, anche se intuisco che il leader si sia affermato con forza nello scenario ellenico: è riuscito a convogliare molti settori della protesta, è diventato leader del primo partito secondo i più recenti sondaggi e probabilmente potrebbe accedere a cariche di governo in una coalizione con i socialisti.

In Italia è stata fatta un’operazione da “cartello elettorale”: non c’è una vasta base di movimento bensì un’aggregazione di vari pezzi di classe politica dirigente “in cerca d’autore” che ha sposato quest’opportunità, adoperandosi tuttavia in una campagna elettorale non molto incisiva. Non vedo a livello nazionale una collocazione chiara, a parte l’azione di Sel e di Nichi Vendola, per la natura ibrida ed eterogenea dei movimenti che sostengono questo modello.

Non mi aspetto nemmeno una forte affermazione della destra. La costruzione sociale dei partiti dell’area non può essere paragonata a quella ben più solida del Front National di Marine Le Pen, che dal 1979 (con Jean-Marie Le Pen) costruisce la propria identità politica ed elettorale su immigrazione, lavoro e politiche securitarie.

I risultati elettorali potrebbero favorire o rallentare il ripensamento della diplomazia europea. A fronte delle tensioni che hanno circondato il continente in questi ultimi mesi, quali potrebbero essere i passi che l’UE dovrebbe compiere per guadagnare credibilità internazionale?

Catherine Ashton, Commissario europeo agli Esteri, non rappresenta l’Unione Europea intesa quale attore coerente, né un insieme omogeneo di interessi, bensì cerca di trovare una difficile sintesi tra le differenti posizioni dei ventisette capi di Stato e di governo. L’Unione Europea – e gli Stati membri – potranno avere un peso, non solo regionale, una volta conseguita la piena legittimazione dell’Europa come attore in grado di rappresentare un interlocutore percepito come forte in termini di difesa, di produzione industriale e di quota demografica, sia da partner tradizionali (gli Stati Uniti), ma anche da nuove potenze continentali, mondiali e regionali come la Cina, l’India, il Brasile, le ex tigri asiatiche e la Russia.

Rifacendomi alla scala nazionale come proiezione del comportamento elettorale sui temi delle prossime politiche dell’Unione europea, mi chiedo come possano pensare gli elettori euroscettici che l’Europa, con i suoi milioni di abitanti e circa 7% del PIL mondiale, non sia in grado di interagire con le nuove potenze, mentre lo possa essere la “Padania”, i nostalgici dei Borboni e dell’autarchia?

L’Unione europea, quindi, deve rivedere la diplomazia conferendo un mandato deciso a un rappresentante che non costituisca il semplice risultato di una logica di redistribuzione di potere tra i singoli stati o le varie componenti della coalizione di maggioranza, ma sia un interlocutore credibile e legittimato, con esperienze di governo, riconoscibilità internazionale, autorevolezza, “conoscenza della materia”  e capacità di porre sul tavolo della diplomazia questioni importanti.

Sulla recente vicenda della Crimea l’Unione Europea non avrebbe voluto/dovuto giocare un ruolo di presunta mediazione tra gli Stati Uniti e la Russia. Al contrario, avrebbe dovuto essere un attore protagonista, anche attraverso l’utilizzo di vere sanzioni, perché come scrive Garry Kasparov nel libro “Scacco a Putin”, l’unica arma con cui è possibile negoziare con il presidente della Federazione russa è la forza, anche se non necessariamente militare, ma delle (reali) sanzioni economiche al suo entourage. Una scelta simile, tuttavia, può essere compiuta solo da un attore che sia consapevole degli strumenti a sua disposizione e in grado di utilizzarli agendo come un attore unitario.

Con una crisi di tale entità che ha preso forma ai confini dell’Europa questa poteva essere l’occasione giusta per presentare all’interno del dibattito politico la variabile istituzionale. Ma le idee camminano sulle gambe degli uomini e, purtroppo, un po’ meno delle donne. Ci vorrebbe l’ambizione di un François Mitterrand, di un Helmut Kohl, di un Altiero Spinelli, insomma di figure di alto profilo politico, per rilanciare questo progetto. In questa prospettiva reputo debole la proposta politica degli euroscettici, perché noi europei abbiamo bisogno di affrontare il futuro agendo come un attore protagonista nella dimensione globale.

Российско-украинский кризис: по стопам истории
Российско-украинский кризис: по стопам истории - Geopolitica.info
style="text-align: justify;">Исторический подход, возможно, именно тот, что сможет нам помочь расшифровать трудную ситуацию, сложившуюся на Украине. В связи с чем, мы решили задать несколько вопросов Андреа Картени (A.Carteny), профессору Истории Восточной Европы, доценту Истории Евразии  Римского университета Ла Сапиенца (Universita degli studi di Roma La Sapienza).
1) Профессор Картени, ситуация в Крыму представляется особенно сложной. В свете окончательных итогов референдума в пользу отделения от Украины и присоединения к России сценарий принимает новые очертания с точки зрения изменения границ между двумя государствами. Существуют исторические корни вмешательства Москвы в дела других государств, расположенных на постсоветском пространстве?
Объединение исторически русских регионов насчитывает как исторические, так и этнокультурные предпосылки вплоть до конца 18 века, когда политика расширения, проводимая Екатериной Великой, привела Россию к завоеванию украинских земель и побережья Черного моря, дав, таким образом, России выход в Средиземноморье. Эти места представляли собой особенную стратегическую ценность.  Черное море уже не было «турецким морем», а Крым стал самой важной геополитической частью этой области, пересечением торговых путей (как шелковый путь) и выходом в устье Дуная. В соответствии с русско-турецким Кючук-Кайнарджийским мирным договором в 1774 году Крым перешел в русское владение, кроме того договор предусматривал право России на вмешательство в рамках защиты православного населения Османской Империи, факт, который может считаться историческим прецедентом важного значения. Неслучайно Россия после лишь девяти лет  нарушила договор, заполучив регион и начав политику русификации местного татарского населения. Более того, после осуществленных депортаций вследствие столкновения с немцами во Второй Мировой Войне, полуостров является в своем большинстве русским в этнокультурном смысле.
2) Восточные регионы в большей своей части также населены русским населением. Им тоже предназначено отделиться от Украины и присоединиться к  исторической родине? Кроме того, существуют также другие этнические меньшинства в Украине: в каких условиях окажутся они в случае отделения?
Русские и украинцы всегда сосуществовали в восточных регионах с традиционным лидирующим русским культурно-лингвистическим положением, которое в последние годы, после распада Советского Союза, постепенно сверглось украинским лингвистическим превосходством. Хотя, уникальность промышленных и пост промышленных регионов является, несмотря на это, фактором самоотождествления с родиной, с первоначальной русской, ощутимой как наследство Советского Союза, который принес, несмотря на режим, некоторое процветание в эти земли. Затем, можно выделить другие случаи этнических меньшинств рядом с западными границами: румыны в Буковине, венгры в Закарпатье. В целом правительство Киева не оценило региональные автономии в эти двадцать лет независимости, и этнические меньшинства, также как и татары в Крыму и русское большинство были вынуждены ждать прихода администрации Януковича, чтобы наконец увидеть признание норм о двуязычии на местном уровне (нормы, кроме того, отмененные правительством, вставшим у руля после восстания на площади Майдан). Политика украинского правительства поддержать националистические направления в эти годы, скорее всего, была «близорукой», и безусловно не поспособствовала ослаблению внутреннего этнического напряжения.
3) Существует аксиома о «ближнем зарубежье», об области рядом с Путинской Россией? Кажется, что в русской истории продолжается применение формулы географического и политического доминирования, теперь уже основанного  на принципе русскоязычности.
Это так.  Путинская Россия представляет собой линейное продолжение Советского Союза Сталина и России царской эпохи: геополитический контекст, в котором  руководитель (царь/первый секретарь партии/президент Федерации) не является лишь гражданским эталоном на морально-религиозном уровне (достаточно подумать о гомофобных убеждениях), но и выступает на геополитическом уровне в качестве наследника роли монгольских ханов. В этом смысле географическое доминирование является основой самой России, которая для выполнения своей роли в истории должна геополитически доминировать. Таким образом, «ближнее зарубежье» становится «большим пространством», «grosse raum» (т.е. географическое пространство несмотря ни на что, «включающее в себя», а  не исключительно лишь «жилое пространство» как “lebensraum” этнического национального социализма) для развёртывания России вчера и сегодня.
4) Оказывают ли сильное влияние предыдущие случаи, руководимые Западом, возможно с некоторым легкомыслием и опозданием (бывшая Югославия, Косово, Ливия)?
Безусловно они сильно влияют на сегодняшнюю систему международных отношений. Например, принуждение Косово, чья независимость базируется на резолюции ООН (№1244), которая предусматривала сохранение территориальной сербской целостности, безусловно это можно считать прецедентом. В эти дни на Западе сильно подчеркивается уникальность случая Косово, а также  решение Международного Суда, провозгласившего косовскую независимость как акт, который не нарушает международное право, как не парадоксально поддержало широко известное мнение, что этническое меньшинство и народ имеют еще право на самоопределение на территории, на которой являются большинством. Кроме того, также несостоятельность ООН, представитель которой незамедлительно покинул Крым вследствие угроз, полученных на месте, оставляет чрезмерное пространство для действий и форсирования сил региональных властей. Необходимо подумать о распаде многонациональных государств: в этом случае лишь настоящее признание территориальной автономии, также на этнической основе, поможет разрядить внутренние конфликты. К сожалению, Европа и США не представляются способными признать глубину национальных чувств и следовательно управлять ими соответствующим образом; прячась за догмой несменяемости границ, они, тем не менее, позволили заявление о независимости Косово в своих административных границах.