Archivio Tag: terrorismo

Psychodynamic of terrorism: new approaches to understand the radicalization

When we speak about the contemporary terrorist phenomenon, the focus lies, most frequently, on the concept of Radicalization. This concept may seem unquestioned to several scholars and the media, but actually it is a thorny and debated issue. It is not just an academic dispute for more theoretical knowledge about the subject, but more of a major step in order to identify and to preempt future terrorist threats.

Psychodynamic of terrorism: new approaches to understand the radicalization - Geopolitica.info

But what exactly does the term “radicalization” mean? Is it per se sufficient to explain the phenomenon of contemporary Islamic terrorism?

For the purpose of shedding light on these questions, I will briefly illustrate the crucial rule of psychological implications in understanding terrorist threats.

Few statistics about terrorism and immigration

Even though the relationship between immigration and terrorism has been widely discussed among policymakers and institutions, there are no significative evidences that the current waves of immigration would increase the risk of attacks. This means, for instance, that it is unlikely that the terrorist threat is linked to current migration flows.

In fact, according to a study carried out by the Strategic National Risk Assessment from 1975 to 2015 in the US, among 154 foreign-born terrorists, who killed 3,024 people in attacks, just ten of them were illegal immigrants, while 54 were lawful residents, 19 students and 34 tourists.

Statistically speaking, the chance of an American citizen being murdered by a foreign terrorist is 1 in 3,609,709 a year. Simultaneously, the chance of being killed by a refugee is 1 in 3,64 billion a year. However, with regard to the EU average, in the period from January 2016 to April 2017, only four asylum-seekers were involved in terrorist attacks, whereas the majority of them, exactly 94%, have been perpetrated by regular EU citizens.

Rhizomatic ramification

Although this specific issue would be worthy of particular attention, the present research aims to highlight that these terrorists are far from being an expression of an Islamic well-structured and pyramidal movement coming from North Africa or Middle east, but rather “insane particles”, working in almost total independence. Thus, these individuals are an integrant part of Western society and their no-structured strategy is the very essence of the new terrorist strategy.

For instance, the so-called “lone wolves” are the clearest representation of the atomization and the liquefaction of the terrorist chain of command. Indeed, the terrorist threat is becoming even more unpredictable and asymmetric due to opportunism of its affiliates.

Therefore, it might be useful to subsume the contemporary terrorist threat within the Rhizomatic model. The rhizome is thus a-linear, multiple, spread out, all proliferating and without boundaries centers/margins or limits. As such, a rhizome has neither a central point or origin; it grows from anywhere or ends anywhere. The emblematic model is the world wide web, which has the perfect rhizomatic structure within which the propaganda and radicalization could easily proliferate.

Phenomenology of radicalization

In this context the role of the individual is getting exceptionally important in order to prevent the terrorist’s next steps. For this reason, some psychologists are studying the Staircase of Terrorism starting from the Moghaddam metaphor. Conforming to that theory, the radicalization process should be divided into six-floors: the first is search for options; the second is anger at the perceived  perpetrators of injustices; the third is a moral engagement that justifies terrorism; the fourth is joining a terrorist group; the fifth and sixth floors are dehumanizing enemy civilians. The important difference between justifying and joining is crucial because, as Moghaddam argued, it is the difference between radical opinion and radical action.

Another important contribution is offered by Horgan’s Psychology of terrorism. Horgan emphasizes three ideas in the progression to terrorist action: The first is that the progression to terrorism is gradual; the second is a certain sense of disillusion with individual’s activity and personal vulnerability; the third is the idea that community supports violent actions.

Moreover, in the book called Radical Islam Rising: Muslim Extremism in the West – according to a study conducted originally in 2002 in the UK during the activity of a group of al-Muhajiroun – Wiktorowicz identified a four-stage model of radicalization. First is a cognitive opening to new ideas after experiences of personal disconnection; second is a personal relation with activists; third is the acceptance of legitimate authority to interpret Islam; fourth and last is the belief that salvation depends on supporting jihad.

Another remarkable theory was introduced by Sageman in Leaderless Jihad. In that book Sageman underlined that the future of jihadist threats in Western countries was represented by small self-radicalizing group of Muslims instead of big terrorist organizations. Thus, the author mentioned four factors that come together to move individuals to violence: the axiom under which the war on terrorism is fought is  the equivalent of the war on Islam; the personal experiences of discrimination living in the West; the moral outrage seeing videos of Muslim sufferings; and finally the face-to-face or internet contact between individuals interested in attacking. Indeed, according to Sageman, the emotional aspects are the key to understanding self-radicalization, but the question remains: why do just few “sympathizers” of jihadist propaganda run into violence?

At the same time, there is evidence that not all those who engage in violent behavior, necessarily need to possess radical beliefs. 

The two – pyramids model

Psychologists are fairly confident that extremist ideologies and beliefs must be distinguished from extremist and violent actions: indeed, some cross-sectoral studies reveal that a minimum percentage of radical thoughts could be converted into radical actions. Therefore, McCauley and Moskalenko have created two different explicative models: the opinion pyramid and the action pyramid.

A recent study about the relationship between these two pyramids – taking into consideration the contents of the individual’s internet websites – showed little difference between activists and radicals, but a significant difference between radicals and terrorists. As reported by statistics, 99% of those with radical ideas never act, while those who commit violent actions not justified by radical ideas are becoming increasingly frequent.

What are the implications of the two-pyramids model? According to the outcome of the studies, the researchers conclude that: 1) there is a very weak connection between extreme beliefs and extreme actions; 2) fighting these two different types of radicalization requires different tools; 3) escalating policing could increase terrorist violence; 4) defining enemies as fundamentalistic multiplies the potential enemies.

Ultimately, we have to consider the different behavioral trajectories of individuals very carefully, to figure out future space of conflict, paying particular attention to the emotions and affective experiences in understanding the process of radicalization. Since the dynamic of self-radicalization goes hand in hand with the growing “atomization” of individuals, it will be an essential aim to raise public awareness and sensitize the media and public institutions about the current radicalization trajectory. Prejudices and indirect discrimination may determinate or encourage the self-radicalization process.

 

 

Elezioni in Gran Bretagna: a bad bet, Mrs May.

Dalla maggioranza al governo di minoranza: non proprio quello che il primo ministro inglese, Theresa May, aveva in mente il 18 aprile scorso, mentre annunciava di voler riportare la Gran Bretagna al voto. Se, infatti, pochi mesi fa i media e commentatori inglesi avevano previsto una “landslide victory”, ossia una vittoria a mani basse, della May, nelle ultime settimane la distanza tra i due principali competitor (tories e labour) si è via via assottigliata, fino a far considerare sempre più probabile l’ipotesi di un “hung parliament”, ossia un parlamento senza una chiara maggioranza politica. E così è stato: nessun partito è riuscito a raggiungere la soglia dei 326 seggi, ossia la maggioranza parlamentare. E mentre il dibattito tra i conservatori si infiamma, mentre i laburisti esultano, mentre gli indipendentisti scozzesi si leccano le ferite, e i liberaldemocratici  e gli unionisti irlandesi si sfregano le mani, si moltiplicano gli interrogativi sulle implicazioni politiche di questo voto, soprattutto guardando alle difficili trattative con l’Unione Europea sulla Brexit.

Elezioni in Gran Bretagna: a bad bet, Mrs May. - Geopolitica.info

I NUMERI*
I conservative, con il 42,4% dei voti e 316 seggi, rimangono il primo partito inglese, ma non potranno formare un governo che dalle nostre parti chiameremmo “monocolore”. I tories, pur guadagnando il 5% dei voti rispetto alle precedenti elezioni, hanno perso 12 parlamentari e questo costringerà il partito conservatore a cercare degli alleati di governo. Al momento, gli alleati più probabili sembrano essere i liberaldemocratici (7.3% dei voti, 13 seggi) e gli unionisti nordirlandesi del DUP (0.9% dei voti, 10 seggi).

Dall’altro lato, il Labour guadagna terreno. Nonostante la scarsa fiducia nelle capacità del leader laburista, Jeremy Corbyn, e i persistenti malumori tra le correnti centriste e quelle di sinistra del partito, i laburisti sono riusciti ad aumentare i voti attestandosi sul 40,1% (ossia +9.5%) e, soprattutto, i seggi in parlamento ben più di quanto sondaggi e commentatori avevano previsto precedentemente. Corbyn infatti potrà contare su 261 parlamentari (ossia 31 parlamentari in più rispetto alle elezioni del 2015).

Tornando al panorama generale, le novità non si fermano qui. I liberaldemocratici, seppur perdendo qualche decimale nella conta dei voti (7.3% dei voti, ossia lo -0.5% in meno), guadagnano alcuni seggi rispetto al 2015 (da 8 a 12 parlamentari), raggiungendo, come precedentemente sottolineato, un numero di parlamentari utili per entrare nel prossimo probabile governo a guida conservatrice. Lo Scottish National Party, che nelle precedenti elezioni aveva vinto in quasi tutti i seggi scozzesi (56 su 59), conquista 35 seggi, perdendo 19 parlamentari e l’1,7% dei voti su base nazionale (dal 4.8% al 3,1% dei voti). Mentre, com’era prevedibile, scompare dalla scena parlamentare il partito indipendentista UKIP: essendosi realizzato il proprio obiettivo politico (ossia la Brexit), gli indipendentisti hanno perso, di conseguenza, più del 10% dei voti (dal 12,7% all’1,9%) e l’unico parlamentare della scorsa legislatura. A questi risultati, per ragioni di completezza, bisogna aggiungere: i 10 seggi (+2 rispetto al 2015) andati agli unionisti nordirlandesi del DUP; i 7 seggi (+3) andati ai repubblicani irlandesi dello Sinn Fein; i 4 seggi (+1) dei gallesi del Plaid Cymru; e l’unico seggio andato ai verdi.

 

CHI VINCE E CHI PERDE
Theresa May ha perso la scommessa, e con essa la maggioranza parlamentare conquistata dai conservatori nel 2015. La leader tory si è presentata alle urne chiedendo un mandato chiaro e nitido, soprattutto guardando alla difficile trattativa sulla Brexit. Gli elettori, a quanto pare, gliel’hanno negato. E questo ha aperto dalle prime ore del mattino un convulso dibattito all’interno del partito conservatore, sia sul prossimo governo che sul futuro della leadership di Theresa May: da una parte c’è chi sostiene che debba rimanere per mantenere un minimo di stabilità, dall’altra c’è chi sostiene che non potrà essere lei a guidare il nuovo governo.

Mentre la leader conservatrice traballa, c’è chi si rafforza, ossia Jeremy Corbyn. Come già sottolineato in precedenza, nessuno aveva previsto che il leader laburista potesse guadagnare terreno: troppo debole e troppo di sinistra. E invece Corbyn ce l’ha fatta. I laburisti, naturalmente, rimangono ancora all’opposizione, ma se l’obiettivo del Labour, pochi mesi fa era quello di rimanere a galla, oggi i laburisti possono guardare alle prossime elezioni con qualche speranza in più. C’è ancora molta strada da fare, soprattutto guardando agli equilibri interni al partito: le due ali del Labour, centrista e di sinistra, dovranno trovare un accordo per poter pensare di conquistare la maggioranza dell’elettorato britannico. Ma sicuramente la strada, dopo il voto di ieri, appare meno inclinata di quanto non fosse solamente due mesi fa. E le sorti politiche di Corbyn appaiono sicuramente più longeve di quanto era stato previsto.

 

LE PROSPETTIVE
Con il voto di ieri, quella che nelle previsioni doveva essere una pura formalità, ossia la formazione del governo, si è trasformata in una nuova grana politica per i conservatori e per Theresa May in testa. Oltre a dover affrontare delle trattative non previste, i tories saranno costretti a rivedere i propri piani su svariati fronti, a partire dal modo con cui affrontare le trattative per la Brexit. La May, che almeno per ora dovrebbe rimanere a capo del governo, non potrà contare su una solida maggioranza e, anzi, sarà probabilmente costretta a trovare un accordo con uno dei partiti più europeisti sulla piazza britannica, ossia i liberaldemocratici. Se poi l’alleanza di governo dovesse allargarsi anche agli unionisti nordirlandesi del DUP, la strada verso una “hard Brexit” potrebbe essere ulteriormente ammorbidita, essendo i nordirlandesi particolarmente sensibili alle sorti del confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica irlandese – che, dopo l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, diventerà un confine tra l’Europa Unita e la Gran Bretagna.

Oltre alla questione Brexit, le incertezze sulle prossime mosse del governo britannico investiranno anche altri fronti, come quelli dell’immigrazione e della sicurezza. Theresa May durante la campagna elettorale aveva annunciato di voler diminuire drasticamente (decine di migliaia di ingressi in meno) l’immigrazione sul suolo britannico e pochi giorni fa, a seguito degli attentati di Londra e Manchester, aveva dichiarto di voler rendere più stringenti le azioni contro l’estremismo islamico (ad esempio facilitando le espulsioni di integralisti ed estremisti islamici), anche a costo di rivedere le norme sui diritti umani. È lecito quindi prevedere che anche queste proposte dovranno essere ammorbidite per trovare il consenso dei probabili alleati del prossimo governo conservatore.

Tuttavia c’è un fronte sul quale la May e i tories potranno tirare un sospiro di sollievo: il paventato secondo referendum sull’indipendenza della Scozia. Lo Scottish National Party, pur rimanendo il partito scozzese con più seggi e più voti, ha perso ben 21 seggi, di cui 13 nei confronti dei conservatori, 7 nei confronti dei laburisti e 3 nei confronti dei libdem. E questi risultati potrebbero aver messo una pietra tombale sulle prospettive di un nuovo referendum scozzese.

*647 seggi su 650

La retorica dei lupi solitari

I fatti di Londra, dopo quelli di Manchester, ci dimostrano ancora una volta come sia necessario uscire da una certa retorica e parlar chiaro: è il primo passo essenziale per pensare di sconfiggere il terrorismo islamista. Tra i temi che più vengono usati dai media, e spesso a sproposito, c’è quello dei lupi solitari dell’ISIS. Quello che non comprendiamo è che non si tratta solo di un errore lessicale, ma di uno sbaglio molto più profondo.

La retorica dei lupi solitari - Geopolitica.info (Fonte: AP)

In una guerra, come quella in cui lo Stato Islamico si sente di essere, non esistono lupi solitari, ma soldati, che fanno parte integrante di un assetto bellico e che combattono contro un nemico, rappresentato dalla società occidentale e da chiunque, anche all’interno del mondo islamico, si contrapponga alle mire espansionistiche e globali dell’ISIS. I nemici, in questa guerra considerata unilateralmente, sono tutti coloro i quali incarnano le minacce alla fede islamica: è questo che porta i mujaheddin a colpire nelle Filippine così come in Gran Bretagna, in Francia come in Belgio, in Tunisia come in Turchia e in Afghanistan.

E l’errore è ancora più grave perché sottende la sottovalutazione di questo quadro politico di jihad: parlare di lupi solitari significa non considerare la logica belligerante dell’ISIS, che agisce in un contesto ideologico di guerra senza confini. Se non si comprende questo aspetto, non si potranno mai adottare le misure necessarie per contrastare il fenomeno terroristico al di fuori di Siria, Iraq e Libia.

Molti dei ragionamenti fatti dai media italiani si sono inoltre concentrati sul possibile legame con la contingente situazione politica, di instabilità e di cambiamenti strutturali, che si sta verificando in Gran Bretagna: la riflessione dovrebbe invece volgere lo sguardo verso scenari ben più ampi. Analizzando questo e altri attentati, si noterà come le incerte situazioni politiche occidentali ben poco hanno a che fare con la volontà di colpire da parte dell’ISIS.

Pensare poi che alla sconfitta militare in Siria e Iraq corrisponda la fine degli atti terroristici è una illusoria chimera. La guerra dell’ISIS viene condotta sui campi di battaglia in Medioriente così come in Europa, semplicemente con metodi e tecniche differenti. Sono due strade parallele, ma che conducono verso un unico obiettivo: l’affermazione del Califfato. E’ una realtà con la quale dobbiamo drammaticamente fare i conti e che non è destinata a concludersi nel breve periodo, poiché il seme del jihad sta producendo i suoi frutti, ogni giorno più tragici.

I terroristi dell’ISIS non sono lupi solitari, né persone con problemi psichiatrici, come ogni tanto vengono dipinti dai media internazionali. Sono combattenti di una guerra che ci rifiutiamo di ammettere esista davvero.

La contraddizione Tunisia: tra sviluppo e foreign fighters

Nonostante i progressi degli ultimi anni e un percorso volto alla democrazia, la Tunisia vanta un triste primato: è il paese che esporta più foreign fighters fra gli stati arabi.

La contraddizione Tunisia: tra sviluppo e foreign fighters - Geopolitica.info PHOTO: FETHI BELAID

La Tunisia, racchiusa tra la Libia in pieno caos e un regime autoritario in Algeria, rappresenta l’unico esempio di “storia di successo” della primavera araba con la deposizione del dittatore Ben Ali dopo un governo di ben 24 anni. Secondo l’Economist, il paese è l’unico caso di democrazia nel mondo arabo mentre per alcuni studiosi è il modello più avanzato di conciliazione tra Islam e democrazia che possiamo trovare oggi in Nord Africa e Medio Oriente.

Nonostante queste premesse positive, il paese magrebino si trova ad affrontare diversi problemi fra cui quello dei foreign fighters, cittadini che hanno abbracciato gli ideali dello Stato Islamico e sono partiti per combattere in guerra. La Tunisia è infatti il principale esportatore di questi combattenti: secondo alcune stime sono circa 7000 i cittadini tunisini partiti per combattere in Iraq, Siria e Libia, quasi il doppio di ogni altra nazione. I pareri su questi dati tuttavia non sono concordi: il governo tunisino ha calcolato che circa 3000 dei suoi cittadini si sono uniti all’Isis, mentre per altre fonti come le Nazioni Unite e analisti indipendenti la prima cifra sopra presentata rispecchia la triste realtà.

Come è possibile che un paese, con i suoi 11 milioni di abitanti che rappresentano meno dell’un per cento del mondo musulmano, possa giocare un ruolo così importante in questo fenomeno rispetto ad altre nazioni ben più popolose come l’Egitto (più di 80 milioni di abitanti) o il binomio Algeria-Marocco (insieme più di 60 milioni)?

Risposte semplici non esistono ma possiamo prendere in considerazione diversi fattori che sono utili a comprendere meglio la situazione del paese. Innanzitutto la Rivoluzione dei Gelsomini non è riuscita a porre fine ad antichi problemi che restano intrinsechi nella società come la corruzione dilagante e l’elevato tasso di disoccupazione. Alcune gerarchie precedentemente al potere sono tornate a ricoprire le loro posizioni, e nelle aree remote del paese la nuova Tunisia non è tanto diversa da quella pre-rivoluzione, sottolineando il problema della marginalizzazione delle regioni interne come il Kef, abbandonate spesso al loro destino. Ad aggravare questo quadro ha contribuito la crisi economica che sta mettendo in ginocchio il paese, colpendo i suoi settori chiave: il turismo, che sta ancora risentendo degli effetti degli attentati di Sousse e del Bardo, e il calo del 60% della produzione dei fosfati, con una conseguente diminuzione delle esportazioni.

Il fenomeno dei foregn fighters tuttavia non è solo da racchiudersi nella precaria situazione economica, ma è piuttosto complesso e non possiamo incorrere nell’errore di generalizzare  l’immagine del terrorista e i motivi che portano a percorrere questa strada. Certamente alle origini di questo problema ci sono sicuramente la povertà, l’analfabetismo, ma queste non sono le sole cause. Il Centro tunisino per la ricerca e gli studi sul terrorismo ha fornito i seguenti dati: il 40% dei terroristi tunisini ha effettuato studi universitari, e in generale la fascia di età più coinvolta va dai 18 ai 34 anni. Nei giovani tunisini (il 40% della popolazione ha meno di 24 anni) resta ancora forte un senso di disillusione causato dalla rivoluzione, dalla possibilità che la società potesse cambiare e le ingiustizie cessare. In questo contesto molti giovani disoccupati e insoddisfatti si fanno ammaliare dalle sedicenti promesse del califfato di al-Baghdadi: un salario, giustizia sociale e copertura sanitaria gratuita. I giovani, privi di riferimento, trovano nello Stato Islamico una causa per cui combattere e nel jihad un mezzo di realizzazione personale, cercando la gloria e un riscatto nei confronti della società di origine che non li considera. L’Isis dunque fa leva sulla fragilità di queste persone per fare proselitismo, aiutato anche dalle maggiori libertà di opinione ed espressione che la giovane democrazia tunisina fornisce.

In questo periodo il governo tunisino si trova a discutere una strategia nazionale per far fronte al ritorno in patria dei jihadisti dalle zone di conflitto. Dal 2013 il governo tunisino ha adottato una politica di prevenzione volta a sorvegliare i cittadini sospettati di simpatizzare per l’Isis,  impedendo loro di partire all’estero con controlli ed arresti. Inoltre una legge anti-terrorismo è stata approvata lo scorso anno in seguito agli attacchi contro i turisti stranieri verificatisi negli anni passati.

Il presidente tunisino Beji Caid Essebsi ha dichiarato recentemente che la Tunisia non grazierà mai i connazionali che hanno combattuto per organizzazioni jihadiste, aggiungendo: “Molti di loro vogliono tornare e non possiamo impedirlo ma saremo vigili”. Intanto il ministro dell’Interno Hedi Majdoub ha reso noto che 800 terroristi tunisini che hanno combattuto all’estero sono tornati nel paese, non fornendo tuttavia ulteriori informazioni sulle loro sorti. L’opinione pubblica si è divisa su questo tema: alcuni politici laici hanno chiesto di ritirare loro la nazionalità (anche se il diritto di cittadinanza è protetto dalla costituzione) mentre circa 1.500 persone hanno manifestato davanti al parlamento chiedendo di non farli rientrare. Il dibattito in Tunisia è molto accesso anche per le possibili conseguenze future: una delle paure è che questi combattenti possano prendere il controllo del paese e portare la Tunisia a diventare uno ‘Stato fallito’ come la Somalia.