Archivio Tag: Russia

La sfida a due nella contesa di Idlib: ma tra chi?

Le notizie che ci giungono, in questi giorni, da Idlib mostrano più che mai come l’ascesa egemonica nel MENA si traduca in una temibile “sfida a due”, che vede protagonisti il Sultano Erdoğan e lo zar Putin. Una sfida tra una Turchia ambivalente che si muove nella veste di alleato NATO e di garante dell’accordo di Astana, ma che persegue malcelati fini espansionistici e, un Cremlino interessato a manifestare le riconquistate doti di mediatore regionale.

La sfida a due nella contesa di Idlib: ma tra chi? - Geopolitica.info

 

La guerra civile siriana

Una guerra civile, quella siriana, che è andata internazionalizzandosi contestualmente all’emergere del pericolo ISIS. Di fronte all’incontenibile Stato islamico solo la discesa in campo delle forze militari russe e iraniane ha permesso di risollevare le sorti del regime siriano. All’indomani, infatti, della sconfitta del califfato, durante il 2017, Assad sostenuto dalle forze aeree russe e dalle milizie sciite di Teheran, ha potuto riconquistare numerosi territori controllati dai ribelli come Darāyā, Aleppo est e il Ġūṭa orientale. Tranne Idlib capace di resistere altri due anni grazie al sostegno militare ed economico garantito da Arabia Saudita, Qatar,e Turchia. I principali competitors mediorientali si sono, così, trovati a fronteggiarsi sul terreno siriano generando una miscela “geopolitica” esplosiva.

Le ambizioni russe

Il progressivo rafforzamento militare di Assad ha corrisposto, al contempo, alla volontà di abbandonare ogni possibile via negoziale per la risoluzione della crisi siriana. Soltanto, l’ingresso di una potenza politica terza ed autorevole avrebbe consentito di aprire un tavolo di confronto. A fronte della politica americana di selective engagement, quel ruolo è automaticamente spettato al Cremlino. Putin si è prontamente attivato ad aprire un parallelo processo diplomatico, ad Astana, tra i contendenti. Il migliore risultato del processo di Astana è stata la approvazione, nel corso del 2017, di aree di de-escalation tra ribelli e forze governative, ovvero di aree protette ove consentire l’arrivo degli aiuti umanitari. Le zone di de-escalation hanno incluso la provincia di Idlib, alcune parti delle sue zone limitrofe nelle province di Latakia, Hama e la zona nord della città di Homs, il sobborgo damasceno di Ghouta, nonché le province di Daraa e al-Quneitra nel sud della Siria. Garanti del rispetto di tali zone sarebbero stati precipuamente i rispettivi alleati, la Russia e l’Iran, da un lato, e la Turchia dall’altro. Mediante l’attivazione del Processo di Astana il Presidente Putin ha colto l’occasione di divenire l’interlocutore privilegiato nella regione, con l’intento di giungere a vantare una sfera di influenza che va dalla Crimea ai territori oltre il Caucaso e interporsi nelle relazioni geopolitiche con la medesima autorevolezza della vecchia Urss

Le ambizioni turche

Nel corso della guerra profili di inadempimento dell’accordo di Astana sono stati individuati nella condotta di uno dei garanti, la Turchia. Già nell’autunno 2018 la Turchia ha schierato proprie truppe ad Idlib formalmente con l’obiettivo di far rispettare le clausole dell’accordo. In realtà, anziché schierarsi tra ribelli e regime, le truppe di Ankara hanno proceduto verso l’enclave curda di Afrin, con il fine di usare l’accordo per spingersi sempre più a Sud nella Siria, e riaffermare il potere su ex-domini ottomani. D’altronde, Erdoğan, è stato il primo presidente ad aver politicamente sfruttato la ricostruzione storiografica delle gesta imperiali ottomane, riappropriandosi del trauma identitario causato dal Trattato di Losanna del 1923. La guerra di Siria ha, dunque, rappresentato per Ankara il presupposto per la ricostruzione della Grande Turchia dei primi del ‘900. Non a caso, molteplici sono state le operazioni condotte oltreconfine: dall’operazione “Scudo dell’Eufrate” del 2016, alla operazione “Ramo d’Ulivo” del 2018 sino all’operazione “Fronte di pace”, di vero e proprio sventramento del Rojava. In questo modo Ankara impedisce l’unificazione delle zone dell’Antico Kurdistan, mentre si riappropria di ampie zone della vecchia area di influenza ottomana in Siria a ridosso del confine turco. Zone di influenza esclusivamente turca come conferma il contenuto dell’accordo di Sochi, tra il presidente Putin e il presidente turco Erdoğan in merito alla creazione di una”safe zone” estesa a est del fiume Eufrate per 440 km lungo il confine con la Turchia. Dall’autunno 2019, Ankara mantiene, infatti, il controllo di un territorio di 120 km di estensione e 30 di profondità, compreso tra le città di Tel Abyad (ovest) e Ras Al-Ayn. Ma auspica di proseguire verso sud ovvero verso Idlib per creare una zona cuscinetto ancora maggiore ove, in primis, collocare, i milioni di profughi siriani assiepati sul confine e, in secundis, allontanare il più possibile le truppe di Assad dal proprio territorio. Infatti, Erdoğan teme ritorsioni da parte di colui che si è scelto, politicamente, come primo nemico nella Regione. Ne costiuisce una riprova la risoluzione approvata, nelle scorse ore, dal parlamento siriano volto a riconoscere il genocidio degli armeni perpetrato dagli ottomani dal 1915. La approvazione è stata accompagata da una puntigliosa dichiarazione del presidente del Parlamento siriano Hammouda Sabbagh “Ora vediamo l’aggressione turca come basata sull’ideologia razzista ottomana”. Una provocazione, al momento, soltanto formale ma che preannuncia ulteriori scintille sul campo di battaglia.

Arabia Saudita, Iran e Usa

L’esuberante politica turca ha fatto sì che altri autorevoli attori regionali si svincolassero dalla questione siriana. L’Arabia Saudita ha preferito occuparsi delle problematiche interne e della instabilità yemenita. L’Iran, invece, dopo le rappresaglie attuate, in territorio iracheno, in risposta alla uccisione del comandante Qasem Soleimaini, preferisce attendere restando ad osservare le prossime mosse dell’”odiata” America e del Cremlino. Dal canto suo, Washington mantiene ufficialmente la linea adottata di ripiegamento e di progressiva uscita dal Medio Oriente. Una politica che ha spinto in questi anni le principali potenze mediorientali a tentare l’ascesa ad egemonia regionale. Una rincorsa egemonica che, però, al momento ha visto l’emergere di una inarrestabile Turchia e di una attenta ma poco efficace Russia. Chi ne uscirà vincitore? Lo deciderà solo la battaglia di Idlib.

La contesa di Idlib

La contesa di Idlib sta vedendo protagonisti sul campo l’esercito di Ankara e quello Damasco. E per quanto le rispettive fila hanno contato anche dei morti, la resa dei conti non vedrà partecipe il regime di Assad ormai sfiancato e sull’orlo del fallimento economico, bensì il Sultano Erdoğan e lo zar Putin, principale sostenitore di Assad. Entrambi presentano il desidero di contrapporsi egemonicamente a Washington. Entrambi sono stati gli artefici dei negoziati diplomatici in Siria ma non necessariamente entrambi sapranno contenere i propri egoismi e conservare la giusta lucidità di risoluzione delle problematiche regionali. Di certo, la politica “neo-imperialistica” di Ankara costituisce la principale ragione di crisi e Putin ha tutto l’interesse di paventare le doti di mediatore. Allo stesso tempo, le truppe turche stanno operando per la prima oltre i propri confini manifestando spesso un certo grado di impreparazione. A loro favore propende, però, il possibile stanziamento di nuove risorse dalla capitale a fronte della consolidata ripresa economica, dopo la svalutazione della lira turca. Diversamente, il Cremlino teme ancora l’acutizzarsi della stagnazione economica difficile da contenere se si prosegue con l’esborso di risorse nei principali focolai regionali. Non solo. A favore di Ankara gioca la duplice veste di alleato NATO e di garante dell’accordo di Astana. Infatti, la NATO ha invitato Assad e il suo principale alleato, la Russia, a interrompere gli attacchi, alla luce delle precarie condizioni in cui si ritrovano le popolazioni civili della zona. Contrariamente, Erdoğan ha giustificato il movimento di circa 9000 uomini nelle zone di Latakia, limitrofa a idlib, come funzionale al controllo dell’area e al consolidamento del cessate il fuoco. Una perversa ambivalenza che cela gli effettivi fini della politica estera del Sultano. Dal canto suo, Trump auspica che si generino, nell’area mediorientale, uno o più competitors di dimensione regionale che tengano sotto controllo i focolai in corso, riservando, però, a sé soltanto la facoltà di intervento diretto nell’ipotesi che questi falliscono nell’adempimento del loro compito. Ne deriva la sottesa volontà di conservare sempre una attenzione particolare verso la zona del MENA: lo dimostra il dispiegamento di ben 14mila unità militari durante il 2019, unità aumentate di 3500 unità dopo l’avvio dell’escalation Iraniana. Dunque, la volontà di Washington di selezionare le aree geopolitiche di intervento militare diretto non si è tradotto sino ad ora in un totale disinteresse per il Medio Oriente. Perciò, non può escludersi un futuro intervento, nella Regione, americano volto a limitare possibili rovinosi esiti da questa perversa “sfida a due” di Russia e Turchia.

L’Organizzazione per la Cooperazione di Shangai come terreno per lo sviluppo delle relazioni russo-cinesi

Molti osservatori hanno sottolineato di recente quanto le relazioni tra Cina e Russia, i due giganti eurasiatici che hanno assunto negli ultimi anni una postura revisionista nei confronti dell’ordine unipolare, siano più solide che mai.

L’Organizzazione per la Cooperazione di Shangai come terreno per lo sviluppo delle relazioni russo-cinesi - Geopolitica.info

Questa considerazione è stata confermata da Sergei Shoigu, ministro della difesa della Russia, il quale ha affermato che le relazioni russo-cinesi stanno vivendo uno dei periodi migliori della loro storia. Tra i vari campi in cui i rapporti tra i due paesi stanno conoscendo una significativa evoluzione citiamo le Nazioni Unite, il BRICS e soprattutto l’Organizzazione per la cooperazione di Shangai, organismo intergovernativo dedito ad assicurare la cooperazione economica, culturale e militare tra i suoi membri. L’analisi dell’organizzazione di Shangai ci consente di approfondire la conoscenza di uno dei corpi politici più rilevanti sotto il profilo geopolitico degli ultimi anni, ma forse ancora poco enfatizzato presso i mass media occidentali.

L’Organizzazione per la cooperazione di Shangai. Origini e struttura

Questo organismo venne fondato nel 2001 dai capi di stato di sei paesi: Cina, Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan. Nel 2017 si sono uniti India e Pakistan. Nata come meccanismo per favorire la risoluzione di dispute territoriali tra i paesi aderenti, l’Organizzazione è andata progressivamente istituzionalizzandosi, intensificando la cooperazione tra i suoi membri tanto su questioni di sicurezza quanto in ambiti come quello economico, energetico e culturale. Il piano militare e di sicurezza è quello tuttavia più rilevante, all’insegna della comune volontà di contrastare tre fenomeni identificati come le principali minacce alla sicurezza regionale: il terrorismo, l’estremismo e il separatismo. Ciò testimonia come l’obiettivo primario degli stati membri sia quello di conservare lo status quo territoriale in una regione, quella eurasiatica, dove non mancano irredentismi, contrasti etnici, spinte secessioniste e ingerenze esterne.

La questione delle ingerenze delle potenze straniere, e degli USA in modo particolare, è un fattore determinante per l’Organizzazione. Fedeli al motto: “Eurasia agli eurasiatici”, i membri dell’Organizzazione contestano la massiccia presenza statunitense nell’area: ciò è apparso evidente sin dal 2005, momento in cui emerse la richiesta a Washington di calendarizzare il ritiro delle proprie installazioni e dei propri soldati presenti in Asia centrale.

Al fine di raggiungere i propri obiettivi, l’organizzazione si è data una struttura molto snella ed efficiente. Al vertice vi è il ‘Consiglio dei capi di stato’, il più importante organo decisionale: si riunisce una volta l’anno a rotazione in ciascuno degli stati membri. A seguire nella gerarchia vi sono il ‘Consiglio dei capi del governo ’ e il ‘Consiglio dei ministri degli esteri’. Il primo si occupa di approvare il budget dell’Organizzazione, di discutere gli ambiti e lo stato dell’arte della cooperazione multilaterale; il secondo invece discute le principali questioni dell’agenda politica internazionale e gestisce le relazioni tra l’organizzazione e gli altri organi multilaterali. Al Segretariato generale, organo amministrativo ed esecutivo, si affiancano diverse altre strutture e agenzie. Le azioni dell’Organizzazione vengono svolte sulla base del cosiddetto ‘Spirito di Shangai’: un sentimento fondato su fiducia reciproca, solidarietà, trasparenza e ricerca di un interesse comune.

Le relazioni russo-cinesi nell’ambito dell’Organizzazione

Dopo una prima fase di tensione, culminata con il rifiuto cinese di fornire un sostegno politico incondizionato alla Russia nel conflitto contro la Georgia del 2008, le relazioni russo-cinesi si sono fatte via via più strette a partire dal summit dell’Organizzazione del 2012. Al termine dell’incontro, Russia e Cina si accordarono per dichiarare che nessuno stato dell’Organizzazione era autorizzato a stipulare alleanze indirizzate contro altri membri della stessa, lasciando intendere una posizione di contrasto rispetto alla NATO e alle mire espansionistiche occidentali nella regione eurasiatica. Russia e Cina affermarono poi il netto rifiuto di qualsiasi intervento armato per risolvere la crisi in Siria e quella del nucleare iraniano.

Successivamente, Russia e Cina si sono trovate su posizioni convergenti nel sostegno ad Assad in Siria e al regime degli ayatollah in Iran. Sotto il profilo della sicurezza, le due potenze collaborano attivamente attraverso la ‘Commissione mista intergovernativa russo-cinese per la cooperazione tecnico-militare’. La cooperazione dinamica dell’industria militare e della difesa indica un livello speciale di fiducia politica nelle relazioni russo-cinesi. Ciò si riverbera altresì nella sfera energetica, attraverso il progetto “Power of Siberia” che prevede la costruzione di un gasdotto lungo 3000 km dal valore di 400 miliardi di dollari, che legherà fortemente le economie dei due giganti. “Power of Siberia” ha una valenza simbolica e geo-economica epocale, in quanto unisce in modo indissolubile la Russia, il più grande esportatore mondiale di gas naturale, e la Cina che, invece, ne rappresenta il principale mercato di importazione globale.

In definitiva, la Russia e la Cina, attraverso lo stretto rapporto personale tra i leader Putin e Xi Jinping e il coordinamento all’interno dell’Organizzazione di Shangai, intendono realizzare un asse continentale fondato sul balance of power e sul coordinamento internazionale nell’ambizioso tentativo di declinare la storica dottrina Monroe «America agli americani» in un «Eurasia alle potenze eurasiatiche».

Conclusioni

Per comprendere il potenziale di sviluppo dell’Organizzazione è sufficiente leggere i numeri. Secondo i dati del 2019, fanno parte di quest’organismo tre delle prime quattro potenze militari del pianeta (Russia, Cina e India) e due delle prime cinque potenze economiche (Cina e India). Come se non bastasse, Cina, Russia, India e Pakistan rappresentano altresì delle potenze nucleari. Le esercitazioni militari dell’Organizzazione sono sempre più frequenti. La prima si svolse nel 2003, e da allora vengono eseguite regolarmente con cadenza annuale o biennale. Le esercitazioni, che vengono chiamate ‘missioni di pace’, sono tenute su larga scala e coinvolgono migliaia di soldati. India e Pakistan si sono unite alle esercitazioni per la prima volta nel 2018.

E l’Occidente? Considerate le crescenti tensioni all’interno della NATO, con il presidente francese Macron che ha recentemente accusato il presidente americano Trump di aver voltato le spalle all’Europa e di aver contribuito a ridurre l’Alleanza Atlantica in uno stato di ‘morte cerebrale’, l’avanzata del potente blocco eurasiatico non può che aprire scenari inediti nello scacchiere internazionale. Compito della NATO sarà quello di ritrovare in fretta compattezza e spirito di unione, al fine di rispondere alla sfida globale che Russia e Cina sembrano porre in atto con convinzione e forza sempre maggiori.

Who is Who: Mikhail Mishustin

Nome: Mikhail Vladimirovic Mishustin
Nazionalità: Russa
Data di nascita: 3 marzo 1966
Ruolo: Primo Ministro del Governo della Federazione Russa

Who is Who: Mikhail Mishustin - Geopolitica.info

Classe 1966 (54 anni), Mikhail Mishustin si forma nell’Università Statale di Tecnologia di Stankin, laureandosi nel 1989 e conseguendo successivamente due dottorati in materie economiche, manifestando una grande attenzione per i nascenti processi di digitalizzazione dei sistemi produttivi e di modernizzazione degli apparati amministrativi. Alla fine degli anni Novanta, nel 1998, viene nominato Vicedirettore del Servizio Tributario Federale e, a seguito della riorganizzazione del Governo nel 1999, diviene Viceministro con delega a tasse e tributi, partecipando al processo di consolidamento macroeconomico dello Stato sostenuto da Alexey Kudrin, il primo e più importante Ministro delle Finanze dell’era Putin. Nel 2004 è posto a capo dell’Agenzia Federale del Catasto e successivamente, nel 2006, dell’Agenzia Federale per la Gestione delle Zone Economiche Speciali. A seguito di tale esperienza, nel 2008 ritorna al settore privato al vertice del Gruppo UFC (OFG Invest), una società operante nel settore degli investimenti. Dopo due anni, nel 2010, ritornerà nell’amministrazione pubblica come Direttore del Servizio Tributario Federale, nel quale resterà per dieci anni fino alla nomina a Primo Ministro dopo le inaspettate dimissioni di Dmitrij Medvedev.

La sua nomina a Capo del Governo è giunta inaspettata tanto all’opinione pubblica russa quanto agli osservatori internazionali. Nel corso della sua carriera, come si è visto, ha ricoperto ruoli non di primo piano, dalle caratteristiche per lo più tecniche, mostrandosi un abile burocrate senza mai ricoprire incarichi squisitamente politici. Negli ultimi dieci anni, Mishustin ha consolidato la capacità di acquisizione delle tasse da parte del Servizio Tributario Federale, avviato un ampio processo di digitalizzazione della macchina amministrativa, migliorando così i rapporti con il settore imprenditoriale e consolidato l’uso dei pagamenti elettronici, si è inoltre distinto per un duro contrasto alla corruzione all’interno dell’apparato dello Stato, uno degli elementi che più ha compromesso la capacità del Governo russo di riscuotere i tributi dalle diverse entità della Federazione.

La nomina di figure dal profilo tecnico non è una novità assoluta per il Governo Russo, non solo negli anni di Eltsin ma anche, e soprattutto, dall’avvento di Vladimir Putin, gli incarichi economici, malgrado la loro evidente valenza politica, sono stati ricoperti da tecnici, dimostrando una naturale predisposizione della classe dirigente moscovita per figure competenti ma prive di un ampio supporto politico al di fuori del legame con il Presidente.

La scelta di un figura politicamente marginale ma tecnicamente competente può essere quindi interpretata in due modi: dato il processo di riforma costituzionale che verosimilmente sarà portato avanti nei prossimi mesi, la scelta di un premier politicamente non indipendente favorirà un riposizionamento della figura di Vladimir Putin in un ruolo influente senza dover apportare modifiche radicali al testo costituzionale o forzare le disposizioni contenute nella legge fondamentale dello Stato; alternativamente, analizzando il discorso pronunciato di fronte alla Duma, che il 16 gennaio ha confermato la nomina di Mishustin con una maggioranza schiacciante di 383 voti favorevoli e 41 astensioni ( principalmente dei deputati comunisti), il nuovo premier potrebbe essere la figura più adatta per avviare quelle riforme fondamentali per la modernizzazione della Russia al fine di rafforzarne la struttura economica, ancora oggi eccessivamente dipendente dall’esportazione delle risorse naturali e armamenti e non in grado di sostenere una crescita economica consolidata, nonché la capacità del settore privato di fornire capitali e innovazioni, fondamentali per un effettivo avanzamento dell’economia della Federazione.

Le dimissioni di Medvedev: tra riforme e stabilita’

Le inaspettate dimissioni di Dmitrij Medvedev, annunciate nel pomeriggio del 15 gennaio, hanno riacceso le luci su quanto sta avvenendo a Mosca dove, all’ombra dei tentativi di negoziare una tregua in Libia, sembra lentamente prendere piede la prospettiva di un lento, ma necessario, cambiamento al vertice dello Stato russo.

Le dimissioni di Medvedev: tra riforme e stabilita’ - Geopolitica.info

 

L’annuncio del Primo Ministro russo è giunto inaspettato agli occhi di gran parte degli osservatori internazionali, sorprendendo per le tempistiche con cui il Premier uscente ha comunicato le proprie dimissioni e quelle dell’intero Governo. La scelta operata da Medvedev ha fatto seguito al discorso alla nazione di Vladimir Putin, durante il quale il Presidente russo ha annunciato l’avvio di un vasto programma di riforme costituzionali volte a ridefinire il ruolo i poteri delle principali istituzioni dello Stato. Di fronte all’Assemblea Federale, dopo aver ribadito il ruolo di grande potenza militare della Russia, sottolineato la necessità di far fronte al problema demografico del paese e ribadito la necessità di consolidare le radici profonde dell’unità della nazione per guardare al futuro, Putin ha affermato alla necessità di ridisegnare alcuni elementi del sistema istituzionale russo riferendosi, principalmente, ai due attori fondamentali della Federazione: la Presidenza e la Duma.

Con riferimento al futuro ruolo del Presidente della Federazione ha sostenuto la necessità di mantenere il carattere presidenziale della Repubblica russa, pur aprendo alla possibilità di condividere alcuni poteri con le altre istituzioni e di limitare a due il numero massimo di mandati che il Presidente potrà ricoprire. Rispetto alla Duma, ha asserito la necessità di una maggiore condivisione delle responsabilità di governo con il potere legislativo, per il quale ha proposto un rafforzamento del meccanismo fiduciario, nei fatti attualmente inesistente, che leghi la Camera Bassa del Parlamento al Governo, il quale, secondo la proposta avanzata da Vladimir Putin, dovrebbe essere formato sulla base di un’ampia intesa tra il Premier e la Duma, alla quale dovrebbe spettare il potere di nominare il Primo Ministro, i Viceministri e i Ministri del Governo. Contestualmente sono state annunciate una serie di proposte volte alla ristrutturazione di alcuni meccanismi di nomina dei vertici delle agenzie federali e di alcuni organi regionali, coinvolgendo maggiormente il Consiglio Federale, la Camera Alta del Parlamento, al fine così di cedere alcuni poteri dalla Presidenza all’Assemblea Federale.

L’annuncio di tali riforme ha avuto come primario effetto quello di portare il Governo presieduto da Dmitrij Medvedev alle dimissioni, rese pubbliche poche ore dopo il discorso di Vladimir Putin. Secondo quanto affermato dallo stesso Medvedev, la necessità di sostenere adeguatamente il Presidente nel nuovo processo di riforma costituzionale ha portato il Governo alle dimissioni, offrendo al leader del Cremlino l’opportunità di formare il Governo più adeguato alla gestione di questa nuova fase di evoluzione della politica russa. Seppur non ancora confermato dal voto della Duma, a sostituire Medvedev sarà Mikhail Mishustin, dal 2010 a capo del Servizio Tributario Federale, una figura in realtà non molto nota che non sembra presentare una forte personalità politica né un proprio seguito indipendente, avendo avuto una formazione e un’esperienza prettamente tecnica.

Quanto sta avvenendo a Mosca segna il passo di un possibile prossimo cambiamento non solo negli aspetti istituzionali ma anche, e soprattutto, nella distribuzione del potere all’interno delle diverse branche dello Stato russo, manifestando così un’evoluzione notevole rispetto al forte presidenzialismo cui abbiamo assistito nell’ultimo decennio. Cosa possiamo quindi dire rispetto alla prospettiva di nuove riforme in Russia?

  • Malgrado l’annuncio di riforme in senso vagamente “parlamentare”, Putin ha in più occasioni affermato la necessità di una struttura che veda il Presidente mantenere alcune prerogative fondamentali, soprattutto rispetto alla gestione della politica di sicurezza e difesa, aprendo ad alcuni cambiamenti ma in modo evidentemente graduale al fine di non compromettere la propria attuale posizione. Qualora tali riforme fossero confermate nei prossimi mesi, segnerebbero, effettivamente, l’avvio di un lento processo di transizione al fine di condurre senza strappi la Russia al 2024, quando si concluderà il quarto mandato di Vladimir Putin alla guida del Cremlino;
  • Verosimilmente, pur non ricandidandosi alla Presidenza, Putin manterrà un ruolo di primo piano all’indomani della fine della sua esperienza alla guida del paese, ricavandosi una posizione che gli permetta di rimanere influente nella politica russa, senza dover però apporre modifiche radicali alla Costituzione. Data la prospettiva di un futuro rafforzamento del Governo rispetto alla Presidenza, nelle ultime ore si è immaginato un possibile incarico come Primo Ministro dai poteri “rafforzati” o come guida del Consiglio di Stato, l’organo che riunisce i diversi Soggetti della Federazione e i rappresentanti del Governo centrale e che permetterebbe al leader russo di mantenere un’elevata capacità di influenza della vita politica tanto a livello locale quanto a livello federale;
  • L’avvento della nuova struttura istituzionale comporterebbe la necessità di una ristrutturazione del sistema partitico russo e, prima tra tutti, di Russia Unita, il partito che dal 2004 ha sostenuto la Presidenza nella Duma. Qualora le riforme fossero confermate, il partito del potere dovrebbe evolversi in una struttura più solida e adeguata a gestire la transizione, supportando il nuovo Governo e l’azione del Presidente, oppure, procedendo verso una riconfigurazione del proprio ruolo e della propria struttura, passando attraverso uno scioglimento, un’eventualità già considerata in passato;
  • Per quanto attiene al futuro di Dmitrij Medvedev, l’ormai ex-Primo Ministro ricoprirà l’incarico di Vicepresidente del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa, l’organo di raccordo delle diverse agenzie e istituzioni coinvolte nel processo di elaborazione della politica estera e di difesa russa. Pur mantenendo un ruolo di primo livello vicino al Presidente, sembra essere improbabile una prossima candidatura alla Presidenza dopo il 2024, a causa dei profondi dissapori emersi tra i due Presidenti durante la precedente esperienza di Medvedev al Cremlino (2008-2012) e del ruolo subordinando, nonché prettamente interno, che la sua figura ha generalmente avuto dal ritorno di Putin alla Presidenza.

In conclusione, la classe dirigente moscovita, riunita intorno alla figura di Vladimir Putin, ha dimostrato la sua evidente avversione ad ogni rischio non necessario in più occasioni e l’eventuale avvio di un processo di riforma interno che possa portare ad una fuoriuscita senza strappi del leader che per vent’anni ha governato la Russia va esattamente nella stessa direzione. La grande attenzione dimostrata anche nel discordo alla nazione rispetto alle questioni sociali e ai problemi interni è sintomatica di una grande consapevolezza di quelle fragilità interne che, insite nella Russia post-sovietica, sembrano da alcuni anni riemergere. Il mancato consolidamento dell’economia, il trend demografico negativa, le difficoltà nel produrre innovazioni che si traducano in effettivo sviluppo nonché le distorsioni di un sistema di potere evidentemente patrimoniale sono tutti elementi che, dopo vent’anni dall’avvento di Putin, permangono seppur ammantati dal grande sostegno di cui ancora gode il leader del Cremlino.

 

Una riflessione a caldo sulla Libia: le “trattative armate” di Russia e Turchia e l’Italia senza coraggio

Il flebile cessate-il-fuoco stabilito in Libia previa mediazione turca (con al-Sarraj) e russa (con Haftar) in funzione dei colloqui di Mosca mette in evidenza l’ormai scarso peso italiano nella regione.

Una riflessione a caldo sulla Libia: le “trattative armate” di Russia e Turchia e l’Italia senza coraggio - Geopolitica.info A Libyan rebel who is part of the forces against Libyan leader Moammar Gadhafi sits next to a pre-Gadhafi flag as he guards outside the refinery in Ras Lanuf, eastern Libya, Monday, March 7, 2011. (AP Photo/Kevin Frayer)

La soddisfazione per la tregua espressa dalla Farnesina non si discosta di molto dalla fallimentare idea di azione unitaria dell’UE – mai stata così lontana dall’avere peso nel teatro libico – e dal pacifismo ideologico di Roma che è, specie quando si affrontano scenari di crisi, una palla al piede. Il governo italiano continua ad augurarsi che da Bruxelles si parli con una voce sola ma ormai gli europei, persino quelli che sembravano protagonisti indiscussi della crisi libica come francesi e britannici, hanno perso mordente e terreno dinanzi alla ingombrante presenza turca e russa.

Da attore principale della crisi libica l’Italia si è trasformata in una delle tante voci del coro, anche poco ascoltata – ed i giri di valzer targati Di Maio e Conte mostrano proprio questo – rispetto ai turco-russi che al contrario sanno bene quali carte giocare assieme pur essendo schierati su fronti opposti in questa vicenda. Un appoggio concreto ad al-Sarraj, privo delle macchiettistiche operazioni di “marketing” ( si vedano i “corsi gender” ideati dalla Trenta per gli ufficiali libici) e degli scrupoli ideologici (no alla vendita di armi al governo di Tripoli e no al supporto militare nonostante l’alleato libico fosse assediato), avrebbe permesso a Roma di evitare lo scivolamento di Tripoli verso Ankara: con questo non si vuole dire che non esistesse già un “legame speciale” tra Erdogan ed il governo tripolino in cui tanta parte ha la Fratellanza Musulmana, ma l’Italia aveva comunque una voce importante in capitolo e nulla si è fatto per mettere a frutto questo potenziale in termini politici.

Avendo lasciato uno spazio vuoto era chiaro che qualche altra Potenza avrebbe tentato di occuparlo; l’acuirsi della crisi militare ha consentito alla Turchia di giocare la carta muscolare inviando armi e truppe a Tripoli proprio nel momento in cui l’Italia scartava un’eventualità del genere. I “boots on the ground” – per quanto esigui siano al momento – hanno permesso alla Turchia di intavolare trattative con la Russia spostando di fatto il baricentro del conflitto dal campo di battaglia ai corridoi delle cancellerie, aprendo alla fase delle “trattative armate”. Quel che l’Italia poteva fare e che colpevolmente non ha fatto ha consentito ad una Potenza rivale – che per modus operandi e scelte strategiche sta assumendo lo stesso ruolo della Francia nel 2011, cioè quello di un formale alleato anti-italiano nella prassi – di allargare il proprio spazio di manovra fagocitando il nostro.

Il governo italiano sta approntando un nuovo decreto missioni per aprire alla possibilità di rafforzare la presenza militare in Libia cercando quindi di parare il colpo dei turchi e dei russi, proponendosi come un partner affidabile a cui richiedere uno sforzo per approntare un contingente che funga da “cuscinetto” tra Tripoli e Bengasi in vista dei colloqui di pace. Sarebbe un modo per tornare in ballo ma sempre da comparse e non da protagonisti; il dato di fatto è che Roma ha incoscientemente perso tempo e non è intervenuta massicciamente quando avrebbe potuto farlo, aggrappandosi invece alle norme internazionali, le quali sono valide in periodi tranquilli ma che durante le crisi valgono meno di zero.

Diceva Carl Schmitt che “sovrano è chi decide sullo stato d’eccezione”. Si potrebbe benissimo adattare questo concetto anche alla politica estera evidenziando che “siede al tavolo chi decide sullo stato d’eccezione” e non si fa quindi spaventare dalle crisi politico-militari e che ne vede, anzi, le opportunità per incidere ed ampliare il proprio spazio d’influenza, in altre parole, per attuare – nell’ambito delle proprie possibilità, che non sono poche al di là della sempre negativa autopercezione – una politica di potenza. L’Italia ancora una volta si è comportata da “italietta” mettendo in luce, sia tra la classe dirigente che nell’opinione pubblica, i suoi mali endemici. Non è tanto questione di interpretazioni sbagliate dell’atlantismo ma di pavidità e della totale mancanza di volontà d’accettare e confrontarsi con il peso ed i costi del rischio.

Questo ragionamento vale a prescindere da quelli che saranno i risultati dei colloqui moscoviti e, della eventuale, Conferenza di pace a Berlino.

Le 5 poste in gioco globali per comprendere la crisi tra Usa e Iran

Mentre in Europa ci si affanna a dibattere di Green Deal e in Italia molte pagine dei giornali sono state riempite, negli ultimi giorni, da polemiche sulla conduzione del Festival di Sanremo, nel contesto vicino e mediorientale gli equilibri cambiano radicalmente. Tralasciando i toni delle opinioni più disparate, e spesso troppo polarizzate non solo dei media italiani ma più in generale di quelli internazionali, occorre allargare lo sguardo della crisi tra Stati Uniti e Iran al quadrante euromediterraneo: solo così sarà possibile rifuggire le prospettive apocalittiche e tentare di analizzare la crisi con maggior freddezza, scevri da visioni catastrofiche di una pur improbabile “terza guerra mondiale” (trend topicsu Twitter nelle ultime ore) e dalla simpatia o antipatia personale per Trump.

Le 5 poste in gioco globali per comprendere la crisi tra Usa e Iran - Geopolitica.info

L’uccisione di Qasem Soleimani va anzitutto compresa alla luce dell’approccio strategico dell’amministrazione statunitense e del riassestamento degli equilibri regionali successivi alla fine dell’esperienza statuale dello Stato Islamico. Insieme a questi fattori, però, non si possono però non considerare altre questioni dirimenti che ci portano a volgere lo sguardo a una geografia globale, complessa e incerta, alimentata anzitutto da specifiche strategie di attori che stanno ridisegnando la mappa geopolitica regionale e non solo. Vediamole con ordine, per comprendere meglio quanto sta avvenendo nel mondo.

1) La sconfitta dell’Isis – La battaglia di Baghouz in Siria, terminata nel marzo scorso, aveva posto fine all’esperienza territoriale del Califfato iniziata nel 2014. La presenza dell’Isis aveva sconvolto la geografia politica mediorientale con un progetto politico-religioso tendente all’affermazione globale e al superamento dei confini stabiliti nel corso dei decenni precedenti. Esaurito, almeno territorialmente, il pericolo più imminente incarnato dal Califfo Abu Bakr Al Baghdadi e dai jihadisti aderenti all’Isis, che aveva coalizzato Stati e governi di estrazione molto differente tra loro, si è innescata una reazione pressoché immediata per il ruolo di potenza egemone regionale che ha coinvolto la Turchia, l’Arabia Saudita e l’Iran. Si tratta di una dinamica storicamente ricorrente dei contesti di fine-guerra che ha visto coalizioni allargate accomunate da un unico nemico esterno. La più recente richiesta forzata del parlamento iracheno di ritiro di tutte le truppe straniere dal paese (decisione comunque da verificare, in quanto voluta da un esecutivo dimissionario e dall’astensione o assenza della componente curda e sunnita del parlamento) va letta anche alla luce di tali avvenimenti, e non solo come l’atto – questo sì, forse davvero incauto – di un governo di transizione dimissionario con la metà dei parlamentari presenti, col rischio di un intensificarsi ulteriore della crisi politica, sociale e di sovranità interna al paese.

2) La strategia Usa – Se Obama aveva legittimamente intrapreso una strategia nel contesto mediorientale di favorire un accordo con i paesi sciiti e con l’Iran, invertendo la rotta rispetto alle tradizionali coalizioni con i paesi sunniti – e in particolare con l’Arabia Saudita – Trump dal canto suo ha inteso, fin dall’inizio del suo mandato, ripristinare gli storici rapporti con i sauditi, interrompendo così il canale di dialogo con Teheran. Si tratta di due percorsi differenti che vanno inquadrati nel più generale obiettivo di posizionamento degli Stati Uniti nel mondo e nel complesso quadrante considerato. Si tenga presente che la finalità ultima è quella di ridurre l’impegno americano in politica estera, con il ritiro completo delle truppe dall’Iraq (dove sono presenti 5,200 militari Usa) e sostanziale dall’Afghanistan (attualmente circa 14,000). Non considerare questi due target finali nei fatti più recenti, accusando gli Stati Uniti di eccesso di imperialismo, significa vedere solo un lato della medaglia: la decisione del parlamento iracheno successiva all’uccisione del generale iraniano va proprio nella direzione voluta e prospettata dagli Stati Uniti e dallo stesso Trump (condivisa oltretutto da Obama), vale a dire di un progressivo disimpegno Usa da contesti così lontani e di una centralità strategico al quadrante Indo-Pacifico per la preservazione dell’ordine internazionale. Tanto che il Pentagono ha diramato ieri un comunicato ufficiale in cui conferma la volontà di lasciare il paese nel rispetto della sua sovranità e della decisione del Parlamento. La sequenza dei fatti, inoltre, sembra fino ad ora coerente con il tweet del presidente statunitense di inizio ottobre in cui annunciava la fine di inutili guerre lontane dal paese e dalle necessità del popolo americano. Non solo: l’uccisione di Soleimani rappresenta la risposta americana alle manifestazioni dei giorni precedenti nella green zone di Baghdad proprio contro l’ambasciata statunitense (a pochi passi da quella italiana). Un ulteriore inciso è necessario: pensare che l’uccisione di Soleimani sia un atto fuori dalle regole democratiche decisionali statunitensi, come qualcuno ha ventilato, appare piuttosto azzardato. Ritenere, poi, che sia una mossa per distrarre l’elettorato americano dai problemi relativi all’impeachment o come trampolino per la campagna elettorale (che, è utile ricordarlo, terminerà tra dieci mesi) è del tutto parziale. Il presidente americano è il comandante in capo delle forze armate e, come tale, ha un potere decisionale immediato. Senza considerare che l’efficacia di alcune azioni militari mirate, come quella avvenuta venerdì scorso, dipende totalmente dalla sua immediatezza e imprevedibilità, com’è facile intuire.

3) Il ruolo di Israele – Nella strategia di Trump di dare maggiore spazio ai tradizionali alleati mediorientali – e, tra queste, l’Arabia Saudita e la Turchia – rientra anche la volontà di garantire una maggiore centralità a Israele quale tassello determinante per scardinare il cordone sciita rappresentato da Iraq, Iran e Libano. La decisione della fine del 2017 di trasferire l’ambasciata americana a Gerusalemme, di fatto conferendole uno status di capitale vera e propria dello Stato di Israele, con le conseguenti proteste del mondo arabo, va intesa alla luce degli obiettivi strategici delineati: stringere ancor di più l’alleanza con Israele, dandole una maggior centralità e indebolendo i paesi avversi.

4) La Turchia, la questione curda e la Libia – Nell’obiettivo finale di un progressivo disimpegno statunitense dal contesto mediorientale rientrano anche le più recenti decisioni di lasciare maggiore spazio di manovra alla Turchia anzitutto nel contesto siriano e poi in quello libico. Complice del posizionamento forte della Turchia nel contesto euro-mediterraneo ci sono due fattori fondamentali: l’irrigidimento del governo di Erdogan negli ultimi anni, avviato massicciamente dopo il tentativo fallito di golpe del luglio del 2016; e la totale mancanza di azione e di strategia a scala italiana – della quali siamo ormai assuefatti, nella impossibilità di parlare di una strategia o di un interesse nazionale – oltre che di quella europea, laddove a prevalere sono ormai storicamente le singole e vecchie logiche relative alla Raison d’Etat. Nell’assenza di una politica estera condivisa – di fatto impossibile in quanto agglomerato di singoli interessi nazionali spesso divergenti – e nella volontà statunitense di lasciare spazio agli attori regionali a lei vicini, la Turchia sta avendo gioco facile ad avere un ruolo determinante in Siria, a discapito della componente curda, che ha nuovamente viste disattese le sue richieste di autonomia nazionale, e in Libia, dove l’avvicinamento al governo di Serraj toglie spazio a una possibile azione italiana che era pure stata intrapresa negli ultimi anni, sebbene con molta “timidezza”.

5) La Russia, la Cina e l’impossibilità di una “WWIII” – Ritenere che siamo in presenza di una possibile terza guerra mondiale, senza una chiara definizione della volontà e degli obiettivi di queste due potenze, appare del tutto prematuro e allarmistico. La Russia ha svolto un ruolo cruciale nella sconfitta dello Stato Islamico e nel sostegno al governo di Assad in Siria, avendo un chiaro interesse ad avere un ponte come sbocco nel Mediterraneo e per le questioni energetiche, oltre che per garantirsi una zona di amicizia utile a proiettarsi al di fuori dei confini regionali che hanno contraddistinto la sua azione. Inoltre, l’attuale vicinanza con l’Iran deriva prevalentemente dal comune nemico ma, nel più lungo periodo, le strade dei due paesi potrebbero facilmente seguire percorsi diversi, soprattutto in relazione a eventuali progetti egemonici regionali. La Cina, da parte sua, non avrebbe alcuna intenzione a impegnarsi in un contesto conflittuale che esula dai propri interessi e dalla propria strategia politico-commerciale espansionistica evidente nel progetto di Belt and Road Initiative. Anche in questo caso è utile porsi la semplice domanda che porta ad altrettanto semplici risposte, andando oltre le dichiarazioni politiche necessarie in certi frangenti: qual è l’interesse geopolitico della Cina? Stando a questo, che interesse ha in un eventuale ingresso nel calderone che vede coinvolti Iraq, Iran e Stati Uniti?

La crisi innescata dalla singola azione statunitense è certamente un azzardo, ma altrettanto certamente ben calcolato, che tiene in considerazione i molteplici fattori fin qui considerati, anche se nei momenti di crisi i fattori imponderabili possono giocare un ruolo determinante. Il quadro che si sta delineando è quello di una geografia dell’incertezza derivante dal progressivo ritiro dell’attore egemone per eccellenza e per il determinarsi di azioni degli altri attori regionali. La guerra fino ad ora è di dichiarazioni e il limite appare chiaro: la tensione salirà fino al punto che sarà sostenibile per gli Stati coinvolti, per la loro capacità di proiezione globale e per gli interessi in gioco. Fino ad ora, la possibilità di una guerra globale appare un azzardo per tutti.