Archivio Tag: relazioni internazionali

The US economic siege on Syria and the oil crisis

The recent wave of stringent American measures against maritime petroleum shipping to Syria, the interruption of Iranian “credit line” to Damascus, and the reluctance of Russia to export oil to Syria, might push the Syrian government to liberate the oil fields in the East Euphrates.

The US economic siege on Syria and the oil crisis - Geopolitica.info

Syria is experiencing a severe fuel crisis across the country due to a lack of external supplies resulting from the economic embargo and US sanctions on Syria, beside that Syria has lost its oil production because of war and terrorism, and the Kurdish organizations control of the most of Syria’s oil fields in the country’s northeast.

The effect of the US economic blockade have clearly shown on the life of the Syrian citizen, the United States imposed severe economic sanctions on Syria, including all sectors and vital sectors, and even companies or countries dealing with the Syrian government.

On November 20, 2018, the United States Treasury’s Office of Foreign Assets Control, the Unites States Department of States, and the US Coast Guard issued a new “advisory” to “alert” individuals and entities across the globe of the repercussions of being involved in petroleum shipments to Syria. These measures extended across the shipping industry, including to insurers, shipping companies, financial institutions, as well as vessel owners, managers, and operators. The advisory was updated on March 25 to include a list detailing the names and serial numbers of ships that had taken part in transporting oil to Syria between 2016 and 2018.

The pressure of economic blockade on Syria has worsen after Iran suspended the credit line on last October 15. One major reason behind the halt in aid to Syria was renewed American sanctions targeting the Iranian economy, especially its oil sector, after US President Donald Trump revoked the Iran nuclear deal in May 2018. According to the Syrian Ministry of Petroleum and Mineral Resources, since that date, Syria has not reached any crude oil tanker.

Syria used to produce about 385 thousand barrels of oil per day before 2011, mostly from fields east of Euphrates in the countryside of eastern Deir Al/Zour and Hassaka, and about 21 million cubic tons of gas, mostly from the central region. Production fell sharply to about 24 thousand barrels of oil per day. Syria consumes 4.5 million liters of gasoline, 6 million liters of diesel, and 7,000 tons of fuel oil each day, a total 136,000 barrels of oil per day. Syria’s annual petroleum products bill exceeds $2.5 billion. The country’s oil production, however, is currently just 24,000 barrels per day, down from 385,000 per day in 2010.

Overall estimated losses of this sector over the past eight years, according to official estimates, about 74.8 billion dollars. The most important losses, in the economic sense of any production sector in Syria due to the war. The size of the depletion of oil production has exerted a strong pressure on the Syrian economy in all its details. For the first time, the government allowed the private sector to import its fuel and diesel oil to secure the work of factories and craft enterprises. The step that came into force was an attempt to circumvent US sanctions and access that material but it is certainly not enough.

This was evident with very high prices for selling the material from its suppliers. The sale of diesel fuel was estimated at about 475 Syrian pounds per liter for industrialists according to Damascus Chamber of Industry, which decreased by simple margins due to competition but remained more than double the price at which the government sells diesel oil estimated at 185 Syrian pounds per liter. In dealing with the issue of gas, efforts to double the production of local fields appeared to have reasonable results, especially as efforts continue to improve production according to official statements, while work is being done to import the difference between production and consumption.

According to high level government sources, the Suez Canal Authority prevented the passage of oil shipments from Iran to Syria in response to American pressure. It added to the difficulties faced by shipping companies to reach the Syrian ports in light of the complexities of insurance and fears of Western sanctions that would affect the work of these shipping companies. All these factors led to the suspension of the arrival of any shipment of oil to the Syrian ports for months, while the increased consumption, especially industrial with the return of tens of thousands of industrial and handcraft facilities in Aleppo, Hama and the countryside of Damascus, to double the features of the crisis.

Today, and for the foreseeable future, Syrian vehicles can only purchase 20 liters every five days, while taxis are allowed 20 liters every two days at a subsidized price of 225 Syrian pounds (40 US cents) per liter. Such quantities are, to say the least, very insufficient. Long queues at petrol stations and near- empty streets have become a part of daily life in Syria.

As a solution to end the current oil crisis which putting more pressure on the Syrians in their livelihood and economy, and in this perspective we can understood the words of the Syrian Defense Minster General Ali Ayoub during the high level military meeting, which included the Chiefs of Staff of the Iraqi army, Othman Al-Ghanmi and the Iranian armed forces, Major General Mohammad Jafari, on March 18, and his assertion that the remaining card for the Americans in Syria is the Syrian Democratic Forces “SDF” and “we will deal with it either by reconciliations or by liberating the land”.

 

 

 

 

L’interesse nazionale italiano non punta verso Visegrad

Viktor Orban e Matteo Salvini sono stati ritratti sorridenti, fianco a fianco, nel corso della visita guidata al muro di separazione eretto tra Ungheria e Serbia offerta dal Primo ministro di Budapest al Ministro dell’Interno italiano. Dal villaggio di Roeszke, in conferenza stampa, i toni delle dichiarazioni dei due leader, tuttavia, sono risultate abbastanza diverse.

L’interesse nazionale italiano non punta verso Visegrad - Geopolitica.info Fonte: Eastwest.eu

Salvini, affascinato dalla barriera eretta dall’alleato magiaro, ha usato toni estremamente duri: “Se la sinistra continuasse a governare in Europa – attacca il leader della Lega – avremmo un califfato islamico. Io ai miei figli un’Europa così non la voglio lasciare. Faccio tutto quello che è nelle mie possibilità per evitare questa triste fine al continente europeo”. Più pragmatico Orban: “Ci sono dei punti importanti su cui concordo con Salvini. Il primo è il nostro amore per la patria, e la fiducia nel fatto che senza forti Stati-nazione non può esserci un’Europa forte”, ha spiegato il premier magiaro. “Dobbiamo proteggere le frontiere del continente contro l’invasione dei migranti, e apprezziamo il lavoro fatto dal ministro italiano sul mare, come noi siamo riusciti a bloccare i flussi via terra. Il successo di Salvini in quest’ottica va nell’interesse nazionale dell’Ungheria“.

Se non nell’interesse dell’Ungheria tout court, sicuramente in direzione della posizione dell’attuale governo ungherese. Al contrario non si può dire che, considerando le dinamiche strategiche dell’Europa odierna, l’Ungheria di Orban possa essere l’alleato ideale per riequilibrare un’Europa in cui l’Italia è oggi all’inseguimento della coppia franco-tedesca. Così come risulta difficile, ampliando il campo di veduta, immaginare una convergenza netta tra l’Italia e il Gruppo di Visegrad dei Paesi dell’Est (Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia). Diversi i contesti, diverse le dinamiche in cui Roma e le nazioni ex comuniste sono coinvolte.

Stiamo parlando di due “Europe” che a loro modo sono rimaste trascurate o sottostimate nel dibattito sullo sviluppo dell’Unione e gli scenari di lungo termine di un’Europa che si configura come uno Stato confederale ma è fatta di Stati nazionali che si muovono nel contesto internazionale indipendentemente uno dall’altro. Da un lato, l’Europa mediterranea, aggredita dall’austerità e penalizzata dal primo ventennio dell’euro, che nell’Italia ha il suo centro geografico e storico. Dall’altro, la “Terza Europa”, che è da noi ritenuta “orientale” ma ama pensarsi centrale nel continente per ragioni storiche, strategiche e geopolitiche.

Una centralità che Viktor Orban è stato sicuramente in grado di ottenere. Leader di un Paese che ha un sesto degli abitanti e meno di un decimo del Pil dell’Italia, ha garantito all’Ungheria centralità in numerosi tavoli europei e alla sua formazione conservatrice il ruolo di ago della bilancia tra popolari e sovranisti nel futuro Europarlamento. Sia il suo esecutivo che quello italiano remano in controtendenza rispetto agli indirizzi della Commissione di Bruxelles.  Ma la comune alterità al tradizionale asse franco-tedesco non è condizione sufficiente per immaginare una convergenza completa. Le divergenze non mancano, e sono strutturalmente difficili da sanare.

Visegrad non capisce la dimensione mediterranea dell’Europa

Partiamo dal tema mediaticamente più seguito, quello dei migranti. L’Ungheria e i Paesi Visegrad, esauritasi la rotta balcanica e senza accessi su quel Mediterraneo che rappresenta la principale rotta d’accesso dei rifugiati, fanno la voce grossa sulla chiusura a tutti i costi di porti e confini. Retoricamente e politicamente, dunque, Orban non sbaglia a sottolineare come con le sue azioni Salvini abbia a più riprese fatto l’interesse di Budapest. Il problema è l’assoluta mancanza di corrispondenza. L’Italia può e deve far valere i suoi interessi nazionali e le sue priorità nel fronteggiare l’emergenza migratoria, ma ci riuscirà solo se supererà un equivoco fondamentale: guardare la questione da un punto di vista eccessivamente “continentale”, come fanno tanto l’Ungheria e i suoi alleati (che dalla chiusura ermetica beneficerebbero politicamente) quanto la Francia e la Germania (che propongono politiche di selezione dell’immigrazione che farebbero ricadere su di noi l’onere della gestione emergenziale più ancora che in passato).

Il nostro primario interesse è ricordare che l’Europa, da Jerez a Nicosia, ha una fondamentale proiezione mediterranea e che proprio nel Mediterraneo la crisi va affrontata, non solo perché nelle sue acque abbiamo la vera frontiera meridionale del continente ma anche perché un cambio di prospettiva può essere fondamentale. In primo luogo, per rendersi conto degli eccessivi oneri che da troppi anni competono all’Italia. In secondo luogo, per percepire crisi politica del Mediterraneo, instabilità africana e flussi migratori come fenomeni integrati, sovrapposti e che è impossibile gestire separatamente. Alla stabilizzazione dell’estero vicino dell’Italia Visegrad non può assolutamente contribuire: l’amicizia di Orban ci sarebbe forse moralmente di conforto in caso di esodo di massa da una Libia devastata dalla guerra ma non porterebbe alcun aiuto pratico alla risoluzione di problemi di così ampia portata.

Sull’economia Italia e Visegrad sono distanti

Ma non sono solo i migranti a dividere in prospettiva Roma e le capitali dell’Est. Anche in tema di economia le direttrici puntano verso obiettivi diversi. Nello scorso novembre Orban si è unito al coro dei governanti europei nel chiedere all’Italia una riduzione del deficit della manovra finanziaria: ritenere i Paesi di Visegrad un alleato chiave per superare la linea del rigore e dell’austerità è a dir poco fuorviante. Sotto il profilo geoeconomico Visegrad è divenuta un’appendice della Germania, Paese alla cui catena del valore si è agganciata la manifattura dei quattro Paesi. “La delocalizzazione produttiva tedesca in questi Paesi ha assunto in effetti negli anni connotati simili a quelli dello stabilimento delle maquilladoras statunitensi in Messico”, ha scritto Vittorio Emanuele Parsi, professore di Relazioni Internazionali alla Cattolica di Milano, sul numero di Formiche di dicembre 2018. “L’asse tra Berlino e Visegrad non sembrerebbe minacciato neanche dalle divergenza tra i governi del gruppo e l’esecutivo della Merkel”, perché le delocalizzazioni tedesche sono considerate da entrambe le parti asset troppo importanti perché una delle due parti vi rinunci.

I Paesi Visegrad sono saldamente ancorati al mercato tedesco: la sola Ungheria di Orban, riporta Il Sole 24 Ore, vede il 27,5% delle sue esportazioni dirette verso la Germania e da quest’ultima provenire il 31% dello stock di investimenti interni. L’unica nazione che può rappresentare una voce parzialmente dissonante, in questo campo, è la Polonia, che grazie alla linea pro-welfare e interventista in economia dei conservatori del PiS attualmente al governo e a causa del suo potenziale politico ed economico maggiore rispetto ai partner di Visegrad è meno vincolata a Berlino e, infatti, rappresenta il cavallo di battaglia degli Stati Uniti di Trump in Europa Orientale.

In definitiva, oltre i sorrisi a uso e consumo dei media e le dichiarazioni di stima politica reciproca, la trasformazione dell’amicizia Orban-Salvini in alleanza politica a tutto campo è difficile. Da un lato, perché il differente schieramento in campo comunitario può facilitare, ma non necessariamente garantire, una convergenza nell’elezione delle cariche europee dopo il voto di maggio. Dall’altro, perché le agende di Italia e Ungheria hanno notevoli divergenze. L’interesse nazionale italiano non punta con decisione verso Visegrad: e questa è una realtà con cui, prima o poi, Salvini dovrà fare i conti.

 

La vittoria di Netanyahu e il futuro di Israele

Il 16 aprile il Presidente israeliano Reuven Rivlin ha incaricato Benjamin Netanyahu di cercare la maggioranza per formare il nuovo governo di Israele dopo le elezioni del 9 aprile. I risultati consentono una comoda ripresentazione della coalizione tra Likud, partiti di estrema destra e partiti religiosi, con ben 65 seggi sui 120 della Knesset.

La vittoria di Netanyahu e il futuro di Israele - Geopolitica.info

Un governo dalla politica ancora più assertiva e nazionalista, con la benedizione della Casa Bianca. Nonostante la campagna elettorale si sia concentrata sulle persone più che sugli argomenti, disinteressandosi quasi completamente del conflitto con i palestinesi, a pesare sul futuro di Israele è ancora la definizione del rapporto con la popolazione araba presente tra il Giordano e il Mediterraneo.

Ce l’ha fatta anche stavolta. Benjamin Netanyahu ha vinto le elezioni dopo una campagna elettorale tra le più feroci della storia di Israele, fatta di inchieste giudiziarie, scandali, diffamazioni, e candidature imbarazzanti che hanno allargato la soglia di tolleranza del radicalismo ammesso alla Knesset. Netanyahu è andato a elezioni anticipate con ben tre capi di accusa nei suoi confronti, ma nonostante questo “il Re” della politica israeliana è a un passo dall’assicurarsi il quarto mandato consecutivo – il quinto della sua carriera – dopo 10 anni di governo ininterrotto. Poco importa che il Likud abbia conquistato solo un seggio in più (36 contro 35) del partito-lista Kahol Lavan, guidato dall’esordiente Benny Gantz. Nonostante il nuovo partito sia riuscito nell’impresa di proporre all’elettorato israeliano un’alternativa credibile, non è bastato. Adesso bisogna vedere se questa formazione sarà in grado di andare oltre il momento elettorale e strutturarsi per durare nel tempo.

Come previsto c’è stato un ulteriore tracollo delle sinistre del partito Laburista e Meretz, e l’ennesima affermazione dei partiti religiosi e di quelli di estrema destra, nonostante il mancato superamento della soglia di sbarramento del nuovo partito di Naftali Bennet e Ayelet Shaked. I due giovani ambiziosi puntavano a costruire le basi per prendersi un domani l’eredità di Netanyahu, invece sono rimasti fuori dalla Knesset dando a Bibi un’altra ragione per festeggiare. La lista unita dei partiti arabi della scorsa legislatura si è invece divisa in due fronti, riuscendo comunque a portare alla Knesset 10 deputati, con cui però nessun partito ha intenzione di allearsi, come da tradizione.

I risultati consentono una comoda ripresentazione della coalizione tra Likud, partiti di estrema destra e partiti religiosi, con ben 65 seggi sui 120 della Knesset. Un governo dalla politica ancora più assertiva e nazionalista, con la benedizione della Casa Bianca. Stavolta però per Netanyahu sarà più difficile tenere a freno la destra alla sua destra. Bibi è disposto a tutto per non farsi incriminare, anche a far approvare una legge che gli garantisca l’immunità, mettendosi così nella condizione di doversi affidare completamente ai suoi scomodi alleati. L’alternativa sarebbe un governo di unità nazionale formato da Netanyahu e Gantz, in Israele se ne parla apertamente, ma al momento non ci sono ragioni di emergenza e stallo politico che giustificherebbero un tradimento così forte dell’elettorato.

Per un osservatore esterno però il dato più importante è un altro. Nonostante in questi anni e negli ultimi tempi non siano mancati scontri con i palestinesi sia a Gaza che in Cisgiordania, da questo quadro sempre più complesso è praticamente sparita la volontà di risolvere il conflitto israelo-palestinese secondo la tradizionale proposta della soluzione a due stati, ormai quasi completamente assente nel dibattito politico.

Per essere più precisi, si può dire che è proprio sparita la volontà di risolverlo il conflitto, di sicuro non è più una priorità: è come se la società israeliana avesse smesso di desiderare una soluzione politica definitiva accettata dal mondo intero, e scelto di pensarci il meno possibile scansando il problema.

In questo senso, è bene ricordare che neanche una vittoria di Benny Gantz avrebbe portato a una politica di riapertura alla soluzione a due stati. Anche i membri di Kahol Lavan vogliono la Gerusalemme unita e l’annessione di parti della Cisgiordania, e soprattutto, non sono disposti a governare con gli arabi israeliani e a lavorare per la creazione di uno Stato propriamente detto nei Territori palestinesi. Il massimo che ci si può aspettare è (o era) un congelamento della costruzione di altre abitazioni nelle colonie più piccole e isolate, mentre sono praticamente tutti concordi che i grandi insediamenti devono avere la libertà di espandersi, con l’idea che tanto saranno annessi allo stato di Israele il giorno di un fantomatico e imprecisato accordo di pace con i palestinesi.

Gran parte di questa apatia si spiega con il raggiungimento della supremazia militare israeliana. Strumenti come la barriera di separazione e il sistema Iron Dome hanno attenuato di molto la situazione di terrore con cui gli israeliani erano abituati a vivere ai tempi degli attentati suicidi nei luoghi pubblici e dei razzi che colpivano obiettivi civili. Attualmente anche una crisi con la Striscia di Gaza non terrorizza come un tempo, se non città di frontiera come la piccola e povera Sderot.

Inoltre, oggi l’Israele di Netanyahu è in ottimi rapporti economici e diplomatici con la Russia di Putin, l’America di Trump, il Brasile di Bolsonaro, la Cina di Xi, l’India di Modi e il resto dell’Asia; dal Giappone di Abe alle Filippine di Duterte. Sono eccellenti anche i rapporti con l’Europa centro-orientale, mentre le schermaglie con l’Unione europea non hanno danneggiato i floridi rapporti economici con i paesi dell’Europa occidentale. Non solo. Il conflitto dell’Iran con il mondo arabo ha consentito un ampiamento dei rapporti diplomatici sempre meno informali con Arabia Saudita, UAE, Oman, Bahrein. In crescita anche le relazioni con i paesi del Nordafrica, dell’Africa subsahariana e dell’America latina. Durante i 10 anni di governi Netanyahu gli israeliani hanno visto che si può archiviare la questione palestinese senza avere ripercussioni economiche e senza essere isolati dal resto del mondo.

Ecco quindi perché non sono più così interessati alla rapida soluzione di un conflitto in cui hanno contato più vittime durante i negoziati di pace rispetto a oggi che non si vede spazio per aprirne dei nuovi. Storicamente, Israele sentiva il bisogno di risolvere il conflitto per ragioni di sicurezza, diplomatiche ed economiche. Oggi di fatto questi problemi non ci sono: Israele è più sicuro, più forte, più aperto e con un’economia dalle performance eccezionali.

In questo contesto, i nazionalisti hanno prosperato, spostando sempre più a destra la politica interna e la strategia israeliana. Con l’amministrazione Trump poi Israele ha raggiunto livelli insperati di soddisfazione delle richieste un tempo considerate impossibili: l’affossamento dell’accordo sul nucleare iraniano, lo spostamento dell’ambasciata americana a Gerusalemme e il riconoscimento dell’annessione delle alture del Golan hanno segnato l’inizio di un nuovo livello del sostegno statunitense a Israele, impensabile solo qualche anno fa quando durante la presidenza Obama alcuni analisti si spinsero addirittura a dire che in un futuro non molto lontano Israele non avrebbe più potuto contare sull’appoggio degli Stati Uniti.

Adesso in Israele e nel mondo ci si chiede se Netanyahu manterrà la promessa più controversa possibile che un politico israeliano potesse fare: l’annessione unilaterale di parti della Cisgiordania (presumibilmente l’Area C), mossa che segnerebbe l’inabissamento definitivo della soluzione dei due stati. Anche in questo caso la decisione passa per la Casa Bianca, dove è già pronta una proposta di pace che sarà presentata dopo la formazione del nuovo governo israeliano.

Nel 2007 il demografo israeliano Sergio Della Pergola nel suo libro “Israele e Palestina: la forza dei numeri. Il conflitto mediorientale fra demografia e politica” (ed. Il Mulino) scrisse che la nel 2050 gli ebrei presenti tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo saranno circa il 35% della popolazione complessiva, affermando che la leadership politica israeliana deve capire che in virtù di questo orizzonte demografico in futuro “Israele non potrà essere contemporaneamente grande (e quindi esente da concessioni territoriali), ebraica e democratica. Sarà necessario rinunciare almeno a una di queste tre prerogative”. Le decisioni che delineeranno il destino di Israele sono sempre più vicine.

 

 

 

Terrorismo sulla Nuova Via della Seta: il realismo di Pechino

Nell’ambizioso progetto cinese della Belt&Road Initiative, non vi sono semplicemente problemi ingegneristici o geopolitici. Nella costruzione di una ferrovia le asprezze territoriali tipiche del blocco centro-asiatico si affrontano, o semplicemente si aggirano; così come sarà sufficiente sedersi ad un tavolo e ratificare un accordo bilaterale, qualora uno Stato partner voglia rivedere e ridiscutere alcuni accordi presi.

Terrorismo sulla Nuova Via della Seta: il realismo di Pechino - Geopolitica.info

 

La sfida più difficile da affrontare per la Repubblica Popolare Cinese e per i Paesi centro asiatici è molto più liquida, asimmetrica, una sfida che finora la Cina ha potuto combattere tra le mura domestiche secondo le proprie regole; ed ora, che si lancia verso un progetto globale come la Via della Seta, deve imparare a combattere all’esterno.

Con il repentino disengagement statunitense in Afghanistan, e un sostanziale pragmatismo da parte delle autorità afghane che allieva ma non risolve, la proliferazione terroristica è divenuta molto più massiccia: complice la conformazione geofisica dell’Afghanistan e Paesi vicini, complice anche lo sfaldamento delle file dello Stato Islamico e delle migliaia di foreign fighters che stanno organizzando il loro rientro. Alcuni numeri indicano che i foreign fighters provenienti dagli Stan-Countries sarebbero oltre 5000, provenienti maggiormente da Uzbekistan, Tajikistan e Kirghizistan.  A questi si aggiungono le migliaia di talebani che si sono stanziati maggiormente sul confine afghano-pakistano, e i militanti uiguri dello XinJiang, rifugiatisi nei paesi vicini dopo che la Cina ha avviato una pesante politica di repressione nei loro confronti.

Sebbene il governatore dello XinJiang, Chen Quanguo, abbia avviato una serie di misure repressive volte al controllo pressoché totale della popolazione uigura, le autorità cinesi ritengono credibili le infiltrazioni terroristiche dalla provincia afghana di Badakhshan. Le esercitazioni congiunte sino-afghane del 2017 e una probabile installazione militare cinese sul corridoio di Wakhan (una strozzatura naturale che consente l’accesso nello XinJiang) sembrerebbe dimostrare la veridicità di questa convinzione.

Dalla caduta dell’ISIS, e quindi dall’allentamento bellico nella regione mediorientale, una Al Qaeda 2.0 sembra aver preso di nuovo piede in Afghanistan e centro Asia. Un Al Qaeda che, al contrario di quanto faceva l’ISIS, non punta alla creazione di uno stato -sebbene l’ipotesi califfato sia, appunto, sempre un’ipotesi intrinseca nelle ambizioni dei gruppi islamisti-, bensì all’allargamento delle frontiere di scontro e all’aumento dei proseliti. Intrecciando la dottrina qaedista con il know-how tecnologico/militare di chi ha combattuto in Iraq e Siria si ottiene una formazione omogenea nelle esperienze e nelle tecniche di combattimento, due combinazioni allettanti per intensificare gli scontri armati di bassa intensità. La posizione poi assunta dalla Cina contro gli uiguri fa il resto: sono 5000 i combattenti che dallo XinJiang sono andati a combattere in Siria e Iraq e che ora stanno facendo ritorno.

La Cina non è nuova alla minaccia terroristica: dagli anni ’90 gruppi di matrice islamista uigura tentano di gettare il caos rivendicando le condizioni nelle quali il loro popolo è assoggettato. Adoperando una tecnica di shock and awe, in cui, armati di coltelli, assaltano luoghi affollati, come accaduto nella metropolitana di Kunming nel 2014. Attacchi che non solo si sono intensificati, ma hanno anche assunto -complice il progetto BRI- una dimensione globale, avendo come target gli obiettivi cinesi nel mondo.

Fonte di maggior preoccupazione per le autorità cinesi, oltre gli attentati contro le proprie ambasciate e rappresentanze consolari all’estero, è la situazione di sicurezza lungo il China Pakistan Economic Corridor, che dallo XinJiang si allunga fino al porto di Gwadar, nella provincia del Belucistan, una delle regioni più instabili del pianeta.

L’accentuata instabilità socio-politica è dovuta ad un sentimento di promesse tradite da parte degli investitori cinesi. Innanzitutto, si lamenta una scarsa presenza di manodopera locale nei cantieri, che sarebbero in larga parte gestiti da manovalanza cinese. Questo non ha fatto altro che polarizzare le rispettive posizioni: viste le ostilità e gli attacchi, i cinesi si stanno chiudendo in loro stessi, edificando delle vere città-fortezza. Come già sta avvenendo a Gwadar, dove si sta costruendo una città-quartiere (con capacità abitative per circa 500.000 persone) per soli cinesi. Scelte strategiche di Pechino che hanno portato i terroristi baluci a colpirne il consolato di Karachi, i quali condannano da sempre l’eccessiva spoliazione economica cinese.

Il Partito è sempre stato restio nel voler allargare le maglie di sicurezza oltre i propri confini, pur comprendendo che senza i dovuti accorgimenti, la credibilità e la stabilità del progetto BRI potrebbero venir meno e con questo i propri sogni -in verità mai dichiarati- egemonici.

Gli sforzi di Pechino per la lotta al terrorismo sono principalmente rivolti all’empowerment delle autorità locali, all’addestramento congiunto e al finanziamento di posti di blocco frontalieri. In aggiunta a misure pratiche, la Cina sta agendo anche nelle sedi internazionali per rinsaldare i rapporti con i propri vicini utilizzando il potere che ha all’interno della Shanghai Cooperation Organization (SCO) come valore aggiunto nelle trattative.

Sul fronte del terrore è emblematico il veto posto da Pechino sulla decisione di inserire il gruppo terroristico pakistano Jaish-e-Mohammed (JeM) (un gruppo con rapporti vicini all’establishment pakistano) nella lista delle organizzazioni del terrore. Un veto pesante che, ancora una volta, assurge la Repubblica Popolare a potenza puramente aideologica e realista: se da una parte detiene e rieduca i propri cittadini musulmani, dall’altra tutela l’importanza strategica dei propri progetti oltreconfine, favorendo addirittura una formazione terroristica per tutelare un partner strategico come il Pakistan e il CPEC.

La BRI oltre che ad essere un progetto economico ambizioso, si sta rivelando anche un sorprendente capitolo di realpolitik: da una parte si combatte il terrorismo inviso sia a stati partner che alla Cina stessa (vedasi i rapporti tra uiguri e gruppi tajiko-afghani e i baluci; questi ultimi acerrimi nemici del Pakistan). Dall’altra parte invece cerca di scendere a patti con forze terroristiche vicini ad establishment politici di Paesi amici che, sulla carta, non hanno l’ambizione di sabotare gli interessi pechinesi.

 

La Russia e l’Artico (o forse tra breve il Mar Glaciale Russo)

Nell’Artico, dove già nel periodo sovietico era massiccia, negli ultimi anni, a seguito dell’effetto serra e del surriscaldamento del pianeta (il pack si è ridotto dagli oltre 8 milioni di km quadrati del 1970 agli appena 3,4 milioni del 2012 e si prevede che tra non molto tempo il mare sarà completamente sgombro dai ghiacci), Putin sta rafforzando la presenza russa.

La Russia e l’Artico (o forse tra breve il Mar Glaciale Russo) - Geopolitica.info

 

Forte di 6000 km di coste nel Mar Glaciale Artico, e dalla mancanza di ghiacci degli ultimi anni, la Russia vuole farne un Mare Nostrum del Nord. Si stima che vi sia il 40% delle riserve combustibili fossili del mondo nell’area dell’Artico; inoltre, dato da non sottovalutare, vi è un enorme deposito di proteine, sotto forma di banchi di pesce, ancora da sfruttare.

Le intenzioni russe sull’Artico si sono viste platealmente nel 2007 con l’installazione, tramite un sommergibile telecomandato, di una bandiera di titanio sul fondo del mare nel punto esatto in cui converge il Polo Nord. La Russia intende inoltre rivendicare la continuità della piattaforma continentale russa fino al Polo Nord, in cui sembra che vi sia il più grande giacimento di petrolio dell’Artico.

Se questo principio fosse confermato, la Russia non si limiterebbe allo sfruttamento economico esclusivo entro le proprie 200 miglia nautiche, come prevede il diritto del mare, ma si assicurerebbe dal punto di vista geopolitico l’80% delle riserve fossili artiche, inglobando un’area di 1,2 milioni di km quadrati in più. Si aspetta, su tutta la questione Polo Nord, il pronunciamento dell’Onu che dovrebbe avvenire tra il 2023 e il 2025.

Gli Stati Uniti sembrano essere molto in ritardo rispetto alla questione Artico e alla spartizione delle sue risorse. Difatti posseggono solo tre (di cui due fuori uso) rompighiaccio nucleari, contro i quaranta russi, di cui dieci a propulsione nucleare, i sette della Finlandia e della Svezia ciascuno, i sei del Canada, i quattro della Danimarca e i tre della Cina (con quattro in costruzione). L’ammiraglio Paul Zukunft, a capo della Guardia costiera della Marina militare americana, ha esposto a chiare lettere al presidente Trump che gli Stati Uniti hanno la necessità assoluta di costruire in breve tempo almeno quattro rompighiaccio nucleari in grado di combattere. Nel frattempo, nonostante questo ritardo, gli Usa hanno dislocato 330 marines in Norvegia, 1200 in Polonia e altri 1200 nei Paesi Baltici. Anche la Germania è presente in Lituania con 500 soldati e 30 tanks.

Insomma, non solo l’effetto serra sta surriscaldando l’aria e i mari dell’Artico, ma anche la situazione politica ed economica, dove gli Stati si scontrano per spartirsi le risorse petrolifere e ittiche, comincia ogni giorno di più a farsi incandescente e pericolosa. Tutti i Paesi in campo si armano e si spiano a vicenda in ogni modo possibile. Per la Russia l’Artico rappresenta il presente e potrebbe rappresentare in futuro una rinascita spirituale e geopolitica, per riprendere il pensiero di Alexander Dugin. Forse in un futuro non troppo lontano, come prospettato da alcuni accademici russi, il Mar Glaciale Artico si chiamerà Mar Glaciale Russo.

 

 

India e Pakistan: Perché la situazione rimane facilmente infiammabile

Lo scorso 14 Febbraio 2019, un gruppo terroristico pakistano denominato Jarsh – e – Muhammad (JeM) si è reso protagonista di un attacco suicida nel distretto di Pulwama, nella regione del Kashmir, attualmente sotto l’amministrazione indiana, provocando la morte di 44 soldati delle forze armate di Nuova Delhi.

India e Pakistan: Perché la situazione rimane facilmente infiammabile - Geopolitica.info

I Fatti

Tale gruppo terroristico ha come obiettivo principale l’annessione  del Kashmir allo stato pakistano e già in passato aveva sferrato numerosi attacchi in territorio indiano, come l’assalto suicida al parlamento di Nuova Delhi nel 2001 o il raid nella base aerea di Pathankot nel 2016. Il governo indiano ha accusato  il governo pakistano di essere coinvolto nella vicenda e, come risposta immediata, il presidente indiano Narendra Modi ha annunciato la costruzione di una diga sul fiume Ravi in un territorio conteso tra i due paesi, le cui acque confluiscono direttamente nel territorio pakistano, ordinando nel contempo un attacco aereo in territorio pakistano allo scopo di colpire i campi di addestramento del suddetto gruppo terroristico a Balakot.

Durante il raid aereo indiano, le forze pakistane hanno abbattuto un MIG-21 e catturato il suo pilota. Il nuovo primo ministro Pakistano Amir Khan, fra lo stupore generale, davanti ad una nutrita schiera di telecamere e media internazionali, ha ordinato di rilasciare pubblicamente il pilota dell’aereo, mettendo in atto un’azione distensiva. Dunque, la situazione che sembrava potesse degenerare in un nuovo conflitto su larga scala sembra essersi per il momento placata.

A tale clima distensivo  ha contribuito, la diplomazia internazionale, guidata dalle Nazioni Unite, che si è lanciata in numerosi appelli per evitare una possibile pericolosa escalation militare. Il Segretario Generale dell’ONU António Guterres ha in questi giorni rinnovato l’invito a facilitare le trattative di pace tra i due paesi. Tuttavia, il 27 Marzo, Modi, in un messaggio alla nazione, ha annunciato la riuscita del test missilistico con cui è stato abbattuto – in tre minuti – un satellite attivo nell’orbita terrestre bassa.

In questo articolo sostengo che le complesse motivazioni politiche interne dei due paesi, nonché la situazione geopolitica e strategico-militare di quell’area contribuiscano a mantenere alta la possibilità di un conflitto militare nel breve e medio periodo.

“Stringersi Intorno alla Bandiera”

La questione dello status territoriale del Kashmir è al centro di una disputa territoriale tra Nuova Delhi e Islamabad sin dalla suddivisione dell’ex colonia britannica. Per avere il controllo di questa regione, India e Pakistan hanno combattuto ufficialmente tre guerre (1947, 1965, 1971) e si sono susseguite, durante gli anni ottanta e novanta, continue schermaglie lungo il confine. Bill Clinton ex presidente degli Stati Uniti definiva il Kashmir addirittura  come “il posto più pericoloso del mondo”. La disputa territoriale per il controllo della regione del Kashmir, a maggioranza musulmana, rimane quindi un punto cruciale per comprendere le difficili relazioni tra India e Pakistan e la politica interna ed estera dei due principali paesi dell’Asia Meridionale.

Le attuali tensioni sono altresì da collegare ad alcuni fattori politici interni. Nei mesi di aprile e maggio, gli elettori indiani sono chiamati a rinnovare il Parlamento dopo cinque anni di governo presieduto da Narendra Modi, il quale si è peraltro candidato per un secondo mandato. L’elezione di Modi era stata favorita da una politica  nazionalista, con la promessa di  importanti riforme dell’amministrazione pubblica e di forte  contrasto alla disoccupazione. Ma  i risultati non sono stati quelli sperati al punto che  il maggiore partito di opposizione, l’Indian National Congress, guidato da Rahul Gandhi, negli ultimi mesi si è reso protagonista di una inattesa rimonta nei sondaggi,  ottenendo significativi successi in competizioni  elettorali di primaria importanza.

Alcuni studiosi e commentatori hanno fatto notare che il Presidente uscente Modi,  per rilanciare la sua candidatura durante la prossima campagna elettorale, potrebbe essere tentato di usare l’attuale  crisi con il tradizionale nemico pakistano tramite il “Rally ‘Round the Flag Effect” (stringersi attorno alla bandiera) in modo da ricompattare il proprio popolo contro una minaccia esterna e, di conseguenza, mitigare i problemi politici interni. Si sostiene infatti che generalmente i gruppi sociali tendono a divenire più coesi quando sono messi di fronte ad una minaccia proveniente dall’esterno.

A tal proposito, alcuni studiosi hanno fatto notare che la politica internazionale aggressiva di Putin potrebbe avere come scopo quello di nascondere i grandi problemi economici interni che caratterizzano lo stato russo. Se si pensa alla crescita nell’indice di popolarità di G.W. Bush dopo l’esecuzione di Saddam Hussein o il picco di consensi per Barack Obama dopo l’uccisione di Osama Bin Laden, possiamo facilmente comprendere come la leadership indiana abbia un forte incentivo a continuare, almeno dal punto di vista retorico, la sua battaglia contro il regime Pakistano. Allo stesso modo, il governo Pakistano presieduto dall’ex campione di cricket Imran Khan ha bisogno di rendere più coesa la propria maggioranza interna,  in special modo l’ala più conservatrice delle influenti forze armate e di sicurezza pakistane.

Tali fattori di politica interna comune ai due paesi non favoriscono dunque il raggiungimento di accordi diplomatici di lunga durata.

La dimensione geopolitica internazionale

E’ opportuno fare qualche breve considerazione sull’impatto che la dimensione geopolitica ha sulla contrapposizione tra India e Pakistan. In particolare, paesi come la Russia e la Francia hanno da sempre appoggiato l’india, soprattutto per quanto riguarda la vendita di prodotti e tecnologie  militari.

La Francia ha chiesto inoltre esplicitamente di inserire Masood Azhar (fondatore e leader di JeM) nella “black list” delle sanzioni antiterrorismo dell’Onu. Anche gli Stati Uniti di Donald Trump, nelle ultime vicende che hanno caratterizzato lo scontro Indo-Pakistano, hanno appoggiato l’India e condannato il Pakistan. Washington ha infatti mostrato un grande interesse a sviluppare una partnership strategica con Nuova Delhi, come testimoniato dai recenti accordi sull’assistenza nucleare e tecnologica e la vendita di sofisticati sistemi di armamento e missilistici al governo indiano.

Tuttavia, la posizione statunitense, al momento, è particolarmente delicata. Infatti, nonostante il riavvicinamento strategico con l’India, il Pakistan rimane un partner essenziale per gli Stati Uniti al fine di risolvere la complicata questione afghana. Ritirare le truppe da Kabul e coinvolgere i talebani nel processo di stabilizzazione del paese afghano, come previsto dai piani statunitensi sarà possibile soltanto mediante un’efficace collaborazione da parte di Islamabad. Bisogna anche sottolineare che la crisi Indo-Pakistana si inserisce in una più complessa competizione egemonica a livello internazionale tra Stati Uniti e Cina. Infatti, l’amministrazione statunitense sta cercando un’alleanza di lungo termine con l’India, per poter stabilire una presenza costante nell’Oceano pacifico, in chiara ottica anti-cinese.

Nel frattempo, la Cina, a sua volta, sostiene fermamente il Pakistan nella disputa per il controllo del Kashmir, definendolo come “alleato di ferro”. Pechino fornisce tecnologia, investimenti e supporto diplomatico a Islamabad e ha ripetutamente bloccato alle Nazioni Unite l’inserimento del JeM nella lista dei gruppi terroristici internazionali. Per la Cina il Pakistan è un partner indispensabile anche dal punto di vista commerciale, considerato che tale paese rappresenta un punto strategico attraverso cui si snoda il “China-Pakistan Economic Corridor”, che permette alle navi cinesi di accedere al mercato africano, attraverso il porto di Gwadar.

La dimensione strategico-militare

Dopo avere accennato alle politiche interne e ai rapporti internazionali, bisogna sottolineare che delicati fattori di tipo strategico-militare rendono la situazione Indo-Pakistana facilmente infiammabile in qualsiasi momento.

Da un punto di vista esclusivamente militare, l’India ha un maggior numero di forze armate convenzionali rispetto al Pakistan, però entrambi i paesi hanno arsenali nucleari più o meno comparabili. Attualmente, secondo un recente rapporto dell’International Peace Research Institute (SIPRI) di Soccolma, il Pakistan possiede 140-150 testate nucleari, mentre l’India ne dispone di 130-140. Nonostante la parità strategica nucleare tra India e Pakistan potrebbe far pensare ad una maggiore stabilità a livello regionale, le diverse posizioni strategiche dei due paesi contribuiscono, invece a rendere i rapporti tra i due paesi sempre più complicati.

Infatti, mentre l’India proclama una politica di “non first use”, in quanto si è impegnata a non colpire per prima con armi nucleari  dichiarando che il proprio  programma nucleare ha soltanto scopi di deterrenza verso possibili minacce esterne.  Il Pakistan, invece, non ha mai ufficialmente chiarito la sua dottrina nucleare e, di conseguenza, non ha mai esplicitamente dichiarato di voler utilizzare l’opzione nucleare solo in seguito ad un attacco da parte di un paese ostile.

A tal proposito, il primo ministro pakistano Imran Khan ha minacciato di colpire l’India con azioni “aggressive”, alludendo a tutto il peso del suo arsenale nucleare. In un discorso a Chachro, vicino al confine con l’India, Khan ha dichiarato testualmente: “Se qualcuno, che sia l’India o qualsiasi superpotenza, vuole schiavizzare la nazione pakistana, voglio chiarire che la mia nazione e io combatteremo fino all’ultimo respiro per salvare la nostra indipendenza”. Queste parole non sono state di certo gradite dalla leadership di Nuova Delhi.

Un altro dilemma strategico indiano è legato alla risposta militare in caso di attacco convenzionale (effettuato senza l’uso di armi nucleari) da parte pakistana. L’India, infatti, per via della sua maggiore capacità militare, potrebbe essere tentata a sua volta di rispondere con un attacco convenzionale. Ma questo potrebbe portare il Pakistan ad usare tutto il suo potenziale nucleare contro la minaccia indiana.

Come sottolineato in un recente articolo accademico da parte di Christopher Clary e Vipin Narang, rispettivamente professore di Scienze Politiche all’University of Albany e Professore al MIT di Boston, l’India sta esplorando le possibilità di colpire in anticipo l’arsenale nucleare pakistano, in modo da guadagnare un vantaggio strategico-militare decisivo. Come affermano i due autori, se l’India potesse convincere il Pakistan che la sua capacità di sferrare un attacco disarmante fosse credibile, ciò potrebbe annullare le minacce nucleari pakistane, permettendo attacchi punitivi convenzionali che potrebbero ripristinare la deterrenza indiana contro attacchi convenzionali pakistani.

Allo stesso modo, però, una politica più aggressiva indiana in ambito nucleare, attraverso l’acquisizione di nuove armi tattiche e missilistiche , potrebbe indurre il Pakistan a sfruttare il suo vantaggio strategico il prima possibile, in modo da impedire che la situazione si possa ribaltare nel breve e medio periodo. Entrambi gli scenari sono certamente pericolosi per la sicurezza dell’area in quanto incentivano la corsa dei due paesi al rafforzamento del loro arsenale nucleare.

Conclusioni

Come evidenziato in questo breve articolo, tanti fattori politici interni ed internazionali potrebbero causare una grave escalation militare tra India e Pakistan. Si annoverano fra i più importanti la necessità di una consolidazione interna della leadership dei due primi ministri e gli effetti che la crisi tra India e Pakistan potrebbe avere sullo scacchiere internazionale, soprattutto per quanto riguarda la competizione egemonica tra Cina e Stati Uniti.

Inoltre, come specificato in questo articolo, anche la dimensione strategico-militare gioca un ruolo cruciale per comprendere la crisi, specialmente se si prende in considerazione il dilemma strategico che l’India si trova ad affrontare nel rispondere ad attacchi convenzionali pakistani (o supportati segretamente dal governo pakistano) nel territorio indiano. A questo proposito, l’India potrebbe avere l’incentivo a sviluppare nuovi armi nucleari e attaccare preventivamente l’arsenale nucleare di Islamabad. Infine, una possibile crisi nucleare potrebbe essere scatenata anche al di là dei calcoli strategici delle due leadership.