Archivio Tag: Putin

ДЕНЬ ПОБЕДЫ: ПАМЯТЬ И ВОЕННЫЙ ПАРАД В МОСКВЕ

9 мая в Москве вспоминают победу Советского Союза над нацистской Германией. Этот праздник очень значим для России особенно в этом году, из-за напряжённой атмосферы между Россией и Соединёнными Штатами, он несёт в себе ещё и сильные политические оттенки.

ДЕНЬ ПОБЕДЫ: ПАМЯТЬ И ВОЕННЫЙ ПАРАД В МОСКВЕ - Geopolitica.info

Путинский патриотизм

После 1991 года, распада СССР и изменения политического режима, начинается пересмотр народных праздников. Годовщина Октябрьской Революции осталась забытой, 1 мая восстановлен в качестве более безобидного Праздника Весны и Труда. День Победы, напротив, выжил и, с приходом В.В. Путина, утверждается как главный праздник в российском календаре.

Главной целью Путина было прекращение деградации страны времён Ельцина и восстановление престижа государства, как внутри страны, так и за её пределами. Такая программа предусматривала пробуждение патриотического настроя у граждан, и для этой цели, День Победы, оказался наиболее подходящим праздником: как сказал Путин, 9 мая – это «день национальной гордости». Такое определение только усилило значимость международной победы 1945 г. По словам президента России «мужество, стойкость и непреклонная воля советского народа спасли Европу от порабощения», СССР «выгнал фашистов из логова и разгромила их (…) ценой миллионов жизней». Эта фраза наилучшим образом отражает то, что СССР, с его более чем 20 миллионами погибших, внёс наибольший вклад в разгром немцев.

Политический оттенок 9 мая в этом году особенно проявлен. Семидесятую годовщину Кремль хочет провести масштабно. Но, в основном, всё торжество происходит в напряжённой атмосфере между Москвой и Вашингтоном, и США и ЕС бойкотируют мероприятие. Если США и ЕС не могут ничего сделать, чтобы воспрепятствовать участию представителей азиатских стран, африканских и южной Америки, то они полны решимости не допустить присутствия глав европейских государств на параде в Москве.

Европейский Союз отсутствует

Наиболее показательным является то, что в Чешской Республике президент Милош Земан давно отверг требования США не ехать в Москву. Уставший от настойчивости Вашингтона, Земан даже объявил посла США персоной нон-грата в президентском дворце в Праге: «для посла США Эндрю Шапиро двери града (резиденция президента Чехии) останется закрытой». Но, в конце концов, президент Чехии вынужден был прогнуться под давлением США и отказаться, прижатый к стенке, от своего присутствия на параде 9 мая. Однако, кажется, сделали скидку на присутствие других европейских стран, таких как Греция. Премьер Алексис Ципрас уже осудил санкции против России и особо подчеркнул общность Москвы и Афин, начиная от православной веры заканчивая «совместной борьбой против фашизма».

Возвышение дня Победы, как главного праздника в России отражает также потребности внешней политики. В этой сфере, основной целью Москвы является восстановление связей с другими республиками, некогда бывшими частью СССР и празднование Победы способствует восстановлению чувства общности стран. В конечном счёте, СССР была гораздо больше России и не только русские были участниками Великой Отечественной Войны, от Сталина до Мелитона Кантария, грузинского солдата, который поднял красный флаг над Рейхстагом.

Последствия Дня Победы неизбежно повлияли также и на другие бывшие советские республики. Официальная литература в некоторых странах переработала историю СССР, и представила её, как простую оккупацию своих территорий. Параллельно, были реабилитированы те, кто бились против советской армии, стало не важно, что они сотрудничали с немцами и не редко разделяли фашистскую идеологию, которая была с отклонением на анти-еврейскую.

Значение культурного столкновения

В последнее время это касается Украины, теплого фронта новой “холодной войны” между Россией и США. Впрочем, по сравнению с другими частями бывшего СССР, новая интерпретация советской эпохи просто как русской оккупации, имела под собой меньше оснований для Украины, страны, которая дала многих видных деятелей советского руководства – от Троцкого до Брежнева. Но, в конце концов, такое переписывание истории не имеет потребности в толковании, а, скорее, исходит из желания содействовать объяснению, которое позволит узаконить такую политическую цель, как разрыв «мостов» с Москвой.

Среди наиболее интересных случаев переписывания истории, стоит вспомнить слова премьера Яценюка, который на встрече в Берлине  упомянул «советское вторжение в Украине и Германии» во время Второй Мировой Войны. Трудно поверить, что Яценюк, с его идеологией технократа, разделяет теорию группы националистов. Проще полагать, что он сознаёт важность того, что для консолидации нового курса США и анти-русского правительства в Киеве, необходимо переписать историю, в которой Украина предстанет, как жертва Москвы.

Создание нового коллективного разума предполагает широкую культурную программу, которая выходит за рамки интерпретации Второй Мировой войны. Однако, в качестве его символических примеров, в центре обсуждений оказываются собственные события Великой Отечественной Войны. Таким образом, в то время как правительство Киева реабилитирует в качестве патриотов тех, кто сотрудничал с немцами, министр иностранных дел России Сергей Лавров осудил «прославление нацизма и преследование тех, кто спас Европу от фашизма». Одновременно, одним из самых популярных символов украинских оппозиционеров является «знамя Победы», это знамя Идрицкой дивизии, которая в 1945 году подняла советский флaг над Рейхстагом.

 

Il giorno della vittoria: memoria e politica della parata di Mosca

Il 9 maggio a Mosca si ricorda la vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista. Tale celebrazione è molto sentita in Russia e quest’anno, nel clima di tensioni tra Russia e Stati Uniti, assume forti valenze politiche.

Il giorno della vittoria: memoria e politica della parata di Mosca - Geopolitica.info

Patriottismo putiniano

All’indomani del 1991, la disintegrazione dell’Urss e il cambio di regime politico imponevano una revisione delle celebrazioni pubbliche. L’anniversario della rivoluzione d’ottobre venne abbandonato, il primo maggio riproposto come una più innocua festa della primavera. Il giorno della vittoria invece sopravvisse e, con l’ascesa di Putin, si è affermato come principale ricorrenza del calendario russo.

Obiettivo principale di Putin era porre termine al degrado dell’era Eltsin e ripristinare il prestigio dello Stato, all’interno come all’esterno del paese. Un tale programma richiedeva anche di ridestare il senso patriottico dei cittadini e a tal fine il giorno della vittoria risultava la festa più adatta: come ha dichiarato Putin, il 9 maggio è “il giorno dell’orgoglio nazionale”. Tale significato è acuito dalla portata internazionale della vittoria del 1945. Per usare le parole del presidente russo, “il coraggio, la fermezza e la volontà inflessibile del popolo sovietico hanno salvato l’Europa dalla schiavitù. È il nostro paese che ha cacciato i fascisti dalla loro tana e li ha annientati (…) al prezzo di milioni di vite”. Queste frasi riflettono la convinzione che sia stata l’Urss, con i suoi oltre 20 milioni di morti, a offrire il maggior contributo alla disfatta tedesca.

L’Ue assente

Le connotazioni politiche del 9 maggio quest’anno sono molto forti. Per il 70° anniversario il Cremlino vuole fare le cose in grande. Ma soprattutto le celebrazioni avvengono nel contesto delle tensioni tra Mosca e Washington e sia gli Stati Uniti che l’Unione Europea boicottano l’evento. Se Usa e Ue non possono fare granché per impedire la partecipazione di rappresentanti di paesi asiatici, africani o sud americani, essi sono determinati a scongiurare la presenza di capi di stato europei alla parata di Mosca.

Il caso più evidente è quello della Repubblica Ceca, dove il presidente Zeman ha a lungo respinto la richieste degli Usa di non recarsi a Mosca. Stanco dell’insistenza di Washington, Zeman aveva perfino dichiarato l’ambasciatore degli Usa persona non grata al palazzo presidenziale di Praga: “per l’ambasciatore Schapiro la porta del castello rimarrà chiusa”. Ma infine il presidente ceco ha dovuto piegarsi alle pressioni degli Usa e disdire, obtorto collo, la sua presenza alla parata del 9 maggio. Ciononostante, sembra scontata la presenza di altri paesi europei, come la Grecia. Il premier Tsipras ha già biasimato le sanzioni contro la Russia e ha tenuto a sottolineare le affinità storiche tra Mosca e Atene, dalla fede ortodossa fino alla “comune lotta contro il fascismo”.

L’elevazione del giorno della vittoria a principale festa russa riflette anche esigenze di politica estera. In questa sfera, obiettivo primario di Mosca è ripristinare i legami con le altre repubbliche un tempo parte dell’Urss e celebrare la vittoria sovietica contribuisce a ripristinare un senso di appartenenza comune. In fin dei conti, l’Urss era molto più della Russia e i non russi sono stati protagonisti della “grande guerra patriottica”, da Stalin fino a Meliton Cantaria, il soldato georgiano che issò la bandiera rossa sul Reichstag.

La dimensione culturale di uno scontro

Le implicazioni del giorno della vittoria inevitabilmente hanno interessato anche le altre ex repubbliche sovietiche. La narrativa ufficiale in alcuni di questi paesi ha rielaborato la storia dell’Urss come semplice occupazione russa del loro territorio. Parallelamente, sono stati riabilitati coloro che si erano battuti contro l’esercito sovietico, poco importa che gli stessi abbiano collaborato con i tedeschi e non di rado ne abbiano condiviso tanto l’ideologia fascista che l’aberrazione anti-ebraica.

Il caso più recente riguarda l’Ucraina, fronte caldo della nuova guerra fredda tra Russia e Usa. Peraltro, rispetto ad altri stati un tempo parte dell’Urss, l’interpretazione dell’era sovietica come mera occupazione russa ha meno appigli per l’Ucraina, un paese che, da Trotski a Breznev, ha dato figure di primo piano alla dirigenza sovietica. Ma in fin dei conti tale riscrittura della storia non poggia su esigenze interpretative, quanto piuttosto sulla volontà di promuovere una narrativa atta a legittimare l’obiettivo politico di rompere i ponti con Mosca.

Tra i casi più interessanti di riscrittura della storia vale la pena ricordare le parole del premier Jatseniuk, che in visita a Berlino ha citato l’”invasione sovietica dell’Ucraina e della Germania” durante la seconda guerra mondiale. È difficile credere che Jatseniuk, con il suo profilo da tecnocrate, condivida sinceramente le teorie dei gruppi ultranazionalisti. Più facile ritenere che egli sia consapevole dell’importanza che, per consolidare il nuovo corso filo-Usa e anti-russo del governo di Kiev, riveste una narrativa storica che presenti l’Ucraina come vittima sacrificale di Mosca.

La creazione di un nuovo immaginario collettivo implica un ampio programma culturale, che va oltre l’interpretazione della seconda guerra mondiale. Tuttavia, per le sue valenze simboliche, sembrano proprio gli eventi della seconda guerra mondiale al centro del dibattito. Così, mentre il governo di Kiev riabilita come patrioti quanti collaborarono con i tedeschi, il ministro degli esteri russo Lavrov condanna “la glorificazione del nazismo e la persecuzione di coloro che hanno salvato l’Europa dal fascismo”. Contemporaneamente, uno dei simboli più in voga tra l’opposizione ucraina è la “bandiera della vittoria”, il vessillo della divisione sovietica che nel 1945 conquistò il Reichstag.

La Russia e il fattore saudita

Nel novembre scorso è fallito l’ennesimo ciclo di negoziati incentrato sulla questione del nucleare iraniano che ha visto nuovamente coinvolte le potenze del cosiddetto gruppo 5+1 e Teheran. Il nuovo obiettivo prefissato, a conclusione dei colloqui, è stato quello di raggiungere un accordo entro giugno 2015 dato che, secondo le dichiarazioni ufficiali, sarebbero state risolte molte delle questioni un tempo oggetto di difficile mediazione tra i Paesi occidentali, l’Iran e i suoi alleati sino-russi.

La Russia e il fattore saudita - Geopolitica.info

E’ da tempo nota l’intenzione statunitense di pervenire ad una soluzione tombale su questa spinosa questione internazionale, ambizione spesso posta direttamente in opposizione alle mire geopolitiche regionali dei partner americani del Golfo Persico. In tal senso è in realtà risaputo che mentre l’amministrazione americana, “commissariata” dal Pentagono a seguito dell’incapacità della Casa Bianca di rispondere in maniera efficace alla crisi politico-militare che ha scosso l’Iraq nel corso dell’estate, avrebbe comunque ricercato un accordo di qualche tipo con il regime degli Ayatollah per potersi disimpegnare dallo scenario mediorientale e concentrarsi verso obiettivi di più ravvicinato interesse domestico, l’Arabia Saudita e i Paesi del Golfo, dal canto loro, avrebbero visto come fumo negli occhi una qualunque forma di ricomposizione che avesse rafforzato il già importante ruolo iraniano nella regione, sancendo di fatto una collaborazione formale (informalmente già in essere) tra Stati Uniti e Teheran sull’Iraq e, di fatto, sulla Siria, il tutto a pieno vantaggio del regime di Assad, il quale, secondo alcuni, non sarebbe stato finora oggetto di particolari attenzioni da parte degli USA proprio per evitare di “spiacere troppo” all’Iran stesso.

Una situazione certamente paradossale, dato che sia l’Iran che il regime siriano sono notoriamente alleati della Russia di Putin, i cui interessi tuttavia collidono con quelli di Washington in Ucraina e, più in generale, in Europa orientale. Se da un lato le contraddizioni e gli errori della politica estera americana non ci stupiscono più da quando nel 2011 il presidente Obama iniziò ad incespicare su una “primavera araba” dietro l’altra, dall’altro ciò che appare abbastanza probabile è che, di fronte al rischio concreto di vedere Washington e Teheran sorprendentemente uniti a braccetto nello scenario internazionale, con tutte le imprevedibili e sconvolgenti conseguenze geopolitiche del caso, Riyad abbia dato un perentorio ultimatum agli Americani, nei termini di: “o noi o loro”.

Di fronte ad un tale diktat, Washington, folgorata sulla via di Damasco, è stata evidentemente costretta a riconoscere il ruolo chiave che i Paesi arabi ancora svolgono sullo scenario geostrategico mediorientale e globale, a cominciare dal controllo da questi esercitato sulle più importanti riserve petrolifere mondiali, e non si può certamente escludere che qualcuno abbia fatto notare agli USA che l’eventuale accordo con l’Iran avrebbe potuto costituire un eccellente cavallo di Troia per Putin, il quale aveva già approfittato della debolezza politica americana in Medioriente per aggredire impunemente l’Ucraina nell’anno ancora in corso.

Voci relative ad un programma nucleare segreto, tenuto in piedi in maniera occulta dall’Iran, a dispetto delle rassicurazioni espresse pubblicamente da Teheran in merito alla natura pacifica delle proprie ambizioni atomiche, hanno sicuramente agevolato la scelta di Washington di non spingere oltre l’acceleratore dei negoziati e di preservare la propria alleanza strategica formale con il mondo sunnita, almeno per il momento, dato che comunque l’incognita del temuto accordo sul nucleare iraniano continuerà ad incombere su Sauditi ed alleati anche nei mesi a venire, consci del fatto che Washington e Teheran condividono la sponsorizzazione politica dell’attuale governo di Baghdad.

Vittima sacrificale del mancato accordo sul nucleare iraniano è stato il Segretario alla Difesa americano “Chuck” Hagel, divenuto da tempo critico dell’obamismo in politica estera. Il fallimento dei negoziati con Teheran, condotti da una Casa Bianca posta sub tutela dal Pentagono, unito agli scarsi progressi bellici contro l’ISIS, nonché a conseguenti errori di valutazione in tema di alleanze e strategie sul terreno in Siria, ha nuovamente riportato in auge il presidente Obama, il quale ha così colto la palla al balzo per ricondurre il Pentagono all’ordine e silurare, provocandone le dimissioni, lo stesso Hagel, senza tuttavia scontentare certi ambienti del Pentagono che indubbiamente non condividevano la posizione più interventista e, evidentemente, minoritaria di Hagel, il quale avrebbe richiesto una politica più muscolare in tutto il Medioriente e, forse, meno incline all’ “appeasement”.

In tal senso è risultata vincente, almeno per una volta, la strategia obamiana, la quale, sfruttando il duro colpo inflitto dal fallimento dei negoziati iraniani ai sempre più disorientati “falchi” americani, è riuscita a squalificare  politicamente il Pentagono, sottraendogli quell’autorità morale e politica che per lunghi anni aveva evidenziato l’inconsistenza di parte delle strategie intraprese dalla Casa Bianca. Ciononostante la decisione di Washington di recedere, almeno temporaneamente, dalla firma di una obliqua, per quanto ancora assolutamente probabile, “entente cordiale” con l’Iran potrebbe essere stata indotta anche da altri fattori. Assai curiosamente, a partire dal giugno 2014, più o meno in concomitanza con l’invasione  dell’Iraq da parte delle milizie dell’ISIS (fatto, almeno in apparenza, senza alcuna correlazione), il prezzo del petrolio ha iniziato a declinare sui mercati internazionali, fatto di per sé positivo per i Paesi fortemente dipendenti dalle importazioni di petrolio, ma negativo per gli stati (e le organizzazioni come la stessa ISIS) che traggono dalla vendita degli idrocarburi buona parte delle proprie entrate finanziarie, come la Russia, il Venezuela e, potenzialmente (viste le sanzioni in atto), l’Iran stesso.

In particolare la Federazione Russa, già colpita dalle sanzioni occidentali imposte a causa del suo diretto coinvolgimento nella crisi ucraina, se in un primo momento aveva dimostrato di saper parare il colpo delle restrizioni economico-finanziarie di Unione Europea e Stati Uniti, col tempo ha, al contrario, iniziato ad accusare sempre maggiori difficoltà derivate dalla rapida diminuzione del prezzo del barile, la quale ha cominciato a mettere in seria crisi sia il bilancio moscovita che le conseguenti aspirazioni globali del Cremlino. Non è un caso se lo stesso Putin nel corso dell’autunno abbia iniziato pubblicamente a dichiarare, mettendo da parte il linguaggio della diplomazia, che il prezzo del petrolio, se da un lato risentiva del rallentamento dell’economia mondiale (in particolare presso quei Paesi appartenenti al cosiddetto gruppo dei BRICS), dall’altro stava subendo una manipolazione di tipo politico.

La recente decisione dell’OPEC, organizzazione a guida saudita, di non tagliare la produzione del petrolio per arrestare ed invertire l’andamento del costo dell’oro nero, ha infine inferto il colpo decisivo all’economia russa, fortemente dipendente dalle entrate derivate dalla vendita degli idrocarburi, causando il panico sui mercati e la caduta a rotta di collo del valore del rublo (già in difficoltà a causa della guerra in Ucraina), oltreché iniziando a minare profondamente le fondamenta del potere di Putin e del suo entourage politico, sempre più pressato dagli oligarchi russi, presso i palazzi del potere moscoviti. Il ruolo di Riyad e dei Paesi del Golfo in tale frangente appare indubbiamente in tutta la sua potenza. E’ indubbio, per quanto Sauditi ed alleati lo neghino, che i Paesi arabi abbiano giocato la carta del petrolio per colpire Mosca in quello che è l’attuale scontro sullo scacchiere del Vicino Oriente tra mondo sunnita e mondo sciita, quest’ultimo spalleggiato platealmente dalla Russia di Putin.

Le crescenti e prevaricanti ingerenze iraniane (e russe) in Iraq ed in Siria hanno evidentemente suggerito ai Paesi del Golfo che se si voleva mettere in crisi la strategia iraniana in atto ai danni del mondo sunnita occorreva innanzitutto togliere il terreno sotto i piedi ai protettori principali di Teheran, ovvero i Russi. Così facendo gli Arabi del Golfo, pur ricavando minori introiti dalla vendita del petrolio, hanno posto una spada di Damocle sulla Russia e, di conseguenza, sui suoi alleati mediorientali. Certamente prezzi del petrolio in caduta libera – i Sauditi già si dicono pronti a tollerare addirittura un prezzo di 20$ al barile – danneggiano allo stesso modo il nuovo “fracking” americano che necessita di alti prezzi alla vendita per rimanere conveniente.

Da questo punto di vista il mondo arabo sta compiendo una lotta su due fronti che indubbiamente non è esente da rischi nel medio e lungo periodo. Tuttavia se da un lato Sauditi ed alleati stanno provando a mandare fuori mercato la nuova industria petrolifera statunitense, nonché canadese (sabbie bituminose), dall’altro, nonostante tale livello dei prezzi risulti sfavorevole per i produttori americani, gli USA non stanno ostacolando, almeno per il momento, le politiche ribassiste dei Paesi del Golfo, dato che entrambi gli attori internazionali necessitano di mettere in crisi le “petrocrazie” che hanno aspirato negli ultimi lustri a dettare legge a livello globale, a cominciare dalla Russia di Putin fino ad arrivare al Venezuela neobolivariano (finanziatore del regime cubano, a sua volta burattinaio delle varie derive “neorivoluzionarie” centro e sudamericane dei primi anni dieci del XXI secolo – si veda il caso di ALBA) e all’Iran degli Ayatollah.

Oltre a ciò gli Americani ritengono che se l’attuale costo del “fracking” appare ancora piuttosto alto per risultare conveniente con bassi prezzi alla vendita, nel medio e lungo periodo i costi di estrazione si ridurranno notevolmente, di fatto riportando gli idrocarburi ottenuti tramite tale tecnica innovativa pienamente in seno ad una totale convenienza economica. Non si può ulteriormente escludere che il tentativo saudita di colpire il petrolio americano non funga, fra le altre ragioni in essere, da ricatto nei confronti del governo statunitense in merito allo scarso impegno e alle relative deviazioni della politica “a stelle e a strisce” rispetto le istanze geopolitiche dei Paesi del Golfo.

La Russia è stato il Paese certamente più colpito dalle manovre saudite sui mercati internazionali. Putin dovrà indubbiamente fare i conti con i problemi strutturali di una economia russa fortemente dipendente dalla vendita degli idrocarburi e pertanto particolarmente vulnerabile dall’andamento, naturale o strumentale che sia, dei prezzi di gas e petrolio sui mercati internazionali. Nell’immediato la Banca Centrale Russa sarà costretta, come già avvenuto attraverso mosse finanziarie assunte nottetempo e dettate dalla disperazione, ad intaccare le riserve di valuta estera per sostenere il valore del rublo e supportare il sistema bancario ormai in pieno affanno oltreché le necessità creditizie delle aziende nazionali. E’ in tal senso evidente che è appena iniziata una guerra di logoramento, di nervi e di liquidità nella quale la Russia rischia di giungere al termine di questa sfida completamente prosciugata. Si tratta in definitiva di uno scontro che ovviamente non potrà durare in eterno, visto che i soggetti economici in ballo e gli attori in gioco presto o tardi si troveranno di fronte alla scelta o di subire i danni di questo conflitto fino alle estreme conseguenze o di “cambiare tattica” per porre fine a questa costosissima lotta all’ultimo sangue.

Che cosa farà Putin? Indubbiamente lo stesso presidente russo sta già facendo i conti con il mondo degli oligarchi, un tempo suoi fedeli alleati, i quali di giorno in giorno vedono liquefarsi il proprio potere economico come neve al sole  a causa della perdita di valore delle moneta nazionale, della relativa inflazione, della prossima recessione economica e di un parallelo isolamento internazionale che ha già posto la Federazione Russa, a causa della sfiducia economica indotta dalle sanzioni, in una posizione difficilmente desiderabile per un qualunque uomo d’affari. Da questo punto di vista Putin potrebbe essere indotto a scendere a più miti consigli e cercare un accomodamento sui fronti caldi dell’Ucraina e del Medioriente, una sconfitta onorevole che gli potrebbe addirittura consentire di mantenersi in sella ancora per un bel po’ di tempo. Tuttavia Putin stesso potrebbe tentare di giocare la carta del “tutto per tutto”, eventualmente da un lato continuando a fare buon viso e cattivo gioco come finora accaduto in Ucraina, e dall’altro provando a diversificare l’economia russa, allacciando vitali e faustiani rapporti commerciali con la vicina Cina.

La Cina, dal canto suo, condividendo nemici comuni a quelli dell’ingombrante vicino russo, probabilmente sarebbe a sua volta pronta a lanciare un salvagente al Cremlino, tuttavia il prezzo da pagare a Pechino forse potrebbe risultare fin troppo alto per Mosca per essere tollerato. E’ evidente che la Cina potrebbe fungere da spalla per Putin a patto di strappare contratti di fornitura energetica straordinariamente vantaggiosi per l’ex “Celeste Impero”, di fatto riducendo di molto i margini sia per l’erario russo e per la stessa Gazprom. Parimenti la Cina con ottime probabilità pretenderebbe, in cambio di un suo appoggio nel consesso internazionale, il libero accesso ai mercati centro-asiatici, in particolare quelli energetici, di fatto scalzando via la Russia da quello che Mosca ritiene da secoli essere il proprio giardino di casa nonché la propria riserva energetica strategica privata.

Alla fine Mosca, ridotta a mero gregario del governo di Pechino, rimarrebbe con il classico cerino in mano, avendo pagato molto più del dovuto le proprie ambizioni imperiali, di fatto vanificate da una Cina che pare non abbia ancora dimenticato le conseguenze politiche della storica battaglia del Talas di epoca medievale. I rischi per il presidente Putin sono indubbiamente molteplici e non si può addirittura escludere che Mosca, qualora si adoperasse per mettere convenientemente in quiescenza la guerra in Ucraina, possa contemporaneamente cercare in qualche modo di alimentare un nuovo conflitto o rinfocolarne qualcuno in essere, possibilmente non  direttamente correlabile a manovre geopolitiche russe, per incrementare l’instabilità internazionale e conseguentemente spingere i prezzi del petrolio verso l’alto.

Dal canto loro gli Americani, per quanto possano sicuramente beneficiare dei rovesci finanziari moscoviti, non stanno mietendo particolari successi sul campo di battaglia. A Kobane i guerriglieri curdi, coadiuvati dalle truppe dell’Esercito Libero Siriano (FSA), sono per il momento riusciti a tenere testa ai miliziani dell’ISIS, impedendo la caduta totale della città. Tuttavia la notizia, più che vertere sulla resistenza opposta dai curdi e dalla coalizione internazionale alle bande di Al-Baghdadi, risiede nel fatto che l’ISIS, nonostante i raid della coalizione a guida americana, tutt’ora sia riuscita a mantenere sotto il proprio controllo un’ampia fetta dell’abitato, generando numerosi dubbi sulla concreta efficacia della strategia politico-militare adottata dagli USA in Siria.

Nello stesso Iraq si sono riscontrati scarsi successi sul terreno (la recente avanzata curda nei pressi della regione di Sinjar rappresenta forse la vittoria più importante finora ottenuta) e tutti fondamentalmente conseguiti grazie all’intervento sul campo di battaglia sia delle truppe curde, vere protagoniste della controffensiva anti-ISIS in corso, sia delle milizie filoiraniane sostenute  da Teheran. In tale scenario l’apporto iraniano appare assolutamente determinante sia per la tenuta del governo di Baghdad, sia al fine di  dotare il governo iracheno di una vera e propria forza armata nazionale, scarsamente identificabile, allo stato attuale, dalle cosiddette truppe regolari, già battute e disperse dall’ISIS nel corso dell’invasione di giugno. Gli Americani da questo punto di vista appaiono consapevoli del fatto che occorrerà diverso tempo per ricostituire l’esercito iracheno, nonostante gli USA stessi l’avessero già teoricamente rimesso in piedi nel corso della lunga occupazione statunitense del Paese.

A tal scopo gli USA stanno effettivamente progressivamente incrementando la presenza di soldati americani in Iraq, dell’ordine di alcune migliaia, al fine di accelerare l’addestramento di nuove unità dell’esercito iracheno, dato che secondo la dottrina Obama i soldati americani non devono partecipare direttamente ad azioni di guerra. A loro volta gli stessi peshmerga, il cui eroismo è universalmente riconosciuto, difficilmente potranno giustificare agli occhi del proprio popolo che sta pagando un tributo di sangue altissimo, il proseguimento dell’avanzata laddove le stesse rivendicazioni territoriali curde terminano, di fatto rendendo indispensabile l’utilizzo di un esercito regolare iracheno che veda sia la componente sciita che sunnita parimenti rappresentate. Non a caso la vicinanza sullo scenario iracheno, per quanto informale, tra USA ed Iran (quest’ultimo impegnato sempre più spesso con proprie forze terrestri ed aeree in aree irachene a ridosso del proprio confine, per non parlare di forze speciali e consiglieri militari ampiamente dislocati in area mesopotamica), spiace ai Paesi del Golfo, come poc’anzi detto, e, allo stesso modo, non piace neppure ad Israele, il quale, assai vicino, per motivi di opportunità legati alle ambizioni nucleari iraniane, alle posizioni geopolitiche dell’Arabia Saudita, sta indubbiamente parteggiando per la causa della rivolta siriana, intrattenendo rapporti con gruppi ribelli, anche con quelli che gli Americani considerano alla stregua di nemici, come Al-Nusra, coadiuvando, in un certo qual modo, il loro stazionamento a ridosso del confine con la Siria in funzione anti-Iran ed anti-Hezbollah.

La stessa Turchia, per quanto da un lato, dopo aver preso atto dell’inutilità di conservare il completo isolamento di Kobane a fronte degli aiuti americani paracadutati a favore dei curdi asserragliati in città, abbia concesso il libero transito verso la Siria al “minore dei mali”, ovvero alle milizie curde irachene, con le quali intrattiene da tempo rapporti di relativa ed interessata collaborazione e, più recentemente, di cooperazione in tema di addestramento militare, e dall’altro abbia promesso al governo iracheno un aiuto sostanziale contro l’ISIS, rimane defilata rispetto le azioni della coalizione internazionale a guida americana, nell’attesa di veder soddisfatte le proprie istanze relative al rovesciamento del regime di Assad.

Gli stessi stati europei che bombardano l’ISIS in Iraq tutt’ora non sembrano voler compiere il medesimo passo in Siria, ben sapendo che il territorio siriano rappresenti il punto focale di un vasto scontro fra sfere di influenza globali nel quale importanti Paesi come Francia e Regno Unito stanno giocando un ruolo di primo piano assieme ai Paesi arabi. Di queste e di altre complicanze gli Americani sembrano non preoccuparsi eccessivamente, per quanto la frammentazione che contraddistingue la coalizione internazionale costituita con il fine  di combattere l’ISIS stia minando l’efficacia dell’azione politico-militare nella regione contro un’organizzazione che, da un punto di vista strutturale, assai assomiglia alla mitologica Idra di Lerna.

Una stanchezza, quella americana, che si è resa ben evidente anche sullo scenario ucraino, per quanto in tal caso fossero proprio gli Americani stessi, o, perlomeno, una parte dell’establishment politico ed amministrativo USA, il primo motore dell’opposizione geopolitica alla Russia putiniana emersa in questi ultimi anni, un’opposizione che però necessita del ruolo forte della pressione economica europea (i cui obiettivi non sempre sono coincidenti con quelli di Washington sia in termini economici che geopolitici) per diventare veramente efficace. Ciò appare vieppiù vero nel momento in cui sembra che gli Americani ancora non abbiano deciso, dopo la fin troppo “lunga stagione” degli equipaggiamenti “non letali”, se rifornire o meno di adeguate dotazioni militari l’esercito ucraino, pur avendo acconsentito, a livello parlamentare, a dare il via libera a tale possibilità. Ciò che invece si mostra evidente è come la spesa miliare degli ex-Paesi facenti parte del Patto di Varsavia, ora nella Nato, stia progressivamente lievitando, a tutto vantaggio dell’industria bellica europea ed americana.

Il recente ritorno del presidente Obama “dai giochi forzati nel campo da golf” ha già prodotto due risultati che si sposano perfettamente con il modo di pensare “presidenziale” in tema di politica estera.

Il primo è stato l’annuncio della riapertura delle relazioni diplomatiche con Cuba e della prossima conclusione dell’embargo: un’ottima idea in funzione anti-russa (visti i frequenti approcci economico-militari moscoviti nell’area) ed anti-venezuelana (l’andamento del prezzo del petrolio deve aver preoccupato non poco L’Avana) se non fosse stata prontamente trasformata nell’ennesima trovata pubblicitaria che se, a livello mediatico, ha accarezzato le orecchie di tutti i mezzi di informazione globali, anche grazie alla cassa di risonanza rappresentata dal ruolo di Papa Francesco, a livello pratico si dovrà scontrare con la prossima maggioranza repubblicana al Congresso.

La seconda, e ben più maldestra della prima, mossa ad effetto della Casa Bianca è stato l’utilizzo strumentale del hackeraggio nordcoreano compiuto ai danni della Sony, relativo al controverso film “The Interview”, un episodio fondamentalmente “sospetto” dato che gli Stati Uniti posseggono tutti gli strumenti per escludere la rete internet della Corea del Nord dal resto del mondo (come poi effettivamente messo in atto dagli USA stessi, anche se per poche ore) e per prevenire simili attacchi contro il suolo statunitense. In tal senso sembrerebbe, ad una disincantata analisi della realtà, che prima si sia preferito cercare lo scandalo per mettere il presidente Obama sotto la benigna luce dei riflettori e poi si sia proceduto a “controbattere” al regime nordcoreano attraverso un azione di hackeraggio contro le infrastrutture informatiche del Paese, certamente generando più visibilità per Obama e per le mire elettorali del Partito Democratico, oltreché per la campagna pubblicitaria della Sony Pictures Entertainment, che per il prestigio morale e politico degli Stati Uniti, in particolare dal momento in cui è ben noto che nel caso dell’improbabile remake del celebre film “Red Dawn”, gli USA si siano ben guardati dall’attaccare direttamente il loro reale competitore nell’area del Pacifico, la Cina, Paese detentore di una parte non irrilevante delle fortune economiche americane e finanziatore di un nuovo canale marittimo in Nicaragua, in via di realizzazione ed in diretta competizione con quello di Panama (sempre che il progetto si dimostri concretamente realizzabile…).

Ciò ovviamente non vuole sminuire il grado di minaccia che il regime nordcoreano rappresenta a livello regionale (e non solo), tuttavia la mossa dell’amministrazione americana assomiglia più ad un gesto di piccolo “cabotaggio” che ad una seria azione di stampo politico-strategico volta a dimostrare la propria superiorità al transoceanico vicino cinese.

A dire il vero, in tale prospettiva, i più che ragguardevoli progressi dell’economia americana emersi recentemente all’onore delle cronache, dopo anni di risultati non all’altezza delle aspettative, non stridono in maniera così plateale con una politica estera in parte ridimensionata, dato che, seppur nell’era del divisivo e, a questo punto, sfortunatissimo presidente Obama, il quale ha visto nuovamente (ed incredibilmente) scoppiare tensioni di carattere razziale negli USA, gli Americani devono aver compreso che, come ha insegnato l’era Bush, il ruolo di poliziotto del mondo può essere eccessivamente costoso da sopportare a fronte di “presunti benefici politici” assai dispendiosi da mantenere, soprattutto quando le banche americane sono ancora sommerse da titoli tossici e i redditi reali stentano parimenti a decollare.

La stessa asserzione proveniente dagli Stati Uniti tendente a giustificare la necessità di un proprio disimpegno dal Medioriente per focalizzarsi maggiormente sull’area pacifica, in particolare a fronte del raggiungimento di una sostanziale autosufficienza energetica in Patria (il cui eventuale surplus sta in tutti modi cercando la strada dell’Europa, come la Germania e la Russia sanno bene), in parte collide con le recenti dichiarazioni del governo giapponese il quale paventava la possibile totale assenza di portaerei americane nell’Estremo Oriente, notoriamente permeato da tensioni regionali, nel corso del 2015 per un periodo di circa quattro mesi, una vacanza in parte dovuta a problemi legati ad un bilancio federale che ha recentemente visto la propria coperta finanziaria diventare troppo corta nel settore della Difesa.

A dimostrazione della necessità di un sempre maggior impegno dei partner americani a livello militare, in particolare a fronte di un’America che deve fare i conti con i propri problemi interni, ha recentemente suscitato l’attenzione dei media la notizia che il Regno Unito, dopo quasi cinquant’anni dal proprio “ritiro” ad “Est di Suez”, abbia annunciato la riapertura di una base navale nel Bahrein, il piccolo stato mediorientale nel quale, guarda caso, la politica attendista delle forze americane (ricordiamo che il Bahrein è sede della V flotta USA) nel corso delle manifestazioni occorse in seno alla cosiddetta “Primavera araba” ha spinto l’Arabia Saudita e i Paesi del Golfo, nonché altri alleati internazionali, ad iniziare a prendere in mano le redini della situazione regionale.

La realizzazione della base navale britannica, finalizzata a proteggere gli interessi  e i cittadini di Sua Maestà nel Golfo ed in grado di ospitare le nuove portaerei in dotazione alla Royal Navy, verrà quasi interamente finanziata dalla locale casa regnante sunnita, a lungo pressata dalla turbolenta maggioranza sciita che costituisce la parte preponderante della popolazione di questo piccolo ma ricchissimo regno. Tale mossa non deve essere particolarmente piaciuta all’Iran e ai suoi alleati, dato che l’annuncio della riapertura della base navale inglese ha scatenato tutta una serie di proteste nel Paese inscenate dalla parte più politicizzata dalla componente sciita. Ciò che infatti sottende tale mossa geopolitica, come in parte dichiarato dallo stesso ministro degli esteri britannico Hammond, è che la Gran Bretagna e la Francia intendano assumere un ruolo di maggior rilievo nella sicurezza del Medioriente, nei fatti nel tentativo di incominciare a coprire i vuoti lasciati dagli Stati Uniti che tanto danno hanno causato alla regione.

La stessa Francia, la quale ha recentemente riaffermato la sua supremazia nella cosiddetta Françafrique messa in discussione dalla Cina, già da tempo sta percorrendo in lungo ed in largo il Golfo Persico per cercare di guadagnarsi l’appoggio economico delle ricche monarchie del Golfo e, oltre ad aver già aperto una base militare congiunta negli Emirati Arabi Uniti nel 2009, sta facendo affari d’oro con l’Arabia Saudita in campo militare, ad esempio in scenari quali il Libano (presso il quale lo stesso Regno Unito, posto all’inseguimento di Parigi, ha fornito al governo un sistema di torri di difesa in funzione anti-ISIS da porre sul confine siriano). Da questo punto di vista il Regno Unito ha sicuramente interpretato la mossa francese come una sorta di prevaricazione a cui far seguire una “risposta”, rispetto una regione presso la quale Londra ritiene di avere dei diritti di “primogenitura”, pur sapendo quanto sia necessario scendere a patti con la Francia per gestire il clima di instabilità che permea ormai vaste aree globali, spesso di importanza strategica sia dal punto di vista economico che energetico per entrambi i Paesi europei.

La riapertura della base navale nel Bahrein, oltreché riaffermare il nuovo impegno britannico nella regione (accompagnato da una maggiore presenza militare in Iraq con l’invio di centinaia  di uomini e decine di mezzi in seno al programma di addestramento delle forze irachene), potrebbe costituire una nuova testa di ponte per esperienze analoghe a livello planetario, suggerendo già la possibilità di ripristinare basi permanenti in Paesi quali la Nigeria e l’Egitto (Paese soggetto all’interessamento moscovita presso il quale gli Americani hanno dovuto accettare il nuovo corso voluto dall’Arabia Saudita ed alleati, parzialmente riaprendo il rubinetto degli aiuti militari) e potenziare insediamenti militari tutt’ora esistenti come quello presso il sultanato del Brunei.

In particolare riaffermare una propria presenza stabile nel Pacifico potrebbe rappresentare un fatto di natura vitale per la politica estera e per il commercio britannico, soprattutto in considerazione delle difficoltà incontrate nei rapporti con la Cina che si sono recentemente confermate nei fatti relativi ai disordini di Hong Kong.

Russia e Usa, solo una questione geopolitica? 3/3

Come accennato nei precedenti saggi non possiamo sapere se Putin e la Russia, in cui non mancano certo le contraddizioni, saranno fino in fondo all’altezza del compito che si pro­pongono, né se lo sarà la Chiesa Ortodossa o come si evolverà quella cattolica anche nei suoi rapporti con la prima. Tuttavia, da quanto det­to finora mi sembra emerga con chiarezza che la rinnovata rivalità fra Usa e Russia sia molto di più che una questione meramente geopolitica, ponendosi invece come confronto fra due oppo­ste concezioni del mondo, perciò strategica­mente incompatibili quando l’una voglia preva­lere sull’altra.

Russia e Usa, solo una questione geopolitica? 3/3 - Geopolitica.info

Gli scenari del confronto

In questo confronto ora è lo Sta­to Russo, quasi invertendo le parti rispetto a quanto scriveva Schmitt, che necessita di una Chiesa forte, un partner da cui trarre ispirazio­ne anche per alcune scelte politiche (oltre che legittimazione dei propri fondamenti giuridici basati sul diritto naturale e non su quello positi­vo, con ciò autoponendosi un limite invalicabi­le).

In quanto fra opposti modelli di civilizzazione, il confronto si giuoca necessariamente su più scenari intrecciati: geopolitico (accerchiamento di Stati amici), economico (controllo delle fon­ti e dei flussi energetici), militare (interventi ar­mati diretti o per interposta persona), utilizzan­do tutti quei movimenti, spes­so in feroce lotta fra loro, che si propongono di ribaltare gli equilibri in medio oriente. Fra questi anche (sic!) l’Islam fondamentalista e terrorista. Lo scopo è quello di destabilizzare l’area e creare una rete di Stati sotto la diretta influenza statu­nitense o, come nel caso dei fondamentalisti islamici, creare una situazione tale per cui si renda indispensabile l’intervento armato così detto umanitario.

Non meno importante sul piano strategico, è però lo scenario della guerra culturale. Gli Stati Uniti se ne sono resi ben conto e agiscono di conseguenza, col triplice scopo di

  1. Delegittimare agli occhi del mondo il gruppo dirigente russo e Putin in prima persona, accu­sati in pratica di tutto: dalla non democraticità del regime (nonostante il ripetuto sostegno po­polare a Putin, ben maggiore di quello ricevuto da Obama se teniamo conto di quanti cittadini Usa vanno a votare nelle elezioni presidenziali) e dall’interferenza negli affari interni di altri paesi, come l’Ukraina nella quale tuttavia gli Usa non hanno esitato ad appoggiare gruppi neona­zisti, alla repressione delle etnie presenti sul suolo della Russia, dimentichi della loro storia e della loro politica rispetto ai nativi americani. Non poteva mancare, naturalmente, l’accusa di non rispetto dei diritti umani e civili, questione posta con tanta più forza quanto più viene per­cepita come la più facilmente comprensibile per l’opinione pubblica interna dei paesi occidenta­li.
  2. Rafforzare, appunto, la convinzione nei pro­pri cittadini di trovarsi di fronte ad un nuovo potenziale Impero del male, e quindi di essere dalla parte del bene e del vero, ovvero della sto­ria e del progresso civile, così che passino in se­condo piano i comportamenti reali e concreti dell’amministrazione USA e si crei un fronte interno in cui liberal e neocon marcino uniti.
  3. Destabilizzare la Russia per quanto possibile, facendo leva sull’opposizione interna in quel paese, finanziandola, incenti­vandola e ampliandone l’importanza.

L’uso politico della letteratura e dell’arte per veicolare l’ideologia su cui si regge il potere è cosa nota da sempre e non sorprende. Ma il caso degli Stati Uniti presenta un aspetto unico e particolare in quanto specchio non mediato della logica del capitale, e merita una breve di­gressione. È ormai noto, quantunque scono­sciuto al grande pubblico ed anche all’il­lusione narcisista degli artisti ribelli e anticonformisti, che il modernismo e l’astrattismo, os­sia la nega­zione programmatica del bello e di ogni deter­minazione formale del­l’opera d’ar­te, sono stati imposti dalla CIA in funzione antisovietica. Slegata da ogni vincolo formale ed estetico e perciò definita libera, la pop-art occidentale (definiamo così per comodità tutta l’arte non fi­gurativa affermatasi nel secondo dopoguerra), si contrapponeva a quel­la del realismo socialista che, come sempre è stato, attraverso l’immagine intendeva veicolare emozionalmente un conte­nuto positivo, per quanto discutibile fosse. Non è quì in discussione la reale e concreta consi­stenza artistica del realismo socialista, bensì il fatto che si riferiva pur sempre a principi for­mali ed estetici. Negarli, ha significato discono­scere ogni radice culturale, quindi anche tutta l’arte del passato. Ma non solo, perché quella pretesa libertà da ogni vincolo che l’avanguar­dia artistica, ovviamente sedicente di sinistra, vanta come il massimo dell’anticonformismo e della contrapposizione all’arte borghese, finisce concretamente per sottoporre il valore dell’opera d’arte all’unico criterio del mercato. È il suo valore di scambio che le conferisce, di­ciamo così, bellezza e importanza e non vice­versa. Lasciamo pure perdere il fatto che il va­lore di mercato di un qualcosa che nega radical­mente l’estetica e quindi la fruibilità (il suo va­lore d’uso immateriale), è totalmente manipo­labile dalla critica secondo cospicui interessi. Le cosa importante da sottolineare è invece il nichilismo radicale dell’arte moderna e il suo essere immediatamente una merce. La pop art nega tutti i noiosi vincoli a cui era ancorata quella precedente nonché quelli imposti dalle preferenze del committente, ma non può nega­re il vincolo del mercato. Riappare allora, con chiarezza, il nichilismo della forma merce come scopo e destino del capitale. Così che le avan­guardie ribelli e antiborghesi diventano le punte di diamante della sua penetrazione (sotto i graziosi auspici della CIA) in un mondo, quello dell’arte e della cultura, che intrinseca­mente gli sarebbe estraneo.

Tornando al nostro argomento specifico, esem­plare è stata la vicenda dell’inaugurazione delle Olimpiadi invernali di Sochi 2014, alla quale i leaders occidentali, con la sola eccezione di Enrico Letta, si sono rifiutati di partecipare per solidarietà agli omosessuali russi contro le leggi definite antigay, quelle, come ho ricorda­to sopra, che avrebbero impedito di impartire a ragazzi quattordicenni una lezione di fellatio omosessuale.

In quell’occasione la federazione tedesca ha escogitato la mossa propagandistica di indubbio impatto mediatico, di far vestire i propri atleti coi colori arcobaleno, mentre su tutti i media occidentali è stato dato grande risalto alla que­stione. Così come grande risalto negativo hanno avuto le dichiarazioni della campionessa mon­diale di salto con l’asta, Yelena Isinbayeva, col­pevole di aver detto «Io sono a favore delle re­gole sui gay, noi russi siamo normali, i ragazzi con le donne e le ragazze con gli uomini», e naturalmente costretta dalla pressione mediati­ca ad una semiritrattazione.

In questo contesto di guerra culturale, un ruolo importante in quanto fenomeno altamente me­diatico, è stato assegnato alle Femen e alle Pussy Riot, due gruppi punk femministi, ucrai­no l’uno e russo l’altro, che conducono azioni nonviolente contro Putin, contro la religione e contro il patriarcato, delle quali ci limitiamo ad elencarne alcune fra le più eclatanti. Per chi avesse conservato un minimo di buon senso è sempre stato evidente che non si è mai trattato di fenomeni spontanei, ma di creazioni eterodi­rette e finanziate con scopi precisi, quelli ap­punto ricordati sopra. Nel febbraio del 2012, le Pussy Riot si introdussero nella Cattedrale di Cristo Salvatore, a Mosca, intonando una can­zone in cui si invocava la conversione femmini­sta della madonna e la cacciata di Putin per sua opera, e si recitavano versi come i seguenti: «merda, merda, merda del Signore». Subito ar­restate e condannate a due anni di reclusione per offesa premeditata ai danni della Chiesa or­todossa e condotta lesiva di tradizioni nazionali millenarie, furono amnistiate dopo pochi mesi ad opera dell’op­pres­sore Putin in persona. Il loro intento dichiarato era di quello di denunciare i legami fra Chiesa e Stato, apostrofando come puttana il patriarca di Mosca, e contestando la democraticità dell’elezione di Putin. I sondaggi  hanno mostrato la scar­sissima considerazione nutrita verso quel grup­po (solo il 6% della popolazione ha dichiarato di provare rispetto o di non avere obiezioni alle loro azioni), ma il can can mediatico occidentale è stato immedia­to e pesante. Dall’immancabile Madonna ad ad altri esponenti dello Star System, da Obama alla Merkel, tutti hanno fatto a gara nello stigma­tizzare la sentenza come eccessiva e poco ri­spettosa della libertà d’e­spres­sione, mentre l’ineffabile Amnesty International le ha nominate prigio­niere di coscienza e la Corte europea dei diritti dell’uomo ha affermato che la libertà d’espres­sione deve essere applicata «non solo alle idee inoffensive, ma anche a quelle che offendono, scandalizzano o disturbano lo stato o settori della popolazione». Aspettiamo identico pro­nunciamento per le future denunce di omofo­bia nei confronti di qualche dichiarazione che offenda il movimento LGBT.

Non da meno sono le Femen, use a manifestare in varie parti del mondo a seno nudo contro la mercificazione del corpo femminile, natural­mente ben pagate. Delle loro performance per i diritti civili, per le donne, contro le religioni, il maschilismo etc. etc. in Ucraina, Russia, ita­lia, Svizzera, Polonia, Inghilterra, Francia, particolarmente significativa per gli esiti a cui ha dato luogo, è stata quella del 12 febbraio 2013 nella basilica parigina di Notre Dame. Per festeggiare le dimissioni di Benedetto XVI, hanno fatto irruzione a seno nudo nella chiesa al grido di «mai più papa», e, riportano le cro­nache, hanno preso a bastonate un’antica cam­pana coperta di lamine d’o­ro, esposta al pubbli­co in occasione del­l’otto­centocinquantesimo anniversario della cattedrale. Un evidente e vo­luto oltraggio alla sensibilità dei credenti, la gratuita profanazione di un luogo e di un og­getto simbolico in spregio al rispetto delle idee altrui. Non risultano dichiarazioni di Amnesty o pronunciamenti della Corte europea dei dirit­ti del­l’uomo. Sono state processate, ma non per oltraggio, o incitamento all’odio religioso o per atti osceni in luogo pubblico, come sarebbe sta­to ovvio in un paese normale che tenga al ri­spetto di ogni simbolo e di ogni sensibilità, come si vanta essere la Francia. L’unica imputa­zione è stata quella di danneggiamento di beni materiali, e naturalmente sono state assolte, mentre in compenso ai guardiani che avevano tentato di fermarle sono state comminate am­mende fino a mille euro per i metodi troppo sbrigativi.

L’episodio è rivelatore. L’occidente nichilista odia se stesso e le proprie tradizioni millenarie che vuole dissolvere. Mentre ci si fa beffe del loro valore simbolico, l’unica cosa rimasta eventualmente da salvaguardare è il valore ma­teriale degli oggetti che quelle tradizioni incar­nano. Torna prepotente il fantasma del nichili­smo della merce!

È ormai di pubblico dominio che le Pussy Riot, in rapporti con l’ex oligarca Khodorskovsi (de­fenestrato da Putin e arrestato ma an­ch’egli amnistiato), sono pagate dal democraticissimo finanziere ungaroamericano Geor­ge Soros. Quello che all’inizio degli anni novanta scatenò un micidiale attacco speculativo contro la lira (cioè contro uno stato sovrano, fra l’altro allea­to degli Usa), rischiando di far fallire il nostro paese, e che qualche mese fa è stato gra­ziosamente accolto come terzo socio più impor­tante nelle Coop Rosse. Dal canto loro, le Fe­men ricevono finanziamenti dal miliardario te­desco cinquantenne Helmut Losef Geier, dall’im­prenditrice tedesca Beate Schober e dall’altro multimilionario statunitense Jed Sun­den, fondatore del magazine The Kyiv Post.

Tutto lascia pensare insomma che Femen e Pussy Riot siano burattine nelle mani di qual­cuno molto potente e usate come fattore di di­sturbo all’interno della Russia e di delegitti­mazione sul piano internazionale. Solo dei me­dia in cattiva fede o così ingenui da rasentare l’imbecillità possono pensare che non sia così, ma sono la maggioranza.

Conclusione

Non possiamo sapere come sarà il futuro, come si evolverà il confronto che ho tentato di deli­neare nelle sue direttrici principali, confronto che va oltre le volontà e le abilità dei singoli personaggi, quantunque contino an-ch’esse, com’è ovvio. Alla soglia della riunificazione del mondo sotto il segno del capitale e della merce, qualche opzione diversa sta affacciandosi, qual­che anticorpo si sta generando. Ogni possibilità, credo, è aperta. Oggi sarebbe già tanto che gua­dagnasse terreno la consapevolezza della posta in gioco e i terreni su cui la partita si svolge. Se non si tratta già di scelte di campo consapevoli, mi pare che, almeno in Italia ma più in generale in Europa, la confusione regni sovrana in mez­zo ad un preoccupante conformismo che conti­nua a ragionare, in processi storici che le hanno rese obsolete, con le categorie del secolo scorso. Vale per la politica ma non solo.

Russia e Usa, solo una questione geopolitica? 2/3

Le linee direttrici della politica della Russia di Putin che ho cercato di riassumere nel precedente saggio, sono bene espresse nel discorso all’assemblea federale della Federazione Russa del 12 dicembre 2013, che possono essere sintetizzate in due principali concetti: conservatorismo nei valori, progressi­smo sui temi economici e sociali.

Russia e Usa, solo una questione geopolitica? 2/3 - Geopolitica.info

Scontro di civiltà?

Come si nota acutamente su un sito in lingua francese che si occupa di geopolitica, si tratta di un rovescia­mento speculare del paradigma prevalente in Occidente e accettato ormai dalle forze politi­che maggioritarie di centrodestra e centrosini­stra: conservatorismo sui temi economico-sociali (nel senso di accettazione incondizionata del mercato con al massimo qualche timidissima correzione) e progressismo nei valori, nel senso di rifiuto e dissoluzione di ogni valore tradizio­nale. Due al­tre cose sono da sottolineare in quel discorso di Putin. Il richiamo al fatto che quei va­lori  so­no profondamente radicati nel popolo e quin­di la loro conservazione è si­nonimo di democrazia in contrasto col tentati­vo di estirparli per imporre alla vita reale idee astratte, come accade nei paesi occidentali, e il rifiuto del relativismo che non sa o non vuole distinguere fra bene e male. Ma questi non sono altro che i fondamenti di una società comunita­ria, che richiede un idem sentire, un cemento spirituale forte la cui carenza spiega il fallimen­to del comunismo sovietico basato infine sulla concezione economicista dell’in­teresse di classe, derivata dallo stesso Marx.

Difficile dar torto al filosofo Alexandr Dugin, fondatore e presidente dell’associazione Eura­sia, che individua nel modello americano una sorta di nichilismo attivo.

Se l’identità si definisce partendo da ciò che le si oppone, ossia in termini à la Carl Schmitt dalla logica amico-nemico, in un mondo multipolare, osserva, l’Occidente si è ritrovato senza nemici, rivolgendosi così al proprio interno. La Russia putiniana, in questa chiave di lettura, è l’ultima speranza per l’occidente di trovare un avversario fuori dai propri confini. Fallito questo tentativo, il processo di auto dissoluzione già in atto subirà un’accelerazione. La dissoluzione in­terna di legami, di cui le recenti crisi finanziarie sono un sintomo, non la causa, la fine del lavoro, della famiglia, la neo schiavitù, le nuove genera­zioni iper-tecnicizzate ma consegnate alla «de­mentia digitalis», il bio potere spinto all’estremo… Tutto convergerà verso quel centro che ha un nome semplice e fragile al tempo stesso: la vita. Con quali conseguenze, è facile ma al tempo stesso ter­ribile immaginarlo. Se la lettura di Dugin è cor­retta, il turbocapitalismo finanziario svuoterà l’individuo di ogni residuo legame col mondo.

Per Dugin gli Stati Uniti rappresentano la for­ma della modernità assolutizzata, senza radici. Vecchio mondo europeo o russo rappresenta la tra­dizione, ovvero la modernità con radici. Il con­cet­to di Eurasia è così il concetto di realtà radicata. Si tratta, quindi di un concetto di civilizzazione che non si basa sulla dimensione universalista e mercantilista, ovvero su un’an­tro­pologia indivi­dualista. Tutt’altro. In questo senso, Eurasia come concetto è sinonimo di conservazione del vecchio mondo, a fronte del nuovo mondo.

Sia i concetti espressi da Dugin, sia quelli conte­nuti nel discorso di Putin, si richiamano all’eredi­tà spirituale di Alexandr Solženicyn. Lo scrittore, che pure aveva combattuto contro i nazisti nelle file dell’Armata Rossa, fu esiliato nel 1974 prima in Svizzera e Germania, poi negli Stati Uniti. Qui, dapprima osannato per il suo anticomuni­smo, dovette poi patire tutta la delusione per quel­l’Occidente in cui riponeva le sue speranze. Nel discorso tenuto ad Harvard l’8 giugno 1978 in occasione del conferimento delle laurea ad honorem in letteratura, dal titolo «Un mondo in frantu­mi», così espresse i suoi sentimenti: «Non posso raccomandare la vostra società come ideale per la trasformazione della società sovietica», per­ché il cammino che abbiamo percorso a partire dal Rinascimento ha arricchito la nostra esperien­za, ma ci ha fatto anche perdere quel Tutto, quel Più alto che un tempo costituiva un limite alle nostre passioni e alla nostra irresponsabilità. Ab­biamo riposto troppe speranze nelle trasformazioni politico-sociali e il risultato è che ci viene tolto ciò che abbiamo di più prezioso: la nostra vita interio­re. All’Est è il bazar del Partito a calpestarla, all’Ovest la fiera del commercio.

Parole inequi­vocabili, che se lette alla luce di quest’altre:

Vera­mente non esiste al di sopra dell’uomo uno Spirito supremo? Veramente la vita dell’uomo e l’attività della società devono anzitutto valutarsi in termini di espansione materiale?

ed alla critica al siste­ma occidentale dei media:

La stampa (uso la pa­rola ‹stampa› per designare tutti i mezzi di in­formazione di massa) è diventata la più grande potenza in seno ai paesi occidentali…

Ma an­dare al nocciolo dei problemi le è controindica­to, non è nella sua natura; essa non considera che le formule a sensazione. L’Occidente, che non ha una censura, opera tuttavia una selezio­ne puntigliosa separando le idee alla moda da quelle che non lo sono… Senza che vi sia, come nell’Est, aperta violenza, questa selezione ope­rata dalla moda… impedisce ai pensatori più originali di apportare il loro contributo alla vita pubblica, e provoca la comparsa di un pericolo­so spirito gregario che è d’ostacolo a uno svi­luppo degno di questo nome disegnano la di­stanza della sua concezione tanto dall’esperien­za del socialismo reale quanto dalle società ca­pitalistiche occidentali. Nelle quali, dopo la ca­dute dell’Urss, è stato accusato di oscu­rantismo reazionario da parte del variegato mondo liberal e progressista. La proposta di Solženicyn non è però la riedizione reazionaria della società castale, ma semplicemente quella di una società che, senza disdegnare affatto la ricchezza materiale, non impoverisca spiritual­mente gli uomini. Valgano allora queste parole di Eugenio Corti a commento di quel discorso.

Ciò che più colpisce chi scrive queste note è però un’altra cosa: il fatto che i cristiani anzi i cattolici non abbiano immediatamente individuato nel di­scorso di Solženicyn il discorso che è stato loro pro­prio finché la cultura cattolica non è entrata nell’attuale stato di confusione.

Mosca la terza Roma?

Riemerge il sogno di Mosca come terza Roma, oggi in opposizione all’impero statunitense e legittima erede spirituale di Bisanzio, rivendicato fin dalla metà del 1400 da Ivan III di Moscovia. A quel tempo la rivendicazione poggiava anche su basi religiose, e la Russia si poneva come difensore della Chiesa Ortodossa, oltre che contro l’Islam, anche contro il principio di supremazia del papato roma­no. La prima Roma era collassata a causa delle sue debolezze interne oltre che per le invasioni barbariche, Bisanzio era caduta per mano turca, Mosca si propose come loro erede, e centro della Cristianità.

Il sogno della Russia erede dell’Impero romano è stato inseguito con tenacia dagli Czar, ma non si è interrotto, nemmeno nel periodo comunista, allorché Stalin fece del proprio paese il centro mondiale dell’inter­nazionalismo proletario, do­vendo però anch’egli ricorrere ai vecchi sim­boli religiosi, come quando nell’autunno del 1941, alla vigilia della Battaglia di Mosca, fece sorvolare la capitale da un aereo su cui era stata caricata l’icona della Madre di Dio di Vladimir per invocarne l’aiuto contro l’attacco tedesco.

Complessivamente, anche da questa angolazione si ripropone la radicale alterità fra il potere impe­riale degli USA, esercitato lasciando autonomia giuridica ai paesi nella propria orbita ma unifi­candoli sotto il proprio modello economico e politi­co, e la concezione di impero classica, che invece, ferma l’unità amministrativa, intende rispettare le differenti tradizioni religiose e culturali.

L’emergere della Russia come potenziale centro d’aggregazione culturale ed economico alternativo agli USA, propone (o ripropone) in maniera strin­gente due ordini di problemi, l’atteggiamento e le scelte dell’Europa occidentale e i rapporti fra la Chiesa cattolica e quella ortodossa, problemi che non coincidono ma si intrecciano.

L’Europa fra Usa e Russia

Per Putin, nonostante che la maggior parte del suo territorio si estenda in Asia e funzioni da cer­niera con l’Oriente, la Russia è Europa, e l’Euro­pa non potrebbe dirsi tale senza la Russia. E ciò dal punto di vista spirituale, culturale, sociale ed anche economico.

Se ai tempi dell’Urss potevano esserci pochi dubbi sulla scelta di schieramento, oggi la situazione sembra radicalmente mutata, quasi rovesciata.

Il Capitale, almeno nell’Occidente, si è affrancato dal politico che anzi ha subordinato a sé preten­dendo che i propri interessi coincidano con quelli della comunità; la lotta di classe del proletariato si è stemperata in rivendicazioni puramente sinda­cali nel quadro di un’ac­cettazione incondizionata dei rapporti di produzione capitalistici da un lato, e dall’altro nell’accettazione altrettanto incondi­zionata da parte dei suoi pretesi rappresentanti po­litici, dei canoni culturali propri del capitale (ato­mismo individualista, così detti diritti umani e civili, scientismo elevato a nuova religione, dissi­mulati sotto il concetto di democrazia rappresen­tativa); l’Urss socialista e atea è implosa, lascian­do però dietro di sé, oltre alle macerie, anche il ri­cordo del tentativo di conservare una forma, chiaramente ripreso dalla nuova Russia di Putin.

Il capitalismo finanziario e globalizzato a guida Usa si è insomma emancipato dalle sue precedenti limitazioni e sta dissolvendo ogni tradizione reli­giosa e culturale, insieme anche al concetto di clas­se, in nome di un universalismo cosmopolita e astratto. Sta cioè recidendo le radici culturali nate proprio nella vecchia Europa e frantumando ogni forma estranea a quella della merce, mentre, al­meno nelle intenzioni, quelle radici sono rivendi­cate dalla Russia cristiana.

L’Europa occidentale si trova quindi dinanzi ad una scelta epocale, che Claudio Bonvecchio sinte­tizza

1) fra abbandono definitivo delle sue origini profonde o loro riscoperta, in modo da costruire un modello da offrire al mondo come viatico per un uomo nuovo e consapevole di essere faber, sa­piens, e sacer;

2) fra il mantenimento di comuni­tà statuali ormai troppo piccole e conflittuali, o la prospettiva di un’entità sovranazionale che com­prenda sia lo scacchiere mediterraneo che quello est-europeo e che, nel rispetto delle sin­gole specifici­tà, riunisca, sotto l’egida di un’unica Signoria, la realtà politica oggi frammentata in mille rivoli insignificanti. Tale Signoria, necessariamente su­pra partes (ma non per questo autoritaria o totali­taria) […], poco importa se impersonata da un in­dividuo, da un gruppo o da un Consiglio, deve possedere quella sacralità che discende dall’eserci­zio di un’alta e trascendente missione;

3) fra un’economia che privilegi il liberismo, il denaro, il capitale finanziario, la competitività, la pro­duttività esasperata, il cieco consumo, lo sfrutta­mento dei meno protetti, in un delirio in cui il mercato è il triste spiritus reffior», o quella in cui «la sfera politica deve esercitare uno stretto con­trollo sull’economia, piegandola, con durezza se necessario, alle sue leggi e non viceversa.

Certamente il modello d’Europa auspicato da Bonvecchio non somiglia neanche lontanamente all’attuale Unione Europea, che anzi ha rescisso, rifiutando di citarle nella sua Costituzione, le sue radici greco-giudaico-cristiane, che rifiuta ogni valore e ogni tradizione religiosa da cui è nata in nome di una malintesa laicità, che appare priva di autonomia politica dal partner statunitense e pro­na ai voleri del mercato e dei finanzieri. È vero che in molti dei suoi paesi si manifestano disagi, contraddizioni, insofferenze per questa Europa, ma credo di non sbagliare dicendo che da sole, que­ste forze sono destinate alla sconfitta.

I rapporti tra Ortodossia e Cattolicesimo

Non credo sia improprio riportare questo passo di Carl Schmitt del 1923:

È impossibile una riunificazione fra la Chiesa cattolica e l’odierna forma dell’industrialismo capitalistico. All’alleanza di trono e altare non seguirà quella di ufficio e altare, né quella di fabbrica e altare […] Rimane tuttavia ben vero che il cattolicesimo saprà adattarsi a ogni ordi­ne sociale e politico, anche a quelli in cui domi­nano gli imprenditori capitalistici o le organiz­zazioni dei lavoratori e dei consigli di fabbrica. Ma questo adattarsi gli è possibile solo se il po­tere basato su una situazione economica sarà di­venuto politico, cioè se i capitalisti o i lavoratori giunti al potere si assumeranno la responsabili­tà, in tutte le forme, della rappresentazione sta­tale. Allora, il nuovo potere sarà costretto a far valere una situazione diversa da quelle pura­mente economiche o di diritto privato; il nuovo ordine non può esaurirsi nella gestione del pro­cesso di produzione e di consumo, poiché deve essere formale […] Il dominio del capitale eser­citato dietro le quinte, non è ancora una forma, anche se può certamente svuotare una forma politica esistente e ridurla a vuota facciata. Se il capitale riesce in questo intento, potrà dire di avere completamente spoliticizzato lo Stato; se il pensiero economico riesce a realizzare i pro­pri fini utopistici, di condurre la società umana ad una condizione assolutamente impolitica, la Chiesa resterà l’unica depositaria di pensiero politico e di forma politica: deterrebbe così un monopolio mostruoso, e la gerarchia ecclesiasti­ca sarebbe allora più vicina al dominio politico mondiale di quanto lo sia mai stata nel medioe­vo. Ma secondo la sua stessa teoria e la sua struttura ideale, la Chiesa non dovrebbe affatto desiderare una situazione di questo tipo, dato che presuppone accanto a sé lo Stato politico, una societas perfecta e non un trust d’interessi. La Chiesa vuole convivere con lo Stato, in quella particolare forma di comunità in cui due rappresentazioni si stanno di fronte come part­ner.

È ben vero che Schmitt si riferisce alla Chiesa Cattolica, e che vedeva nello spirito russo «che volge le spalle all’Europa», combinato con la lotta di classe del proletariato industriale urba­no, l’avversario della tradizione europeo-occi­dentale e della sua cultura, tuttavia scrive anche:

Io so che nell’odio russo contro la cultura oc­cidentale può esserci più cristianesimo che non nel liberalismo e nel marxismo tedesco, che grandi cattolici hanno considerato il liberali­smo un nemico peggiore dell’aperto ateismo so­cialista e che, infine, nell’assenza di forma po­trebbe esserci la forza potenziale capace di una nuova forma, capace cioè di dar forma anche all’epoca tecnico-economica.

I rapporti fra cattolicesimo e Chiesa russo-ortodossa sono sempre stati difficili fin dallo scisma del 1054, nonostante la riconosciuta vi­cinanza sul piano dogmatico e morale, sul quale non mi addentro per mancanza di competenza e perché è una problematica che esula dagli scopi di questo scritto. Mi limito perciò ad accennare al problema sorto in seguito alla decisione della Santa Sede di erigere come diocesi le quattro amministrazioni apostoliche costituite in Russia negli anni Novanta: a Mosca, Saratov, Novosi­birsk e Irkutsk.

In quell’occasione il Patriarcato di Mosca accu­sò in sostanza la Santa Sede di proselitismo indebito nel territorio canonico della Chiesa Or­todossa.

La fondazione di una «provincia ecclesiasti­ca», una «metropolia», significa di fatto la fon­dazione di una Chiesa Cattolica nazionale in Russia, che ha il suo centro a Mosca, e che van­ta il popolo russo (che culturalmente, spiritual­mente e storicamente è il gregge della Chiesa Ortodossa Russa) come proprio gregge. La formazione di una tale chiesa in Russia significa di fatto una sfida all’Ortodossia che è stata radi­cata per secoli nel paese.

Per risposta il cardinale Walter Kasper, all’ini­zio nel 2002 pubblicò su La Civiltà Cat­tolica, un documento dal titolo «Le radici teologiche del conflitto tra Mosca e Roma» in cui scrisse fra l’altro:

La Chiesa ortodossa russa da più di un decennio si trova posta di fronte al mondo moderno pluralista, dopo un lungo periodo di oppressione comunista. Si capisce pertanto come essa sia ancora alla ricerca di una sua col­locazione. E questo richiede pazienza da parte nostra. Essa si mantiene ancora chiusa e ritiene che la libertà religiosa sia soltanto espressione del­l’in­dividualismo liberale dell’Occidente. Per essa il coinvolgimento sociale e culturale ha la precedenza rispetto alla libertà personale, anche per quanto riguarda la pratica religiosa.

Diventa chiaro così quale sia il profondo retro­scena teologico che si nasconde dietro il dibat­tito sul principio del territorio canonico e del proselitismo. Le argomentazioni della Chie­sa ortodossa russa sono sostanzialmente di natura ideologica; essa difende non solo una realtà rus­sa che ormai non esiste più, ma anche una rela­zione tra Chiesa e popolo oppure tra Chiesa e cultura, che è problematica sul piano teologico e tende ad assicurare l´egemonia della Chiesa ortodossa russa a detrimento non solo della Chiesa cattolica ma anche della libertà della persona.

Si vanno così delineando i contorni del conflit­to, per capire meglio il quale faremo riferimen­to ad un articolo di Vladimir Zelin­skij, sacerdote ortodosso e docente di Lingua e civiltà russa all’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Zelinskij distingue tre tendenze all’interno del­la Chiesa Ortodossa:

L’integralismo, nelle due versioni teo­logica-ecclesiale e politica. Per la prima l’Or­to­dossa è l’unica Chiesa di Cristo, mentre nelle altre non esistono più né grazia né salvezza. Il dialogo e l’ecumenismo sono dunque eresie in­gannevoli e pericolose. La seconda è caratteriz­zata da un forte antioccidentalismo e antisemi­tismo, e il dialogo non esiste nemmeno sotto forma di ravvedimento. È dichiaratamen­te osti­le verso tutti i cristiani non ortodossi ma anche verso gli ortodossi colpevoli di ecumenismo. Questo tipo d’integralismo si caratterizza come movimento politico ultranazionalista d’estrema destra, composto per la maggior parte da ex membri del partito comunista, che inneggia alla monarchia assoluta e chiede l’assoluto divieto di attività sulla terra ortodossa per qualsiasi altra religione. C’è, infine, anche una terza versione dell’integralismo, quella dei convertiti da altre confessioni, in specie quella cattolica, per i qua­li l’ecumenismo è solo un dannoso mischiarsi con il papismo.

L’ecumenismo, il gruppo meno nume­roso, per niente influente politicamente ma presente sul terreno culturale, che cerca l’unità con la Chiesa Cattolica come «guarigione dalle malattie interne all’Ortodossia», l’integralismo, lo spirito conservatore, la chiusura al mondo contemporaneo.

Il tradizionalismo, senz’altro la componente più numerosa e influente della Chiesa Ortodossa. Gli appartenenti a questo gruppo sono fortemente radicati nel patrimonio dogmatico della Chiesa, e nutrono un amore spirituale, «ma anche viscerale, verso tutta l’eredità di fede custodita dalla Chiesa», e verso tutte le sue manifestazioni: «la vita dei santi, la melodia del canto, la solennità delle celebrazio­ni, la lingua delle preghiere, la semioscurità del tempio con le sue icone». I tradizionalisti non scindono «lo spirito ascetico dal corpo fisico, storico, nazionale, a volte anche etnico». Per loro l’attaccamento alla fede vuol dire anche terra, popolo, patria.

Solo rispettando questo bagaglio, prosegue Ze­linskij, il tradizionalismo potrà aprirsi al dialo­go senza diventare antioccidentale.

Se per la maggior parte dei cattolici andare al passo coi tempi è considerato un impegno anche religio­so, per la maggior parte degli ortodossi essere cristiani significa ‹essere fedeli alla fede dei pa­dri›, anche al prezzo di essere culturalmente e psicologicamente tagliati fuori dal mondo.

È questo il gruppo a cui la Chiesa di Roma do­vrebbe rivolgersi per il dialogo. Senza facile ot­timismo, né chiusura dovuta all’errore di con­fondere il tradizionalismo con l’integralismo e quindi tracciando il confine immaginario dell’Europa nel punto in cui comincia l’orto­dossia, ma capendo soprattutto che gli ortodos­si, dopo la caduta dell’Urss, si sono sentiti asse­diati «dalle sette provenienti dal­l’o­riente e dall’occidente, e soprattutto da quella stessa Chiesa cattolica che dopo il concilio Vaticano II si era proclamata sorella», e che agli occhi degli ortodossi hanno fatto della Russia una terra di conquista approfittando della debolezza materiale e della carenza di personale religioso dopo settant’anni di comunismo.

Credo sia ora più chiara la materia del compe­tere, che per quanto riguarda lo scopo di questo articolo, si focalizza sulla diversa interpretazio­ne del rapporto fra Stato e Chiesa che nasce dal diverso significato del concetto di libertà della persona: declinato più in termini comunitari nel caso della Chiesa ortodossa, più in termini indi­viduali in quello della Chiesa cattolica.

Se per gli ortodossi fede significa anche con­temporaneamente terra, popolo e patria, si com­prende meglio anche la natura del rapporto fra le istituzioni politiche e religiose della Russia postcomunista, ognuna della quali si nutre dell’altra in un rapporto biunivoco, ma si capi­sce anche la differenza rispetto al­l’u­niversali­smo aterritoriale della Chiesa cattolica alla quale è estraneo il concetto di Chiesa nazionale.

Se terra, popolo e patria sono elementi comuni a Chiesa e Stato, le due entità tenderanno, al­meno parzialmente, a sovrapporsi, e comunque non possono essere pensate come forme concet­tualmente del tutto separate, ragione per cui l’alleanza fra trono e altare non potrà essere identica a quella convivenza fra partner di cui scrive Schmitt.

Da quell’epoca sono passati quasi cent’anni. Nel frattempo il processo di spoliticizzazione delle istituzioni statuali sempre più ridotte a funzioni subordinate del meccanismo imperso­nale del capitale è avanzato ulteriormente, ma la gerarchia ecclesiastica mai come ora appare lontana da quel dominio politico mondiale pre­visto da Schmitt. Mi sembra dunque legittimo chiedersi non solo se la Chiesa cattolica abbia compreso fino in fondo il significato del pro­cesso di spoliticizzazione dello Stato operato dal capitale, ma anche se non sia stata essa stes­sa coinvolta in quello stesso processo assecon­dando la pretesa di chi la vorrebbe e­spel­lere dal politico per confinare la religione in un ambito puramente personalistico come scelta soggettiva priva di influenza sulla vita pubblica.

Se sono riuscito a delineare le ragioni della sto­rica diffidenza fra le due Chiese, è anche vero tuttavia che quelle stesse ragioni si collocano oggi in un contesto storico profondamente mu­tato, tanto da far pronunciare all’ar­civescovo Hilarion, ministro degli Esteri del patriarcato moscovita in visita all’allora pontefice Benedet­to XVI, le seguenti parole:

Per noi è evidente che oggi la Chiesa ortodossa e quella cattolica non possono più essere separate come è stato in passato, ma al contrario essere alleate, aprirsi alla cooperazione. Davanti a noi si apre un campo vastissimo nel quale il Signore ci chiede di lavorare: il campo del mondo scristianizzato di oggi,

nel quale riproporre la comune visione cristiana della famiglia, della procreazione, di un amore umano fatto non solo di piacere, di giustizia sociale, di una più equa distribuzione dei beni, di impegno per la salvaguardia dell’am­biente, per la difesa della vita umana e della sua dignità.

Russia e Iran: nuove vie di cooperazione

Considerando che le sanzioni contro il governo russo da parte delle nazioni occidentali sono in continuo aumento, Mosca si trova obbligata a guardare all’Asia per trovare partner economici e strategici. Il Cremlino ha negoziato per anni importanti accordi commerciali con due giganti dell’area asiatica, con la prospettiva di una nuova realtà geopolitica emergente qualora Cina, Russia e Iran avessero continuato a stringere legami più forti in futuro.

Russia e Iran: nuove vie di cooperazione - Geopolitica.info

Le relazioni economiche in potenziale declino tra Russia e occidente, spingono Mosca a considerare seriamente Teheran come potenziale grande partner commerciale. Sono entrambi importanti esportatori di energia, hanno interessi profondamente radicati nel Caucaso meridionale, si oppongono allo scudo missilistico della NATO e desiderano tenere alla larga gli Stati Uniti e l’Unione europea dal controllo dei corridoi energetici nel bacino del Mar Caspio. Inoltre negli ultimi anni gli iraniani hanno affrontato la penetrazione degli Stati Uniti nell’Asia sud-occidentale, così come i russi hanno affrontato la presenza, politica, economica e militare degli Stati Uniti nell’Europa orientale. Considerando le situazioni simili per i due paesi, il presidente russo Putin ha osservato che la Russia e l’Iran non sono solo vicini, ma sono partner affidabili e sono pronti rafforzare la cooperazione tra i due paesi.

Come è noto, le sanzioni alla Russia decise dagli Stati Uniti e appoggiate dai governi europei continuano a fare danni. Secondo gli esperti,  la decisione dei leader occidentali di imporre sanzioni alla Russia ha spinto il governo di Mosca, limitato nella cooperazione coi tradizionali partners europei, a rivolgersi di più all’Iran e alla Cina e anche rafforzare il rapporto con il gruppo BRICS e la Comunità Economica Eurasiatica.

La forza di Iran e Russia si basa sul potere di due potenze che hanno considerevoli depositi di petrolio e gas, e sul fatto che una cooperazione in crescendo tra Teheran e Mosca potrebbe essere d’aiuto ad entrambe, considerando le sanzioni che sono state loro imposte. L’Iran è un attore rilevante in Medio Oriente e possiede le quattro più grandi riserve di greggio della Terra, insieme alle due più grandi riserve di gas naturale. Inoltre esso è il terzo paese più popoloso della regione, con oltre 80 milioni di abitanti. La Russia, dal canto suo, possiede le più grandi riserve naturali di gas del mondo e al tempo stesso è ottava tra le più grandi riserve certe di petrolio greggio.

La Russia è partner strategico dell’Iran e collaborerà con noi in ogni area possibile, tra cui quella petrolifera“ ha annunciato Il vice ministro del Petrolio iraniano per la pianificazione, Mansour Moazzemi. Le conferme delle sue parole derivano anche dall’undicesimo meeting dell’Iran-Russia Trade Council a Teheran, dove sono stati  affrontati temi riguardanti energia, trasporti, banche, industria e miniere, agricoltura e assicurazioni. Secondo gli esperti la cooperazione economica Teheran-Mosca in diversi settori economici non prevede restrizioni.   

La Russia sta cercando di rispondere ai propri bisogni alimentari per altre vie, dopo il recente ordine emesso dal presidente russo che vieta le importazioni dall’UE. Infatti qualche settimana fa il Ministro dello Sviluppo Economico Alexei Ulyukayev ha invitato i Paesi asiatici ad aumentare le loro esportazioni alimentari verso la Russia: il governo cerca in questo modo possibili alternative per ovviare alle sanzioni occidentali, riguardanti in modo particolare frutta e verdura fresca a cui la Russia risponderà importando noci, carne di manzo, maiale e pollo.

E’ l’idea di cui il ministro dell’Energia di Mosca, Alexander Novak ha discusso a Teheran. L’Iran pronto a rifornire la Russia di frutta e verdura, dopo le sanzioni europee, ottenendo in cambio il gas. Secondo funzionari iraniani i produttori di generi alimentari del paese sono pronti fornire alla Russia prodotti di qualità. Infatti il segretario generale della Stuff Association Kaveh Zargaran ha confermato che l’Iran è pienamente in grado di soddisfare le richieste russe in questo campo. Inoltre, l’ambasciatore ha affermato che Teheran sarebbe favorevole al lancio di progetti congiunti per creare mini-raffinerie in Iran e sviluppare l’estrazione dai giacimenti di gas.

La spina dorsale della maggiore cooperazione economica tra Mosca e Teheran è l’acquisto di petrolio iraniano da parte russa. Inizialmente le parti hanno parlato di quantità molto grandi, 25 milioni di tonnellate l’anno, circa un quarto di tutta la produzione petrolifera iraniana. Ora, secondo Kommersant, le parti hanno concordato per un volume più modesto di 2,5-3 milioni di tonnellate all’anno. L’Iran venderà il suo petrolio alla Russia a un costo leggermente più conveniente rispetto al Brent.  Comunque i 3 milioni di tonnellate l’anno, pari all’1,5 per cento della produzione iraniana, sono una quantità significativa secondo gli esperti. Oltre al greggio, l’Iran può fornire alla Russia “prodotti petrolchimici, cemento, tappeti“, ha detto l’ambasciatore russo a Teheran Levan Dzhagarjan.

Secondo l’ambasciatore iraniano a Mosca, Mehdi Sanai, Teheran è interessata ad acquistare macchinari, rotaie, autocarri pesanti e metalli. L’accordo tra i due Paesi prevede anche la partecipazione delle aziende russe nei progetti iraniani per la costruzione e ricostruzione di impianti e reti elettriche. Pertanto, Teheran sarebbe interessata alla partecipazione della Russia nell’elettrificazione delle sue ferrovie. L’Iran valuterebbe quindi la possibilità di acquistare diverse centinaia di megawatt di elettricità dalla Russia. Alla fine di questo mese verrà innaugurata una linea ferroviaria nel nord dell’Iran, che andrà dalla città di Rasht sul Mar Caspio a Astara al confine dell’Azerbaijan. La nuova linea ferroviaria porterà un notevole contributo nello scambio di merci tra le regioni.

Un altro punto per rafforzare la collaborazione tra le due potenze energetiche è stabilire pagamenti interbancari nella valuta locale dei due paesi, ha detto il ministro del petrolio iraniano Bijan Zangane in occasione della riunione della commissione russo-iraniana sulla cooperazione commerciale ed economica.