Archivio Tag: Nato

The drive of NATO militarization in Eastern Europe

In December NATO concluded “Operation Trident”, its fourth major military game in Europe in less than 6 months, and the biggest of the last decade, involving 36,000 troops responding to a prom invasion fr om a fictitious hostile neighbor employing hybrid guerrilla warfare tactics in Portugal. Between August and September “Swift Response 15”, the largest allied airborne training event on the continent since the end of the Cold War, took place in Bulgaria, Romania and Germany.

The drive of NATO militarization in Eastern Europe - Geopolitica.info (cr: Picture-alliance / M. Bruque)

this article first appeared on the Gorchakov Fund website

Last June, a joint navy drill called “Baltops” employed 49 vessels and 6000 soldiers staging landings in the Baltic Sea close to Kaliningrad. Just a month before, a convoy of 120 US Army vehicles had made its way from Germany to Estonia, Latvia, Lithuania, Poland, Czech Republic and back. The operation, nicknamed “Dragoon Ride”, was the longest military convoy seen in Europe since 1944. In September, 6 new NATO bases were set up in Estonia, Lithuania, Latvia, Poland, Romania, and Bulgaria. These are just the latest examples of the militarization underway in the European Union territory, and especially along its eastern flank, as preparation for an alleged incoming attack from Russia.

Indeed, rumors about a Russian military aggression against Europe have gone on for months since the seizure of Crimea and the war in Donbass. Reports about Moscow amassing troops and artillery along the Baltics borders filled the news, and the threat was perceived so real that Estonia went as far as distributing handbooks to the population on how to survive an invasion. While this has been the justification for a NATO buildup on that front and for marginalizing further the local Russian-speaking communities, on the other side nothing much has happened. It is true that Moscow started several military drills and declared to be “reviewing” the Baltic States separation treaties, but that happened mostly after, and not before, NATO tests, and eventually, no secret plan was leaked, no hidden army detected, and no fighter-jets flew over Riga or Tallin so far.

According to a recent paper by the European Union Institute for Security Studies, one of the reasons why NATO is so worried about Russia on the East is the potential damage that the “hybrid warfare”, empowered by Moscow first in Chechnya and now in Ukraine, could inflict on the endurance of the alliance. Indeed, this kind of low profile and limited conflict could pose questions to western common defense and deterrence capabilities. Would NATO react collectively, in case the “little green men” seized some border town in the Baltics? Would it be ready to threaten the use of its nuclear assets in order to defend a small, sidelined country? The dilemma is based on a precedent: although Ukraine is not a NATO member, London and Washington were resolved to send boots in the country according to the Chart’s 5th Article, while Germany and France decided to play as peacemakers in Minsk. Moreover, in May 2015 a survey confirmed that 73% of European citizens, especially Italians and Germans, were against a NATO intervention.

The Russian aggression theory however, holds some inherent vices. As a matter of fact, it applies logics to Western moves, but not to Russian ones. The first question to answer is indeed why Russia would invade the Baltics or other EU member states. Is it in Moscow interest to exacerbate further the relation with the West and cause a new Cuba-style crisis just a few hundred km from home, or worse, a widespread war? Furthermore, it compares situations that are actually very different. By analyzing the evidence and the reasons behind the strategies of the last years, it is possible to maintain that invading the Baltics is not in the Kremlin’s bucket list, and that what lies beneath the militarization of the EU is more a matter driven by domestic policies than by a serious foreign menace.

The main assumption of the mentioned theory is that Russia is preparing for a takeover of Eastern Europe as it did in Ukraine. This view was also presented by former NATO Secretary Anders Fogh Rasmussen and re-affirmed by the top US Army General Ray Odierno when he stated that Russia is America’s number one threat in the world. Even assuming that the Russian attack in Ukraine was a unilateral act of aggression, it must not be forgotten that the roots of Crimea and Donbass war lay in the Maidan revolution, a turmoil that in a few weeks ousted President Yanukovich and abruptly changed the Ukrainian government and the power assets in a way of open opposition to the Russian Federation after 25 years of partnership. This scenario does not apply to any Baltic States, which since independence have pursued a neat policy of Europeanization, and have eventually entered the EU and NATO in 2004. Consequently, the Baltic States do share today a common defense tool and act under the Union’s foreign policy umbrella, called CFSP. These are essential leverage and deterrence tools that Kiev could not apply, thus relying only of its own fading military forces.

Moreover, as underscored by an op-ed by Red Army General Mikhail Kodarenok, even if the Kremlin was willing to invade the Baltics, at this stage it would not have sufficient military capabilities. Russia is already assisting fighters in Donbass, wh ere in over one year they have not achieved any turning success, and in Syria, were the commitment is likely to increase in the next weeks. The status quo brokered in Minsk sees Russian-backed rebels holding a tiny strip of land, despite the great effort. These actions would bear heavy costs on both economic and political sides. A deliberate aggression against a EU member would involve the reaction of whole Atlantic Alliance, the most powerful army in the world, and cause a full embargo. In a nutshell, that would be an end-game, a war that the Kremlin could not win, eventually leading to political suicide.

Thus, what is taking place in the Eastern Europe has actually much to do with an internal showdown. Despite what it looks, the US and Brussels hold deeply different views on foreign policy, and inside the Union there are opposite feelings towards Russia too. The US and UK are using the Russian threat to reaffirm their role of European defenders in a moment when many wouldn’t mind to emancipate from Washington and London controversial power plays. The diplomatic relations among Western allies are riding on a downward spiral: the NSA espionage on European Heads of Governments, the leaked derogatory remarks by Victoria Nuland during the Maidan revolt and the plot for installing a new government in Kiev without consulting the EU, the spreading of ISIS and the refugee crisis following the Anglo-Saxon backed Syrian and Libyan wars. NATO broke up more than once in these occasions, and the idea of an alternative European Army, although unlikely, is making a comeback.

The Baltics offer a perfect opportunity for the American command to galvanize the continent against a mutual enemy. Former USSR and Warsaw Pact countries are notoriously Russo-phobic and insist on a tough line on Moscow, also calling for major Allied military deployment on their lands. UK Defense Secretary Michael Fallon was quite explicit on the matter during the Baltops operation: “This is Russia directly trying to intimidate the eastern and northern members of NATO. NATO has no quarrel with the Russian people but we do have a quarrel with Putin, or Russia, trying to change borders by force”. The tensions inside the alliance, however, didn’t pass unnoticed.

Last march Lt-Gen Frederick Hodges, the top US Army Commander in Europe, deep-dived into the issue with an extraordinary epiphany in a Telegraph interview: “The UK is our oldest ally and still a leader in NATO (…) I am sure Putin wants to destroy our alliance, not by attacking it but by splintering it” he stated, and went on warning Europe about the use of hybrid warfare against NATO allies in the East and the fragility of the 5th Article of the Chart “Once Article 5 is gone, our alliance is over“ he said. Again, just days after the Paris Attack, when Europe and Russia suddenly seemed close to form a common axis against ISIS, the Council on Foreign Relations published an op-ed by Army Colonel Michael R. Fenzel remembering how, after all, it was “Russia aggression” the main threat to Europe security, and calling NATO to increase its commitment in order to roll back Russian advances.

These statements, as mentioned above, are at odds with the actions of several Europe founding members like Italy, France, Greece and even Germany, that from time to time battle to lighten economic sanctions and keep a productive dialogue with the Kremlin, and clearly see Russia as a far minor threat than Isis, or even an ally in resolving the Syrian conflict.

In conclusion, NATO operations in Eastern Europe seem to have as first objective the solution of a power conflict inside the Alliance rather than being the eve of a real military showdown with Russia, which at this stage looks preposterous.

Il Consiglio Nato-Russia: un dialogo ancora possibile

Le relazioni  NATO – Russia hanno attraversato, dopo la fine della Guerra Fredda, diverse fasi caratterizzate da scelte politico/strategiche spesso causa di scontri su questioni extraterritoriali.

Il Consiglio Nato-Russia: un dialogo ancora possibile - Geopolitica.info Il Consiglio NATO-Russia riunito a Sochi, Russia, 2014 (cr: NATO)

L’allargamento dell’Alleanza Atlantica, percepito dai russi come incombente minaccia, è stato motivo di tensione tra i due attori internazionali fin dai negoziati che portarono Mosca ad aderire al Partnernship for Peace Programme. Questo programma, avviato nel 1994, definisce una cooperazione bilaterale pratica tra la NATO e Stati terzi incentrata sul mantenimento di stabilità politica e sicurezza in zona Euro-atlantica e non solo.

Notevoli negli anni sono stati gli sforzi da parte delle diplomazie dei Paesi NATO di trovare un punto di contatto con la Russia, gli attentati dell’11 settembre hanno sicuramente contribuito a creare un nemico comune verso cui rivolgere l’attenzione. Di qui l’esigenza da parte dell’Alleanza di ridefinire la propria immagine di sé nell’opinione pubblica russa.

Nel 2001 viene creato a Mosca il NATO Information Office, organo di natura civile, in un’ottica che possiamo definire di “marketing”. Si voleva far comprendere sia alla popolazione che alle autorità locali russe quali fossero le reali finalità della cooperazione utilizzando canali di comunicazione molto semplici: mass media, conferenze e seminari accademici. Tale operazione era (e forse è ancora) fondamentale dato il clima sociale in cui  si andava ad inserire un rafforzamento dei rapporti. In un articolo per la Nato Review (“Come la Nato è percepita dalla Russia”, 28 luglio 2011) Robert Pszczel, capo dell’Ufficio Informazioni della NATO a Mosca, parla di “un modo stereotipato di considerare la NATO” accusata di accerchiare progressivamente la Federazione Russa.

Nel maggio del 2002, in occasione del Vertice Nato Russia a Roma, viene istituito il NATO-Russia Council (NRC), organo in cui entrambe le parti, mostrando fiducia reciproca, si sono impegnate a discutere su tematiche di interesse comune. La base giuridica del Consiglio è costituita dal NATO Russia Founding Act firmato a Parigi nel 1997 che definisce gli obiettivi e il meccanismo di decision-making da utilizzare nei rapporti tra le due parti.

Peculiare caratteristica del NATO-Russia Council consiste nel fatto che nelle fasi di consultazione, cooperazione e decisione condivisa i due partner operano a “29” e non nella modalità NATO + 1.

I settori di reciproco interesse individuati nel Founding Act e poi riportati nel 2002 nella Dichiarazione di Roma NATO-Russia Relations: A New Quality riguardano la lotta al terrorismo, la non proliferazione nucleare, la gestione delle crisi, le misure di controllo degli armamenti e di rafforzamento della fiducia, la difesa missilistica, la logistica e la cooperazione scientifica per la pace e la sicurezza.

Le riunioni, presiedute dal Segretario Generale NATO sono previste su base mensile a livello diplomatico/ militare, due volte l’anno a livello ministeriale (e di capi di Stato maggiore) ed occasionalmente a livello di capi di Stato e di governo.

Si tratta, dunque, di uno strumento molto utile con un impatto concreto sulle operazioni militari avviate, basti pensare al supporto della Russia alla missione ISAF in Afghanistan, realtà vicina e di interesse cruciale.

Come accennato sopra, tuttavia, la convergenza di interessi si è dovuta combinare con una serie di non facili sfide come la politica di allargamento dell’Alleanza (vedi in ultimo le procedure per l’ingresso del Montenegro), la difesa missilistica europea, la guerra in Georgia e la crisi in Ucraina.

Entrambi gli attori internazionali seguono due diversi modi di intendere la sicurezza europea; analizzando l’ultimo decennio si può affermare che la Russia conservi una visione strettamente legata alla geopolitica e quindi alle concrete minacce regionali, e che la NATO si muova secondo una prospettiva più globale, legata ad un concetto di interdipendenza con realtà apparentemente distanti.

Tale diversità di percezioni ha influenzato notevolmente l’andamento della guerra in Georgia. Avvenuta nell’agosto 2008 ha provocato una forte tensione nelle relazioni tra l’Alleanza e Mosca, soprattutto in seguito all’attacco della città di Gori supportato dalla Russia non curante della richiesta di cessate il fuoco da parte di USA UE ed OSCE.

Il NRC non ha tuttavia sospeso le sue attività e le relazioni hanno ripreso il loro vigore nel 2010, quando la NATO ha invitato la Russia al Summit di Lisbona. Una sorta di precario equilibrio dei non facili rapporti tra Mosca e Washington accusata di aver sospeso nel 2013 il dialogo bilaterale congelando (come afferma lo stesso ministro degli esteri russo Lavrov in un’intervista all’agenzia Ria Novosti) l’attività della Commissione presidenziale. Questa fu creata nel 2009 per gestire i problemi della lotta al terrorismo e al traffico illegale di stupefacenti.

La battuta d’arresto tuttavia arriva nell’aprile del 2014 in cui i ministri degli esteri NATO stabiliscono di sospendere tutte le attività di cooperazione civile e militare in seno al NRC mantenendo solo il dialogo politico a livello di ambasciatori. Una decisione unilaterale, derivante dalle scelte seguite da Mosca in Crimea, che porta lo stesso Lavrov a definire la situazione come la più grave crisi dopo la fine della Guerra Fredda usando queste parole: “ Le azioni del genere contribuiscono certamente alla crescita della tensione e compromettono la stabilità della regione Euro-Atlantica”.

Tuttavia anche in un quadro di sospensione del dialogo, l’emergere di una minaccia comune e ben più aggressiva per entrambe le parti può, come è avvenuto nel 2001, permettere di superare ostacoli fino a poco tempo prima insormontabili.

La grave crisi in Siria e il pericolo derivante dall’Isis hanno portato l’Occidente a ritenere che il beneficio tratto da una nuova cooperazione con Mosca ne possa bilanciare l’eventuale minaccia derivante.

Per questo ai vertici della Nato si ritiene che rafforzare i meccanismi di comunicazione nello svolgimento delle operazioni militari sul territorio Siriano (intraprese sia dalla Coalizione occidentale che dalla Russia) sia prioritario per coordinare gli interventi ed evitare incidenti, reali e diplomatici (come l’abbattimento di un SU-24 russo da parte della Turchia).

A tal fine il Segretario Generale della NATO Stoltenberg ha più volte ipotizzato di riprendere un dialogo diretto con Mosca auspicando una nuova riunione del NRC. Una soluzione fortemente voluta dalla Germania, il cui ministro degli esteri Steinmeier invoca la necessità di incrementare il numero di canali di comunicazione con la Russia per evitare incomprensioni.

NATO: vent’anni fa la prima missione di pace

Vent’anni fa iniziava la prima operazione di mantenimento della pace della NATO. Il 20 dicembre 1995, infatti, in seguito alla firma degli accordi di pace di Dayton, l’Alleanza atlantica dispiegava in Bosnia-Erzegovina l’Implementation Force (IFOR) che, un anno dopo, sarebbe stata sostituita dalla Stabilisation Force (SFOR).

NATO: vent’anni fa la prima missione di pace - Geopolitica.info

L’IFOR, che aveva un mandato di un anno e che arrivò a contare 60.000 uomini, venne istituita con la risoluzione n.1031, adottata il 15 dicembre 1995 dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ed operava ai sensi del capitolo VII della Carta ONU. La risoluzione dava all’Implementation Force il mandato di mantenere la pace ma, qualora fosse stato necessario, anche di imporla. Dunque, l‘IFOR è stata a tutti gli effetti un’operazione di peace enforcement.

Il compito dell‘IFOR era quello di sorvegliare l’attuazione degli aspetti militari degli accordi di pace di Dayton, che avevano posto fine alla guerra che aveva insanguinato la Bosnia-Erzegovina tra il 1991 ed il 1995.

Dopo la disgregazione della Repubblica Federale di Jugoslavia (FRY), iniziata nel 1991 con la secessione della Slovenia e della Croazia, la Bosnia-Erzegovina, regione a maggioranza musulmana (39,2%) ma con una significativa presenza serba (32,2%) ed una minore croata (18,4%), venne travolta da un lungo e sanguinoso conflitto.

Il territorio bosniaco divenne, a partire dal 1993, il principale campo di battaglia dello scontro tra croati e musulmani, prima, e tra croati e musulmani alleati contro i serbi, successivamente.

In territorio bosniaco i serbi, il cui obiettivo era da tempo quello di dare vita ad una Grande Serbia, avevano costituito la Repubblica serba di Bosnia, il cui presidente era Radovan Karadzic. Qui i serbi sottoposero Sarajevo ad un assedio di quattro anni, che videro la messa in pratica di un atroce genocidio ai danni della popolazione bosniaca musulmana. I tentativi compiuti dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite e finalizzati a porre fine alla guerra civile in atto fallirono l’uno dopo l’altro, conducendo, così, all’intervento dell’Alleanza atlantica.

La NATO intervenne nel conflitto bosniaco una prima volta nel 1992, su richiesta delle Nazioni Unite, per far rispettare le sanzioni economiche, l‘embargo sulle armi e la no-fly zone. Queste misure, previste dalla risoluzione n.713 (1991) del Consiglio di Sicurezza si rivelarono, però, insufficienti per porre fine al conflitto.

Nel febbraio 1994, in seguito ad un attacco di mortaio su un mercato di Sarajevo, l’ONU chiese alla NATO di condurre raid aerei contro le postazioni serbe in Bosnia. Gli attacchi aerei, che colpirono duramente gli uomini di Mladic, furono determinanti nel portare le parti in lotta al tavolo dei negoziati a Dayton e, di conseguenza, alla fine di quello che è stato considerato il conflitto più sanguinoso verificatosi sul territorio europeo dopo la conclusione della II guerra mondiale.

Il 21 novembre 1995, nella base aerea americana di Dayton, in Ohio, le parti del conflitto raggiunsero un‘intesa che poneva fine ad anni di guerra.

Gli accordi di pace, firmati dai rappresentanti delle tre  principali etnie del Paese, ossia Slobodan Milošević (presidente della Serbia), Franjo Tudjman (presidente della Croazia) e Alija Izetbegović (presidente della Bosnia Erzegovina), prevedevano, tra l’altro, che la Slovenia orientale venisse restituita ai croati e che la Bosnia conservasse la propria unità con un governo centrale, un parlamento, una capitale unica e dei confini garantiti. Tuttavia, si prevedeva la divisione del territorio bosniaco in due entità: la Federazione croato-musulmana e la Repubblica serbo-croata, cui venivano assegnati, rispettivamente, il 51% ed il 49% del territorio.

A garanzia del rispetto degli accordi di pace venne dispiegata l‘IFOR, il cui compito principale era quello di garantire la fine delle ostilità e di separare le forze armate della Federazione della Bosnia-Erzegovina da quelle della Repubblica serba. Quella dispiegata il 20 dicembre di vent’anni fa è stata la prima operazione della NATO al di fuori del territorio dell’Alleanza. L’intervento in Bosnia-Erzegovina andava al di là del casus foederis previsto dall’articolo 5 del Trattato di Washington.

Il Trattato dell’Atlantico del Nord era stato adottato a Washington il 4 aprile 1949 e prevedeva la creazione di un sistema di sicurezza collettiva, la cui funzione principale era quella di garantire la difesa comune degli Stati membri da eventuali attacchi da parte del blocco sovietico, che nel 1955 rispose alla creazione della NATO con l’istituzione del Patto di Varsavia.

L’articolo 5 del Patto atlantico stabiliva quanto segue: “Le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall’art. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti attaccate, intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, compreso l’uso delle forze armate, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale. Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali“.

All’indomani del crollo del comunismo erano stati in molti a scommettere sul fatto che la NATO non avesse, ormai, più ragione di esistere. L’Alleanza atlantica si ritrovava, infatti, senza un nemico da dover fronteggiare. Inoltre, era diffusa la sensazione che il crollo del muro di Berlino avrebbe lasciato il posto ad un’epoca di pace nella quale un’alleanza di carattere militare non avrebbe più trovato posto.

Con la fine della guerra fredda e del bipolarismo, però, ha avuto inizio una nuova era nella storia delle relazioni internazionali, un’era caratterizzata da un notevole incremento della conflittualità, in particolare nelle aree periferiche del pianeta, da un aumento dei conflitti interni rispetto a quelli interstatali e dal profilarsi all’orizzonte di nuove gravi minacce, quali quella rappresentata dal terrorismo di matrice islamica, emersa con forza in particolare dopo l’11 settembre 2001.

In uno scenario internazionale profondamente mutato rispetto a quello in cui l’Alleanza Atlantica ha visto la luce, quest’ultima ha dovuto riorientare la propria strategia, in modo tale da fronteggiare le nuove tipologie di rischi che l’epoca attuale presenta. In occasione del Vertice di Roma del 1991, venne approvato il nuovo concetto strategico dell‘Alleanza, che prendeva atto degli importanti mutamenti avvenuti sul piano della politica globale nonchè dell’esaurirsi di quella “minaccia monolitica, massiccia e potenzialmente immediata che ha costituito la principale preoccupazione dell’Alleanza nei suoi primi quarant’anni”.

Con l’adozione del New Strategic Concept del 1991 la NATO cercava di riorientare il proprio ruolo e le proprie strategie in modo tale da rispondere adeguatamente alle nuove tipologie di rischi per la sicurezza che il mondo post-bipolare presentava e che venivano, ormai, classificati come “multifaceted in nature and multidirectional“.

L’intervento in Bosnia-Erzegovina rappresentò il banco di prova per il nuovo ruolo che la NATO andava assumendo dopo la fine dell’era bipolare e fu il primo atto di un cambio di strategia che l’Alleanza atlantica avrebbe portato avanti nel corso degli anni successivi. Sarebbe, poi, stato l’intervento in Kosovo del 1999 a sancire il definitivo accredito delle operazioni “out of area“ dell’Alleanza atlantica.

Sistemi di difesa collettiva: NATO e UE, un parallelo tra il 2001 e il 2015

Il sistema di difesa collettiva rappresenta una sorta di garanzia che tutela le potenze occidentali anche da un punto di vista socio-psicologico. Gli attacchi terroristici di Parigi, così come l’11 settembre, hanno inflitto un duro colpo alla stabilità e autoconvinzione, europea e americana, che le crisi internazionali riguardino solo territori e culture lontane.

Sistemi di difesa collettiva: NATO e UE, un parallelo tra il 2001 e il 2015 - Geopolitica.info

Nell’improvvisa quanto traumatica percezione della minaccia riemerge il senso di appartenenza ad un comune sistema di valori che si traduce, giuridicamente e politicamente in appelli alle organizzazioni internazionali di cui si fa parte.

Dopo l’11 settembre la NATO ha invocato per la prima volta nella storia l’Art. 5 del Trattato di Washington, a supporto degli Stati Uniti. In tale articolo si afferma che un attacco armato contro anche solo uno Stato membro dell’Alleanza costituisce un attacco verso tutti quanti i membri, i quali, nell’esercizio del diritto di legittima difesa individuale o collettiva, devono assistere lo Stato attaccato con le azioni ritenute necessarie.

La decisione degli alleati ha pertanto creato un importante precedente ed ha posto nuovi criteri nell’identificazione del concetto di aggressione.

Fino a quel momento l’unico riferimento al terrorismo che l’Organizzazione potesse usare a fondamento delle  misure da intraprendere era nel Concetto Strategico del 1999, più precisamente l’Art.24 del documento secondo cui si possono considerare rischi per la sicurezza anche “atti di terrorismo, sabotaggio e crimine organizzato, e la interruzione del flusso di risorse vitali”.  Ovviamente era in dubbio se l’attacco potesse essere classificato come armato e se quindi potesse ricadere nella fattispecie dell’articolo 5. Dunque si discusse se l’aereo potesse rappresentare un’arma.

Come afferma Edgar Buckley (NATO Assistant Secretary General for Defence Planning and Operations 1999-2003) in un’intervista del 2006 per il NATO Review Magazine, in sede di Consiglio Atlantico si utilizzarono due criteri specifici per analizzare l’accaduto e definire la tipologia di aggressione: la portata e la provenienza dall’esterno. La vastità della portata era confermata dal numero delle vittime e dall’utilizzo degli aerei come missili, la provenienza esterna invece serviva a differenziare questo attacco da quelli provenienti da gruppi terroristici operanti all’interno del paese. Questi ultimi infatti non sarebbero mai potuti ricadere nella sfera di applicazione dell’Art. 5, neanche con una forzatura giuridica.

Nel Consiglio tutte le delegazioni si dichiararono favorevoli ad una significativa risposta dell’Alleanza nonostante le perplessità di un ristretto numero di paesi preoccupati di veder limitata la propria sovranità in merito al processo decisionale sulle azioni da intraprendere.

Questo è stato un notevole passo avanti nell’affermazione della solidarietà strategica occidentale seppur con molte riserve riguardanti proprio la gestione della stessa (gli alleati erano disposti a fare tutto ciò che veniva chiesto loro dagli USA, ma la stessa Washington è stata spesso accusata di non aver coinvolto abbastanza la NATO nelle operazioni militari da lei condotte).

La medesima solidarietà strategica ora, nel 2015, viene invocata dalla Francia a seguito di un altro attacco terroristico, sebbene di portata diversa ma di uguale rilevanza. L’Organizzazione internazionale a cui si rivolge Parigi tuttavia non è la NATO bensì l’Unione Europea attraverso il richiamo all’Art.42.7 (TUE) del Trattato di Lisbona.

Questo articolo, anch’esso invocato per la prima volta nella storia, in combinazione con l’Art.222 del TFUE (Trattato sul funzionamento dell’UE)  definisce la cosiddetta “clausola di solidarietà europea”. Questa clausola fa capo allo stesso principio di solidarietà, uno dei principi cardine su cui si fonda l’architettura del processo di integrazione europea, il quale garantisce il benessere dell’Unione attraverso l’adempimento degli obblighi di ordine economico, politico e sociale da parte di tutti gli Stati membri.

L’Art 42.7 si inserisce nel quadro delle disposizioni in materia di politica di sicurezza e difesa comune e obbliga gli Stati membri, in un’ottica appunto di solidarietà, a fornire assistenza allo Stato membro vittima di un’aggressione armata, non pregiudicando però il carattere specifico della politica di difesa di taluni Stati membri. Anche qui, come nell’Art.5 NATO viene utilizzato un criterio di libertà nella scelta dei mezzi con cui fornire supporto (in relazione alle capabilities di ogni singolo paese) e soprattutto viene salvaguardata l’indipendenza e la sovranità statale di condurre determinate politiche difensive.

Ma perché la Francia si affida alle dinamiche della politica di sicurezza e difesa dell’Unione di cui ben noti sono i limiti sul piano politico-decisionale e tecnico? Le decisioni relative all’Art.42 TUE infatti seguono un iter legislativo complesso e legato all’approvazione all’unanimità del Consiglio (non sempre facile da ottenere data la diversità di alcuni interessi nazionali) su proposta dell’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri (Federica Mogherini).

In realtà i presupposti per chiedere l’applicazione dell’Art. 5 NATO da parte della Francia ci sono e lo stesso Segretario Generale Stoltenberg in occasione del Consiglio Europeo del 17 novembre ha dichiarato che non è esclusa una decisione in tal senso ma che per ora l’Organizzazione sta fornendo un supporto in termini di risorse e di intelligence nella lotta contro Daesh. Ha inoltre sottolineato l’importanza di una cooperazione intergovernativa a livello di coalizione internazionale formata da molti paesi NATO e del ruolo della Turchia (anch’essa membro NATO) al confine con la Siria.

La politica di sicurezza europea rientra maggiormente in un contesto di soft power non essendo l’UE dotata di un esercito proprio ma garantendo solo una mera capacità organizzativa e di coordinamento. Probabilmente quindi Parigi non ha ancora delineato una strategia militare da seguire nel lungo periodo.

È importante ricordare, però, che la legittima difesa, a prescindere dalle Organizzazioni internazionali in cui si rientra, è un diritto che può essere esercitato senza una previa autorizzazione della Comunità internazionale (rappresentata dal  Consiglio di Sicurezza) come sancito dall’Art.51 della Carta delle Nazioni Unite e che pertanto la Francia sceglierà la strada più opportuna, anche in vista di un ipotetico isolamento militare.

Montenegro nella NATO in un nuovo contesto geopolitico

“Una buona notizia per il Montenegro, per i Balcani Occidentali e per l’Alleanza”. Con queste parole  il Segretario Generale della NATO, Stoltenberg, ha annunciato il 2 dicembre la decisione, votata all’unanimità dai Ministri degli Esteri dell’Alleanza, riuniti a Brouxelles, di ufficializzazione dell’invito  rivolto al Montenegro a diventare il 29° membro dell’Alleanza. Il processo di adesione non è terminato, si dovrebbe concludere nel 2017, ma rappresenta certamente una passo importante per il  dibattuto allargamento della NATO ad Est, tanto che lo stesso Stoltenberg non ha esitato a definire “storico”.

Montenegro nella NATO in un nuovo contesto geopolitico - Geopolitica.info

Sarà ricordata come una data importante anche per il piccolo stato balcanico in quanto, come definita dal Ministro degli Esteri, Igor Luksic,  ed anche  dal premier Milo Djukanovic si tratta del “giorno più importante per il Montenegro sin dall’indipendenza”, ottenuta dalla Serbia nel maggio del 2006.

Proprio allora, con la nascita del nuovo stato, quasi dieci anni fa, è stato fin da subito evidente che il governo del Montenegro avesse come principali obiettivi strategici della sua politica estera, l’integrazione euro – atlantica. Con l’invito ad entrare nell’Alleanza Atlantica, il primo invito rivolto ad un singolo paese dal 1982, il Montenegro ha ottenuto un notevole risultato, consolidando una decisione che risale ad un decennio fa, quando venne intrapreso il lungo e complesso cammino di adesione all’EU e alla NATO che riafferma il forte senso di appartenenza identitaria all’Occidente, nonostante i ricordi dei bombardamenti del 1999, anni in cui era da poco stata intrapresa una politica di allontanamento dalla Serbia, che ha portato all’indipendenza.

Come noto, il Montenegro è uno Stato dalle modeste dimensioni territoriali, con circa 650 mila abitanti, ma è meno nota la sua eterogenea composizione etnico-religiosa, che ha trovato un suo modello di convivenza pacifica, rendendolo un esempio nella regione. In un modesto territorio infatti convivono  diversi gruppi etnici di cui il 45% montenegrini, il 29% serbi, 8% bosgnacchi, il 5% albanesi, il 3% musulmani e altri; divisi in diverse appartenenze religiose: 72% ortodossi, 19% musulmani, il 3% cattolici.

Tenendo dunque  in considerazione la complessità della struttura etnico-religiosa della popolazione, sono stati anni in cui la convivenza pacifica ha funzionato grazie ad anni  di profonde riforme interne in numerosi settori strategici, necessarie per perseguire i dichiarati obiettivi di integrazione, caratterizzate da una buona dose di  equilibrismo diplomatico nei rapporti con i partner regionali, la Serbia in primis, la Russia e gli alleati europei e statunitensi.

A ben vedere, i motivi delle recenti proteste e manifestazioni a Podgorica, possono ricondursi anche alla  decisione presa dalla NATO a Bruxelles. Vi sono state certamente proteste, legate alla situazione socio-economica, alla corruzione ancora diffusa, al malcontento per la lunga leadership del premier Djukanovic -alla guida del paese da 24 anni- all’insoddisfazione per l’attuale legge elettorale, ma è altrettanto evidente che una grande parte dei manifestanti fosse riconducibile al partito di opposizione, Demokratski Front (Fronte Democratico), che secondo gli ultimi sondaggi tra il 5% e il 7 % e che ha apertamente dichiarato che il motivo delle proteste erano anti Alleanza Atlantica. Tale partito è stato spalleggiato e sostenuto da quelle forze ultra nazionaliste serbe presenti in Montenegro e in Serbia, sebbene si distinguano dalla posizione ufficiale assunta dal governo serbo, con cui le relazioni sono decisamente buone.

È pur vero che la Serbia, che con l’indipendenza del Montenegro, ha perso il suo sbocco sul mare, e che  non ha oggi una definita collocazione internazionale ma oscilla tra il percorso di integrazione europea e il saldo rapporto con la Russia, di cui è il principale alleato nei Balcani Occidentali. Potrebbe pertanto essere ipotizzato un coinvolgimento di Mosca nell’appoggio a quelle forze nazionaliste serbo-montenegrine che hanno fomentato le recenti  manifestazioni di piazza.

Inoltre, la decisa reazione di Mosca, palesatasi nelle ultime ore, non stupisce affatto se si considerano i numerosi  segnali intimidatori da parte russa sia al desiderio di Podgorica di unirsi alla NATO sia all’intenzione della NATO di allargarsi ulteriormente verso Est.

Solo poche settimane fa, il 20 novembre la Duma, ha adottato una raccomandazione scritta, redatta dalla Commissione per gli Affari Esteri ed indirizzata ai membri delle assemblee parlamentari di Montenegro, OSCE e della NATO  in cui è stato ufficialmente richiesto di desistere  all’adesione atlantica, senza esimersi da velate minacce di ritorsioni, che in questi giorni stanno assumendo toni sempre più forti e che attraggono una maggiore attenzione dei media internazionali. L’invito, che nonostante ciò, è stato rivolto al Montenegro, è stato dunque da sempre percepito dalla Russia come una provocazione degli Stati Uniti e in pertanto le reazioni di questi giorni si inseriscono in un contesto geopolitico più ampio, considerato l’evolversi nelle ultime settimane dei rapporti di forza tra la NATO e la Russia, acuitosi ulteriormente dopo l’attivismo di Putin nella lotta contro l’ISIS e soprattutto con l’abbattimento da parte della Turchia del jet russo.

Oltre ai rapporti storici e politici e alla comunanza religiosa, non va trascurata la recente espansione della presenza russa nell’economia montenegrina, attraverso l’aggiudicazione di importanti siti industriali durante le recenti  privatizzazioni e la gli investimenti immobiliari, in particolare lungo la costa.

Per il Montenegro, dunque, avere ottenuto l’invito della NATO, significa anche aver posto un sigillo sull’indipendenza e rappresenta un impulso nel proseguire con l’attuazione delle riforme ancora necessarie per finalizzare nel 2017 l’appartenenza a pieno titolo dell’Alleanza.

Dall’ultimo, il Progress Report della Commissione europea, presentato lo scorso 10 novembre, sulla situazione nei Balcani occidentali e Turchia, il Montenegro appare come il paese della regione più avanzato nei negoziati d’adesione. La strada europea sarà certamente ancora lunga e le riforme necessarie rimangono  numerose in vari settori, quali la questioni della legislazione elettorale, la lotta alla corruzione, il rafforzamento dello stato di diritto, la libertà d stampa, ma è innegabile che la decisione dell’ingresso nella NATO sia uno stimolo a continuare nel cammino già intrapreso.

Si può ipotizzare che da oggi il processo di consolidamento delle strutture democratiche subirà un un’accelerazione. Un primo test per la politica interna saranno le prossime elezioni politiche del 2016, che si svolgeranno con la nuova legge elettorale, che sarà conforme alle richieste di riforme e  raccomandazioni dell’Unione Europea.

Come ricordato dal Segretario Generale, l’allargamento della NATO ad Est, è stato definito storico anche per i Balcani occidentali e l’Alleanza Atlantica. Dopo l’allargamento del 2009 alla Croazia e all’Albania, con i circa 300 km di costa montenegrina, la NATO completa la sua presenza nei Balcani Occidentali, assumendo il controllo sul Mare Adriatico, di importanza strategica per l’Europa, escludendo dalla sua ala protettiva i 20 km di costa che appartengono alla Bosnia Erzeogovina. L’intera parte costiera dell’adriatico orientale, è oggi sotto il controllo della NATO e ciò potrebbe essere un positivo segnale anche per gli stati della regione, oltre ad essere un contributo per l’Alleanza nella gestione della sicurezza internazionale.

Anche l’Italia, che condivide il mar Adriatico con i vicini balcanici, ha avuto un ruolo notevole, in particolare negli ultimi anni, nel supportare le aspirazioni montenegrine di ingresso nella NATO, come dimostrato dalla visita a Podgorica del ministro degli Esteri Gentiloni, preceduta dalla storica visita di Mattarella, la prima di un capo di stato italiano dopo Pertini, che da Cetinje, antica capitale del Montenegro, ha lanciato un messaggio chiaro alla NATO, chiedendo di invitare il Montenegro a farne al più presto parte, dimostrando così tutto l’appoggio e l’interesse italiano ad appoggiare le integrazioni atlantiche di Podgorica. Per l’Italia è indubbia l’importanza di rafforzare ulteriormente il rapporto con l’altra sponda dell’Adriatico, per la difesa del proprio interesse nazionale in termini di sicurezza, di gestione dei flussi migratori,  per la lotta contro il terrorismo e il crimine organizzato ed anche per l’espansione della propria influenza politica.

Per la NATO l’allargamento avviene in un contesto internazionale in continuo e rapido mutamento, in cui il controllo dei mari e della direttrice costiera della regione balcanica risulta strategico e di rinnovato interesse in un contesto in cui si concentrano e si incrociano gli interessi e le influenze di diverse potenze mondiali. Vale ricordare l’impatto potenzialmente destabilizzante per i Balcani Occidentali causato dalla recente emergenza dei migranti e dalla nuova rotta balcanica e la rilevanza della gestione di tali flussi migratori anche in un’ottica di prevenzione e controllo dei flussi, ai fini di sicurezza internazionale e lotta alla lotta della tratta degli esseri umani e la  prevenzione dell’espansione della criminalità organizzata.

L’allargamento ad Est, permetterà dunque alla NATO di ottimizzare la gestione nella sua area di presenza e di concentrarsi nello sviluppo dei rapporti con il Mediterraneo meridionale.

l’Italia e le sfide dei nuovi scenari internazionali

Nel corso del 2014, si è assistito ad una sorta di revival di antiche concezioni del mondo. In particolare, due sono gli scenari dove sono stati riproposti forme e contenuti considerati dai più ormai desueti. Il primo è rappresentato dalla crisi ucraina, che si inserisce nel più ampio confronto tra la Federazione russa e l’Occidente, con la prima che sembra rifare proprie le linee guida della politica estera zarista. Il secondo, invece, è dato dalla comparsa, in Medio Oriente, del cosiddetto Stato Islamico dell’Iraq e del Levante, o ISIS, il quale, approfittando delle divisioni interne ai regimi iracheno e siriano, ha proclamato la nascita di uno stato integralista retto da un Califfo, un titolo decaduto con la deposizione dell’ottomano Abdul Mejid II nel 1924.

l’Italia e le sfide dei nuovi scenari internazionali - Geopolitica.info

La situazione ucraina e la nascita dell’ISIS sono, al momento, le due crisi di maggior rilievo nello scenario globale. La prima può essere vista come il principale fronte lungo cui si manifesta lo scontro politico che vede coinvolti la Russia e l’Occidente. Mosca sta perseguendo una politica estera che riprende le linee guida proprie della diplomazia zarista: sicurezza dei propri confini occidentali e lo sbocco ai mari caldi. La domanda di sicurezza scaturisce da quella che potrebbe essere definita come “sindrome di accerchiamento”, ovverosia la secolare sensazione di accerchiamento e minaccia provenienti da potenze avvertite come avversarie. Oggi, i timori di un accerchiamento militare, oltre che politico, provengono dall’allargamento ad Est della NATO e dal progettato Stategic Defense Initiative (SDI), un sistema di difesa missilistico comunemente noto come Scudo Spaziale e considerato da Mosca come lesivo della propria sicurezza. La rivolta ucraina che ha portato alla deposizione del Presidente filorusso Viktor Janukovyc nel febbraio 2014 ha fatto sì che Mosca avvertisse come ancora più impellente il proprio bisogno di sicurezza nel momento in cui un Paese strategicamente alleato iniziava a volgere il proprio sguardo a occidente. Da qui, l’annessione della Crimea prima e l’imposizione di sanzioni dopo, hanno esacerbato i rapporti tra il Cremlino e le cancellerie occidentali.

La nascita dell’ISIS, dal proprio canto, ha segnato un radicale cambiamento nell’espressione esteriore del fondamentalismo islamico. Quest’ultimo non si esprime più come semplice organizzazione terroristica, magari protetta e sostenuta da Stati conniventi, come fu il caso di Al Qaeda in Afghanistan. Piuttosto, la medesima organizzazione si fa Stato, conquistando militarmente ampie zone all’interno di altri Paesi, come avvenuto in Iraq e Siria, dove l’ISIS ha saputo trarre vantaggio dalle divisioni politiche e dall’impreparazione militare di Baghdad e dalla ormai triennale guerra civile in Siria, al fine di imporre la propria visione fondamentalista della sharia. Tuttavia, l’affermazione dell’ISIS si inserisce probabilmente in un contesto più ampio che vede il Medio Oriente attraversare una fase in cui il ruolo di potenza egemone svolto dagli Stati Uniti sembra venir meno. In tal senso, si può supporre che la storica presenza statunitense sia stata in grado di mantenere insieme una quadro estremamente frastagliato come quello mediorientale. In altri termini, il minor coinvolgimento degli USA nel Medio Oriente potrebbe essere considerato come una delle cause che hanno portato ad un maggior attivismo tanto degli Stati quanto di altre organizzazioni. Le ambizioni sopite dal ruolo dominante degli Stati Uniti, sono ora libere di potersi esprimere, seppure nelle forme estremiste dell’ISIS.

Di fronte al proliferare di nuove crisi regionali e globali, l’Italia ha finora perseguito una linea di politica estera che trova la propria ragion d’essere nella cornice dell’Unione Europea e della partnership strategica con gli Stati Uniti. In riferimento alla crisi ucraina e ai rapporti con Mosca, infatti, l’Italia, seppure con toni più morbidi e concilianti nei confronti del Cremlino, ha adottato una politica di sanzioni, volta a convincere la Russia a fermare ogni tipo di ingerenza negli affari interni dell’Ucraina. Più nel dettaglio, considerata ormai persa la Crimea, annessa alla Russia dopo il controverso referendum del marzo 2014, le potenze occidentali stanno tentando di impedire che una sorte analoga possa toccare anche alle regioni orientali dell’Ucraina, anch’esse abitate da una maggioranza russofona. L’Italia, mantenendo una coerenza d’azione data dalla permanenza nell’UE, ha più volte dimostrato di privilegiare qualsiasi forma di dialogo con Mosca, a differenza di altri membri dell’unione, che per storia o interessi strategici, sono meno inclini ad ammorbidire le proprie posizioni nei confronti del Cremlino. I governi russi, storicamente, hanno dimostrato di reagire con forza a qualsiasi tipo di pressione possa essere esercitato su di loro. Le sanzioni, quindi, come ha più volte sostenuto l’Italia, possono sì essere uno strumento di soft power con cui dimostrare la propria risolutezza, ma rischiano di ritorcersi contro chi le impone se chi le subisce ha la forza politica e militare per resistergli. La sindrome di accerchiamento di cui soffre la leadership di Mosca rischia di essere ulteriormente acuita dalle sanzioni occidentali. Il governo di Roma, visti i rapporti stabiliti negli ultimi anni con la Russia, potrebbe svolgere un ruolo di mediazione all’interno dell’UE proprio per evitare che le incomprensioni attuali divengano minacce future alla stabilità e alla pace dell’Europa.

Per quanto concerne la crisi mediorientale, il governo italiano ha manifestato fin da subito la propria volontà di sostenere politicamente e materialmente le forze che si stanno opponendo agli integralisti dello Stato islamico. A tal riguardo, sono da leggere gli sforzi congiunti dell’UE e degli USA di dare il proprio supporto logistico e militare ai combattenti curdi che rappresentano, al momento, l’unica forza militare in grado di competere con l’ISIS, dato che le forze regolari irachene hanno dimostrato tutta la propria inefficacia e impreparazione. A tutto questo, al contempo, si devono aggiungere gli sforzi di garantire una maggiore sicurezza interna all’Europa, soprattutto dopo gli eventi che hanno segnato Parigi. In particolare, i Ministri degli Interni dell’UE stanno valutando l’ipotesi di applicare nuovi e maggiori controlli in deroga al Trattato di Schengen che garantisce la libera circolazione degli individui nei Paesi membri. In virtù di una maggiore sicurezza, si stanno valutando possibili forme di tracciamento dei viaggiatori al fine di individuare tempestivamente persone affiliate a organizzazioni terroristiche. Questo sistema, che andrebbe sotto il nome di Passenger Name Record, consentirebbe di tracciare i transiti nell’area Schengen. L’Italia, in particolare, visto il fallimento dell’intelligence francese nel prevenire gli attentati, ha proposto di creare un comitato antiterrorismo europeo, similare al CASA (comitato analisi antiterrorismo) già operativo a Roma, al fine di facilitare lo scambio di informazioni tra le agenzie del Vecchio Continente.

L’Italia ha quindi la possibilità di svolgere un ruolo centrale nella gestione tanto della crisi ucraina, quanto dello scenario mediorientale. I rapporti con la Russia fanno sì che Roma possa rappresentare un interlocutore affidabile all’interno dell’Unione Europea, dove permangono posizioni nettamente più aggressive nei confronti di Mosca. Allo stesso tempo, il governo italiano può contribuire a rafforzare la sinergia volta a garantire maggiore sicurezza in Europa e a sostenere le forze che si oppongono all’ISIS direttamente nel Medio Oriente, evitando che la visione fondamentalista dello Stato islamico possa esercitare attrazione in aree, come quella libica, dove la frammentazione e la cronica instabilità politica creano un humus sociale perfetto per il reclutamento di nuovi guerriglieri.