Archivio Tag: Erdogan

Who is who: Recep Tayyip Erdogan

Nome: Recep Tayyip Erdogan
Nazionalità: turca
Data di Nascita: 26 febbraio 1954
Chi è: Presidente della Repubblica di Turchia

Who is who: Recep Tayyip Erdogan - Geopolitica.info

aaa
aaa
aaa
Erdoğan è vissuto nella periferia di Istanbul e, nonostante le difficoltà economiche, ha ottenuto una solida educazione religiosa presso il liceo per la formazione degli imam.

Ha iniziato a dedicarsi alla politica come rappresentante dell’Unione Nazionale degli Studenti e presidente della sezione giovanile del Partito del Benessere, per poi divenire capo della sezione di Istanbul e membro del consiglio direttivo.

Apparentemente sensibile alla condizione dei più poveri, Erdoğan ha proposto al partito un riformismo pragmatico legato al concetto di hizmet, ovvero di servizio alla comunità e alla religione. Gli attivisti si occupavano di visitare le famiglie in difficoltà, portandogli aiuti materiali raccolti dagli imprenditori o dalle autorità locali.

Dopo essere stato eletto parlamentare nel 1991, nel 1994 Erdoğan è stato nominato sindaco della municipalità di Istanbul. In virtù della sua umile estrazione, divenne il simbolo di una consistente fascia di elettorato priva di un rappresentante nella sfera politica.

Come sindaco, dal 1994 al 1998, ottenne buoni risultati, avviando la costruzione di infrastrutture, migliorando la vita dei cittadini ed attraendo significativi flussi di capitale straniero.

Il 28 febbraio 1997, dopo la decisione della Corte Costituzionale di chiudere il partito con l’accusa di aver attentato ai principi del kemalismo, la sua ascesa politica subì una brusca interruzione.

Dopo aver trascorso 4 mesi in carcere, Erdoğan uscì accompagnato da una folla festante che lo considerò colui che avrebbe garantito il riscatto della maggioranza conservatrice esclusa, presentando la sua detenzione come un sacrificio. Erdoğan divenne il leader e fondatore del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP).

Ispirato dal principio del neo-ottomanismo, egli vuole far recuperare alla Turchia il prestigio e il rispetto che era riconosciuto all’Impero Ottomano. La visione politica di Erdoğan mira a portare il suo Paese ad essere la “Grande Turchia” entro il 2023, in cui si celebrerà il centenario dalla nascita della Repubblica.

Alle elezioni legislative del 2002, dopo anni di incertezza politica, l’AKP ottenne il 34,3% dei voti, dando avvio ad un duraturo periodo di stabilità al governo. Dopo un’ulteriore conferma alle elezioni del 2004, il 10 agosto 2014, Erdoğan è stato eletto Presidente della Repubblica, vincendo le prime elezioni presidenziali dirette.

Il pugno duro di Erdoğan è tristemente noto all’opinione pubblica dopo le proteste di Gezi Park del 2013, durante le quali autorizzò l’uso di lacrimogeni e cannoni ad acqua contro la folla.

Ci si interroga su come poter definire il leader più importante della Turchia post-kemalista, apparentemente calmo e disinvolto ma dall’atteggiamento duro e patriarcale, ben disposto all’utilizzo di metodi non pacifici nei confronti dell’opposizione.

Turkish policy and the Kurdish issue

Being at the same time an internal and an external matter to Turkey, the Kurdish issue has always been one of a particular importance in Turkish complex political life.

Turkish policy and the Kurdish issue - Geopolitica.info

Being huge the presence of the Kurdish minority in almost all the Countries surrounding Turkey, and having been the concept of cultural uniqueness and territorial unity a key one of Kemalism and that of the ideologies of many of that States of that area, the presence of Kurds had often achieved the peculiar goal of at least partially harmonize the otherwise irreconcilable foreign policies of the Ba’th-Party-ruled Syria and Iraq, the revolutionary Iran and, of course, Turkey.

That policy has been of course that of the assimilation of Kurdish culture into the different regional entities.

Kurds saw an effective possibility of self determination only in 1920, when the Treaty of Sévres envisaged the establishment of a new state called Kurdistan. That treaty was eventually not fulfilled and the Kurdish issues crystallized in those different States that would arise from the ashes of the Ottoman Empire as an uncomfortable problem.

The reforms which followed the first Gulf War offered the Iraqi Kurds an autonomous Region in the north of the Country in 1992. This Region has later been experiencing a regime of semi-autonomy after the second Gulf War and the eventual end of the Ba’th regime. Its presence had therefore heavily influenced the Turkish policy towards the Kurds from 2005.

Turkey effectively found itself in such a position that it could not ignore the presence of a Kurdish internationally recognised entity at its border, not being able anymore to see in Baghdad’s central government an ally to deal with that issue. At the same time, neither it could ignore that this entity would become an extremely important partner in both commerce and energy issues.

The trade interchange between Turkey and the Kurdistan Regional Government reached the amount of more than 12 billion US$ in 2014. Even more important is the energy issue, given the absolute need for Turkey to find cheaper energy suppliers in order to sustain the industrial development of the Country. Nowadays the price of oil in the Country is extremely high if compared to the average per capita income, and the Government is unable to cut the tax wedge on energy.

The President of the Region, Mustafa Barzani, has been the Kurdish representative for the Iraqi side towards the Turkish government. Several bi-lateral meetings have been held in order to establish firm relationship between the two entities and Iraqi Kurdish oil is being sent directly to Turkey not passing through the central Iraqi Government.

The evolution of the relationship between Turkey and Iraqi Kurdistan was also helped by the opening of the Turkish state to the recognition of Kurdish minority, its cultural diversity and its proper language and the determination of granting education in Kurdish language (although in private schools).

The resolution of the Kurdish issue has been one of the main target of the ruling AK Party, whose combined policies of national pride and economic liberalism shuffled the cards of the Turkish secular and nationalist élite policies, opening the Country to a completely new social outlook: the one of a multi-cultural Turkey, where the presence of non-Turkish (or non-Turkic) minorities wouldn’t be itself a problem to the integrity of the State.

Such a safer context let the opening of secret talks, held through the Turkish Security Services, between the Turkish Government and Abdullah Ocalan, the imprisoned undisputed leader of the PKK and the PYD, the clandestine parties representing the armed wings of Kurdish insurrection in Turkey and Syria.

This foreword should not lead the reader to believe the Kurdish issue has come to an end, or at least to a path that would presumably lead to that: as it is easily understandable, the Kurdish issue in its whole may not be fully understood if not under a light able to enlighten Ankara, Damascus, Baghdad (and Erbil) at the same time.

The AKP political and social philosophy is not hostile in theory to a recognition of the Kurds (also given the universalism of Islam), but it would be extremely naïve to Ankara to believe that the liaisons between Turkish and Syrian Kurds end at the border of the two states…Ankara is equally aware that letting the existence of an autonomous Kurdistan in Syria, even if as a result of the fall of the hated Assad regime in Damascus, would seriously jeopardize Turkish territorial integrity, as all the Kurdish parts are definitely fighting in order to get a fully independent State. In august 2013, at a pan-kurdish congress held in Erbil, KRG President Barzani stated he wouldn’t save any effort in order to help his Syrian brothers. He was referring to a military intervention.

Here we come to the main point: Syria and Iraq are in a huge turmoil and see a plurality of actors on the ground. In Syria, the so-called moderate anti-Assad insurrection, the formal Army and some eastern “consultant”, and the Islamic State. In Iraq we see the formal Army, the élite “Al-Qods” Pasdaran Brigade amongst many foreigner “consultants” and the Islamic State.

Kurdish military forces exist in both territories, clandestinely by one side and formally under state-recognized militias (Peshmerga) by the other.

Kurds are now to the Turks a necessary ally on the Iraqi bound, a danger on the Syrian one and a source of social unrest at home. But the Kurds see themselves as a unique force, fighting for the same purpose, be it a confessable one (for the Syrian ones) or not (for the Iraqies).

The Ankara inactivity in the Kobani issue after the deployment of its Army at its southern borders, although the city is only 1 kilometre far away from the border and despite all the pressure of the International Community to Turkey to intervene in the matter and save the city from being slaughtered, provoked serious social unrest in some South-Eastern Kurdish Turkish cities. Casualties were registered among local Police officers.

This may lead to a serious evolution, in the worst sense, of the Turkish-Kurdish peace process. Although Turkish Government is not completely hostile to Kurdish recognition, by Turkish side it may not happen under the present conditions.

Turkey was amongst the most active States promoting a military intervention in Syria to overrule Assad’s regime in 2013.This would have permitted the deployment of an international force, letting Turkey enjoy the support of many other Countries without having to bear alone the logistic and financial weight of the intervention, and permitting it to physically put its Army’s boots on the ground. What is exactly what is waiting to do now.

Turkey’s President has no more than 48 hours ago defined Kobani issue as a “foreign” one, something no way related to Turkey. He also asked what Kobani had to do with Turkey, with cities like Ankara or Diyarbakir or Bingol. It was quite a provocative question, given Diyarbakir and Bingol are exactly the cities where the most severe turmoil happened.

The true strategy of Turkey now is just waiting for the situation to become simply unbearable to Western audit and maybe hope it happens after the complete fall of Kobani, given that the city has always been the centre of Syrian Kurdish irredentism and its fall would mean the elimination of much of Syrian Kurdish military staff.

The contingently reaction of the Kurdish Turkish minority and some episode of violence would pave the way to police operations in the whole South East.

We may be sure the Turkish intervention in Syria, after all this patience, will take place. We may also be sure it will be an important and lasting one.

The presuppositions for it to happen are:

  • The official recognition of an international intervention blessed by the United Nations or, in case it takes too much time, a NATO intervention provoked by Turkey according to the art.5 of the Atlantic Treaty, in order to avoid eventual accusation to Turkey to have faced the issue alone with violent matters,
  • The overrule of the Iran-backed Assad regime as one of the main purpose of the intervention, with the possibility of establishing a buffer zone and a no-fly zone to guarantee the integrity of the local population by the attack of the Islamic State.

At that point, Turkey will be able to heavily put its boot on the ground, assure to itself the management of the buffer zone and being able to discard the Islamic State and face Kurdish forces directly, sure of the endorsement of the largest part of its electorate, which will see for the first time the AKP conservatives agree with the laics, heavily concerned about Turkey’s territorial integrity.

Turkish new government, what implications for Ankara’s foreign policy?

After an opinion poll conducted few days after the Presidential election, whose object was who would be the favourite Prime Minister for the AKP audit, the first in the list resulted Abdüllah Gül, the then outgoing Head of State, co-founder of the AKP and a person of a certain political esteem and consideration. The last resulted Ahmed Davutoğlu, the scholar turned Minister of Foreign Affairs in 2009. Few days later, the Assembly of the Justice and Development Party nominated Davutoğlu as both Deputy Prime minister and President of the Party, a charge Erdoğan was trying to keep for himself.

Turkish new government, what implications for Ankara’s foreign policy? - Geopolitica.info

Abdüllah Gül was also excluded from the Presidency of the Party, a charge he aspired to, due to the not-openly-declared tough evident opposition of Erdoğan who scheduled the General Party’ assembly one day before Gül ceased the Presidential Office, determining Gül ineligibility.

This move provoked many reactions, especially amongst the Party’s branch closest to the outgoing President.

Many rumors on the possibility of the foundation of a new Party by Gul’s side had arisen.

Gül’s wife, Hayrünissa, threatened an intifada against the party’s top management, just to show up some days later in company with her husband smiling at Erdoğan’s assignment ceremony on August 28th.

What was actually done by AKP’s highest spheres in order to extinguish such strong revenge intentions in such a short time is unknown, but it made clear there is only one mainstream accepted in AKP right now: Erdoğan’s one.

The real problem with the persona of Abdüllah Gül is his independence ad moderation. As a President, Gül opposed many acts of the Government, and criticised the Twitter ban or the overreaction acted by the security forces against Gezi Park protesters. After what happened with the other main internal opposition, literally wiped out during the last year, Gül has been probably induced not to enter a political adventure that could later identify him as a competitor to Erdoğan. For the same reason, he was not considered for a possible membership on the Cabinet, especially as a Prime Minister.

Davutoğlu is particularly supported by Erdoğan exactly for the opposite reason: the mild-mannered Profesör is all but a danger to the charismatic new President, who would hardly quit a certain influence on the new Cabinet.

Davutoğlu has been seen by many, in Turkish audit, under a light that does not seem to respect his rich and brilliant career: an idea of him being just an Erdoğan’s man acting in total accordance to the lines determined by the President is so spread amongst many that Erdoğan had to specify clearly, during the Party’s congress, that Davutoğlu would not be “an executor”.

On august 12th, a couple of days after the election, Bülent Arinç, the third co-founder of the Party who has been continuously holding the chair of Deputy Prime Minister since 2003 uttered what was secret to none: Turkey will shift into a Presidential Republic after the general Elections in 2015.

It is thus difficult to believe a personality as Erdoğan’s one is not already foreseeing the moment when, after the constitutional reform, he will collect in his hands both the Presidency and the Executive power.

Given that, what are the priorities in the new Cabinet agenda, and what will exactly be the role of Davutoğlu before the reform takes place?

As known, these last elections were all centred in the idea of a new Turkey. Davutoğlu’s role will be now to cope with any taboo still existent in Turkish policy about religion and public life.

With the new educational system, just implemented with the opening of the new school year the last month, after a reform that has been defined by many as a true attempt to destroy the secular education in Turkey through the Imam/Hatip system, Davutoğlu finds himself working in an environment where many of the limits existed in the past, due right to the secularism of the educational system, are already overcome.

The role of the Army, in particular after the trial that sentenced to life imprisonment the generals involved in 1980 Coup d’ Etat, is annihilated. The only true obstacle still existent to the promulgation of any law able to reform whatsoever aspect of public life in Turkey is represented by the Constitutional Court, in its majority still expression of secular presidencies and whose members have partially origin in Military courts.

Davutoğlu is not as much moderate in religion as he is in his general outlook. His ideological proximity to the Muslim Brotherhood is not a secret, and he may be considered the maître à penser of the Erdoğan-branded Turkey foreign policy (the reason why he was blamed on the failure of what was more or less properly defined “neo-ottomanism” policy towards states as Egypt).

After the shift in Turkish foreign policy under AKP era, the asset of the foreign relations of the State seems to be a very important issue for what they call “new Turkey”.

Historically, foreign policy has never been an important point in Turkish electoral communications, as Turkish foreign policy consisted until few years ago in keeping the Western-NATO positions. These elections witnessed a total change, whose content has a precise meaning and shows in nuce what will be the moves Turkey is willing to put into reality in the future.

The other paper Davutoğlu is called to play is therefore managing the extremely complex Middle-Eastern context in which Turkey is an important player.

With an Islamic State playing a double role with Turkey depending on it being at the Syrian or at the Iraqi border, Davutoğlu finds himself playing on a chessboard quite different from the one he was displaying or imaging while writing “Strategic depth”, his more famous work and the ideological base of his foreign political thinking.

Turkey is now, in fact, pressed by the United States in order to join as unconditionally as possible the new coalition drawn at the last NATO summit. The answer of Ankara, which came quite quickly, left few doubts on Turkey’s embarrassment: Turkey did not want to provoke any reaction by IS, which was still holding its diplomats. And, more, Ankara would anyway tend to leave a Sunni opposition alive in that area, with the goal of weakening the Shia (or Shia-related) governments still on charge in Damascus and Baghdad sooner or later, when the situation will be stabilized and Turkey will be able to operate a deeper influence on its neighbourhoods. Once more, the religious aspects play an important role in “new Turkey’s” assets and seems to be one of the main lines Turkey will follow in order to draw its future alliances.

The internal-esternal Kurdish issue, recently arose more dramatically to the general public eyes due to the tragedy of Kobane, is a further intricate issue to be solved by the Cabinet.

Here we go to the third, maybe ore important task Davutoğlu is called to accomplish: make of the charge of Prime Minister an insignificant one.

Also in this, the new Premier will surely not been left alone: the representative of the Turkish state at the last NATO summit in Wales was not him. For the first time representing the State was not the Prime Minister but the President of the Republic: Recep Tayyip Erdoğan.

Turchia: vincitori e vinti del voto di marzo

Qualche giorno prima delle consultazioni elettorali amministrative che si sarebbero svolte il 31 marzo, il Premier aveva addirittura prospettato la sua uscita di scena dal panorama politico turco qualora il proprio partito, l’AKP, non si fosse confermato il primo del Paese. Il risultato, il 45,5% dei consensi su base nazionale, non è un inedito e nemmeno una brillantissima conquista per la formazione al potere che fu non molto tempo fa capace di ottenere la metà delle preferenze. A rendere questo risultato un successo più che significativo è stato il difficile contesto nel quale Recep Tayyip Erdoğan  si trova, legato alle scissioni interne al partito ( ed alla serie di – connessi? – scandali che avevano recentemente interessato la sua persona) ed ai fatti di Gezi Park. Il responso gli ha risparmiato il peso di dover onorare la promessa.

Turchia: vincitori e vinti del voto di marzo - Geopolitica.info fonte: http://secim2014.sabah.com.tr/

In un contesto in rapida evoluzione quale lo scenario politico turco, il voto dello scorso marzo ha proposto molte linee di continuità e poche trasformazioni radicali.

Unica caratteristica del risultato elettorale deducibile omogeneamente su tutto il territorio del Paese è la scarsità dei consensi attribuiti al Partito Repubblicano del Popolo, il CHP di orientamento kemalista, che ha visto solo la conferma alla guida delle roccaforti dell’ Egeo (Izmir, a Canakkale in primis), della Tracia orientale, della militare Eskisehir e della provincia di Hatay esasperata contro il Governo per le conseguenze del conflitto siriano. Per il resto, ha visto eclissare la propria supremazia perfino nella Provincia a maggioranza alevita di Tunceli dalla quale proviene il Segretario Generale, Kemal Kılıçdaroğlu, figura peraltro posta alla guida del partito nel 2010 nel tentativo di recuperare il calo dei consensi già pienamente avvertito a quella data.

Il CHP aveva allora, infatti, nominato un nuovo Segretario a causa dell’inadeguatezza, dimostrata sino ad allora dal partito, nel percepire ed interpretare efficacemente il messaggio che la società turca aveva cominciato ad esprimere nelle urne  con le elezioni di otto anni prima. Il Partito Repubblicano del Popolo ha sempre sofferto dell’impossibilità di evolvere, di interpretare il proprio ruolo e, dalle elezioni che nel 2003 videro per la prima volta gli islamici al potere, soprattutto di ascoltare ed intendere umori e trasformazioni dell’elettorato turco.

Le difficoltà del CHP sono, in un certo senso, uniche fra tutti i partiti turchi. Sebbene, infatti, secondo la Costituzione (e secondo qualsiasi principio di democrazia rappresentativa) ogni partito i cui statuti siano conformi all’Ordinamento dello Stato è legittimato dal voto popolare ed ha funzione e dignità pari a quella degli altri, storicamente il CHP ha vissuto una funzione diversa, ovvero quella di rappresentare l’“anima pura”, lo “spirito autentico” di uno Stato, quello della Repubblica secolare di Turchia, i cui principi hanno sempre coinciso con quelli, appunto, propri del CHP. Il CHP fu fondato dallo stesso Padre della Patria, il suo secondo Segretario fu colui che sarebbe stato il secondo Capo dello Stato, e nei primi anni della Repubblica fu l’unico partito esistente. Anche quando, nel 1946, fu reintrodotto il pluripartitismo, altissime soglie di sbarramento ed una “tutela” speciale da parte degli organismi dello Stato volti alla tutela dell’ orientamento laico dello stesso conservarono forzosamente altissimi i consensi del partito, che allo “spirito” dello Stato si considerava connaturato. A farne le spese sarebbe stato più di un Governo, quale quello targato Partito della Giustizia (AP) di Adnan Menderes, che finirà impiccato.

La responsabilità dell’affermazione del Partito di maggioranza risiede anche nell’anacronismo del CHP, nella sua continua ripetizione di se stesso, nel proporre una politica economica statalista ed inamovibile, incapace di proporre alternative valide a quelle dell’ AKP. Il  CHP si dimostra efficiente nell’attrarre a sé in definitiva quasi esclusivamente i voti di coloro che pongono come priorità la difesa del laicismo e dell’unità dello Stato, i cosiddetti Turchi bianchi, intimoriti da una possibile trasformazione in senso religioso dello Stato e che, se avessero eguali garanzie di laicità da partiti più dinamici e liberali in economia, voterebbero altrove.

A calmierare l’avanzata degli islamici e le derive politiche (siano state esse nazionaliste o secessioniste) di taluni partiti aveva infatti provveduto fino al 2002, sebbene con alterne vicende, la magistratura, dichiarando illegali le formazioni di ispirazione religiosa ed eliminandone il potenziale offensivo prima che questo potesse esprimersi nelle urne, o le Forze Armate qualora questo fosse si fosse manifestato dopo il voto. E’ in queste esperienze  (soprattutto in quella dei partiti Refah, Saadet e Fazilet) che sono maturate le personalità e le capacità che hanno creato personaggi politici quali l’attuale Primo Ministro.

Sarebbe errato credere, come a volte si fa, che i continui successi dell’ AKP siano dovuti ad un sempre più deciso orientamento  del popolo turco verso una maggiore sensibilità religiosa di ritorno, dovuta in definitiva a motivi di ciclicità storiche o di contingenze internazionali attuali. Il punto è un altro, di qualità e significato differenti: l’AKP ha saputo leggere con efficacia ed intelligenza i tempi presenti, ha saputo cogliere le esigenze di un elettorato laborioso e riconoscente del quale il proprio predecessore al governo, il CHP, ingessato in una visione di sé paradossalmente troppo conservatrice nel proporre un progressismo sociale estremo senza compromessi ed inadeguato a molte zone del Paese, non ha mai saputo accorgersi.

Sbaglia anche chi crede che l’AKP debba i suoi successi esclusivamente al richiamo religioso: la capacità attrattiva dell’AKP infatti, non va ridotta alla sola forza esercitata sugli elettorati dell’ Anatolia centrale, dove il richiamo religioso, prima soppresso ma sempre esistito, esercita un’ indiscutibile funzione attrattiva, ma sulla efficacia dimostrata negli ultimi anni in politica economica (che attira anche i laici liberali in economia) e nella (sebbene non sempre efficace, e spesso fallimentare) politica estera ispirata dall’accademico Davutoğlu.

Nonostante le flessioni in atto negli ultimi mesi, nonostante la svalutazione della Lira turca (peraltro risalita sul Dollaro proprio a seguito della pubblicazione degli ultimi risultati elettorali), è indubbio come la Turchia abbia triplicato il suo PIL dall’inizio della gestione Erdoğan, come sia stata bloccata un’inflazione che negli anni ’90 aveva toccato percentuali a due zeri e come abbia riscosso un discreto successo nella delicata questione armena e nella puntigliosa questione interna (ed estera) dei Kurdi.  

Si sbaglierebbe altrettanto a credere che l’AKP sia un campione di sviluppo sociale: la Turchia vanta il non invidiabile primato del maggior numero di giornalisti in carcere, il partito è spesso accusato di una gestione della cosa pubblica corrotta e realizzata da personaggi infiltrati dalla politica nei gangli dell’ economia e di scarse qualità personali (e proprio per questo gradite ad una intellighenzia di partito che li preferisce fedeli piuttosto che capaci), di possedere una visione sociale e della donna arcaica. A questo proposito, non mancano  esempi di dichiarazioni piuttosto esplicite pronunciate da diversi esponenti del Partito. Erdoğan stesso ha talvolta asserito che la funzione della donna è di stare a casa, determinando in tre il numero dei figli ideale per ognuna di loro.

E’ tuttavia difficile che il Primo Ministro si conceda prossimamente simili affermazioni (che semmai farà pronunziare ad altri, in contesti più controllati e magari davanti a qualche piccola folla conservatrice), che hanno invece caratterizzato molto del suo periodo da sindaco di Istanbul (dal 1994 al 1998).A quel periodo infatti risalgono affermazioni quali  “la democrazia è soltanto il treno sul quale saliamo fino a quando saremo arrivati all’obiettivo”, seguite poi dalla famosa citazione di Ziyā Gökalp (“le moschee sono le nostre caserme, le cupole i nostri elmetti, i minareti le nostre baionette e i fedeli i nostri soldati”) che in tempi diversi dagli attuali gli valsero il carcere.

Erdoğan sa bene che, come detto, una parte pur non troppo rilevante del suo elettorato (gli imprenditori laici di Istanbul e della costa dell’ Egeo) della sua gestione apprezza solo la compiuta liberalizzazione dell’economia, ma non il conservatorismo religioso. Per non parlare dell’immagine di sé che desidera conservare all’ estero (la Turchia necessita di investimenti finanziari dall’estero anche per poter abbassare l’ imposizione fiscale sull’energia, ora a livelli quasi insostenibili), che già venne incrinata qualche mese fa dai noti fatti di Gezi Park, che qualche commentatore occidentale poco informato di fatti turchi credette davvero essere dovuta al taglio di 600 alberi.

Erdoğan è inoltre accusato di avere un personalità autoritaria ed intimamente estrema e conservatrice in senso religioso, cosa della quale celerebbe la reale entità esercitando la taqiyya, un istituto di Diritto Islamico che permette la dissimulazione della propria intenzione per finalità religiose. 

Il carisma dell’attuale Primo Ministro ha avuto la capacità di raccogliere a sé la massa critica del partito sufficiente a superare la prova del voto a seguito del contrasto scoppiato prima delle elezioni con Fethullah Gülen, le cui avvisaglie si percepirono dal novembre dello scorso anno. Gulen, predicatore religioso, è fondatore di una serie di attività economiche ed educative di portata mondiale (scuole, ospedali e reti televisive) che hanno subìto fortissimi attacchi da parte della magistratura turca, tali da ridurre o addirittura sospendere le attività in Turchia.

 Fethullah Gülen è capo di una delle due Cemaat (unioni, fazioni) delle quali il partito AKP è composto, e che prima dello scoppio del dissidio interno costituiva anche un’importante fonte di finanziamento e di procacciamento di voti per il partito. Erdoğan ha scommesso molto su se stesso nell’avanzare frontalmente contro Gülen, uscendone vincitore.

Lo scontro interno al partito non è limitato alle elezioni e si radicalizzerà profondamente dopo di queste. L’oscuramento temporaneo di Kanalturk, canale televisivo di ampia diffusione legato alla Cemaat di Gülen, è stato seguito dai propositi di vendetta di Erdogan contro i “nemici della  Turchia”, rei di ordire  dall’estero trame contro lo Stato. Il riferimento a Gülen, residente negli Stati Uniti, è più che evidente.

I risultati elettorali hanno anche evidenziato un discreto successo del Partito della Pace e Democrazia (BDP), che ha saputo attrarre i voti della liberale minoranza alevita conquistando, oltre alle provincie a maggioranza Kurda, anche Tunceli (storicamente sicuro bacino elettorale del CHP).

Il BDP ha saputo proporre se stesso non più esclusivamente come forza di lotta ed opposizione, ma trasformandosi in una forza politica di ispirazione liberale, femminista, laica è stato capace di attrarre l’elettorato appartenente alla minoranza alevita residente nella parte orientale del Paese, tradizionalmente molto progressista e laica, intercettando quel voto di progressisti di sinistra non troppo imbarazzati dalla questione Kurda. In questo, un ruolo fondamentale è stato giocato dal cessate il fuoco in atto tra il Governo di Ankara ed il PKK, del quale il BDP era spesso visto come fiancheggiatore politico.

Le rivendicazioni dei Kurdi, legate al riconoscimento come gruppo etnico distinto da quello dei Turchi, hanno trovato parziale riconoscimento durante i governi a guida Erdoğan. Una trasmissione televisiva di grande ascolto proponeva, a fine novembre scorso, una puntata in prima visione dal titolo: “cosa si intende come Kurdistan storico?”, cosa che quindici anni fa avrebbe probabilmente comportato l’incriminazione dell’Editore televisivo.

L’affermazione, seppur limitata, del BDP è tutta a favore di Erdoğan, che vede così dividersi i voti dei laici in due fazioni opposte (effetti del “divide et impera”), almeno nella gestione della cosa pubblica a livello locale.

A livello nazionale, poi, il Premier non ha che da sperare che le cose rimangano quali sono: se infatti il BDP dovesse raggiungere un risultato quale quello appena conseguito, questo avrebbe l’utile scopo di indebolire il CHP senza però essere tanto forte da potersi imporre in Parlamento.

L’MHP ha visto, con queste elezioni, una conferma della sua influenza sulle provincie storicamente sotto il suo controllo. L’MHP esprime la destra nazionalista, che negli ultimi quindici anni ha visto il proprio consenso oscillare dal 10 al 15% e può ripresentarsi alle prossime elezioni politiche con la certezza di confermare una percentuale di seggi superiore al 10%. L’ala destra della politica turca, che rimase coinvolta negli affari Bayloz ed Ergenekon, ha storicamente accumunato i nazionalisti contrari al riconoscimento delle minoranze, profondamente religiosi e nazionalisti.

Eredi della “visione nazionale”, saranno utili all’AKP se questi deciderà, per qualunque motivo, di giocare la carta nazionale magari per giustificare un intervento in Siria. Quattro provincie siriane hanno infatti dichiarato la propria indipendenza da Damasco, riconoscendosi curde ed autonome. Se il governo volesse promuovere, come sembra, un intervento militare per assicurare l’integrità dei confini turchi, saranno utili nel mobilitare appoggi in parlamento. Stessa considerazione può farsi in previsione di una riforma costituzionale, già tentata nel 2010 e fallita nel 2013 che, se islamicamente ispirata, potrebbe interessare il MHP e fornire ad  Erdoğan una utile massa di consensi per raggiungere i due terzi dei voti necessari alla riforma.

Agosto 2014 sarà la data delle elezioni presidenziali, che vedranno per la prima volta il popolo esprimersi direttamente per la scelta del Capo dello Stato. Erdoğan giocherà le sue carte in modo difficilmente prevedibile, dato che avrà la quasi assoluta certezza di cumulare più della metà dei voti ma necessiterà di orientarsi in senso più favorevole al BDP od al MHP per definire il suo sistema di alleanze, che vuole sia particolarmente saldo quando proporrà la riforma in senso presidenzialista dello Stato.

Non avrà invece alcuna necessità di corteggiare ulteriormente il CHP, la cui sconfitta trascinerà con sé ogni ricordo dello Stato kemalista, i cui simboli (la sigla TC sugli Istituti di credito, per esempio) sono già in via di smantellamento. Il 29 ottobre 2023 invece segnerà il centenario della Repubblica di Turchia. Erdoğan ha già iniziato ad assumere uno stile ed una visibilità diversa da quella di un Capo di Governo.

La sua retorica, la sua immagine diventano sempre più quelli di un nuovo Padre della Patria, e la sua immagine ha sostituito quella di Ataturk nelle prime pagine dei libri di scuola. Si consolida il suo riferimento alla “nuova Turchia”, e definisce la rivincita che questa avrà sui “nemici della Patria” come un sonoro “schiaffo ottomano”.

  • Pagina 3 di 3
  • <
  • 1
  • 2
  • 3