Archivio Tag: diritti umani

Interview with HE Vaqif Sadiqov, Ambassador of Azerbaijan

Geopolitica.info had the opportunity to meet HE Vaqif Sadiqov, Ambassador of Azerbaijan in Italy, Malta, San Marino and some of the most important international institutions hosted in Rome.

Interview with HE Vaqif Sadiqov, Ambassador of Azerbaijan - Geopolitica.info

 

Ambassador Mr. Sadiqov, we attended the meeting “In the heart of Eurasia”, in which Azerbaijan with Kazakhstan and Uzbekistan took part. These three countries are very rich in natural resources and are characterized by a strategic geographical position. When they belonged to the Soviet Union, units of strategic importance – such as military bases and Space facilities – and oil and gas plants were placed on their very territories. Which are now the most important infrastructures and facilities that guarantee stability and security of the Region?

After the fall of the Soviet Union in 1991, Azerbaijan had to face a very difficult period in its history. We had an unbelievable inflation rate of 18 hundred per cent. Only after the year 1993 the Azerbaijan economy started slowly to grow. Signing the agreement on opening up of the oil and gas recourses of the Caspian Sea was a very important milestone in this process.That is why the most important infrastructure today is the oil and gas industry, in which we have recently invested 40 bln.dollars. 85% of the Azerbaijan oil and gas is produced in the Caspian Sea, the rest is on shore facilities. But we do not want to be dependant only on one sector, that is why the industrial and agricultural development is of a paramount importance to Azerbaijan nowadays. 2014 is announced the year of industry in our country. We use the revenues from the oil and gas industry and invest it in other economical sectors, like agriculture and infrastructure. Last year we invested 28 bln dollars in the development of the country, only 9 bln of this sum were the foreign investments. As for the military facilities, I would like to remind that Azerbaijan has no foreign military bases on its territory and we are convinced that the stability in the region is achieved primary by economic, scientific and technological development. In our case, we still have one unsolved question, namely Nagorny Karabakh issue, that is why we still have to take care about our military forces.

Recently one can often see statements in mass-media about Azerbaijan using its revenue form the oil and gas industry for strengthening its army. This fact is not to be taken out of the contest. 20 % of the Azerbaijan territory is under occupation by Armenia at the moment. We sincerely hope to be able to settle this conflict in a peaceful way, as we have been trying to do it in the last 22 years but we have never taken a commitment not to use military force. I do not see why we should be ashamed to spend petrodollars to buy tanks? It is our own revenue and it is up to us to decide how to use it. Besides we are not in peaceful circumstances, but in a situation when 20 % of our territory is under occupation, that is why we wish to increase our defence capacity, like other countries do. Besides, we use 13% of our budget on arms, while Armenia uses 20 %, taking in consideration that Armenia as a member of Collective Security Treaty gets arms on discounted prices and we pay a full price, buying it on the international market. 

Yesterday the Chief Executive Officer of ENI Paolo Scaroni announced that the South Stream Project might end up in a stalemate. How would you comment it?

The gas from Azerbaijan to Italy arrives by means of two pipelines: Trans-Anatolian pipeline and Trans-Adriatic pipeline. The Trans-Anatolian pipeline is due to completion by 2018, initially Azerbaijan’s share in it was 80%, now it is a little less since we sold some of our share to other countries. As far as the Trans-Adriatic pipeline is concerned which is due to completion in 2019, we have some ecological issues, but they are not only our concern but of the entire consortium. We will fulfil our commitments providing the gas on time in accordance with the contract signed.

Can we state that the Ukrainian crisis will contribute to the development of Trans-Adriatic pipeline development?

Yes, it is obvious, the main part of the gas which arrives to Europe is transported through Ukraine. Of course we do not consider the Trans- Adriatic pipeline as a solution for the entire Europe, it cannot compete with the huge volumes of gas that Europe receives from the Russian Federation, but it is an additional option, an alternative, so to say, and by no means a substitution of the deliveries from Russia.

Azerbaijan is one of the three pieces of the Southern Caucasus, historically and geopolitically it has always been a “sensitive” region. The territories governed by Baku, in particular in the Caspian Sea, through the Georgian connection with the Black Sea, create a truly interconnected system of “inner seas”. We cannot also forget that the Country is a real logistical base in the “hot” macro-region of the “Greater” Middle East, the “Iraq+Iran” area and the “Afpaq” region (Afghanistan+Pakistan). This importance has been recognized by USA which have progressively intensified their relations with Azerbaijan. Which role for security does Azerbaijan want to play in this context, even if involved in a “still-open” conflict with Armenia in Karabakh? Can the Azerbaijan government tolerate the occupation of more than 20% of its territory?

I repeat that our priority is to settle the conflict in the peaceful way. We propose several stages of the conflict settlement:

  1. withdrawal of the Armenian armed forces from the occupied territories of Azerbaijan;
  2. demilitarization of the territories under occupation;
  3. return of the Azerbaijani displaced persons to their homes (750.000 people in Azerbaijan);
  4. Azerbaijan alone will financially support the clean up of these territories;
  5. Restoration of the communications with Armenia;
  6. Referendum on the future status of Nagorny Kharabakh within the territorial integrity of Azerbaijan, not before the Azerbaijan population of these territories is back to their homes.

As an independent State, characterized by constant and rapid growth and development, opened to a global dimension, Azerbaijan seeks not only for  foreign investments, but also for high technologies and know-how. That is why you are particularly interested in bringing the best of “made in Italy”, not only as a ready-made product, but also as a production process and technology. Which tools does the Baku government want to employ, improving the level of the country’s competition in Eurasia and in the world?

In the 90s we collaborated with our foreign partners mostly in commercial sphere. Now we are interested in long-turn foreign investments and production development. The foreign investors have privileged condition and low tax rates in Azerbaijan. The procedure to open a new joint venture has been simplified and will take no more than a couple of days. Now we also invest abroad, for instance in Georgia, Turkey, Kazakhstan, Romania, Bulgaria, Switzerland etc. We are also ready to invest to the third countries together with Italy, for example. These might be Latin American, Asian, African countries.

Energy issue is mentioned in all the contexts as a priority for the stability of the Region: the cooperation in oil and gas field is still of high importance for your Country, but recently, there has been a decisive strategic shift to the innovation, the high technologies sectors and the cultural action. The links with Italy are strong: cultural activities in Italy. There are cultural activities in Rome and in the most important Italian Cities (we mention that Baku and Naples are sister cities). Which results are you expecting from this active “cultural diplomacy”?

We are happy that our relations with Italy go back with its roots to the Middle Ages, when we had our envoys in Venice and Genoa. Since 1919 for two years there was an Italian Embassy in Azerbaijan Republic. We have a long history of mutual recognition. For us establishing relations with Italy, especially with its regions is of high importance. It gives an additional support to the efforts done on the federal level. We will continue moving in this direction of artistic and cultural cooperation both here in Italy and in Azerbaijan for the good of our societies and peoples.  

Protection of civil population in armed conflicts: the case of Khojaly

On  February, 12th an International Conference, titled “Protection of civil population in armed conflicts: the case of Khojaly” was held in the very heart of Rome. The event can be called really international not only for the topic discussed, but also for its audience. Among the guests there were  representatives of Azerbaijan, Armenian, American, Chilean and Ukrainian Embassies.

Protection of civil population in armed conflicts: the case of Khojaly - Geopolitica.info

The conference was organized by Italian Helsinki Committee for Human Rights and Italian League for the Human Rights. The date of the event was not a random choice, it was held on the eve of 22nd anniversary of the so-called “Khojaly massacre”.

On February 25th , 1992,   the Armenian troops bombarded the town. As a result of this massacre 613 civilians were killed.  The Khojaly case has little international publicity and is less known than other similar cases of Human Rights violation, such as those that took place during the Yugoslavian Wars. Until now no one was charged for the war crimes committed in Khojaly.

On this occasion international experts in Human Rights and Contemporary History had a unique opportunity to confront their points of view and scientific approaches. The Human rights expert board was represented by such prominent experts as Prof. Alfredo Arpaia, president of the Italian League for the Human Rights; Dr. Roberto Mura; Dr. Vitaliano Esposito, member of the European Commission against racism and intolerance; Dr. Antonio Marini, lawyer; Paola Casagrande, president of Italia-Azerbaijan Association. The session was moderated by Dr.AntonioStango, Secretary General of Italian Helsinki Committee for Human Rights.

The board of scholars was represented by Dr. Fiametta Borgia, lecturer of International Right and Prof. FulvioSalimbeni. While the second part of the Conference was dedicated to the presentation of the book, written by Prof. Johannes Rau which has been working on the topic for the last 10 years. The book, titled “Nagorno-Karabakh in Azerbaijan History”, translated in Italian language was published in Italy in 2011. The Italian version of the book, edited by Prof. AntonelloFolcoBiagini and Dr. Daniel Pommier from Sapienza University of Rome, became one of the first scientific works on this topic, published in Italy. The book of the German historian Johannes Rau, issued for the first time in Germany in 2009, represents an important and complete study not only of the armed conflict between Armenia and Azerbaijan itself, but also of the historical evaluation of the territories in question from the ancient times. Professor Rau argues that the conflict, that has exploded after the dissolution of the Soviet Union,has deep roots in the history of the region. Thus, for example, in autumn of 1918, as a result of Zangezur conflict under pressure of the Armenian troops 50.000 Azerbaijani had to  leave their homes.

Now, 20 years since the conclusion of the atrocities of the Nagorno-Karabakh conflict, there are 600.000 Internally Displaced People (IDP) from Nagorno-Karabakh region in Azerbaijan. Scholars give different definitions to the conflict between Armenia and Azerbaijan. Some call it frozen, others prefer to refer to it as forgotten. In any case it still remains unresolved.

It goes without saying that the best way to solution of a conflict is to study its origins and causes. Of course,either an outstanding analysis, like the one conducted by Professor Rau or an international conference, like the one held in Rome on February 12th, unfortunately, cannot resolve the existing problem. But they definitely invite us to reflect and thus contribute to the better comprehension of the issue and to reconstruction of the historical truth.

Internally Displaced People in Azerbaigian e protezione dei diritti umani
Lunedì 6 maggio, la Sala delle Colonne di Palazzo Marini, presso la Camera dei Deputati, ha ospitato il Seminario Internazionale sul tema “Protection of Internally Displaced People in International Humanitarian Law. The case of Azerbaijan Compared with Other Selected Cases”. All’incontro hanno partecipato illustri personalità del mondo accademico, politico e diplomatico incentrando il dibattito sulla protezione dei profughi interni e sulla tutela dei diritti di questi ultimi nella cornice del diritto umanitario internazionale.
Il problema dei profughi interni è stato esaminato partendo dalla realtà del Caucaso del Sud facendo luce sulla realtà dell’Azerbaigian, lo Stato che ospita il più alto numero di IDPs (Internally Displaced People) nel continente europeo (750.000, circa il 6,3% del totale della popolazione). Per tale motivo, l’Azerbaigian è divenuto il simbolo dell’onerosa questione riguardante i profughi interni rappresentandola in tutta la sua drammaticità, richiamando l’attenzione non solo del governo locale, ma di tutta la comunità internazionale al fine di intervenire e trovare soluzioni durevoli al problema. Il dibattito è poi proseguito con il confronto della situazione in Azerbaigian comparata con altri casi in esame, quali i paesi dell’Africa, del Medio Oriente, dell’Asia e dei Balcani. Anche in queste zone, così come in Azerbaigian, gli IDPs sono vittime di un esilio forzato e sognano ogni giorno il ‘Great Return’, vale a dire il ritorno nella propria città o comunità d’origine il prima possibile.
Il Seminario Internazionale, organizzato dal Comitato Italiano Helsinki per i Diritti Umani con il patrocinio di Roma Capitale e la collaborazione dell’associazione Geopolitica.info, è stato moderato da Antonio Stango, Rappresentante del Comitato Italiano Helsinki per i Diritti Umani. L’evento è stato introdotto da Maurizio Gressi, esperto di Diritti Umani e capo segreteria della Presidenza della Camera dei Deputati, seguito dall’intervento di Antonello Folco Biagini, Professore di Storia dell’Europa Orientale e Prorettore dell’Università La Sapienza di Roma. Il dibattito si è così aperto sottolineando l’importanza della questione degli IDPs non soltanto a livello politico, ma anche economico e sociale poiché, come ha ricordato il Professor Biagini, la Cooperazione non avvenire solo tra Stati, ma anche tra enti universitari che devono coinvolgere le giovani generazioni nel prendere parte a tali dibattiti. “E’ ai giovani che dobbiamo parlare, se non credessi nei giovani mi sarei ritirato a vita privata da un pezzo”, ha commentato il Prof. Biagini con un velo di commozione.
Successivamente, l’Ambasciatore Sergio Piazzi, Segretario Generale dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (PAM), ha preso la parola tracciando un quadro dettagliato sulla situazione dei profughi interni in due realtà diverse, ma dalle problematiche simili, quali la Siria e il Ruanda. Compito della PAM è quello di proteggere la popolazione civile e alleviare situazioni di crisi umanitarie favorendo, così, la rapida democratizzazione del paese e la risoluzione dei conflitti. Il dibattito è proseguito con l’intervento di Gunnar Ekelove Slydal del Comitato Norvegese Helsinki, ripercorrendo le tappe e le difficoltà della condizione sofferta dai profughi interni con particolare attenzione al caso del Caucaso del Sud, dove si conta il più alto numero di IDPs. In Azerbaigian i profughi interni costituiscono circa il 7% della popolazione locale mentre in Georgia sono circa il 6%. Il caso della Georgia è stato preso in esame sottolineando la mancanza di interesse da parte del governo locale di condurre indagini contro i responsabili dei crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Ekelove Slydal si è inoltre soffermato sull’aspetto sociale ed umanitario del problema ricordando che la maggior parte dei profughi interni vivono in uno stato di isolamento dal resto della popolazione.
La mancanza di integrazione, dunque, comporta l’aumento dell’analfabetismo tra i bambini che non frequentano scuole o università, e della disoccupazione tra gli adulti, la quale, a sua volta incide inevitabilmente sugli altri indicatori dell’economia. Quello che i profughi interni sono costretti a vivere è stato definito un vero e proprio ‘trauma psicologico’, secondo Brigitte Dufour, Direttore di International Partnership for Human Rights. Nel suo intervento, il Direttore ha esaminato la questione dei profughi interni partendo dalla propria esperienza personale nei due campi in Azerbaigian e Cecenia, dove è venuta a contatto e si è relazionata con le vittime di esili forzati costrette a vivere in abitazioni fatiscenti, “ Trovandomi ospite in una casa di una famiglia di profughi interni mi sono chiesta dove dormissero e loro ci hanno risposto “qui”, poi mi sono resa conto che eravamo seduti sul loro materasso e divano allo stesso tempo”. Brigitte Dufour sottolinea la drammaticità della questione che deve essere risolta al più presto e a questo proposito dedica tutto il suo lavoro e dedizione.Successivo relatore a prendere parte al dibattito è stato il Dottor Alberto Becherelli, Dottore di ricerca dell’Università La Sapienza, illustrando la situazione nei Balcani facendo luce, in particolar modo, sulla realtà multietnica e multiculturale della Bosnia Erzegovina.

Internally Displaced People in Azerbaigian e protezione dei diritti umani - Geopolitica.info
Il Dottor Becherelli ricorda che quasi metà dell’intera popolazione della Bosnia Erzegovina fu costretta a lasciare la propria città d’origine a causa del conflitto contro la Serbia avvenuto tra il 1991 e il 1995. Vi sono dei tratti in comune tra il caso della Bosnia Erzegovina e quello dell’Azerbaigian poiché si tratta in entrambi i casi di Paesi successori di due grandi potenze quali quello l’ex-Jugoslavia e l’Unione Sovietica, entrambi socialisti. Inoltre, in entrambi i Paesi sono stati commessi crimini di guerra e violazioni dei diritti umani, ma con la sola differenza che in Bosnia Erzegovina i criminali sono stati processati grazie all’istituzione di un tribunale apposito, mentre in Azerbaigian la giustizia fatica ancora a trovare il suo corso. Successivamente, Marat Kangarlinski, del Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian, ha tracciato le linee d’intervento per risolvere, o quanto meno arginare, il problema della situazione dei profughi interni sottolineando quanto la non-integrazione sia sinonimo di povertà ed esclusione a livello sociale, politico ed economico. “L’intervento deve essere promosso dal governo locale e finanziato dalla comunità internazionale al fine di garantire a tutti l’accesso ai bisogni primari, quali l’educazione, la sanità e dignitose condizioni di vita puntando successivamente al lavoro e all’integrazione totale degli IDPs con la popolazione locale”, commenta Kangarlinski.
L’ integrazione è sinonimo di miglioramento delle condizioni dei profughi interni, ma non risolve in toto il problema del ‘Great Return’, poiché tutto è temporaneo quando si è sfollati interni e l’unico sogno resta quello di far ritorno nella propria città o comunità d’origine. Infine, il dibattito si è concluso con l’intervento di Dag Sigurdson, Rappresentante dell’ACNUR in Azerbaigian, che ha sottolineato quanto nella transizione dallo stato di emergenza a quello di lunga durata, il problema dei profughi interni è diventato permanente. Sigurdson ha però concluso facendo notare che notevoli progressi sono stati fatti dal governo dell’Azerbaigian che insieme all’intervento sul campo dell’ACNUR si sono impegnati per diminuire la situazione di isolamento degli IDPs di circa il 52%.
L’ACNUR sostiene la popolazione di sfollati interni promuovendo incontri e dialoghi in zone urbane e rurali per raccogliere e risolvere i problemi che la popolazione affronta quotidianamente.
Importante è stato, inoltre, la presenza dell’Ambasciatore armeno al dibattito che sottolinea quanto il tema umanitario vada ben oltre questioni difficili da risolvere sul piano politico e diplomatico.

 

Ricordare Khojaly: dinamiche e problematiche della protezione dei diritti umani dai Balcani al Caucaso
Diversamente da quanto il sentito comune potrebbe suggerire, confrontarsi nella civilissima Europa sul tema delle grandi violazioni dei diritti umani non significa forzosamente rapportarsi ad una problematica geograficamente, o quantomeno temporalmente, lontana dalla nostra realtà continentale. Al contrario, quella stessa Europa che già nel 1950 (n.d.r. sottoscrizione della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo) aveva fatto del rispetto della dignità umana uno dei pilastri della propria ricostruzione etica post-bellica è stata testimone nell’arco di appena tre anni di due tra le più cruente pagine della storia contemporanea: l’eccidio di Srebrenica del 1995 e il massacro di Khojaly del 1992.

Ricordare Khojaly: dinamiche e problematiche della protezione dei diritti umani dai Balcani al Caucaso - Geopolitica.info
Se tuttavia i tragici eventi della cittadina-martire della guerra bosniaca sono ad oggi ben presenti nelle coscienze e nell’immaginario collettivo dei più, la consapevolezza di quanto accaduto nel piccolo villaggio azerbaigiano di Khojaly nella notte tra il 25 e il 26 febbraio 1992 appare meno diffusa. Si comprendono così le ragioni che hanno animato “Violation of Human Rights in Warfare. The Khojaly Massacre: a Srebrenica in the Caucasus?”, convegno organizzato lunedì 4 Marzo dal Comitato Helsinki per i Diritti Umani con la partecipazione di Geopolitica.info presso gli ambienti della Camera di Commercio Roma, in piazza di Pietra.

La conferenza è stata un’occasione per un confronto tra accademici, operatori di organizzazioni umanitarie, nonché esperti in materia italiani e stranieri sul più tragico degli eventi della guerra armeno-azera per il controllo del Nagorno-Karabakh, regione etnicamente eterogenea storicamente ed internazionalmente riconosciuta come parte integrante dello Stato azerbaigiano.

Come a più riprese ricordato nel corso dei lavori da Azad Jafarli e Sergio Marchisio, la brutalità, le dimensioni numeriche e gli intenti degli esecutori materiali del massacro si configurano come inequivocabili esempi di violazioni sistematiche dei diritti umani della popolazione civile e dei principi di diritto umanitario – jus in bello – stabiliti dal diritto ginevrino. Al pari di Srebrenica, Khojaly è stata dunque la triste protagonista degli unici crimini contro l’umanità su larga scala finora perpetrati sul suolo europeo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Ad una simile analogia si accompagna però la constatazione del mancato avvio di qualsivoglia procedura penale internazionale contro i responsabili di una pulizia etnica costata la vita a non meno di seicento tra uomini, donne e bambini residenti nel piccolo centro abitato del Caucaso meridionale, “una circostanza che distingue nettamente l’episodio da quanto avvenuto nei conflitti balcanici” secondo Aaron Rhodes, principal investigator presso l’ONG Freedom Rights Project. Tale sostanziale differenza è stata avvertita dai relatori del convegno come un segnale delle difficoltà con cui lo strumento giuridico e la comunità internazionale rispondono alle atrocità commesse da eserciti e truppe irregolari in contesti di guerra.

I fatti di Khojaly non sono di fatti oggetto di investigazioni presso la Corte Penale Internazionale dell’Aia, il cui statuto, è giusto ricordare, non è stato al momento ratificato dalle autorità statali coinvolte nelle vertenza. Allo stesso modo non si registra al momento alcun tentativo concreto da parte delle Nazioni Unite di supplire al vuoto giurisdizionale attraverso la creazione di tribunali ad hoc sul modello degli organi istituiti in Ruanda (Tribunale Penale Internazionale per il Ruanda), Cambogia (Tribunale Speciale della Cambogia), Sierra Leone (Corte Speciale per la Sierra Leone), Libano (Tribunale Speciale per il Libano) e negli Stati successori della Jugoslavia federale (Tribunale Penale Internazionale per la ex-Jugoslavia).

Si tratta, a ragion veduta, di una mancanza imputabile a diversi fattori concorrenti tra i quali un ruolo indiscutibilmente preminente è rivestito dallo stallo nei negoziati tra Yerevan e Baku circa la status di una regione, il Nagorno Karabakh, tutt’ora sottoposta a regime d’occupazione de facto da parte delle forze armate armene. Non meno, gravi impedimenti all’inizio delle azioni legali sono rappresentati dalle falle di un sistema di perseguimento dei crimini penali internazionali ancora incapace di proiettare la sua giurisdizione su un piano compiutamente globale e, nello specifico, dall’assenza di un’adeguata conoscenza dell’eccidio del 1992 al di là dei confini del Caucaso.

In ultima analisi se come ricordato dal Prorettore alla Cooperazione e alle Relazioni Internazionali de La Sapienza Antonello Folco Biagini “la strada per la cristallizzazione di un’incontrovertibile disciplina politica e giuridica sulla protezione dei diritti umani ci appare ancora lunga”, appuntamenti come quello ospitato oggi a Roma possono quantomeno contribuire ad accrescere la sensibilizzazione nazionale ed internazionale su tema di eminente importanza e sui tragici eventi incorsi alle porte della nostra Europa poco più di venti anni fa.

Al seguente link potrete visualizzare il servizio sul seminario ” Violation of Human Rights in Warfare. The Khojaly Massacre – A Srebrenica in the Caucasus?” uniroma.tv/
Le elezioni parlamentari in Georgia del 1° Ottobre
La Georgia si trova tra la catena montuosa del Caucaso, la Turchia e l’Iran, collocazione che la rende strategicamente molto importante per gli equilibri internazionali, nonché come Paese di transito per i rifornimenti energetici provenienti dal Mar Caspio, diretti principalmente verso l’Europa e gli Stati Uniti.

Le elezioni parlamentari in Georgia del 1°  Ottobre - Geopolitica.info
Dal punto di vista storico il Paese appartiene al mondo cristiano fin dal terzo secolo dopo Cristo, sebbene i suoi contatti con il mondo europeo siano stati interrotti per volontà turca a partire dalla conquista di Costantinopoli nel 1453, con la chiusura di ogni via di accesso al Mar Nero. La conquista russa della Georgia dell’inizio del XIX secolo rimise però in moto l’interrotto processo di europeizzazione culturale del Paese caucasico, sebbene essa portasse con sé anche gli inconfondibili tratti dell’autoritarismo zarista. Di ciò i georgiani si sarebbero sempre lamentati, sebbene molti ammettano che la conquista del paese da parte della Russia abbia comunque preservato il paese dall’islamizzazione forzata ed abbia consentito alla Georgia di ripristinare i contatti culturali con l’Europa.

Sulla base di queste vicende storiche la Georgia, sulla spintala della sua elite governativa, aspira oggi, ad avvicinarsi ed a integrarsi con l’Occidente, ambendo all’ingresso nell’Unione europea e all’adesione alla NATO. Deve ancora consolidarsi, in Georgia, la cultura politica incentrata sul rispetto del principio di legalità e delle procedure amministrative formali, ma al suo posto esiste invece una cultura basata sul decisionismo, sul forte personalismo e sulle relazioni personali, come manca anche la tutela dei diritti delle minoranze presenti sul territorio nazionale, fatto che ha contribuito a scatenare nel 2008 il conflitto armato nelle due repubbliche secessioniste di Abkhazia ed Ossezia del sud. Le recenti elezioni parlamentari del 1° ottobre in Georgia hanno evidenziato alcuni elementi politici:

1) il periodo elettorale ha mostrato l’urgente necessità di una riorganizzazione dello Stato in base a principi democratici, come evidenziato recentemente dallo scandalo legato alle torture effettuate sui detenuti nelle carceri georgiane che ha portato ad un vivace movimento di protesta nelle strade della capitale georgiana, Tblisi. Ciò ha messo bene in luce come il rafforzamento della legalità, sebbene visibile rispetto al passato, non sia stato però contemporaneamente accompagnato dal più elementare rispetto delle regole democratiche;

2) il buon risultato elettorale dell’opposizione guidata dal miliardario Bidzina Ivanishvili potrà sensibilmente incidere sui rapporti con l’Unione Europea e gli Stati Uniti. Le relazioni politiche della Georgia con gli Stati Uniti e con l’Unione Europea sono state tuttavia finora basate su una percezione erronea- da parte di entrambi- sia dal punto di vista culturale che geopolitico. Fin dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991, la Georgia e l’Occidente hanno cercato di trovare un linguaggio comune per la gestione dei comuni interessi. Nelle aree relative all’aiuto umanitario ed a quello finanziario lo sforzo è stato generalmente coronato da successo. Altre aree di collaborazione politica hanno però evidenziato maggiori problemi.

Uno dei primi problemi che si sono posti in un recente passato è stato il desiderio dei funzionari georgiani di ottenere benefici rapidi o immediati derivanti dagli aiuti occidentali, mentre questi ultimi preferiscono puntare su programmi di sviluppo di medio e lungo termine che prevedano in primis una razionalizzazione ed una democratizzazione dell’amministrazione statale. L’Occidente, esaltando apertamente la notevole importanza strategica della Georgia ha, seppure involontariamente, creato eccessive aspettative di un rapido miglioramento del livello di vita in vasti strati della popolazione del Paese caucasico.
Gli Stati Uniti, infatti, non sono intenzionati a investire ulteriormente se il governo georgiano non sarà capace di mettere mano ad una sostanziale riforma del quadro legale del Paese, mentre l’Unione Europea persegue la stabilità regionale attraverso la graduale risoluzione dei conflitti- in primis quelli in Ossezia del sud ed in Abkhazia – e la progressiva riforma e democratizzazione dello Stato georgiano, il cosiddetto processo di State building (riforma del sistema giudiziario, riforma della tassazione, delle leggi che regolano l’economia, riforma della pubblica amministrazione e del diritto costituzionale).

Lo spostamento degli equilibri politici interni al Paese in queste elezioni e soprattutto nelle elezioni del 2013 chiuderanno quindi una importante fase politica rappresentata dalla presidenza di Mikheil Saakhasvili- che ha indubbiamente operato a favore del rafforzamento dello Stato, ma non è riuscito ad aumentare il livello di vita della popolazione che vive nelle aree rurali del Paese, fatto questo che in una qualche misura contribuito alla sua sconfitta elettorale – e potranno forse cambiare sensibilmente in futuro i rapporti politici tra la Georgia e la comunità internazionale nel suo complesso, soprattutto nei confronti della Russia che appare, nuovamente, un interlocutore privilegiato di Tblisi. Sarà proprio quest’ultimo elemento a determinare gli orientamenti politici del paese caucasico, nel difficile tentativo di conciliare obiettivi apparentemente inconciliabili quali il rafforzamento ed il miglioramento delle relazioni con la Russia e la graduale adesione alle strutture euroatlantiche.

 

Darfur: la soluzione è sempre più lontana

Dopo quattro anni di scontri nella regione del Darfur, nell’estate 2007 è stata autorizzata la missione ibrida ONU/ Unione Africana UNAMID. La situazione in Sudan è rimasta però critica, e la popolazione è ancora vittima di attacchi, fame, rapimenti, spesso costretta ad abbandonare le proprie case. Il 4 marzo 2009 la Corte Internazionale di Giustizia ha emanato una mandato di cattura per il presidente sudanese Omar al-Bashir. Purtroppo questo ha aggravato ulteriormente la situazione nel paese e per nulla limitato il controllo locale delle truppe filo-governative.

Darfur: la soluzione è sempre più lontana - Geopolitica.info

Il segretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari John Holmes, in visita nel Darfur durante la seconda settimana di maggio, ha dichiarato che i problemi, causati dall’espulsione di molte delle organizzazioni internazionali presenti sul territorio dagli inizi di Marzo, si stanno risolvendo e una catastrofe peggiore può essere scongiurata. Le reazioni di molti, di fronte a questo ottimismo, restano però scettiche: esistono così tante variabili e dubbi che nulla sembra poter essere certo. Inoltre, garantire che la crisi non si aggraverà maggiormente è comunque poco incoraggiante. Nessuno sarebbe soddisfatto di un mero ritorno allo status quo del periodo precedente l’emanazione dell’ordine di cattura.

Dal 2003 imperversa lo scontro tra le truppe governative sudanesi, fiancheggiate dai Janjaweed, milizia composta da arabi del Darfur, e vari gruppi ribelli, tra cui l’Armata di Liberazione Sudanese (ALS) ed il Movimento di Giustizia ed Uguaglianza (MGU). Le sue cause sono principalmente legate ai cambiamenti climatici e socio-economici ed alle riforme politiche che hanno interessato il paese a partire dagli anni ‘80. Il susseguirsi di carestie, la desertificazione e la sovrappopolazione portano i pastori nomadi Baggara a spostarsi più a sud alla ricerca di acqua, invadendo così i territori occupati dagli agricoltori africani. Nel 1983, inoltre, la legge islamica viene applicata in tutto il paese, e sei anni dopo un colpo di stato porta al potere Omar al-Bashir, appoggiato dal Fronte Islamico Nazionale. I vari gruppi ribelli, che in breve tempo si rafforzano, sono alimentati da motivazioni diverse, di carattere religioso, politico, tribale. La guerra civile divampa nella regione, mietendo vittime su tutti i fronti, specialmente tra i civili.

Nell’aprile 2004 l’Unione Africana decide di intervenire con la Missione in Sudan dell’Unione Africana (AMIS). La missione, che conta meno di 8.000 uomini, ha un ruolo principalmente di controllo ed osservazione. Nel frattempo, all’interno della comunità internazionale, le valutazioni riguardo la situazione in Sudan appaiono discordanti. Le Nazioni Unite, all’inizio del 2004, riconoscono che si stiano svolgendo atrocità nella regione del Darfur, massacri di massa e rapimenti, ma rifiutano la definizione di genocidio. Di conseguenza, le maggiori potenze mondiali, le più grandi organizzazioni internazionali, gruppi e fazioni di ogni sorta si dividono tra essere a favore o contro la posizione ufficiale dell’ONU. La Corte Internazionale di Giustizia apre un processo di attestazione di colpe, senza però raggiungere risultati concreti nell’immediato. Solamente nel luglio 2007 il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite approva la risoluzione 1769, che decide la creazione della Missione Ibrida ONU/Unione Africana in Darfur (UNAMID) . 26.000 uomini, tra militari, forze di polizia e componenti civili, dovevano essere inviati in supporto alle forze UA già in campo da tre anni. Inoltre si prevedeva un budget di 1,7 milioni di dollari all’anno. UNAMID sarebbe dovuta diventare la più grande operazione di peacekeeping mai attuata dalle Nazioni Unite.

A due anni dall’inizio della missione ibrida ONU/Unione Africana è facile dare giudizi negativi sul suo esito. Fino ad ora non più di 10.000 militari risultano impiegati sul campo, meno della metà previsti inizialmente. Sin dai primi momenti si è riscontrata una carenza di elicotteri, equipaggiamento di sicurezza e per la comunicazione. Anche le più semplici attrezzature, come le batterie per le torce, a volte vengono a mancare. La popolazione locale è la prima ad aver perso fiducia nell’efficacia delle truppe ONU, che a volte diventano vittime anche del risentimento dei civili. I caschi blu si trovano coinvolti negli scontri di forze governative contro ribelli, di ribelli contro ribelli, di arabi contro africani, di africani contro africani, di banditi contro civili, dei janjaweed contro i ribelli. E sempre più spesso i militari delle Nazioni Unite risultano incapaci di gestire la situazione e difendere anche se stessi. L’unica nota positiva è stato il mandato di cattura, deciso il 4 Marzo 2009 dalla Corte Internazionale di Giustizia, per Omar al-Bashir. Il presidente è accusato di crimini contro l’umanità, attacchi intenzionali contro civili, e genocidio. Il governo sudanese non ha però riconosciuto l’accusa, definita di stampo coloniale, e ha deciso l’espulsione dalla regione del Darfur di molte organizzazioni internazionali, tra le quali Medici senza Frontiere e Oxfam. Gli attacchi contro gli operatori umanitari ONU/UA sono almeno raddoppiati tra il 2008 ed il 2009. In effetti, parte dell’opinione pubblica mondiale e degli esperti si sono da subito schierati contro la condanna di Bashir, proprio perché ritenevano che non facilitasse la risoluzione del conflitto ma anzi mettesse ancor più a rischio civili ed organizzazioni impegnate nella regione.

Il peacekeeping non potrà mai essere una scienza esatta. Per questo ai più risulta difficile credere nell’ottimismo delle Nazioni Unite sulla riuscita ed il successo futuro di UNAMID. Fino ad ora, a causa dell’atteggiamento internazionale, quella che doveva essere una missione pacificatrice a livello regionale è stata per lo più una pedina in balia del governo sudanese. Omar al-Bashir continua a controllare la situazione nel paese e attentati contro i caschi blu si susseguono senza sosta. Il 12 maggio il presidente sudanese, durante un intervista con la BBC, ha negato qualunque attacco delle truppe governative o filo-governative contro civili nella regione del Darfur o in qualsiasi altro luogo del paese.

Più di 300.000 persone sono morte in Darfur dal 2003 ad oggi, a causa degli scontri tra i ribelli e le milizie governative. Più di 2,7 milioni sono gli sfollati che hanno dovuto abbandonare le loro case, e sono ospitati nei campi di accoglienza. L’UNAMID sembra dimostrare la sua incapacità, con le forze assegnatele, di mantenere il controllo e la sicurezza nella regione. Bisogna ammettere che la missione ibrida è per ora l’unica forza in campo capace di agire in favore della popolazione civile. Ma sarebbe tempo di fermarsi a riflettere sul perché questa operazione stia riscontrando risultati sempre più negativi. Sicuramente sarà necessario prendere in considerazione radicali cambiamenti, se si vuole sperare in un miglioramento a breve termine.

  • Pagina 3 di 3
  • <
  • 1
  • 2
  • 3