Archivio Tag: China

Chinese revisionism toward the East-Asia’s maritime security order

The U.S. National Security Strategy 2017 asserts that China and Russia are revisionist powers attempting to challenge the international order built by the United States and the West since the end of World War II, culminating with the collapse of the Soviet Union. This Chinese revisionism would aim to shape a world antithetical to U.S. values and interests. The Summary of the U.S. National Defense Strategy, specifically, stating that Beijing is seeking “Indo-Pacific regional hegemony” to reorder the region, displacing the U.S. and its allies.

Chinese revisionism toward the East-Asia’s maritime security order - Geopolitica.info

Beijing is struggling to modify the East-Asian security order to suit to its interests. It is an inevitable policy in China to keep potentially adversarial forces as far from its borders as possible. To this end, Beijing’s revisionism folds two major dimensions: strictly military, the first, and political-military, the other.

To the first aspect, China’s national security objectives and priorities are deeply influenced by the region’s geopolitical context, where Beijing tackles a high number of historical rivals (e.g. Japan, Vietnam, Taiwan), faces an adverse geographical environment made of several island chains and choke-points limiting its power projection and trade, while meeting a strong U.S. military presence in the Indo-Pacific.

These factors have long molded Chinese national security strategies, but today are a crucial concern for Secretary Xi Jinping attempting to attain the goal of “National Rejuvenation” and realizing the “Chinese Dream” for a “New Era,”as Xi put it in the last years and during the 19th Party Congress opening speech. The South China Sea (SCS) seems the heaviest burden on Chinese policies and Beijing aims to a full control and exploitation, making it today the “most contested maritime space in the world” as noted by Morton. Indeed, five nations have territorial claims on the SCS (China, Malaysia, Philippines, Taiwan, Vietnam) and the United States demand a free and full viability through it for their trade and Sea Lines of Communication.

The SCS, “a core national interest,” carries great significance for China for two primary reasons. One, according to different estimates between 21-36 % of the global trade and over 64 percent of China’s maritime commerce transit through the SCS . Not without reason, Hu Jintao acknowledged a “Malacca Dilemma”, referring to Beijing’s over-reliance on the strait preceding the SCS, in Chinese policies back in 2003. Two, the SCS is relevant for defense and national security. When the USS Lassen broke into the Spratly Islands in 2015, Foreign Ministry Spokesperson Lu Kang claimed that Washington was threatening China’s national security interests and sovereignty and the mantra has been repeated in many other occasions, including Chinese President Xi Jinping officially protesting it to Obama. Indeed, letting a foreign country be able to forward its power straight into China’s closest sea, would be a fatal risk if the political and strategic environment surrounding Beijing will become more hostile and harsher. That would enable a rival, even a small, short-range one, free to threaten Chinese center of gravity, hitting it with a strike or to bottling up its harbors. Against the United States, China is pursuing cost-imposing strategies (“active defense” according to Chinese sources) to make the U.S. presence in the SCS and the East China Sea economically unbearable and an American military success in the area increasingly unlikely.

In the political-military dimension, China aims to achieve a more beneficial security architecture for East Asia. Therefore, Beijing periodically spoke against the U.S.-centred alliance system in Asia that commits Washington to provide military aid and support to many countries (e.g. Japan, ROC, Philippines, Australia) in the region, showing a “increased level of frustration”. In China’s perception, indeed, the current hub-and-spoke system could turn a local and limited controversy into a wider and international contention. Thus, Beijing often supported an indigenous security architecture, a New Security Concept (NSC) as proposed in 1997 and a New Asian Security Concept (NASC) as in 2014, i.e. an Asia-centred mechanism for security disputes settlement that would establish a regional balance where “no country attempt to dominate regional security affairs or infringe upon the legitimate rights and interests of other countries” that would replace the U.S. “Cold War and zero-sum” security order. Actually, no major actions followed Xi Jinping’s 2014 NASC proposal.

How the current U.S. administration will manage China’s regional revisionism will influence East-Asia’s stability and prosperity. So far, President Trump authorized six Freedom of Navigation Operations in the South China Sea (Obama demanded an equal amount of them in eight years) displaying a more resolute and assertive stance toward China and no signs of improvement in the U.S.-China strategic relationship appeared yet.

Taiwan Soft Power: Scholarships and Fellowships

Academic exchanges represent effective tools for the soft power strategies of a Country. This is true for countries with an important role in the international community, but even more important for those with less political and international weight. This is why Taiwan represents an interesting case about how a country can shape is future through the means of soft power and, more specifically, through the means of international fellowships and scholarships.

Taiwan Soft Power: Scholarships and Fellowships - Geopolitica.info

International fellowships contribute huge benefits to the sponsoring country. Scholars are an important source of talent, skill, and diverse perspectives, that can boost the visibility and echo other scholars over different issues, bridge academic networks focused on different fields, and promote – sometimes even lead – the direction of the public debate. This is why scholarships represent nowadays effective tools in promoting and enhancing a country’s soft power.

In this regard, Taiwan, to foster its image in the world – while challenged by the increasing pressure of the Chinese regime -, has set up some scholarships and fellowship to promote its academic exchanges. In 2004, the Executive Yuan announced the “Taiwan Scholarship and Huayu Enrichment Scholarship Program”, a joint project of the Ministry of Education, Ministry of Foreign Affairs and Ministry of Science and Technology, concerned with the areas of education, diplomacy, economics and academic innovation.

One of the goals of the Huayu Enrichment Scholarship are to bring to Taiwan foreign students who are interested in the Mandarin language, to promote Mandarin and traditional Chinese writing, and to increase foreign students’ understanding of the culture and historical development of Taiwan. Another one is the belief that cultivating young talents from abroad will establish a long-term cooperative relationship between Taiwan and other countries, promoting economic, commercial, educational and cultural exchanges, and improving Taiwan’s global competitiveness and international visibility.

Furthermore, Taiwan, in order to foster its image in the world under the huge pressure from China, established in 2010 the Ministry of Foreign Affairs (MOFA) Taiwan Fellowship, awarding foreign experts and scholars interested in researches related to Taiwan, cross-strait relations, Asia-Pacific region and Sinology in order to conduct advanced research at universities or academic institutions in Taiwan. Since 2010, there have been 934 scholars from 78 countries being accepted by this program. MOFA Taiwan Fellowship, echoing the APEC Scholarship Initiative, provides 12 Chinese Taipei APEC Fellowship openings per year exclusively for scholars and experts from developing APEC economies.

The importance of Taiwan case is based on the fact that, although promoting a country specific goals in the international system, soft power can be a tool able to produce positive externalities that affect the sponsoring country as well as the others involved in the process.

Moreover it has to be considered that the trend of globalization has affected higher education all around the world. International exchanges and cooperation are needed in all facets of higher education, including educational theory and pedagogy, resources, innovation and cultivation of talent. Allowing young students from all over the world to understand and have exchanges with other cultures is an important step in allowing young scholars to face multifaceted global reality. Exchanges among distinguished young people around the world will open up the eyes of young exchange students to new cultures. The countries which receive or admit these exchange students will also be stimulated and revitalized by them; their educational environments will become more diverse, holistic, and universal in their outlook. Therefore, the countries participating in exchange programs can often benefit from a win-win cooperative relationship.

L’Asia-Pacifico tra aggressività cinese e acquiescenza globale

Mentre l’attenzione del mondo era concentrata su Singapore per l’incontro tra il Presidente Trump e il dittatore nordcoreano Kim, un avvenimento, apparentemente minore, ribadiva l’impegno e la determinazione degli Stati Uniti a rimanere protagonisti e garanti dello status-quo nell’area Asia- Pacifico, e a non abdicare al proprio ruolo politico-economico-militare lasciando il passo alla egemonia cinese, con tutte le epocali conseguenze che ciò comporterebbe.

L’Asia-Pacifico tra aggressività cinese e acquiescenza globale - Geopolitica.info

L’evento in questione è stata la solenne inaugurazione a Taipei della nuova sede della rappresentanza USA a Taiwan, dal 1979 denominata “American Institute”. Un imponente e modernissimo edificio di oltre 14.000 mq nel quale lavoreranno 500 funzionari di tutte le istituzioni governative statunitensi.

E le parole pronunciate durante la cerimonia, alla presenza della Presidente Tsai, da parte USA con l’Assistant Secretary of State Marie Royce, il Rappresentante a Taiwan Kin Moy e i parlamentari giunti da Washington, hanno confermato gli impegni americani nei confronti della libera e democratica Taiwan, alla quale – nel tracciato bipartisan seguito da tutte le Amministrazioni succedutesi dal 1979 (quando Carter riconobbe la RPC) con il sostegno costante e unanime del Congresso – gli Stati Uniti garantiscono adeguate forniture militari per mantenere alta quella deterrenza indispensabile a scongiurare che le continue minacce cinesi passino dal campo della verbosità provocatoria alla scellerata aggressione, con le immaginabili tragiche conseguenze.

Il 2 giugno le stesse chiare conferme, allo stesso tempo in funzione di rassicurazione per tutti (e di mònito al regime sino-comunista), erano arrivate dal Segretario alla Difesa, Jim Mattis, nel suo discorso al Seminario sulla sicurezza strategica in Asia svoltosi a Singapore.

Queste affermazioni, reiterate con sempre maggiore frequenza da parte USA, sono evidentemente da mettere in relazione con la crescente aggressività cinese nel Pacifico, politica e militare, rivolta, con provocazioni di ogni tipo, non solo verso Taiwan – con l’effetto di far crescere, come mai prima, il sentimento anticinese nella popolazione taiwanese – ma anche verso le altre nazioni dell’area, tutte preoccupate e allarmate, dal Giappone ai piccoli stati insulari, questi ultimi oggetto di una colonizzazione attuata con prestiti finanziari che si sono sempre trasformati in cappi al collo, dai quali questi stati non sono più riusciti a liberarsi.

Accanto a queste comprensibili ipersensibilità dei paesi dell’Asia-Pacifico vi è, da parte occidentale ed europea, la percezione delle azioni internazionali cinesi come una sfida permanente di carattere economico. Sono di queste ore le notizie sui dazi imposti dagli Stati Uniti dopo mesi di polemiche sulle accuse di furti di proprietà intellettuale perpetrati contro aziende statunitensi presenti sul mercato cinese. Oppure, si pensi al cosiddetto “dumping”, ossia alla pressione esercitata dalle esportazioni cinesi basate, secondo i critici, su una produzione a basso costo in grado di danneggiare altre economie, come quelle europee.

L’aspetto che sembra mancare nel dibattito occidentale è la consapevolezza del fatto che la spregiudicatezza di Pechino – attuata con le modalità tipiche dei regimi comunisti – non si è mai fermata all’ambito economico, ma si è sviluppata seguendo varie direttrici, a mano a mano che il peso della Cina cresceva sulla scena mondiale. Infatti, tralasciando gli aspetti prettamente commerciali ed economici, si potrebbero citare vari settori o ambiti sui quali si sono concentrate le attività oltreconfine del regime di Pechino, tra le quali spiccano la cultura o l’università.

Si prenda ad esempio la vicenda esplosa nel 2017, quando centinaia di pubblicazioni della Università di Cambridge (testi dedicati ai drammatici eventi della storia cinese contemporanea, come le carestie degli anni ’50/‘60 in Cina e la cosiddetta “Rivoluzione Culturale”, che hanno causato decine di milioni di morti e tremende sofferenze umane, o i vari conflitti susseguitisi negli anni sui confini cinesi) furono rimosse dalla casa editrice gestita dall’Università inglese, in seguito a una perentoria pretesa del regime di Pechino. Fu un evento che si risolse, a seguito di veementi polemiche nel mondo accademico, con la retromarcia dell’Università di Cambridge, e la ri-pubblicazione degli articoli rimossi dal database della casa editrice; ciò nondimeno, fu un chiaro e inquietante segnale di quanto la Cina intendesse (e intenda) far pagare la sua crescente influenza internazionale.

Tuttavia, per avere il polso di quale sia la spregiudicatezza di Pechino nei rapporti internazionali non bisogna andare molto lontani dai confini cinesi. Si potrebbero citare le innumerevoli dispute nel Mar Cinese Meridionale, tra cui quella relativa alle isole Spratly dove nel 2015, a seguito di rivendicazioni avanzate da più parti per decenni, e svariate violazioni degli accordi tra i principali paesi coinvolti, il regime cinese decise di installare una base militare in uno degli atolli delle Spratly, dando inizio a esercitazioni e attività di varia “natura” che hanno, ovviamente, determinato proteste da parte di paesi vicini e lontani, tra i quali gli Stati Uniti, che temono il ripetersi su altre isole di queste occupazioni militari.

Anche in questo discorso, però, il miglior termometro dell’imperialismo della Repubblica popolare cinese consiste, ancora una volta, nell’isola di Taiwan. Al di là delle innumerevoli azioni discriminatorie perpetrate da Pechino nei confronti di Taipei sul piano internazionale negli ultimi due anni, sulle quali questa rubrica ha dato puntuale conto, sono molteplici e sempre più frequenti, nel 2018, le azioni ostili cinesi contro Taiwan colpevole di non avere alcuna intenzione di suicidarsi nella unificazione con il Continente, unificazione respinta dalla volontà democraticamente espressa del popolo taiwanese che ben comprensibilmente rifiuta lo scenario di passare dall’essere cittadini di una società dove tutte le libertà, personali e pubbliche, sono pienamente affermate e rispettate, a proprietà di un regime comunista.

Nel gennaio scorso, ad esempio, il governo cinese aveva bloccato l’accesso al sito web della società alberghiera americana Marriott International, colpevole di riferirsi a Taiwan come paese. Oltretutto, tra gennaio ed aprile, l’amministrazione dell’aviazione civile cinese aveva preteso che 36 compagnie aeree internazionali, tra cui l’Alitalia, cessassero di indicare singolarmente Taiwan, minacciando misure legali punitive e procedimenti amministrativi contro queste compagnie, nel caso in cui non avessero obbedito alle loro pretese.

Richieste che, a parte l’aspetto grottesco, sono al di fuori di qualsiasi quadro legale di riferimento, dato che nell’ordinamento statunitense (come nella stragrande maggioranza degli ordinamenti occidentali) Taiwan e Cina sono sempre state considerate entità sovrane distinte, regolate da diversi accordi, atti legislativi e sentenze. Per cui, le compagnie aeree minacciate da Pechino non solo avevano (e hanno) il pieno diritto di inserire tra le proprie destinazioni Taiwan (senza alcun riferimento alla RPC), ma le pressioni cinesi avevano come obiettivo anche quello di spingere le compagnie prese di mira a violare apertamente le leggi e gli ordinamenti dei propri paesi.

Mosse che non sono passate inosservate ai governi interessati, a partire dalla Casa Bianca, che ha descritto le azioni della Cina come “assurdità orwelliane“, sottolineando insieme ad altri governi, come quello australiano, che verrà opposta resistenza a queste inaudite pressioni cinesi, che le imprese private non dovrebbero prendere in considerazione.

Queste vicende, come altre, potrebbero essere flebili segnali di un’inversione di tendenza della comunità internazionale nei confronti di modalità tanto spregiudicate quanto inaccettabili della politica estera cinese. Per quanto il regime dell’eterno Xi Jinping stia tentando di proporsi come nuovo campione della globalizzazione, si fanno sempre più esplicite le pesanti contropartite che la Cina vorrebbe ottenere in cambio del suo crescente ruolo strategico. E in questa partita il nodo di Taiwan rimane centrale, sia per gli equilibri del quadrante Asia-Pacifico sia per le prospettive di espansione (economica, territoriale e culturale) della Cina comunista.

Tuttavia, quel che lascia interdetti è l’atteggiamento remissivo e ancillare di molti altri paesi che, di fronte alle qui descritte attività cinesi, in giro per il mondo e nella propria area di riferimento geo-strategico, non sono ancora riusciti a sviluppare forme valide di contrasto e di sostegno alle realtà più vessate e minacciate dal bullismo cinese, a partire da Taiwan.

Nessuno nega che un certo grado di pragmatismo e ipocrisia siano necessari nel gestire i rapporti internazionali, in particolare con un gigante come la Cina comunista. Ma tra il pragmatismo e il servilismo, tra il dialogo e l’acquiescenza, tra la diplomazia e il mutismo, esistono differenze sostanziali che la comunità internazionale, e l’Occidente in particolare, dovrebbero tenere bene a mente. Nella storia, piegarsi di fronte a dittatori e satrapi non è mai stato foriero di buone cose per paesi e popoli di ogni tempo e continente.

Evoluzione della politica estera cinese

L’attuale politica estera della Repubblica Popolare Cinese è il frutto di un percorso evolutivo relativamente lungo. Dal 1949 ad oggi, essa è venuta strutturandosi sulla base di elementi di rottura e di continuità che meritano di essere considerati attraverso una breve analisi storica.

Evoluzione della politica estera cinese - Geopolitica.info

EPOCA MAOISTA (1949-76)

L’epoca maoista copre un arco temporale di quasi trent’anni. In questo periodo, un evento su tutti segna la politica estera cinese: la rottura, nel 1960, dei rapporti politici tra Mosca e Pechino. Assumendo quest’evento come spartiacque, si può dire che, dalla fondazione della Repubblica Popolare Cinese (RPC) fino alla morte di Mao Zedong, l’élite politica cinese abbia elaborato, in materia di politica estera, due differenti dottrine.

Nella fase pre-1960, le relazioni internazionali della RPC sono informate dall’ideologia politica. A prevalere è la visione manichea di un mondo diviso in socialisti e imperialisti, che, non ammettendo soluzioni intermedie, impone risolutezza nella scelta degli alleati. Esempio di ciò può essere l’affermazione di Mao Zedong secondo cui «bisogna pendere dalla parte dell’imperialismo o del socialismo: stare in mezzo è impossibile, una terza via non esiste» (Samarani, 2008). Alla RPC, dunque, non resta che schierarsi con il campo delle forze ritenute «democratiche e amanti della pace guidato dall’URSS» (Zhou, 1989) e impegnarsi, più o meno direttamente, nel contrasto agli imperialisti, come testimoniato dalle vicende della guerra di Corea (1950-53) o dalla marcata retorica antiamericana che emerge in diversi discorsi di Mao e degli altri dirigenti cinesi.

Nella fase post-1960, l’ideologia orienta ancora le relazioni internazionali cinesi, anzi è per essa che si determina la rottura con l’URSS, la quale, promuovendo un rapporto meno teso con gli USA, finisce per essere tacciata di revisionismo. Rimasta priva di ogni significativo sostegno esterno, la RPC prova ad accreditarsi come unica propugnatrice di un ordine mondiale davvero giusto, adottando un registro politico da Paese non allineato. È il momento, tra le altre cose, della c.d. “Teoria dei tre mondi”, ovvero di una classificazione delle nazioni, in ragione delle loro pretese egemoniche. In quest’ottica, URSS e USA vengono inserite nel primo mondo, data la comune volontà di dominare il pianeta; la Cina, assieme ai Paesi ex-coloniali, si ritrova nel terzo mondo, avendo una disposizione d’animo opposta a quella delle superpotenze; gli altri Paesi sviluppati d’Occidente, invece, sono inclusi nel secondo mondo, dacché ondivaghi nel loro atteggiamento (Evans, 1995).

Concludendo, nel 1960, la RPC fuoriesce dalla logica dei blocchi e, seppur sostanzialmente isolata, pone le basi per una politica estera relativamente libera. Grazie a questa scelta, solo in parte volontaria, il 25 ottobre 1971, la RPC, soprattutto sostenuta dalle altre nazioni non allineate, prende il posto di Taiwan all’ONU, facendo oltretutto valere l’idea dell’esistenza di “un’unica Cina”.

RIFORME E APERTURA (1978-2012)

La morte di Mao Zedong (9 settembre 1976) rivoluziona la politica interna e internazionale della RPC. Infatti, dopo un breve periodo di torbidi (1976-78), la leadership della Cina comunista è assunta da una dirigenza che accantona il radicalismo ideologico, in favore dello sviluppo economico. Questa dirigenza, ormai al comando da circa 40 anni, è ben rappresentata dalla figura del proprio capostipite: Deng Xiaoping, che instrada la RPC su una linea politica rimasta essenzialmente inalterata per più di tre decadi.

Il pragmatismo, finalizzato alla prosperità economica, è il cardine di questa nuova epoca. Esso, sul piano domestico, si traduce nell’attuazione di necessarie riforme economiche, mentre, su quello internazionale, nell’apertura verso l’esterno e nella salvaguardia della pace.

L’apertura verso l’esterno è uno dei punti focali della c.d. “Teoria di Deng Xiaoping” (Zhang, 2010) e, dal 1997, dello Statuto del Partito Comunista Cinese (PCC); il suo fine è quello di assorbire capitale e conoscenza tecnico-scientifica d’avanguardia dal resto del mondo (Deng, 1995; Jiang, 2010), così da colmare il divario economico con i Paesi più sviluppati. Sulla scorta di ciò va letta, ad esempio, la normalizzazione dei rapporti diplomatici con gli USA (febbraio 1979) oppure l’istituzione progressiva (dal 1980), in territorio cinese, delle Zone Economiche Speciali, dove gli stranieri possono fare impresa, godendo di regimi fiscali favorevoli.

La salvaguardia della pace, invece, discende dal bisogno di evitare esborsi eccessivi per la difesa. Essa dipende, secondo la RPC, dall’osservanza, nelle relazioni internazionali, di cinque principi: 1) rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale, 2) non-aggressione, 3) assenza di interferenze negli affari interni, 4) eguaglianza e mutuo beneficio nei rapporti economici, e 5) coesistenza pacifica (Deng, 1994). La RPC, in più, si impegna a preservare la pace evitando alleanze vincolanti (principio della “politica estera indipendente”), promuovendo lo sfruttamento condiviso delle risorse dei territori contesi (principio dello “sviluppo congiunto”) e perseguendo una riunificazione territoriale che intende lasciar libera Taiwan, in futuro, di praticare un’economia capitalista di stampo occidentale (modello “un Paese, due sistemi”).

Riassumendo, la Cina post-maoista conserva e aumenta la libertà di manovra in politica estera, rifuggendo un’ideologia foriera di isolamento e arretratezza. Con ciò, la RPC riesce a trasformarsi in una potenza economica, capace, oltretutto, di guadagnarsi l’ingresso nel WTO (11 dicembre 2001).

SOGNO CINESE (2012-)

La linea pragmatica di Deng, adottata anche da Jiang Zemin e Hu Jintao, impone alla RPC di aprirsi rispetto al mondo, ma anche di mantenere un basso profilo politico internazionale, per crescere indisturbata. Questo precetto, riassunto dal motto «nascondere la forza, aspettare il momento», viene messo in discussione, a partire dal 2012, da Xi Jinping, attuale leader della RPC, e dalla sua politica incentrata sul «sogno del grande ringiovanimento della nazione cinese».

Il corso politico avviato da Xi, mirato a una decisiva rinascita della Cina, può essere descritto come l’intento di «costruire una società moderatamente prospera in ogni suo aspetto entro il centenario del PCC nel 2021; [e di] rendere la Cina un Paese socialista moderno, prospero, forte, democratico, culturalmente avanzato e armonioso entro il centenario della fondazione della RPC nel 2049» (Xi, 2016).

Il sogno cinese, come descritto sopra, non contempla ulteriormente l’idea di una Cina passiva sul piano internazionale; la rinascita della nazione cinese passa attraverso una politica estera più assertiva e proattiva. In altre parole, la RPC, in quanto “Paese prossimo allo sviluppo”, deve iniziare a farsi carico di certi doveri a livello globale, tra cui: l’edificazione di una civiltà ecologica, la difesa e lo sviluppo di un’economia mondiale aperta, la promozione e l’approfondimento della cooperazione win-win e delle relazioni multilaterali (Xi, 2016).

L’assunzione di simili responsabilità, però, implica il superamento di una certa soglia di rilevanza geopolitica, pena l’impossibilità d’incidere sulla comunità internazionale. Detto altrimenti, la RPC deve aumentare la propria visibilità, così da essere ascoltata con la dovuta attenzione dagli altri Paesi. Il crescente sostegno alle missioni di peace-keeping dell’ONU, il considerevole numero di viaggi all’estero di Xi, l’istituzione dell’Asian Infrastructure Investment Bank, il lancio della One Belt One Road Initiative sono tutte operazioni utili allo scopo.

In conclusione, la RPC, sotto Xi Jinping, prosegue nella politica estera impostata da Deng Xiaoping, ma con uno spirito nuovo. Nascondersi e attendere non sono più parole d’ordine, sostituite come sono da certi sogni di grandeur, che, per giunta, hanno trovato nelle recenti politiche isolazioniste americane un alleato insperato.

The opening of a new chapter in Xi’s era of power. Its causes and its possible consequences

The constitutional revision which removed the limit of two five-years term of Presidency in China marked the beginning of a new era for Xi’s rule.

The opening of a new chapter in Xi’s era of power. Its causes and its possible consequences - Geopolitica.info

At present, China’s internal political situation is evolving in counter-trend to the principles established in post-Mao era. Such an evolution should be analyzed while considering the peculiar situation China is currently living.

According to professor Kerry Brown, director of the Lau China Institute at King’s College in London, “Trump, Brexit, the rise of the extreme right and left again in polities throughout the democratic world…made domestic Chinese politics even more fixated on stability and on avoiding any kind of uncertainty and risk,” and “Xi is the symbolic figure at the center of this, the person whose leadership everything hangs on.”

Hence, the recent developments in the Western democracies may have provided the Chinese Communist Party with the reasons to seek further stability and continuity.

However unappealing it may sound, having a strong, long-serving leader may be a good thing for China; an assured policy continuity benefits its predictability and stability, leading to an increased earning of the political capital Xi needs to introduce urgent financial and social reforms. All this will boost up Chinese economy, confirming its role as a regional and world power.

But continuity and stability come at a price, and this is evident from the political strategy President Xi is following in order to ensure his grip on power; indeed, the construction of his authority has been a process which lasted for years and which followed two interconnected lines: the creation of a cult of personality and the undertaking of a series of actions and campaigns to practically concentrate the power in his hands.

Concerning the first mentioned aspect, the intensity of the cult of Xi’s personality can be compared just with that of Mao Zedong. State media continuously emphasize the role and actions of President Xi, and this resulted particularly evident during the last year’s Chinese Communist Party Congress, which some observers ironically described as a “one-man show”. This culminated with the inclusion of his name and ideas in the Party Constitution, an honor which has just lied with Mao Zedong so far.

On the other hand, President Xi’s power does not reside just in the ideological and moral domain; as I wrote before, he also took concrete actions to ensure his authority.

In the past five years, Xi introduced an anti-corruption campaign, which he used to marginalize his competitors.

Meanwhile, he started to centralize bureaucratic power in his hands, for example by introducing the National Supervision Commission, whose main aim is to control that officials effectively implement Communist Party’s directives; otherwise they will be guilty of “corruption by inaction”.

The consequences of this approach became evident last November and December; in that period, officials in Northern China banned the use of burned coal in enterprises and households in order to achieve Xi’s pollution reduction targets.

This resulted in a doubling in natural gas prices, the failure of businesses, and millions of people who were left without adequate heating during winter.

The coal ban was finally removed, but its negative consequences could not be avoided.

In the while, some interesting questions concerning the future of China have started to emerge. Should Xi effectively succeed in becoming a lifelong leader, what will it be, after the end of his era of power?

While it might seem too early to think to life after Xi, China has already started imagining how it would be. When a great leader dies (as China has already experienced after Mao passed away), the power vacuum which results from this occurrence frequently leads to “a damaging power struggle upon the death of the supreme leader.” (Francis Fukuyama)

One of the more likely eventualities is that another authoritarian will succeed him. And should a truly dangerous dictator come to power, he would find no limits to its rule: no time constraints, weak institutional countermeasures, and a public not used to political mobilization…while ruling at the same time on the second global economy and on the most populous country of the world.

The only reasonable way for China contributing to a peaceful solution of the North Korean crisis

North Korea is a relatively small country (120,500 km2) with the same population of Shanghai (around 25 million), yet it is causing great alarm by bragging about its nuclear capability and its ability to launch long range ballistic missiles that can reach the United States.

The only reasonable way for China  contributing to a peaceful solution of the North Korean crisis - Geopolitica.info

It’s a threat that has been aired recurrently for many years without it being taken too seriously as it was believed that the North Korean regime was technologically unable to carry it out. This might have been true in the past whereas at present the threat appears to be real and has triggered an international crisis that could escalate out of control.

Washington has taken a hard-line warning Pyongyang that “all options are on the table” and sending to the Korean peninsula an aircraft carrier accompanied by a strike force of two destroyers and a cruiser.

China is being pressured by the US government to find a way to force North Korea to stop its provocative behaviour and give up its nuclear and missile program. The last thing Beijing needs in this juncture is to be pushed to align with the confrontational posture impulsively adopted bythe Trump administration—an option China can hardly consider since, on top of undermining its independent judgement and its policy of non-interference in the internal or external affairs of other countries, it would be likely to intensify the crisis.

Nonetheless China cannot afford looking the other way. If North Korea does not recede from threatening a nuclear attack against the United States, its own security and interests are at stake. Its only course of action is diplomacy however flimsy a diplomatic solution presently appears after the failure of Beijing’s attempts to send emissaries to Pyongyang over the past week.

But tactfulness and persuasiveness are distinctive traits of President Xi Jinping’s statesmanship which have transpired since he took over the reins of the Chinese government and started expanding China’s network of international relations throughout the world. The positive outcome of his recent face-to-face meeting with President Trump in Florida further confirmed his negotiating skills.

Western media analysts were unanimous in predicting an uptight summit on account of President Trump’s heated claims over China’s trade comparative advantage but President Xi was able to inject reason and goodwill in his counterpart’s bombastic temperament.

The task of subduing the bull-headed North Korean leader Kim Jong-un isa more complicated one and requires a comprehension of the motives behind it. As pointed out by an American political scientist who has been meeting with North Korean government officials for over two decades, Pyongyang has a longstanding and deeply ingrained view that Washington’s real agenda is to get rid of the North Korean regime because of the military threat it poses to American allies like South Korea and Japan and now to US itself.

It is necessary therefore that Washington restrains from taking military action and lets China assume an intermediary role with a mandate from the United Nations Security Council to seekto break the deadlock. The objective of course would be to bring about a resumption of negotiations between the two sides which would necessarily imply Pyongyang relinquishing its nuclear and missile program in exchange of the United States formally renouncing any hostile intentions toward North Korea. This is the only reasonable way for China contributing to a peaceful solution of the crisis.

Elenoire Laudieri Di Biase( Twitter account: @ElaudierLaudier ), sinologist from the Melbourne University, Australia, is an expert on international diplomacy and psychoanalysis. Senior analyst on China at the Nato Defense College Foundation.