Archivio Tag: Brexit

Who is who: Jeremy Hunt

Name: Jeremy Richard Streynsham Hunt
Nationality: British
Date of birth: 1 November 1966
Role: Secretary of State for Foreign and Commonwealth Affairs

Who is who: Jeremy Hunt - Geopolitica.info

Jeremy Hunt is a British Conservative Party politician serving as the Secretary of State for Foreign and Commonwealth Affairs since 9 July 2018 and Member of Parliament (MP) for South West Surrey since 2005.

Jeremy Hunt was born in Lambeth Hospital, Kennington, the eldest son of Admiral Sir Nicholas Hunt, who was then a Commander in the Royal Navy assigned to work for the Director of Naval Plans inside the recently created Ministry of Defence, by his wife Meriel Eve née Givan (now Lady Hunt), daughter of Major Henry Cooke Givan. Hunt is a descendant of Streynsham Master, a pioneer of the East India Company.

Mr Hunt studied Philosophy, Politics, and Economics at Magdalen College, Oxford, where he was President of the Oxford University Conservative Association. Hunt had a successful career as an entrepreneur before entering parliament in 2005.

After becoming Tory leader, David Cameron, a contemporary at Oxford, made Hunt the shadow disabilities minister. In a reshuffle in 2007, he was promoted to shadow culture secretary. When the Conservative-Liberal Democrat coalition entered government in 2010, Hunt joined the cabinet as secretary of state for culture, media and sport – a key role in the run-up to the London 2012 Olympics. As Culture Secretary, Hunt spearheaded the drive for local TV, resulting in Ofcom awarding local TV broadcasting licences to several cities and towns.

A controversial figure at times, Jeremy Hunt was appointed Secretary of State for Health and Social Care in 2012 and held the post for a record six years, facing controversy over the junior doctors’ strike and accusations of NHS cuts, and presiding over the “worst ever” winter for the NHS. Jeremy Hunt also rowed with physicist Professor Stephen Hawking during the final months of the scientist’s life over the future of the health service. On 3 June 2018, Hunt became the longest-serving Health Secretary in British political history.

On 9 July 2018 Mr Hunt was appointed Foreign Secretary following the resignation of Boris Johnson. “My principal job at a time of massive importance for our country is to stand four-square behind the Prime Minister so that we can get through an agreement with the European Union based on what was agreed by the Cabinet last week at Chequers,” Jeremy Hunt said just after the appointment.

“This is a time when the world is looking at us as a country, wondering what type of country we are going to be in a post-Brexit world. What I want to say to them is Britain is going to be a dependable ally, a country that stands up for the values that matter to the people of this country, and will be a strong confident voice in the world,” Mr Hunt added.

According to the British observers, with a Brexit deal on the table, the new foreign secretary is facing his biggest challenge yet.

Who is who: Dominic Raab

Name: Dominic Rennie Raab
Nationality: British
Date of birth: 25 February 1974
Role: Secretary of State for Exiting the European Union

Who is who: Dominic Raab - Geopolitica.info

Dominic Rennie Raab is a British Conservative Party politician who has been Secretary of State for Exiting the European Union since 9 July 2018.

The son of a Czech-born Jewish refugee who fled the Nazis in 1938, Dominic Raab was brought up in Buckinghamshire and took a law degree at Oxford University before switching to Cambridge for his Master’s. Rabb’s career before entering politics was stellar. After picking up degrees, he joined the multinational law firm Linklaters as a solicitor, then cut his negotiating teeth in the late 1990s working for one of the principal Palestinian negotiators of the Oslo peace accords. “He’s very courteous and will always listen to different sides of the argument,” a former colleague says.

In 2000, he joined the Foreign Office, where he covered a range of briefs including the European Union and bringing war criminals to trial in The Hague. It was here that he defended Tony Blair from subpoena by the former Yugoslav president Slobodan Milošević. He entered politics in 2006 as an aide first to David Davis – the man he is now replacing – and then Dominic Grieve, the Remain-backing Tory MP.

Raab was elected as Member of Parliament for Esher and Walton in 2010. He was appointed Parliamentary Under Secretary of State at the Ministry of Justice on 12 May 2015. In Theresa May’s first Cabinet reshuffle a year later, he returned to the backbenches.

Following the 2017 general election, Raab was appointed Minister of State for Courts and Justice. In January 2018, Theresa May re-shuffled the Cabinet and Raab moved to the Ministry for Housing, Communities and Local Government. On 9 July 2018, Raab was appointed Brexit secretary by Prime Minister Theresa May following David Davis’ resignation.

A staunch Brexiteer, who was calling for Britain’s exit from the EU long before the referendum, Mr Raab is said to be “relaxed” about a “no deal” Brexit scenario and last month called on the UK to display more “economic self-confidence” in talks with Brussels, urging Mrs May not to “cower in a corner” over Brexit.

Raab’s appointment as Brexit secretary may be less divisive than the alternatives. Febrile pro-Brexit MPs are sated, at least temporarily, by having one of their own running the show. “Dominic Raab is a good thing,” says one. “He’ll hold the prime minister to her promises.”

Psicosi da Brexit

La parola Brexit, che risuona ormai da tempo nello scenario europeo, si riferisce al noto referendum britannico indetto per chiedere al popolo di esprimersi sulla volontà di restare o meno nell’Unione Europea. Si è svolto il 23 giugno 2016 e si è concluso con la vittoria del fronte favorevole all’uscita (52%).

Psicosi da Brexit - Geopolitica.info

Per la messa in pratica dell’uscita occorre però tempo, come prevede l’Articolo 50 del Trattato UE. Theresa May con un emendamento alla Repeal Bill, la legge quadro sul divorzio dall’UE, ha fissato infatti la data dell’uscita per venerdì 29 marzo 2019.

Ma come è la situazione a due anni esatti dal referendum?

Al termine di numerosi e difficili round di negoziati tra la Gran Bretagna e l’UE, ed una serie di accordi che tracciano provvisoriamente la via futura, è il momento di fare un bilancio sull’impatto della Brexit per l’economia britannica. “È una guerra civile a malapena nascosta”, afferma il giornalista britannico Will Hutton, senza mezzi termini. Sull’economia si manifestano  più marcati gli schieramenti: il fronte pro-Ue sottolinea che l’economia del paese è passata da essere la più dinamica in Europa a essere all’ultimo posto del G-7. La crescita annuale del Pil, che era di 2,3% al 2015, è rallentata all’1,7% del 2017. Le incertezze hanno impedito all’economia di sfruttare il vento a favore della ripresa globale sincronizzata. I sostenitori della Brexit preferiscono invece rimarcare la capacità di resistenza che l’economia britannica ha dimostrato nel periodo di incertezza successivo al referendum. L’indebolimento della sterlina, ha certamente penalizzato i consumatori, ma ha rilanciato le esportazioni, aumentate del 6% lo scorso anno. La convinzione è che superata la fase di transazione, l’economia potrà tornare a spiegare le ali una volta liberatasi dai freni imposti dall’appartenenza all’Ue. Per quanto concerne il fronte della politica monetaria, la Gran Bretagna potrebbe allinearsi alla Fed americana anziché alla BCE. Dopo un decennio di tassi invariati ai minimi storici, la Bank of England, ha alzato i tassi allo 0,5% nel novembre 2017 e la previsione, dato che l’inflazione anche se in calo resta ancora ben oltre il tasso programmato, è che la BoE proceda con altri due ritocchi al rialzo.

Per quanto si debba ammettere che la verità stia in “medias res”, la realtà è che da un lato non c’è certamente stato il tanto temuto esodo di banche e banchieri al di fuori della City e che gli studenti UE presenti in Gran Bretagna posso stare relativamente tranquilli per il loro percorso di studi; ma dall’altro lato il clima di incertezza ed instabilità fa tremare il Paese. Secondo le recenti stime del Fondo Monetario Internazionale sull’andamento del PIL globale infatti, il Regno Unito si vede retrocesso nella “serie B occidentale”, assieme ad Italia e Giappone, situazione a cui certamente il Paese non era abituato; e la situazione, secondo l’FmI, tenderà a restare uguale o addirittura peggiorare a prescindere dai possibili scenari sull’uscita dall’Ue: che sia una soft Brexit, hard Brexit o divorzio senza alcun accordo.

Altro dato catastrofico è il lavoro in picchiata: dal 2016 il Regno Unito ha perso 130.548 posti. Si teme infatti che Rolls Royce e Aribus chiudano gli stabilimenti. Quest’ultima soprattutto ha dichiarato, il 22 giugno, che ritirerà i suoi investimenti se non sarà garantita la permanenza del Regno Unito nel sistema europeo di certificazione della sicurezza aerea, nel mercato unico e nell’unione doganale. Ma oggi, sostiene la Airbus, questo non può essere garantito perché non c’è chiarezza su quale potrà essere il regime economico adottato dal Regno Unito alla fine del periodo di transizione che porterà all’uscita dall’Unione. L’abbandono del Paese da parte dell’azienda sarebbe un bel colpo, da infatti lavoro a 14mila persone direttamente e 100mila indirettamente. La fabbrica che costruisce le ali degli aerei nel Nord del Galles, una regione dove la maggioranza ha votato per la Brexit, ha 6mila dipendenti.

Quello che succede nel campo della sicurezza aerea vale anche per la medicina. L’Agenzia europea del farmaco, che si sta spostando da Londra ai Paesi Bassi, fissa gli standard farmaceutici continentali. Anche in questo caso serve un continente intero per fare ricerca, sviluppare prototipi, fare test e mettere in commercio un farmaco. Fuori da questo quadro normativo e commerciale, e con un servizio sanitario nazionale vacillante, un’altra colonna portante dell’economia britannica potrebbe crollare.

Anche l’industria automobilistica da chiari segnali. La Bmw ha annunciato che una hard Brexit la costringerebbe a costose misure di compensazione. La Tata invece, ha già annunciato che sposterà la produzione della Discovery Land Rover in Slovacchia.Ed anche l’industria spaziale sta per essere danneggiata data la possibile esclusione dal sistema di posizionamento satellitare Galileo, sviluppato in Europa.

Non si può poi tralasciare l’insostenibile aumento dei prezzi, ed il settore della manifattura sarà tra i più colpiti. L’11% delle imprese ha registrato una diminuzione degli ordinativi o un taglio dei contratti, in base ad un’indagine condotta dal Chartered Institute of Procurement and Supply.

Ma nonostante questo scenario, a cui si deve aggiungere il deprezzamento della sterlina, calata di più del 10% dal giugno del 2016; la riduzione degli investimenti e la frenata economica, i sostenitori della Brext sono indifferenti perché sostengono che tutto questo, ed in particolare l’indebolimento delle attività produttive britanniche, sia un prezzo che vale la pena pagare nella prospettiva di una politica commerciale indipendente. Ma con chi si commercerebbe poi?Le uniche economie di peso fuori dalla rete di accordi dell’Unione sono gli Stati Uniti, l’India e la Cina, che non possono essere disposte a firmare un accordo con Londra, dato il periodo di importanti guerre commerciali.

“Diventa sempre più chiaro quanto fosse conveniente l’accordo tra il Regno Unito e l’Unione. Il Paese poteva essere una potenza mondiale, invece la politica britannica è paralizzata”, sostiene W. Hutton. Per questo motivo, un numero sempre più crescente di politici di entrambi gli schieramenti, pensa che l’unico modo di uscire da questo vicolo cieco sia tornare al voto popolare; il 23 giugno infatti, si è svolta a Londra una marcia che chiedeva un nuovo referendum. Una seconda possibilità che aprirerebbe nuovi scenari.

Who is who: Jeremy Hunt e Dominic Raab

Nome: Jeremy Hunt / Dominic Raab
Nazionalità: Inglese / Inglese
Anno di nascita: 1966 / 1974
Ruolo: Ministro degli esteri / Ministro per la Brexit

Who is who: Jeremy Hunt e Dominic Raab - Geopolitica.info

Il governo inglese, negli ultimi giorni, è stato scosso da due dimissioni pesanti: quelle del ministro degli esteri Boris Johnson e del ministro per la Brexit David Davis. Dimissioni pesanti, come detto, in due ministeri chiave, che rischiano di rendere meno sicuro il governo May: entrambi i ministri dimissionari hanno criticato la premier accusandola di aver presentato un piano per l’uscita dall’Unione Europea troppo morbido. La “soft Brexit” pensata dalla May tradirebbe, a detta di David e Johnson, il risultato del referendum.

La May, accettando le dimissioni, arrivate a distanza di poche ore, è corsa ai ripari nominando due figure considerate vicine e leali all’attuale premier: Jeremy Hunt al ministero degli esteri e Dominic Raab al ministero per la Brext.

Quella di Jermy Hunt è considerata una nomina a sorpresa: nato nel 1966 a Kennington, sobborgo a sud di Londra, il politico 51enne è in parlamento dal 2005. E’ stato nel 2007 ministro della Cultura e dello Sport, ed ha seguito la pianificazione per le Olimpiadi di Londra del 2012; proprio nel 2012 è stato nominato Ministro della Salute, ruolo che ha ricoperto fino al 9 luglio del 2018, quando Theresa May lo ha scelto come sostituto di Johnson. Al contrario di quest’ultimo, Hunt è considerato un Tory moderato, soprattutto nei confronti dell’Europa, ed è concorde con la premier inglese nell’attuare un piano di uscita “soft” dall’Unione Europea. Il neo ministro Hunt sarà subito impegnato nella preparazione dell’imminente viaggio nel Regno Unito del presidente statunitense Donald Trump, previsto per la giornata di giovedì 12 luglio.

Al delicato ministero per la Brexit è stato nominato il 44enne Raab, considerato uno degli astri nascenti del partito: è stato un uomo di punta nella battaglia referendaria per il fronte del “leave”. Figlio di un rifugiato politico ebreo proveniente dalla Repubblica Ceca, Raab si è laureato ad Oxford ed ha inizialmente condotto la carriera di avvocato in un importante studio legale di Londra. E’ entrato nel parlamento nel 2010, e dal 2015 ha ricoperto l’incarico di vice ministro della Giustizia. La scelta di Raab viene considerata un tentativo della May di salvaguardare la propria premiership e tranquillizzare i due fronti presenti nel partito conservatore, quello del “falchi euroscettici” e quello dei “moderati”.

Brexit e il confine irlandese: la difficile frontiera dei negoziati UE

Le negoziazioni tra l’UE e la Gran Bretagna per la Brexit sono all’ennesimo stallo e questa volta per una questione ampiamente dibattuta come quella del confine irlandese. Dopo le ultime dichiarazioni del presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, è chiaro ormai che sarà l’Irlanda a determinare il futuro delle trattative e la sua tempistica. Il governo inglese dovrà ora proporre una soluzione sul tema del confine tra l’Irlanda del Nord e la repubblica irlandese che sia soddisfacente a quest’ultima ma che al tempo stesso non metta a repentaglio i fragili equilibri di pace nord-irlandesi. Ad uno sguardo più attento, la difficile questione del confine e delle sue molteplici ramificazioni emerge in tutta la sua complessità.

Brexit e il confine irlandese: la difficile frontiera dei negoziati UE - Geopolitica.info

Innanzitutto, il confine tra Regno Unito e Irlanda risulta dalla divisione dell’Irlanda nel 1922 ed è una linea frastagliata di circa 500km che ricalca in gran parte una pre-esistente demarcazione tra contee più che tra nazioni. Esso attraversa villaggi, fiumi, laghi, e soprattutto comunità, ed ogni tentativo di ridisegnarlo durante il secolo scorso è storicamente fallito. La soluzione adottata allora per gestire un confine tra territori fino ad allora indivisi, fu la cosiddetta “Common Travel Area” (CTA), una zona di libera circolazione tra l’Irlanda, il Regno Unito, l’Isola di Man e le Isole del Canale. La CTA, simile all’area Schengen per certi versi, permette ai cittadini del Regno Unito e dell’Irlanda di muoversi liberamente tra i due paesi senza essere sottoposti a controlli routine di immigrazione o doganali.

Il cosidetto “confine morbido” è stato un fattore determinante nel migliorare le relazioni politiche, economiche, sociali e culturali tra i due paesi.  Esso è stato inoltre fondamentale nel recente processo di pace, dato che l’accordo del 1998 (noto come il “Good Friday Agreement”) è particolarmente legato alla comune appartenenza dei due paesi all’Unione Europea ed alla libera circolazione di persone e merci tra l’Irlanda del Nord, il Regno Unito dunque, e la repubblica irlandese. L’Unione Europea, e il presupposto che entrambi i paesi ne sono membri, ha enormemente facilitato la cooperazione transfrontaliera e contribuito allo sviluppo economico delle aree di frontiera. Basti poi pensare a programmi europei specifici come “Peace”, lanciato nel 1995 e e tuttora finanziato dalla programmazione 2014-2020 con un budget to 270 milioni di Euro, per capire il ruolo che i finanziamenti UE hanno avuto sulla riconciliazione delle comunità e il rafforzamento della pace nell’Irlanda del Nord.

L’impatto sulla continuità e stabilità della pace in Irlanda del Nord è infatti una delle conseguenze  meno prevedibili e più temute di Brexit. E’ largamente percepito dall’opinione pubblica, che ogni eventuale irrigidimento delle barriere territoriali, non farebbe che sentire i nazionalisti nord-irlandesi forzatamente distaccati dall’Irlanda costituendo dunque una minaccia reale al fragile status quo di pace. La creazione di infrastrutture per la gestione e il controllo di un confine che diventerebbe esterno dell’Unione Europea e forse anche del Mercato Unico UE, metterebbe a rischio l’economia altamente integrata delle zone di confine basata sul commercio di prodotti agricoli, movimento continuo di lavoratori, pendolarismo, condivisione di servizi, mercato unico dell’elettricità, etc. Tali infrastrutture e barriere fisiche potrebbero inoltre far riemergere tensioni silenti in queste comunità o addirittura diventare target sensibili per il terrorismo interno.

D’altro canto, l’UE ha bisogno di garanzie sufficienti che in assenza di controlli rinforzati su persone e merci, quel confine non diventi un’area grigia di contrabbando, introduzione nell’UE di merci contraffatte, e varie attività illecite e criminali. Per l’Irlanda, il Regno Unito è il principale partner commerciale, con 80% delle sue esportazioni estere dirette o trasportate attraverso il territorio britanico. Non sorprende quindi che la soluzione auspicata dal governo irlandese fosse per il Regno Unito di continuare a far parte del mercato unico. Questa proposta non è tuttavia sul tavolo come dichiarato dal governo di Teresa May. Altre soluzioni prese in rassegna dal governo inglese come quella di avere il confine tra i due paesi nel Mare del Nord invece che sull’isola irlandese, sono comunque state respinte dal partito unionista nord-irlandese che vede ogni soluzione ad hoc a favore della continuità territoriale sull’isola come una minaccia all’appartenenza dell’Irlanda del Nord al Regno Unito.

E’ evidente dunque che la questione della configurazione post-Brexit del confine con l’Irlanda, apre scenari complessi, e per certi versi imprevisti, la cui soluzione, qualunque essa sia, dovrà tenere conto di implicazioni multidimensionali e dell’inteleiatura di relazioni tra l’Irlanda, il Regno Unito e il resto dell’UE.

Elezioni in Gran Bretagna: a bad bet, Mrs May.

Dalla maggioranza al governo di minoranza: non proprio quello che il primo ministro inglese, Theresa May, aveva in mente il 18 aprile scorso, mentre annunciava di voler riportare la Gran Bretagna al voto. Se, infatti, pochi mesi fa i media e commentatori inglesi avevano previsto una “landslide victory”, ossia una vittoria a mani basse, della May, nelle ultime settimane la distanza tra i due principali competitor (tories e labour) si è via via assottigliata, fino a far considerare sempre più probabile l’ipotesi di un “hung parliament”, ossia un parlamento senza una chiara maggioranza politica. E così è stato: nessun partito è riuscito a raggiungere la soglia dei 326 seggi, ossia la maggioranza parlamentare. E mentre il dibattito tra i conservatori si infiamma, mentre i laburisti esultano, mentre gli indipendentisti scozzesi si leccano le ferite, e i liberaldemocratici  e gli unionisti irlandesi si sfregano le mani, si moltiplicano gli interrogativi sulle implicazioni politiche di questo voto, soprattutto guardando alle difficili trattative con l’Unione Europea sulla Brexit.

Elezioni in Gran Bretagna: a bad bet, Mrs May. - Geopolitica.info

I NUMERI*
I conservative, con il 42,4% dei voti e 316 seggi, rimangono il primo partito inglese, ma non potranno formare un governo che dalle nostre parti chiameremmo “monocolore”. I tories, pur guadagnando il 5% dei voti rispetto alle precedenti elezioni, hanno perso 12 parlamentari e questo costringerà il partito conservatore a cercare degli alleati di governo. Al momento, gli alleati più probabili sembrano essere i liberaldemocratici (7.3% dei voti, 13 seggi) e gli unionisti nordirlandesi del DUP (0.9% dei voti, 10 seggi).

Dall’altro lato, il Labour guadagna terreno. Nonostante la scarsa fiducia nelle capacità del leader laburista, Jeremy Corbyn, e i persistenti malumori tra le correnti centriste e quelle di sinistra del partito, i laburisti sono riusciti ad aumentare i voti attestandosi sul 40,1% (ossia +9.5%) e, soprattutto, i seggi in parlamento ben più di quanto sondaggi e commentatori avevano previsto precedentemente. Corbyn infatti potrà contare su 261 parlamentari (ossia 31 parlamentari in più rispetto alle elezioni del 2015).

Tornando al panorama generale, le novità non si fermano qui. I liberaldemocratici, seppur perdendo qualche decimale nella conta dei voti (7.3% dei voti, ossia lo -0.5% in meno), guadagnano alcuni seggi rispetto al 2015 (da 8 a 12 parlamentari), raggiungendo, come precedentemente sottolineato, un numero di parlamentari utili per entrare nel prossimo probabile governo a guida conservatrice. Lo Scottish National Party, che nelle precedenti elezioni aveva vinto in quasi tutti i seggi scozzesi (56 su 59), conquista 35 seggi, perdendo 19 parlamentari e l’1,7% dei voti su base nazionale (dal 4.8% al 3,1% dei voti). Mentre, com’era prevedibile, scompare dalla scena parlamentare il partito indipendentista UKIP: essendosi realizzato il proprio obiettivo politico (ossia la Brexit), gli indipendentisti hanno perso, di conseguenza, più del 10% dei voti (dal 12,7% all’1,9%) e l’unico parlamentare della scorsa legislatura. A questi risultati, per ragioni di completezza, bisogna aggiungere: i 10 seggi (+2 rispetto al 2015) andati agli unionisti nordirlandesi del DUP; i 7 seggi (+3) andati ai repubblicani irlandesi dello Sinn Fein; i 4 seggi (+1) dei gallesi del Plaid Cymru; e l’unico seggio andato ai verdi.

 

CHI VINCE E CHI PERDE
Theresa May ha perso la scommessa, e con essa la maggioranza parlamentare conquistata dai conservatori nel 2015. La leader tory si è presentata alle urne chiedendo un mandato chiaro e nitido, soprattutto guardando alla difficile trattativa sulla Brexit. Gli elettori, a quanto pare, gliel’hanno negato. E questo ha aperto dalle prime ore del mattino un convulso dibattito all’interno del partito conservatore, sia sul prossimo governo che sul futuro della leadership di Theresa May: da una parte c’è chi sostiene che debba rimanere per mantenere un minimo di stabilità, dall’altra c’è chi sostiene che non potrà essere lei a guidare il nuovo governo.

Mentre la leader conservatrice traballa, c’è chi si rafforza, ossia Jeremy Corbyn. Come già sottolineato in precedenza, nessuno aveva previsto che il leader laburista potesse guadagnare terreno: troppo debole e troppo di sinistra. E invece Corbyn ce l’ha fatta. I laburisti, naturalmente, rimangono ancora all’opposizione, ma se l’obiettivo del Labour, pochi mesi fa era quello di rimanere a galla, oggi i laburisti possono guardare alle prossime elezioni con qualche speranza in più. C’è ancora molta strada da fare, soprattutto guardando agli equilibri interni al partito: le due ali del Labour, centrista e di sinistra, dovranno trovare un accordo per poter pensare di conquistare la maggioranza dell’elettorato britannico. Ma sicuramente la strada, dopo il voto di ieri, appare meno inclinata di quanto non fosse solamente due mesi fa. E le sorti politiche di Corbyn appaiono sicuramente più longeve di quanto era stato previsto.

 

LE PROSPETTIVE
Con il voto di ieri, quella che nelle previsioni doveva essere una pura formalità, ossia la formazione del governo, si è trasformata in una nuova grana politica per i conservatori e per Theresa May in testa. Oltre a dover affrontare delle trattative non previste, i tories saranno costretti a rivedere i propri piani su svariati fronti, a partire dal modo con cui affrontare le trattative per la Brexit. La May, che almeno per ora dovrebbe rimanere a capo del governo, non potrà contare su una solida maggioranza e, anzi, sarà probabilmente costretta a trovare un accordo con uno dei partiti più europeisti sulla piazza britannica, ossia i liberaldemocratici. Se poi l’alleanza di governo dovesse allargarsi anche agli unionisti nordirlandesi del DUP, la strada verso una “hard Brexit” potrebbe essere ulteriormente ammorbidita, essendo i nordirlandesi particolarmente sensibili alle sorti del confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica irlandese – che, dopo l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, diventerà un confine tra l’Europa Unita e la Gran Bretagna.

Oltre alla questione Brexit, le incertezze sulle prossime mosse del governo britannico investiranno anche altri fronti, come quelli dell’immigrazione e della sicurezza. Theresa May durante la campagna elettorale aveva annunciato di voler diminuire drasticamente (decine di migliaia di ingressi in meno) l’immigrazione sul suolo britannico e pochi giorni fa, a seguito degli attentati di Londra e Manchester, aveva dichiarto di voler rendere più stringenti le azioni contro l’estremismo islamico (ad esempio facilitando le espulsioni di integralisti ed estremisti islamici), anche a costo di rivedere le norme sui diritti umani. È lecito quindi prevedere che anche queste proposte dovranno essere ammorbidite per trovare il consenso dei probabili alleati del prossimo governo conservatore.

Tuttavia c’è un fronte sul quale la May e i tories potranno tirare un sospiro di sollievo: il paventato secondo referendum sull’indipendenza della Scozia. Lo Scottish National Party, pur rimanendo il partito scozzese con più seggi e più voti, ha perso ben 21 seggi, di cui 13 nei confronti dei conservatori, 7 nei confronti dei laburisti e 3 nei confronti dei libdem. E questi risultati potrebbero aver messo una pietra tombale sulle prospettive di un nuovo referendum scozzese.

*647 seggi su 650

Who is Who: Boris Johnson

Name: Alexander Boris de Pfeffel Johnson
Nationality: British
Date of birth: 19 June 1964
Role: Secretary of State for Foreing and Commonwealth Affairs

Who is Who: Boris Johnson - Geopolitica.info

Boris Johnson, British politician, journalist and author has been one of the leading figures that in 2016 inflamed the electoral campaign for the British referendum about the possibile exit of the country from EU. Member of the Conservative Party, former London mayor, he has covered since the 13th of July 2016 the prestigious role ofSecretary of State for Foreign and Commonwealth Affairs. Besides, he has been Member of Parliament (MP) for the Uxbridge and South Ruislip constituency since May 2015. So, about his position as chief of the Foreign Office, it’s very easy to comprehend the key role that his character is having in the difficult process of the concrete exit of UK from more than 40 years of European commitment.

Before concentrating about his present positions and activities, let’s take a brief look at his biography. He was born in New York in 1964 to British parents. He was educated at Eton (King’s Scholar), and Balliol College, Oxford (Brackenbury Scholar in Classics). In his activity as journalist he worked for The Times, The Wolver hampton Express and Star beforejoining The Daily Telegraph, where he was successively a leader and feature writer, EU Correspondent, and Assistant Editor.

About his career as politician he was elected to the British parliament for the constituency of Helley-on-Thames in June 2001. Afterwards, he covered a lot of significant roles: Vice-Chairman of the Conservative party (October 2003 – November 2004), Shadow Minister for the Arts (April 2004-November 2004), and Shadow Minister for Higher Education (December 2005-July 2007).

On May 2nd 2008, he was elected Mayor of London by over 1,000,000 Londoners. Johnson overcame the initial skepticism of the Conservative Party, and after gaining the fundamental support of David Cameron, he was able to defeat LabourincumbentKen Livingstone and immediately resigned his seat in parliament. He held the office from the 4th of May 2008 to the 9th of May 2016. In fact, in 2012hewas re-elected for a second mandate. His periodasmayor of the Britishcapital wascharacterized, among the otherthings, by a strong ‘green policy’ of the traffic: a strategypromotedthroughthe realization of many ‘cyclesuperhighways’, hydrogentaxis and rechargestations for the electriccars. Moreover, he banned alcohol consumption on public transport and championed London’s financial sector.

As mentioned above, during the electoral campaign for the referendum tha tbrought the country out of EU, his position was characterized by a strong criticism against the European institutions. In one of his most famous statements, in order to emphasize the lacks of the European project, he compared the EU to Hitler and Napoleon. According to him, these characters tried to unify Europe, but they failed in their efforts. Nowadays, the EU is trying to pursue the same objective by different means.
In parallel with the critics against EU he exalted the organization of the old Roman empire, that was also the central argument of one ofhis books,named ‘The dream of Rome’ (published in 2006). He declared that many in history tried to reestablish the golden age of prosperity and peace that occurred under the Roman command. According to Johnson, in the European project there is a clear lack of authority, and it produces also a serious lack of democracy.
As current chief of the Foreign Office he is guiding the procedures to give‘Brexit’ a concrete form. His most recent action was the declared opposition to the EU request to pay an ‘account’ of 60 billions in order to ‘realize’ the detachment. Johnson defined the amount as ‘notreasonable’.

Le relazioni tra Regno Unito e Turchia dopo la Brexit

In seguito alle recenti votazioni del Parlamento inglese sulla Brexit ed agli attentati che hanno sconvolto il cuore di Londra, abbiamo chiesto un contributo a Daniel Kawczynski, deputato per Shrewsbury e Atcham, tra gli autori dell’ultimo rapporto del Foreign Select Committee on UK-Turkey Relations.

Le relazioni tra Regno Unito e Turchia dopo la Brexit - Geopolitica.info

La Brexit prenderà ufficialmente il via questa settimana. È giunto, quindi, per il Regno Unito il momento di rinnovare i suoi legami diplomatici e commerciali con il resto del mondo, a cominciare dalla Turchia.

Per anni il potenziale dei legami tra il Regno Unito e la Turchia è stato soffocato dagli asfissianti negoziati di adesione tra l’Unione Europea e Ankara. Nessuno sano di mente, su entrambi i lati del Bosforo, ha mai effettivamente creduto di poter assistere in vita sua all’entrata della Turchia nell’UE. Tuttavia, la prospettiva di adesione è stata avidamente promossa e tenuta in vita per anni, incatenando il rapporto tra le due parti nella rigida e goffa struttura dei negoziati di adesione.

Ironia della sorte, Londra è stata tra i principali sostenitori dell’adesione della Turchia. Strategia politicamente astuta per il Regno Unito a quei tempi, si sta ora rivelando disastrosa per l’UE nel suo complesso. I rapporti tra Berlino e Ankara si sono ormai sgretolati. Si è assistito a scontri tra la polizia in assetto antisommossa e la diaspora turca nelle strade delle città europee. La grave e allarmante instabilità politica in Turchia, provocata da organizzazioni terroristiche come il PKK, l’ISIS e i gulenisti di FETÖ, non può essere considerata separatamente rispetto all’inadeguatezza della diplomazia europea.

Da cittadino britannico originario dell’Europa orientale, vi posso dire una cosa o due su quanto sia estremamente burocratizzato il processo di adesione all’Ue. I negoziati risultano suddivisi in decine di capitoli, per un manuale lungo 170.000 pagine, che riducono la raffinatezza delladiplomazia alla ricerca di cavilli di politica interna per l’adattamento dell’acquiscommunautaire. Inoltre alimentano false speranze da un lato, mentre stimolano sentimenti xenofobi dall’altro. Seminano disillusione popolare e frustrazione. Ad un certo punto i nodi vengono inevitabilmente al pettine. Purtroppo per la Turchia e per l’UE il momento della verità sembra essere arrivato.

La Brexit ci libera dal macigno dell’intrusione dell’UE nei nostri affari interni. Tra i suoi molti vantaggi è il fatto che ci libera dalla coperta con la quale per anni Bruxelles ha soffocato il meglio delle nostre tradizioni diplomatiche. Dovremmo ora distruggere questa coperta, incendiarla e buttarla fuori dalla finestra per poi prendere una profonda boccata d’aria fresca. Brexit è semplice. Significa semplicemente riconoscere la verità: siamo una nazione libera e sovrana, che non deve fondersi con i suoi partner, ma cercare di soddisfare e bilanciare i suoi interessi attraverso il commercio e la cooperazione con altre nazioni sovrane. E così è per la Turchia.

La Turchia è un alleato della massima importanza strategica per il Regno Unito, così come per l’Europa, anche se quest’ultima sembra tragicamente incapace di comprenderlo. Anche solo in relazione alla sua collocazione geografica, l’importanza della Turchia è destinata ad aumentare negli anni. Alle porte di questo Paese, d’altronde, si trova il focolaio mondiale di guerra, terrore e settarismo che ha già causato uno spostamento massiccio di persone verso l’Europa. Anche i russi, la cui politica è sempre orientata da questioni strategiche, sembrano aver compreso molto prima di noi che dalla cooperazione con un Paese relativamente stabile come la Turchiadipende la nostra sola e migliore opportunità di venire a capo dei violenti conflitti che lacerano il Medio Oriente.

D’altra parte il Regno Unito non ha altra scelta se non quella di protestare e opporsi alle gravi violazioni dello stato di diritto e dei diritti umani in Turchia, come nel resto del mondo. Questa posizione riflette la nostra identità. E traduce la diplomazia in ciò che è realmente: la ricerca di delicati equilibri. Sì, il pericolo che la democrazia si sgretoli in Turchia deve suscitare in noi sincera preoccupazione. Ma allo stesso modo deve preoccuparci la rottura delle relazioni diplomatiche con Ankara, che hanno i loro difetti ma anche i loro pregi, così come il suo riorientamento verso Mosca e organizzazioni internazionali non-occidentali come laShanghai CooperationOrganisation (SCO).

Il Regno Unito non dovrebbe mai permettere che le sue relazioni diplomatiche soffrano come stanno attualmente soffrendo quelle turco-tedesche. Da un punto di vista strategico e della sicurezza questa sarebbe una catastrofe, come già lo è nel caso dell’Europa. Liberi da tutte le restrizioni dell’UE, noi come Regno Unito abbiamo ora la possibilità di recuperare quell’equilibrio diplomatico nelle relazioni con i turchi di cui i nostri partner europei sono gravemente carenti. Come l’attacco a Westminster della settimana scorsa ha purtroppo dimostrato, il terrore non ci risparmierà. Colpisce tutti noi e, quindi, può essere sconfitto solo grazie a una stretta cooperazione con gli altri Paesi. Anzitutto con la Turchia.

 

VIDEO – Quale futuro per l’Unione Europea?

L’Unione Europea alla prova della Brexit, della spinta dei partiti euroscettici e della crisi dei paesi del meridionali. Quali saranno gli scenari futuri dell’Unione? Ne parla Simone Bozzato, professore di Geografia dell’Unione Europea presso l’Università Tor Vergata di Roma, e relatore dell’ultima lezione della Winter School “Il mondo dopo Obama”.

VIDEO – Quale futuro per l’Unione Europea? - Geopolitica.info