Archivio Tag: Azerbaigian

In the Heart of Eurasia
“In the heart of Eurasia”. This is the title of the conference held on 16th of January in Rome, named after a recently published book, written by the president of Kazakhstan, Nursultan Nazarbayev.  The event was organized by Asia Trading Project and Federlazio, under the supervision of Dr. Francesco Marcolini.

In the Heart of Eurasia - Geopolitica.info

The ambassadors of Kazakhstan, Azerbaijan and Commercial Representative of Uzbekistan presented their speeches regarding their countries’ development, economic profiles and opportunities for the foreign investments in particular. This region is still new and somehow exotic for Italian public and business world. Fortunately, many progressive companies have already understood the huge perspectives and possibilities which these countries offer to the foreign partners. The intellectuals and scholars community is also showing the reciprocal interest, thus boosting the cultural ties between Italy and these states.

The Italian counterpart was represented by Andrea Giannotti and Ermanno Visintainer, who gave a quick but accurate outlook of the geopolitical importance of the areas in question.
These three countries, rich in mineral resources, have always been strategically important for their geographical position and raw materials. When they were part of the Soviet Union the units of the strategic importance, such as military bases, space fields and oil and gas plants were placed on their territories. They still maintain a strategic importance on political, military and economic levels. Kazakhstan is a heart of the Eurasian continent and a stable heartland of classical geopolitical doctrines. Besides, it represent an important pillar for Russia, which is trying to launch the Eurasian Custom Union (an alliance, promoted by Moscow as a response to the constantly growing influence of the European Union on the ex-soviet states). It is important to note that Kazakhstan is at the same time a sort of a “diving chamber” between the two giants of the world policy, the Russian Federation and the People Republic of China.
Another important strategic pillar in Caucasus is Azerbaijan  that has always been a very sensitive region as far as geopolitics is concerned. Its territories face the Caspian Sea, which thanks to the good bilateral relations with Tbilisi, is connected to the Black Sea, thus creating an interdependent system of “inner seas”.
It goes without saying that this country plays an important role of a logistic base for the “tense” Middle East region and all the way to Iran. This importance has been acknowledged by the USA,  which after a period of coldness in 1990s has been progressively intensifying bilateral relations with Azerbaijan.
While Uzbekistan has maintained a neutral position, getting closer at intervals to Moscow or to Washington and thus varying its international position. Its geografic location allows to monitor all the instability factors in Central Asia and primarily to try and prevent terrorist actions and attacks in the Afpaq region (Afganistan+Pakistan).  In this prospective the use of the military bases, located in Uzbekistan is crucial for the first fase of the Enduring Freedom mission implementation in Afghanistan.
Nowadays these countries represent strong independent states, characterized by constant and rapid growth and development, opened to the world as far as economy and culture are concerned. They are seeking not only for the foreign investments, for which there is a lot of space, but also for the high technologies and know-how.
It seems rather interesting to reflect on the common origin of the peoples of these countries and on the brotherhood that these Turkish countries has created throughout the centuries. Namely, the nomadic people, coming from the Central Asia and from the Turan region (named after Prince Turaj or Turan). Ancient traditions and common ethnic origin link these tribes. Between the end of XIX and the beginning of the XX century some scholars offered a theory of three ethno-genetic stages with respective geopolitical and ideological perspectives. They are the Ottoman turks that form the title nation of Turkey(Türkiyecilik); the “pan-turkish” populations Oğuz (Oğuzculuk) that constitute various nations like Azeris and the turk peoples from the Central Asia; and at last the turks of the ugric and uralo-altaic branches, including  the mongolian and japanese populations in the Far East that take part of the turkic community simbolized by a gray wolf(Bozkurt).
The Ambassador of Kazakhstan, Mr. Yelemessov, put in evidence the huge scale of construction, in course of realization in Astana, the capital city, which is only 15 years old, and which population has doubled in the recent years. Best architectors and specialists were invited to Astana in order to realize this ambitious and unique project – creation of the new capital. It is interesting to note, that it will be Astana to host the WorldExpo 2017, dedicated to the Energy, one of the most crucial issues in the modern world.
In fact, energy issue was mentioned more than once during the conference. The Ambassador of Azerbaijan, Mr. Sadiqov, pointed out that the cooperation in oil and gas field is still of high importance for their country, but recently, there has been a decisive strategic shift  to the innovation and high technologies sector. That is why they are particularly interested in bringing the best of “made in Italy”, not only as a ready-made product, but also as a production process and technology.
The last but not the least of the countries presented at the conference, is Uzbekistan, may be the least known to the Italian public, which representative empathized special conditions existing in his country, aimed at encouraging the foreign investors, coming to Uzbekistan, and at facilitation of the investment process.

Thus, it seems very important to overcome the “cold war” mentality, dividing the world in contrasting blocks and it is high time to open horizons and to look to the new realities, which only at the first glance seem hard to approach, but at a closer look one can find a lot of interests and characteristics  in common.

Azerbaigian, una realtà in crescita

Nei giorni 31 ottobre – 1^ novembre 2013 si è svolto a Baku, in Azerbaigian, un evento internazionale molto importante: il Baku International Humanitarian Forum. Con la presenza di personalità del mondo politico internazionale, alti funzionari, diplomatici, accademici e esperti provenienti da tutto il mondo, il Forum si è articolato in una serie di sessioni di discussione sui temi riguardanti gli aspetti umanitari dello sviluppo economico, le innovazioni scientifiche e la diffusione dell’educazione, lo sviluppo sostenibile, l’identità nazionale, le biotecnologie, il ruolo dei mass media nel sistema di informazione globale.

Azerbaigian, una realtà in crescita - Geopolitica.info

L’ampiezza dei temi non ha impedito che al margine delle sessioni si svolgesse una fruttuosa opera di networking, ad ogni livello. Il Forum si è aperto con il discorso del presidente azerbaigiano Ilham Aliyev, è proseguito con il messaggio del presidente russo Vladimir Putin e quello del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon. La lista dei partecipanti ha previsto l’intervento di 7 ex presidente e capi di Stato, 13 premi Nobel e oltre 100 personalità pubbliche di livello mondiale, nel contesto di circa 800 partecipanti totali in rappresentanza di 70 paesi da tutti i continenti. La presenza di ex capi di stato, ambasciatori, personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, ha dato anche un profilo mondano all’evento.

Dall’Italia spiccano i nomi dell’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci, del rettore dell’Università di Siena Angelo Riccaboni, del prof. Sergio Marchisio della Sapienza Università di Roma, del senatore prof.ssa Stefania Giannini, nonché del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che incontrando l’omologo azerbaigiano di Baku ha confermato il rilancio del gemellaggio esistente tra le due città, Napoli e Baku, che notoriamente si caratterizzano per un golfo simile e una vocazione marittima che risulta essere sostanziale anche nel carattere aperto e ospitale di italiani e azerbaigiani. L’Azerbaigian è un Paese che colpisce per l’evidente crescita economica, la società giovane e laica, un mondo culturale capace di creatività e innovazione: questi fattori sono elementi reali per il vero sviluppo di uno Stato.

La possibilità di grandi risorse energetiche, infatti, sta fungendo da volano anche per le politiche sociali, educative e culturali. Certo, il processo di costruzione della nazione non è ancora compiutamente raggiunto così come le istituzioni stanno svolgendo un percorso ancora lungo per il pieno raggiungimento degli standard occidentali di libertà e democrazia: tuttavia si può ben dire che le premesse per dei risultati fruttuosi nel futuro dell’Azerbaigian sono reali. Infatti in una regione complessa, al margine tra grandi aree culturali, l’Azerbaigian si trova al centro di questioni geopolitiche complesse e di grande interesse. Baku è infatti un punto di riferimento anche per Bruxelles, in una prospettiva di sempre maggiore integrazione con l’Unione Europea all’interno del programma di partnership orientale.

La cultura laica che è alla base dell’islam sciita è la pietra angolare per costruire la prospettiva di un Paese orientato verso i valori occidentali, ma con ascendenze orientali e radici turche saldamente asiatiche. La storia della costruzione dello Stato azerbaigiano, con la prima indipendenza raggiunta al crollo dell’Impero zarista (1918-1920), è un punto di riferimento storico-culturale per la definizione di un Paese che ha ritrovato la strada dell’indipendenza dall’Unione Sovietica solo nel 1991. In quel periodo, però, si è anche riaperta la questione nazionale con l’Armenia, che ha avuto come conseguenza il conflitto armato per il Karabagh e l’occupazione da parte armena della regione contesa insieme a quella delle regioni limitrofe.

La situazione sul campo è sostanzialmente congelata – è solitamente definito un frozen conflict – ma la presenza di centinaia di rifugiati dalla regione e il fallimento delle trattative che da anni sono ferme al mantenimento del cessate il fuoco, è per certo un elemento di tensione all’interno del Paese e nella regione. Nonostante ciò l’Azerbaigian tenta di mantenersi un Paese affidabile e persevera una politica di equilibrio tra le “superpotenze” (Russia e Stati Uniti) e le potenze regionali (Turchia, Iran), mentre tra i suoi vicini l’Armenia è più chiaramente orientata verso la Russia e la Georgia è stata notevolmente vicina all’Occidente. In tale contesto la scelta migliore per le piccole e medie repubbliche del Caucaso meridionale è sicuramente quella di perseguire una politica estera “multi-vettoriale”, con una prospettiva geopolitica multidirezionale.

Il mantenimento di un delicato ma importante equilibrio – per la stabilità e la sicurezza internazionale in una regione chiave per l’approvvigionamento energetico – nell’area del Caucaso e del Mar Caspio appare il modo migliore per mantenere il Paese in una condizione di reale indipendenza e di autonomia nella gestione delle ingenti risorse energetiche.

La posizione internazionale dell’Azerbaigian dopo le elezioni del 9 ottobre
Nelle recenti elezioni, l’Azerbaijan ha scelto di confermare al potere il figlio del vecchio leader del Partito Comunista Aliyev, riuscendo in tal modo a mantenersi equidistante da Russia ed Europa, ed evitando una scelta difficile da un punto di vista diplomatico. Ilham Aliyev è subentrato alla guida del Paese caspico dopo la morte di suo padre Heyder nel 2003 ed in seguito all’apertura del famoso oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan nel 2005, l’economia azera è cresciuta a ritmi superiori a quelli di qualsiasi altro Paese al mondo tra il 2005 ed il 2007. L’oleodotto, al centro di un lungo braccio di ferro tra l’Occidente e la Russia, è infine entrato in funzione consentendo ai Paesi attraversati di ottenere importanti guadagni.  

La posizione internazionale dell’Azerbaigian dopo le elezioni del 9 ottobre - Geopolitica.info
Nel Caucaso si registra attualmente quindi una sorta di equilibrio con l’Armenia più vicina alla Russia, la Georgia più legata all’Occidente ed appunto l’Azerbaijan che riesce a mantenersi “neutrale” tra i due maggiori players dell’area caucasica, cruciale da un punto di vista strategico ed energetico. Consapevole delle difficoltà sperimentate dalla Turchia, Aliyev non ha intenzione per il momento di affrettarsi a ricercare una partnership con l’UE ma neanche di aderire all’unione doganale promossa dalla Russia e che nelle intenzioni di Mosca dovrebbe includere Ucraina, Moldavia, Georgia, le quali tuttavia hanno finora rifiutato tale prospettiva. L’Armenia invece, opposta all’Azerbaijan per l’enclave del Nagorno-Karabakh ha accettato le proposte del Cremlino, dando così anche uno “schiaffo” alle politiche di vicinato europee.

Alcuni osservatori però, sostengono che i legami con la Russia siano più stretti di quanto si pensi, soprattutto per il ruolo avuto da Mosca nella rielezione di Aliyev e nell’instaurazione de facto di un regime dinastico. Il presidente azero infatti può essere rieletto a vita secondo le recenti modifiche costituzionali approvate. Come già ricordato ad ogni modo, un peso decisivo nel frenare i rapporti russo-azeri, è rivestito ancora dalla questione territoriale del Nagorno-Karabakh, in cui Mosca sostiene le istanze armene. A causa di quel conflitto, durato dal gennaio 1992 al maggio del 1994, più di un milione di azeri sono diventati rifugiati e le forze armene presidiano attualmente l’area contesa.

Nonostante le accuse occidentali di brogli e di aver messo le briglie all’opposizione, il Presidente azero è riuscito a confermarsi al potere e a mantenere proficui rapporti di affari con l’Occidente, assai interessato alle enormi risorse di idrocarburi a disposizione di Baku. Il Paese sta infatti accumulando grandi ricchezze provenienti dalla vendita di petrolio e gas ed i proventi economici cominciano ad essere redistribuiti, aumentando il favore da parte dell’opinione pubblica.

Appare abbastanza evidente che l’Unione Europea avrà davvero poche chances di attrarre nella sua orbita Paesi che sfruttano pragmaticamente i loro asset, rinunciando magari ad una maggiore democraticità dei loro regimi, come dimostrato dalla scelta armena e dall’atteggiamento spregiudicato di Baku. Si tratta di un elemento indubbiamente negativo per la capacità di attrazione dell’UE in quest’area, nonostante i notevoli sforzi profusi nella politica di vicinato di Bruxelles. In un’epoca di grandi rivolgimenti geopolitici tuttavia, diventa sempre più probabile che ogni Paese ridisegni rapidamente le proprie priorità strategiche e diplomatiche, a seconda delle circostanze imprevedibili che via via si presentano.

L’UE alle prese con la grave crisi economica, non ha il peso necessario per imporsi come polo di attrazione per questi Paesi, ed in particolare per l’Azerbaijan consapevole delle sue prerogative e rilevanza economica.
  
Vittoria del TAP contro il Nabucco West rivoluzione la geografia energetica dell’Europa
Vittoria del TAP contro il Nabucco West rivoluzione la geografia energetica dell’Europa - Geopolitica.info
style="text-align: justify;">L’annuncio ufficiale del consorzio Shah Deniz II è arrivato da una conferenza stampa, tenutasi a Baku il 28 giugno scorso, in cui è stata ufficializzata la decisione di scegliere il gasdotto Trans Adriatico quale rotta per il trasporto di gas proveniente dal giacimento azero Shah Deniz II. La vittoria del TAP ha dunque fatto tramontare il progetto concorrente, Nabucco West, un tempo definito “progetto bandiera” dell’Unione Europea. 
 
La comunicazione di Shah Deniz ha avuto immediata risonanza a Bruxelles, dove proprio in quei giorni era in corso il Consiglio d’Europa che vedeva riuniti tutti i capi di governo dell’UE, alle prese con complesse trattative sulla situazione economica europea.
La notizia è stata accolta con reazioni diverse da parte dei vari leader europei. La più tempestiva è stata quella del premier romeno, che ha espresso tutta la sua delusione e contrarietà alla bocciatura del Nabucco e dall’esclusione della Romania dal Corridoio Meridionale.
A seguire, il Presidente della Commissione Europea, Barroso, ha diffuso una nota ufficiale in cui definisce la decisione come “una pietra miliare per la sicurezza energetica dell’Unione e un successo condiviso per l’Europa nel rafforzamento della sicurezza energetica dell’Unione.
Per i paesi direttamente coinvolti dal passaggio del TAP, Grecia, Albania e Italia, si è trattato certamente di un grande risultato, a conclusione di intense attività profuse nel sostegno e nella promozione del progetto, parte integrante del più grande progetto europeo, il Corridoio Energetico Meridionale.
Pertanto, da Bruxelles, il premier italiano Letta ha espresso tutta la sua soddisfazione per l’esito della decisione sul progetto TAP, al quale i Governi Monti e Letta hanno fortemente creduto, ed ha annunciato una sua imminente visita a Baku per ringraziare il presidente dell’Azerbaigian. Come previsto dalla Strategia Energetica Nazionale, recentemente adottata dal Governo italiano, l’Italia ha dunque ancor più solide possibilità di diventare, in prospettiva, uno snodo importante del gas e dunque un paese strategico all’interno del sistema energetico europeo.
Il premier greco Samaras, alle prese con la profonda crisi economica e sociale, intravede nella scelta del TAP una rilevanza del tutto particolare, definita un’opportunità e un “voto di fiducia per il suo paese e per le sue prospettive europee”, essendo questa “la più importante evoluzione positiva del paese negli ultimi dieci anni.”
Anche il neoeletto premier albanese, Edi Rama, a poche ore dalla proclamazione della sua vittoria, ha dimostrato soddisfazione in favore del TAP, durante l’incontro con l’ambasciatore dell’Azerbaigian, organizzato proprio nello stesso giorno in cui il consorzio Shah Debiz ha annunciato la propria scelta.
Tuttavia, al di là dell’entusiasmo e della speranza dei paesi affinché il TAP possa rappresentare anche un volano per le rispettive economie e sebbene il consorzio Shah Deniz II abbia dichiarato di avere già concordato i termini delle vendite di gas con alcune compagnie in Italia e Grecia e Bulgaria, la strada verso la realizzazione dell’intero progetto è ancora lunga.
Il percorso complessivo del gasdotto TAP è di circa 810 km. La Grecia ospiterà il tratto più lungo, di circa 550 km, percorsi i quali il TAP giungerà in Albania, dove è prevista la costruzione di un deposito di stoccaggio ed un percorso di 210 km. Infine, dopo un tragitto sottomarino nell’Adriatico di 105 km, ad una profondità massima di 810 m, il gasdotto giungerà in Italia, con sbocco finale in Puglia, interessata da un tragitto di circa 5 km. La fine della costruzione del TAP è prevista entro il 2018, anno in cui dovrebbe sbarcare in Italia il primo gas azero, dalla capacità iniziale di 10 miliardi di metri cubi annui.
Per arrivare a ciò i passi da compiere sono ancora numerosi. Entro l’anno è prevista la Decisione Finale d’Investimento per Shah Deniz II e la finalizzazione dell’accordo che regola la partecipazione degli azionisti TAP. I membri del consorzio Shah Deniz (BP, Socar e Total) hanno definito un accordo preliminare che prevede l’acquisto della metà delle azioni del TAP, oggi possedute dalla svizzera Axpo (42,5%), dalla tedesca E.On (15%) e dalla norvegese Statoil (42,5%).
Nel frattempo, grazie alla conferma del TAP, il ruolo dei Balcani Occidentali assume una rilevanza nuova, dovuta a vari fattori. Innanzitutto il TAP prevede una sua ramificazione con il Gasdotto Ionico-Adriatico (IAP) che parte dall’Albania, passando per il Montenegro e la Bosnia ed arriva fino alla Croazia. Si tratta di un progetto, promosso qualche anno fa dall’Unione Europea e dalla Banca Mondiale, che ora sta per essere rispolverato, visti i recenti sviluppi. Inoltre nei Balcani Occidentali la dipendenza dal gas russo è quasi totale e non tutti i paesi sono connessi ad una rete gas, come è il caso di Albania, Kosovo e Montenegro.
Altri invece, come la Croazia e la Bosnia sono interessati a diversificate il proprio approvvigionamento energetico fortemente dipendente dalla Russia. A ciò si collega anche l’interesse dei paesi sull’altra sponda dell’Adriatico ad essere parte, sebbene collaterale, di un grande progetto europeo, quale è il Corridoio Meridionale, essendo tutti in fase di adesione all’Unione Europea, seppur a diverse velocità. Non sono estranee nella regione neppure le speranze che progetti di tali dimensioni e peso strategico possano rappresentare nuove prospettive di sviluppo anche economico. Per tutti questi motivi, non sorprende l’attività svoltasi negli scorsi mesi nella regione, volta a dimostrare il proprio sostegno al progetto TAP, e tanto meno la soddisfazione con cui è stata accolta la decisione di Baku.