0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

RubricheTaiwan SpotlightReimmaginare un sistema delle Nazioni Unite più resiliente con...

Reimmaginare un sistema delle Nazioni Unite più resiliente con Taiwan al suo interno

-

Un articolo del ministro degli Esteri di Taiwan Joseph Wu per un modello inclusivo delle Nazioni Unite

Ospitiamo un articolo del Ministro degli Affari Esteri di Taiwan Joseph Wu sulla possibilità di costruire un nuovo modello delle Nazioni Unite, più resilienti e inclusive con la presenza di Taiwan. Gli eventi degli ultimi due anni hanno chiaramente mostrato la necessità delle organizzazioni internazionali di cercare dimensione diversa e una maggiore inclusione. Le pandemia ha dimostrato come i virus non conoscono confini e divisioni politiche, mentre le emergenze globali hanno bisogno di un sistema integrato e connesso capace di intervenire in maniere pronta ed efficace. Lo straordinario successo taiwanese nella lotta e nella prevenzione al COVID-19 hanno evidenziato la necessità di cercare una modalità di inclusione di Taiwan all’interno delle Nazioni Unite. Una dinamica che, oltre a garantire la rappresentanza all’interno della principale organizzazione multilaterale per ventitré milioni di taiwanesi, può fornire alla comunità globale una aiuto concreto e utile.

“Con oltre 200 milioni di contagi e oltre 4 milioni di morti, la pandemia di COVID-19 ha imperversato in tutto il mondo, con un impatto socio-economico profondamente devastante sul nostro mondo interconnesso, senza risparmiare nessun paese. La pandemia ha interrotto il commercio globale, esacerbato la povertà, ostacolato l’istruzione e compromesso l’uguaglianza di genere, con le nazioni a reddito medio-basso che sopportano il peso maggiore.

Mentre molti paesi si preparano a un altro picco del virus provocato dalla variante Delta altamente contagiosa, il mondo guarda all’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) affinché intensifichi gli sforzi globali per risolvere la crisi, garantisca una migliore ripresa e ricostruisca in modo sostenibile. Questo è un compito arduo che richiede l’aiuto di tutti. È tempo che l’organismo globale dia il benvenuto a Taiwan, un partner prezioso e degno che è pronto a dare una mano.

Negli ultimi mesi, Taiwan, come molti altri paesi, ha dovuto affrontare un’ondata di casi COVID-19 dopo quasi un anno di successi nel contenere il virus. Tuttavia, ha di nuovo gestito bene la situazione ed è emerso ancora più pronto a lavorare con alleati e partner per affrontare le sfide poste dalla pandemia. L’efficace risposta di Taiwan alla pandemia, la sua capacità di rapida espansione produttiva per soddisfare la domanda della catena di approvvigionamento globale e la sua sostanziale assistenza ai paesi partner in tutto il mondo dimostrano che non mancano ragioni convincenti affinché Taiwan svolga un ruolo costruttivo nel sistema delle Nazioni Unite.

Tuttavia, sotto la pressione della Repubblica Popolare Cinese (RPC), l’ONU e le sue agenzie specializzate continuano a respingere Taiwan, citando la Risoluzione 2758 (XXVI) dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1971 come base legale per questa esclusione. Ma il linguaggio della risoluzione è cristallino: affronta semplicemente la questione della rappresentanza della Cina all’ONU; non si fa menzione della pretesa cinese di sovranità su Taiwan, né si autorizza la RPC a rappresentare Taiwan nel sistema delle Nazioni Unite. Il fatto è che la RPC non ha mai governato Taiwan. Questa è la realtà e lo status quo dello stretto di Taiwan. Il popolo taiwanese può essere rappresentato sulla scena internazionale solo dal suo governo eletto dal popolo. Equiparando erroneamente il linguaggio della risoluzione al “principio di Una Cina” di Pechino, la Repubblica Popolare Cinese sta imponendo arbitrariamente le sue opinioni politiche alle Nazioni Unite.

L’assurdità non finisce qui. Questa esclusione ostacola anche la partecipazione della società civile di Taiwan. Ai titolari di passaporto taiwanese è negato l’accesso alle sedi delle Nazioni Unite, sia per visite guidate che per incontri, mentre i giornalisti taiwanesi non possono ottenere l’accreditamento per coprire gli eventi delle Nazioni Unite. L’unico motivo di questo trattamento discriminatorio è la loro nazionalità. Escludere dall’ONU i membri della società civile di Taiwan sconfigge l’ideale del multilateralismo, contravviene ai principi fondanti dell’ONU di promuovere il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali e ostacola gli sforzi complessivi dell’ONU.

Per sei decenni, Taiwan ha fornito assistenza ai paesi amici in tutto il mondo. Dall’adozione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, si è concentrata sull’aiuto ai partner a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e, più recentemente, a impegnarsi nella risposta antipandemica e nella ripresa post-pandemica. Nel frattempo, al suo interno, Taiwan ha raggiunto i suoi SDG in materia di uguaglianza di genere, acqua pulita e servizi igienico-sanitari, buona salute e benessere, fra tanti altri. Le nostre soluzioni innovative e basate sulla comunità stanno sfruttando le partnership pubblico-privato a beneficio della società nel suo insieme.

Il World Happiness Report 2021, pubblicato dal Sustainable Development Solutions Network, ha classificato Taiwan come la nazione più felice dell’Asia orientale e la 24esima nel mondo. La classifica indica come le persone di un paese si sentano riguardo al sostegno sociale che ricevono e riflette in gran parte l’attuazione degli SDG da parte di un paese. Taiwan è disposta a trasmettere la sua esperienza e lavorare con partner globali per costruire un futuro migliore e più resiliente per tutti.

In un momento in cui il mondo sta lanciando un forte appello per azioni per il clima e per raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2050, Taiwan sta attivamente tracciando una tabella di marcia verso questo obiettivo e ha redatto una legislazione dedicata per facilitare questo processo. Il cambiamento climatico non conosce confini e gli sforzi concertati sono indispensabili se vogliamo un futuro sostenibile. Taiwan lo sa e sta lavorando sui modi migliori per trasformare le sfide della riduzione del carbonio in nuove opportunità.

Nel suo giuramento nel giugno di quest’anno, il Segretario Generale dell’ONU António Guterres ha sottolineato che la pandemia di COVID-19 ha rivelato la nostra vulnerabilità e l’interconnessione condivise. Ha detto che le Nazioni Unite, e gli stati e le persone che ne fanno parte, possono solo trarre beneficio dal portare gli altri al tavolo condiviso.

Negare partner che hanno la capacità di contribuire è una perdita morale e materiale per il mondo mentre cerchiamo di riprenderci meglio insieme. Taiwan è una forza positiva. Ora è il momento di portare Taiwan al tavolo e lasciare che Taiwan aiuti.”

Jaushieh Joseph Wu

Ministro degli Affari Esteri

Repubblica di Cina (Taiwan)

Corsi Online

Articoli Correlati

La rinnovata rete di relazioni diplomatiche di Taiwan

“Se giocate con il fuoco, finirete per bruciarvi”. Così recitava il presidente cinese Xi Jinping in videoconferenza con il...

Dopo la Petroleum Politics la Chip Policy: il caso di Taiwan in Europa

Taiwan vanta un primato tecnologico mondiale non indifferente: una buona parte di aziende che operano nel settore dei semiconduttori...

La partecipazione di Taiwan alla conferenza del cambiamento climatico

Nel trentesimo anniversario della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) i tragici eventi legati all’innalzamento delle...

La partecipazione di Taiwan all’assemblea dell’Interpol

Pubblichiamo in maniera integrale il messaggio di Li, Hsi-ho, Commissario dell’Ufficio investigativo criminale (Criminal Investigation Bureau) della Repubblica di...