Quando caddero Muro e certezze: trasformazioni e questioni geopolitiche dopo il Muro di Berlino

Trent’anni fa crollava il Muro di Berlino e, con esso, le certezze che il mondo bipolare, pur nella sua fragilità e intrinseca instabilità, portava con sé. Dopo i colpi inferti al blocco orientale e i segnali di un’apertura del fronte nella cortina di ferro, il mondo si trovava d’un tratto ad affrontare un destino diverso e dai contorni indefiniti. O meglio, in quel frangente storico sembrava tutto piuttosto chiaro: le categorie economiche, quelle politiche, le attenuate tensioni internazionali avrebbero trovato un nuovo equilibrio, stabilito anzitutto dalla centralità del ruolo statunitense e dal dispiegamento delle forze del mercato che avrebbero soppiantato il principio di base dell’esistenza del sistema internazionale: lo Stato nazionale.

Quando caddero Muro e certezze: trasformazioni e questioni geopolitiche dopo il Muro di Berlino - GEOPOLITICA.info

Il colosso sovietico era imploso sull’onda d’urto di un movimento che lo aveva prima scosso e poi fatto crollare, complice anche la sua sovraestensione territoriale e il massiccio impegno in politica estera, come ben ricorda Henry Kissinger. L’apertura inferta nel Muro di Berlino la notte di 30 anni fa significò il momento cruciale di un cambiamento radicale, di un moto rivoluzionario che era il segnale più evidente di una crisi politica – meglio, di più: geopolitica – che avrebbe cambiato per sempre i destini del mondo. Si trattò di una crisi nel senso più stretto del termine: krino, discerno, separo, decido. Un momento di svolta di carattere globale e senza precedenti, di fronte al quale era necessario prendere una decisione e che configurava, in ogni caso, la chiusura del precedente sistema e delle sue certezze esistenziali, anzitutto quelle relative ai centri garanti dell’ordine. Su quali garanzie si intendeva fondare il nuovo sistema internazionale?

La prospettiva che si aprì agli occhi del mondo era l’unica immaginabile in quella fase. Il capitalismo avrebbe raggiunto vette prima mai immaginate. Esso si sarebbe imposto su scala internazionale anche grazie all’apertura delle democrazie parlamentari e alla cessazione di ogni forma di totalitarismo. Questa era la nota tesi di Francis Fukuyama, il quale esprimeva bene lo spirito del tempo: la storia, quella con la S maiuscola, avrebbe terminato il suo cammino conflittuale grazie all’imposizione univoca del modello liberal-democratico, incarnato perfettamente dagli Stati Uniti e dall’imposizione del mercato globale. La storia non avrebbe più conosciuto totalitarismi di destra o sinistra. Aveva trionfato il modello occidentale sotto un duplice piano: da una parte quello politico, democratico, dall’altra quello economico, in una reciproca influenza che appariva sempre più caratterizzare le relazioni internazionali. In tale teatro ottimistico e sostanzialmente pacificato, di un mondo a trazione statunitense, l’“Ultimo uomo” di Fukuyama avrebbe interpretato il ruolo principale: il “primo uomo” di Hobbes, mosso dalle passioni e dai bassi istinti, sarebbe stato soppiantato dalla razionalità dell’uomo appartenente alla nuova e vincente ricetta politico-economica.

Se Francis Fukuyama era stato il “portavoce” di tali istanze di pace perpetua kantiana, Kenichi Ohmae in The End of the Nation States si spingeva ancor più oltre, evidenziando nei suoi scritti degli anni Novanta due aspetti fondamentali: le economie pienamente capitalistiche avrebbero oltrepassato i confini nazionali, stabilendo la propria primazia al di sopra del fattore più strettamente politico. Ne derivava, per effetto diretto, che lo Stato nazionale non sarebbe più esistito quale ente sovrano e centrale delle relazioni internazionali. Il superamento dell’economia sulla politica avrebbe posto fine alle categorie del pensiero politico che si fondava sullo Stato nazionale e, ancor di più, sarebbe venuto meno il suo fondamento geopolitico, il confine. In The borderless world Ohmae sottolineava proprio questo aspetto: i confini, nell’assenza progressiva dello Stato, avrebbero perso gran parte del loro intrinseco significato.

E allora come coniugare tali tesi, nel decennio delle illusioni, forse più prospero e positivo della storia più recente, con quella della Geografia dell’incertezza? La caduta del muro aveva infatti solo parzialmente e apparentemente stabilito una nuova verità, un nuovo e univoco centro del mondo rappresentato dagli Usa. L’America, pur essendo la più imponente potenza al mondo, avrebbe dovuto essere il garante del Nuovo Ordine Mondiale – concetto questo che si affermò pienamente proprio in quella fase – ma si trovò a confrontarsi con dei mutamenti geopolitici di enorme portata: il riemergere delle conflittualità etniche nell’Est europeo, il fenomeno migratorio nella sua complessità in conseguenza di un evento critico, la riaffermazione dell’indipendenza statuale da parte di 15 stati nella sola Europa orientale. Tali “sommovimenti” sistemici corrispondevano non a caso al pieno riaffermarsi della geopolitica, che trovò nuova linfa proprio in quei primi anni post-89, in Francia, Italia e poi su scala globale, con riviste specializzate e una nuova attenzione a questa branca della geografia. Perché si stava assistendo a quella che Robert Kaplan avrebbe definito come la Revenge of Geography, la rivincita della geografia. Una “vendetta” del fattore territoriale, che significava al contempo risorse naturali, materie prime, ma ancor di più identità e appartenenze, etnie e religioni.

La geografia, e con essa le geopolitica, tornavano in altre parole ad essere fattori cruciali nei rapporti tra popoli e organizzazioni statuali. La logica territoriale assumeva di nuovo un ruolo di primo piano, dopo che era stata soppiantata da quella puramente ideologica, soprattutto nel contesto socialista.

Tale tesi si rifaceva in parte a quella sostenuta da un autore che si discostava dal quadro estremamente positivo dei primi anni Novanta. Samuel Paul Huntington, in una logica di realismo politico, ragionava infatti sui possibili destini del mondo all’indomani della Guerra fredda: non una pacificazione derivante dal processo di globalizzazione, non la vittoria dell’economia integrata con la politica, ma una conflittualità insita nel sistema stesso e incentrata sulle singole civiltà che lo componevano. La sua suddivisione in nove macroregioni corrispondeva ai principali blocchi culturali che li accomunavano, di carattere prevalentemente religioso: un aspetto, questo, che riemergerà drammaticamente a partire dall’attacco alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001, smentendo pienamente i presupposti immaginati da Fukuyama e Ohmae.

Se nel 1989 si era aperto il decennio delle illusioni e dell’unipolarismo imperante, nel settembre del 2001 quel sogno e quel decennio erano d’un colpo tramontati, facendo tragicamente emergere l’essenzialità delle relazioni internazionali e dell’attore che le compone: lo Stato nazionale e, accanto ad esso, il tema dell’appartenenza.

Con il Muro erano crollate anche le certezze di un mondo che aveva stabilito i suoi poli ordinatori e che su di essi aveva basato la proprio pur instabile garanzia esistenziale. L’apertura di quella breccia avrebbe significato l’apparente unità del mondo sotto la chiave di lettura della globalizzazione ma, nel contempo, avrebbe fatto emergere il carattere polemico insito nella logica geopolitica, che di lì a breve si sarebbe riflesso in una continua incertezza: geografica, geopolitica ed esistenziale. Un’incertezza connaturata alle relazioni internazionali e alla globalizzazione e che ancora oggi contraddistingue, nella sua perdurante drammaticità, il nostro mondo e le sue dinamiche conflittuali.

 

 

Per approfondire: La geografia dell’incertezza (di Alessandro Ricci, Roma, 2017)

Di questi temi si parlerà in occasione della XIV Winter School in Geopolitica e Relazioni Internazionali (7 marzo – 30 maggio 2020). Cos’è la Winter School? La WS è il programma di formazione di Geopolitica.info pensato per fornire nuove competenze e capacità di analisi a studenti e professionisti sui principali temi della politica internazionale. Scopri di più!