Costruire le Nazioni Unite inclusive con Taiwan a bordo

Pubblichiamo in maniera integrale il comunicato del Ministro degli affari esteri di Taiwan, Dr. Jaushieh Joseph Wu, sulla necessità di incentivare la partecipazione taiwanese nelle Nazioni Unite.

Costruire le Nazioni Unite inclusive con Taiwan a bordo - GEOPOLITICA.info

Lo scorso luglio, la Presidente della Repubblica di Cina (Taiwan), Tsai Ing-wen è transitata a New York, un’icona di diversità e di libertà e sede delle Nazioni Unite, preludio alla sua visita di stato agli alleati diplomatici di Taiwan nei Caraibi. Durante l’incontro con i Rappresentanti permanenti alle Nazioni Unite degli alleati di Taiwan, la Presidente Tsai ha ribadito che i 23 milioni di Taiwanesi hanno il diritto di partecipare al sistema delle Nazioni Unite.

Ha inoltre sottolineato che Taiwan è impegnata a unirsi con i partner globali per contribuire a raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDG) per forgiare il mondo che vogliamo e il futuro di cui abbiamo bisogno. Gli SDG rappresentano un modello per un futuro migliore e più sostenibile, con l’obiettivo di guidare il mondo lungo un percorso sostenibile e resiliente senza che “nessuno sia lasciato indietro”. Nel Forum Politico ad Alto Livello sullo Sviluppo Sostenibile di luglio, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha nuovamente sottolineato la necessità urgente di accelerare le azioni necessarie. Allo stesso modo, ha invitato le nazioni a far avanzare “l’Imperativo dell’inclusione” perché “lo sviluppo non è sostenibile se non è giusto e inclusivo”.

I principi di inclusione e di non lasciare indietro nessuno sono fondamentali per la realizzazione degli SDG. Taiwan, una democrazia a tutti gli effetti, ha compiuto notevoli progressi nell’adempimento degli SDG e ha fornito assistenza ai paesi bisognosi. Ciononostante, continua a essere esclusa dalla partecipazione a riunioni, meccanismi e attività correlate a causa di interferenze politiche. Ciò ha minato seriamente il principio di partenariato, la base degli SDG, che richiede la partecipazione di tutti i paesi, di tutte le parti interessate e di tutti i popoli. Taiwan è disposta e pronta a condividere la sua storia di successo e contribuire ulteriormente allo sforzo collettivo per raggiungere gli SDG.

Dopo molti anni di sforzi, Taiwan ha fatto passi da gigante per alleviare la povertà e raggiungere la fame zero. La nostra percentuale di famiglie a basso reddito è stata ridotta all’1,6 per cento. Lanciato nel 1993, il programma di assicurazione sanitaria nazionale copre ora il 99,8 per cento della popolazione. Nel 2018, il nostro tasso di riciclaggio dei rifiuti ha raggiunto il 55,69 per cento, il nostro tasso di alfabetizzazione è al 98,8 per cento e il nostro tasso di mortalità infantile al 4,2 per mille. Queste cifre superano di gran lunga gli standard SDG. Il governo di Taiwan ha inoltre identificato sei principali aree di interesse in relazione agli SDG: gestione intelligente delle risorse idriche, trasformazione sostenibile dell’energia, aria pulita, gestione sostenibile dei materiali e economia circolare, conservazione ecologica e reti ecologiche, partenariati internazionali. Queste aree completano il tema principale del Forum Politico ad Alto Livello delle Nazioni Unite del 2018, gli SDG e le 5P – persone, pianeta, pace, prosperità e partenariato – cui si fa riferimento nell’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.


Negli ultimi anni, Taiwan ha fornito assistenza allo sviluppo e avviato programmi di cooperazione con i paesi partner nel Pacifico, in Asia, Africa, America Latina e nei Caraibi. Solo nel 2018, Taiwan ha condotto progetti di sviluppo nelle aree di interesse SDG in 39 paesi. Continueremo a seguire le tendenze internazionali e le esigenze dei paesi partner per garantire che tutte le operazioni siano allineate all’SDG.

Considerando la solida esperienza e il contributo di Taiwan, è assurdo che a Taiwan sia vietato condividere esperienze e informazioni importanti che potrebbero essere utilizzate per coordinare meglio gli sforzi internazionali.

La base giuridica spesso citata per escludere Taiwan dalle Nazioni Unite è la risoluzione 2758 (XXVI), adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1971. Tuttavia, la risoluzione non affronta il problema della rappresentanza di Taiwan nelle Nazioni Unite, né afferma che Taiwan faccia parte della Repubblica popolare cinese (RPC). Di fatto, Taiwan non fa parte della RPC e non lo è mai stata. Solo il governo democraticamente eletto di Taiwan può rappresentare i suoi 23 milioni di persone. Sfortunatamente, le Nazioni Unite continuano ad abusare e interpretare erroneamente la risoluzione per giustificare l’esclusione e l’isolamento illegali di Taiwan.

Le organizzazioni internazionali sono create per raggiungere gli obiettivi comuni dei suoi membri, non per servire gli interessi di un solo membro. L’articolo 100 della Carta delle Nazioni Unite afferma chiaramente che “Nell’adempimento delle loro funzioni, il Segretario Generale e il personale non devono chiedere o ricevere istruzioni da alcun governo o da qualsiasi altra autorità esterna all’Organizzazione”. Purtroppo, le Nazioni Unite si adeguano pigramente ogni volta che la Cina cerca di imporre il suo cosiddetto “principio di una Cina” al sistema delle Nazioni Unite. L’esempio più recente riguarda dozzine di ONG a cui viene negato lo Status Consultivo dal Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite semplicemente perché un riferimento a Taiwan nei loro documenti contraddice le richieste della Cina.

Una ONU veramente inclusiva non lascerebbe indietro nessuno. Oggi, tuttavia, i titolari di passaporto di Taiwan sono bloccati all’ingresso nei locali delle Nazioni Unite per visite e riunioni pubbliche. Anche ai giornalisti e ai media di Taiwan viene negato l’accreditamento per coprire le riunioni delle Nazioni Unite. Queste pratiche sono ingiuste e discriminatorie e contravvengono al principio di universalità su cui è stata fondata l’ONU. Le Nazioni Unite dovrebbero rendere le proprie azioni e parole congruenti e adottare misure immediate per rettificare le sue pratiche di esclusione.

Questa terribile situazione non intimidisce ora, né lo farà mai, Taiwan. Taiwan è pronta, disposta e in grado di contribuire. Se le Nazioni Unite continuano a cedere alla coercizione cinese, respingendo la partecipazione di Taiwan, ciò incoraggerà solo l’insensibilità di Pechino. Anche gli sforzi volti a conseguire l’obiettivo della cooperazione internazionale nel risolvere i problemi internazionali di carattere economico, sociale, culturale o umanitario e nel promuovere e incoraggiare il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali per tutti, come indicato all’articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite , saranno compromessi. Se l’ONU è seriamente intenzionata a promuovere l’inclusione e rendere lo sviluppo sostenibile per tutti, dovrebbe aprire le sue porte a Taiwan.