Il Nation Branding come strategia di Diplomazia Pubblica a Taiwan

Nella seconda parte dello studio dedicato al Soft Power taiwanese sono analizzati i limiti della Public Diplomacy taiwanese, sostanzialmente legati al peculiare rapporto con la Repubblica Popolare cinese e alle restrizioni imposte da Pechino a ogni iniziativa di promozione culturale di Taiwan diretta al di fuori dei propri confini.

Il Nation Branding come strategia di Diplomazia Pubblica a Taiwan - GEOPOLITICA.info

Qualsiasi proiezione internazionale non può essere messa in pratica senza una previa concettualizzazione della politica culturale interna, quindi qualsiasi riferimento a Diplomazia Pubblica e Soft Power a Taiwan, dove l’identità nazionale è stata interpretata e ricostruita più volte negli ultimi decenni, diventa una operazione complessa Leggi qui. Le questioni legate alla Public Diplomacy sono strettamente collegate ai costrutti dell’identità nazionale sia per quanto riguarda quelli generati da processi di auto-percezione sia per quelli artificialmente costruiti dall’apparato statale. L’identità taiwanese è stata descritta come “un processo discorsivo aperto” e come “una moltitudine di narrative politicamente costitutive, parziali e negoziate”. Mentre la Public Diplomacy e il Soft Power hanno molti punti in comune nella maggior parte dei paesi, il caso taiwanese è totalmente diverso.

La cerimonia di apertura del Taiwan Film Festival a Vancouver. Il cinema rappresenta un’ottima fonte di promozione culturale per Taiwan.

A Taipei, è buona pratica considerare la mancanza di notizie dedicate a Taiwan come un elemento sostanzialmente positivo. Qualsiasi riferimento alla politica e alla proiezione internazionale taiwanese solleva inevitabilmente ripercussioni, spesso esacerbando le relazioni con Pechino. Nel caso di azioni mirate alla riconciliazione con la Repubblica Popolare cinese, le reazioni interne sono forti. La cautela e l’attenzione che costituiscono la norma nella comunicazione diplomatica di qualsiasi paese diventano ancora maggiori nel caso di Taiwan, i funzionari taiwanesi intervistati nel corso di numerose ricerche effettuate negli scorsi anni ha esplicitamente menzionato come la catena di comando della comunicazione sia assolutamente rigida e meticolosamente strutturata. La costante caratteristica della comunicazione verso l’esterno della ROC è sempre stata incentrata su un’attenta ponderazione, un modalità che è pianificata attraverso una serie di approvazioni e veti per ogni singola iniziativa o comunicazione. Un modello che ovviamente non è molto adatto alla comunicazione globale contemporanea, specialmente quella veicolata dai nuovi media. Anche le iniziative focalizzate esclusivamente a livello culturale sono soggette a proteste e boicottaggi da parte della Repubblica Popolare cinese. Un esempio significativo è la richiesta di Pechino nel 2003 di mantenere il padiglione di Taiwan fuori dal programma ufficiale della Biennale di Venezia. Da allora il padiglione taiwanese è stato inserito tra gli “Eventi collaterali”.

“Living with Sky, Water and Mountain: Making Places in Yilan”. Il progetto presentato alla Biennale di Architettura del 2018 nel padiglione di Taiwan.

Il ruolo della diplomazia culturale nel presentare un’immagine nazionale e il suo contributo al conseguimento degli interessi nazionali è oggetto di numerosi studi nel campo delle IR. Il caso del Taiwan con le sue peculiarità dovute al rapporto con la Repubblica Popolare cinese e la difficoltà di presentare un’immagine unica e distinta per il pubblico europeo rappresentano un campo di ricerca molto interessante. L’enfasi sull’immagine nazionale all’interno della diplomazia culturale potrebbe essere progettata attorno a specifici punti di interesse, diretti a diversi soggetti. Alcuni studiosi di Cultural Diplomacy hanno recentemente avanzato una proposta per strutturare immagini e proiezioni nazionali distinte per i vari soggetti interessati, una soluzione che potrebbe essere la più adatta per una proiezione taiwanese in Europa. Un approccio personalizzato che potrebbe concentrarsi sul carattere distintivo e vitalità culturale di Taiwan, ma anche sui suoi risultati economici e tecnologici che descrivono il paese come un percorso verso la cultura cinese e una miscela di antico e moderno.

Il Padiglione ideato in occasione dell’Expo di Milano nel 2015 nella centralissima piazza Santo Stefano. L’iniziativa promosso da Taiwan to Go ha permesso di scoprire i sapori della cultura gastronomica di Taiwan, nonostante l’esclusione dal programma ufficiale voluta da Pechino.

Nation Branding

Le dinamiche internazionali hanno creato una competizione sempre più marcata tra i diversi stati per ottenere la massima visibilità possibile. Questa non è ovviamente una situazione senza precedenti, dal momento che la nascita degli Stati nazionali ha avuto una dinamica di costruzione dell’identità nazionale attraverso diverse categorie come una cultura condivisa, una storia comune e un simbolismo unico. Tuttavia, questo è stato un processo di standardizzazione interna, rivolto principalmente ai propri cittadini. Mentre nel mondo contemporaneo le identità nazionali sono già modellate e il processo è diretto verso pubblici e società straniere. Il concetto di Nation Branding è stato fortemente criticato negli ultimi anni da vari studiosi, in particolare per l’uso eccessivo di pratiche di marketing legate a una dimensione complessa come quella dell’identità nazionale.

La stessa definizione del concetto presenta ovvie controversie. Ai fini di questo lavoro è possibile fare affidamento su una definizione essenziale di Nation Branding come una dinamica che ha il suo obiettivo nel migliorare la percezione generale di un paese nel pubblico straniero o, come sottolinea Peter van Ham: “Nation Branding è il sforzo cosciente dei funzionari statali per definire / ridefinire la comprensione e la visione del proprio paese da parte della gente “. Gyorgy Szondi nella sua Public Diplomacy and Nation Branding: Similarity and Differences traccia le differenze tra Public Diplomacy e Nation Branding in modo molto efficace, sottolineando il contesto depoliticizzato e l’obiettivo centrato principalmente sugli interessi economici della Nation Branding, in contrapposizione alla natura puramente politica estranei a un discorso sull’identità della diplomazia pubblica. Una depoliticizzazione dell’azione di proiezione internazionale di Taiwan appare chiaramente come una dimensione favorevole alla luce della peculiare situazione delle relazioni internazionali del paese. La maggior parte delle “nuove nazioni” soffrono di notevoli difficoltà nella proiezione internazionale a causa sia dell’esistenza di precedenti narrazioni fortemente radicate nell’opinione pubblica e dei discorsi trasmessi dai media. Una tendenza che riguarda principalmente quei paesi nati all’indomani del crollo del blocco sovietico, ma che è comunque direttamente attribuibile al caso taiwanese data la sostanziale differenza tra il paese prima e dopo le riforme democratiche.

Una delle incredibili installazioni alla Taichung World Flora Expo 2018 a Taiwan.

A differenza di altri paesi della regione, come la Corea del Sud, il processo di democratizzazione ha comportato una ridefinizione totale della sua identità culturale insieme a un processo di de-sinicizzazione. Una prospettiva interessante è stata proposta da Adina Simona Zemanek, che ha presentato un’elaborazione del concetto di Nation Branding collegato alle dinamiche dei grassroots agents. L’approccio metodologico adottato da Zemanek può essere utile per un reale coinvolgimento di tutti gli attori sociali in una dinamica di Nation Branding che va oltre una strategia eccessivamente legata agli stimoli del governo. Tuttavia, va ricordato che un approccio alla diplomazia basato sul marketing può essere un’arma a doppio taglio per Taiwan, nonostante sia un’opzione interessante. Come Jan Melissen ha sottolineato il Nation Branding: “è considerato favorevolmente in un certo numero di paesi in transizione e anche tra le nazioni molto piccole e invisibili”. Approcci critici al concetto di Nation Branding, e in particolare all’utilizzo fatto da comunicatori di professione di questioni intrinsecamente legate all’interesse nazionale, possono essere facilmente trovati in molti saggi e studi che espongono chiaramente i limiti e le incognite di queste strategie operative e la limitata possibilità di verifica empirica dell’effettiva attuazione. Tuttavia, la capacità operativa del concetto al di fuori dei rigidi schemi della Public Diplomacy, e in questo modo lontano dalle continue tensioni con la Repubblica Popolare cinese, può costituire una valida modalità di azione per la proiezione taiwanese al di fuori dei confini nazionali. Almeno alcuni elementi tipici della strategie operative del Nation Branding possono costituire una metodologia pratica efficace per Taiwan.

Leggi anche