Mitigare la coercizione economica della Repubblica Popolare cinese. Parla Stephen Nagy

Una intervista di Stefano Pelaggi con Stephen R. Nagy, Senior Associate Professor al Dipartimento di Politics and International Studies della International Christian University di Tokyo e visiting fellow presso il Japan Institute for International Affairs, sulla coercizione economica cinese. Il professor Nagy ha studiato le tattiche punitive messe in atto da Pechino contro le democrazie liberali negli scorsi anni e ha proposto una serie di meccanismi multilaterali per creare maggiore resilienza contro questo tipo di coercizioni. A seguire trovate la traduzione di un articolo uscito sul Japan Times, sul tema delle coercizioni economiche cinesi, che ha suscitato un acceso dibattito in Giappone.

Mitigare la coercizione economica della Repubblica Popolare cinese. Parla Stephen Nagy - Geopolitica.info

D.: Il Canada, l’Australia, il Regno Unito e gli Stati Uniti sembrano determinati a trovare una linea guida comune nelle relazioni con Pechino, anche alla ricerca di una dinamica multilaterale per esprimere le critiche alle politiche della RPC. Mentre l’Unione europea non sembra trovare una sola voce verso Pechino. Quali pensi possano essere le azioni dell’Unione europea per ridurre le politiche coercitive della Repubblica popolare cinese?

R.: Il comportamento coercitivo della Cina contro le potenze medie e potenzialmente l’UE è correlato alle relazioni commerciali ed economiche asimmetriche che esistono tra di loro. Pechino è abile nell’usare le falle nell’OMC per punire gli Stati che assumono comportamenti che considera contro gli interessi della Cina. Allo stesso tempo, l’applicazione di tattiche coercitive da parte di Pechino è mirata e spesso legata alla tensione delle relazioni tra il paese preso di mira e gli Stati Uniti. Per ridurre il potere di queste tattiche ben sviluppate, l’UE deve lavorare con stati affini come Canada, Giappone, Australia e Stati Uniti per sollecitare la riforma dell’OMC o avanzare verso un graffio e costruire un nuovo modello basato sul CPTPP e o forse l’APE Giappone-UE. In entrambi i casi, chiudere le opportunità di costringere l’UE a riformare è fondamentale. Un’altra parte di tale processo dovrebbe riguardare i costi di reputazione per comportamenti scorretti e impegni da parte dei membri dell’UE a sostegno degli Stati membri presi di mira dalla Cina. Anche in questo caso, lavorare con stati affini è importante per creare una massa critica di paesi e istituzioni per respingere la coercizione.

D.: La visita annunciata di Xi Jinping in Giappone è stata rinviata, mentre l’opinione pubblica giapponese sembra sempre più ostile nei confronti di un riavvicinamento con la Repubblica popolare cinese. Qual è la causa di questo deterioramento delle relazioni tra Tokyo e Pechino? Quanto hanno influito gli eventi di Hong Kong e quanto ha colpito la pandemia di Covid-19?

R.: Le sfide fondamentali delle relazioni Giappone-Cina non sono state affrontate nonostante lo scongelamento superficiale delle relazioni. Controversie territoriali nell’ECS, comportamento assertivo della Cina nelle SCS potenzialmente destabilizzanti vie di comunicazione marittime (SLOC), l’internamento degli Uiguri, l’adozione della nuova legge sulla sicurezza nazionale sono tutti esempi della svolta verso un duro autoritarismo che sembra determinato a garantire egemonia regionale con caratteristiche cinesi. Il Giappone (e la regione) ha prosperato nell’ordine basato sulle regole che è stato sviluppato nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale. Le azioni della Cina, oggi minacciano quell’ordine e il suo comportamento predatorio nel periodo COVID-19 ha intensificato le preoccupazioni circa il riemergere della Cina alla centralità regionale sotto il presidente XI. Il Giappone e altri stati della regione vogliono mantenere relazioni commerciali ed economiche con la Cina, ma la loro crescente preoccupazione è che gli sviluppi interni in Cina e negli Stati Uniti e la Cina rendano le relazioni di sostegno un compito sempre più precario. Saggiamente, il Giappone ha rafforzato la pietra angolare della sua politica estera, l’alleanza USA-Giappone, mentre lavora in modo proattivo con altri stati affini per limitare la Cina. Questo atto di bilanciamento vedrà il Giappone continuare a coinvolgere la Cina garantendo nel contempo che la sua sicurezza nazionale che si basa sulla sicurezza economica sia diversificata, resiliente e basata su regole.

Qui di seguito la traduzione dell’articolo già apparso sul Japan Times.

Mitigare la coercizione economica della Cina

La Cina ha recentemente intensificato la sua coercizione economica contro l’Australia imponendo due tariffe all’importazione di orzo australiano. Il primo è una tariffa del 73,6 per cento sul prodotto agricolo e il secondo un ulteriore 6,9 per cento sostenendo che il governo australiano sovvenziona i suoi agricoltori per coltivare questo raccolto redditizio.

Tenendo conto del divieto di importazione di carne bovina su quattro macelli australiani, Pechino sta facendo pressioni su Canberra per far cadere le sue richieste di un’indagine indipendente sul COVID-19 applicando coercizioni economiche all’Australia per quello che Pechino percepisce come un comportamento intollerabile in un paese che ha “beneficiato così profondamente” dal commercio con la Cina.

Queste azioni sollevano seri interrogativi per il Giappone e i suoi alleati. In che modo il Giappone risponde a una così chiara dimostrazione di coercizione economica punitiva contro uno degli amici più cari di Tokyo nella regione? E le altre parti interessate? Gli esportatori canadesi, americani e di altri paesi sfruttano le spinose relazioni dell’Australia con Pechino, come ha fatto il Brasile nel bel mezzo della guerra commerciale USA-Cina esportando soia e altri prodotti agricoli?

Guardando al breve termine, specialmente sulla scia del danno economico causato dalla pandemia di COVID-19, la logica della convenienza per consegnare rapidamente beni economici all’industria agricola in difficoltà è ragionevole. In quello scenario, quei paesi con relazioni amichevoli con la Cina colmerebbero il vuoto creato dalla coercizione economica contro l’Australia. Tra i candidati vi sono Brasile e Russia, tra gli altri. A medio e lungo termine, questo invia un messaggio sbagliato agli stati che si impegnano nella coercizione economica. Il messaggio che viene inviato qui è che i paesi vulnerabili alle misure economiche punitive hanno poca scelta di cedere alle richieste cinesi o di altri, poiché altri stati non si opporranno collettivamente alla palese coercizione economica.

Cosa si può fare?

Il Giappone e altri stati democratici liberali non possono compensare il volume di esportazioni agricole e di altro tipo consumato dal mercato cinese. Anche se potessero aprire i loro mercati come alternativa temporanea, rimarrebbe comunque un enorme divario. Tuttavia, un accordo per l’acquisto di beni da uno stato preso di mira può alleviare parte della pressione economica applicata dagli stati coercitivi.

Duanjie Chen del MacDonald Laurier Institute dal Canada sottolinea correttamente che Pechino pratica la coercizione economica in modo sofisticato, spesso usando metodi discreti per eludere le controversie dell’Organizzazione mondiale del commercio e calcolando con precisione il massimo impatto per dividere gli alleati occidentali.

Per ridurre l’efficacia di queste pratiche, il Giappone e altri stati affini devono essere consapevoli di questi schemi e costruire meccanismi multilaterali per creare maggiore resilienza contro tattiche economiche punitive. In primo luogo – eludendo discretamente le controversie dell’OMC – il Giappone e le altre potenze medie devono lavorare collettivamente per colmare le lacune nell’OMC, in maniera da evitare di venire sfruttati attraverso sanzioni economiche per gli Stati che Pechino ritiene attraversino la linea rossa.

Per svolgere questo compito, la riforma dell’OMC è cruciale e ciò significa fare pressioni collettive sugli Stati Uniti affinché collaborino con gli alleati per riformare l’OMC in modo che funzioni meglio e possa proteggere gli Stati membri dalle predazioni economiche. Se non è possibile raggiungere un consenso per riformare l’OMC, allora gli stati che la pensano allo stesso modo dovrebbero prendere in considerazione un approccio di tipo rottamazione e costruzione che inizia con paesi che la pensano allo stesso modo ma mira a raggiungere gli stessi obiettivi.

La seconda area identificata da Chen era il calcolo preciso per il massimo impatto. Il Giappone lo ha avvertito nel 2010 con l’embargo sulle terre rare, che ha danneggiato le sue imprese ad alta tecnologia e l’industria automobilistica. L’Australia lo sta provando ora con le sue industrie di manzo e orzo. Il Canada ha subito misure simili contro le sue industrie di colza, soia e carne di maiale a seguito dell’arresto del dirigente Huawei Meng Wanzhou. La tattica includeva persino la diplomazia degli ostaggi di Michael Kovrig e Michael Spavor, cittadini canadesi che sono ancora detenuti fino ad oggi.

L’attenuazione di questo approccio rigoroso richiede un approccio multilivello e una cooperazione multilaterale. Al primo livello, gli stati che la pensano allo stesso modo devono fare brainstorming e impegnarsi in una equa reciprocità della coercizione economica. Ad esempio, fermare collettivamente l’esportazione di ingredienti chiave, componenti o altro, in Cina fino a quando non si interrompe la coercizione.

Qui vengono in mente i prodotti agricoli. La classe media in crescita in Cina ha anche un crescente appetito per i prodotti agricoli di alta qualità e sicuri provenienti da paesi come Giappone, Australia, Canada, Stati Uniti e Unione Europea. Questi stati affini dovrebbero trovare il modo di limitare collettivamente le loro esportazioni agricole quando uno o più dei suoi membri sono soggetti a coercizione economica. La Cina è vulnerabile anche in altre aree.

Il rischio reputazionale è la leva critica che dovrebbe essere applicate in maniera collettiva. Chen menziona il ritiro dell’iscrizione dalla banca asiatica di infrastrutture e investimenti (AIIB) come possibile misura. Aggiungerei i memorandum d’intesa firmati nell’ambito dell’iniziativa Belt and Road (BRI) e anche progetti di infrastrutture di paesi terzi. Queste sono istituzioni cruciali in cui la Cina ha investito sia il tesoro che le risorse politiche per rafforzare le sue credenziali internazionali come fornitore di beni pubblici globali.

Il Giappone svolgerebbe un ruolo chiave qui in quanto Pechino ha assiduamente sollecitato il Giappone a unirsi ai progetti BRI e di infrastrutture di paesi terzi come un modo per costruire credibilità per il BRI. Senza i partner, le iniziative di firma della Cina non possono essere internazionalizzate e la Cina non sarà riconosciuta come uno stakeholder ammirato e responsabile a livello globale. Un’altra iniziativa chiave che sarà adottata collettivamente dal Giappone e da altri paesi nei loro negoziati commerciali con Pechino è una clausola che proibisce espressamente la coercizione economica sul Giappone o sui suoi alleati. Questo tipo di clausola potrebbe essere inclusa in altri accordi commerciali e negoziati che Pechino ritiene fondamentali per il suo sviluppo socioeconomico.

Pensando in modo creativo, il Giappone e i paesi che la pensano come Canada, Australia e Corea del Sud dovrebbero pensare a modalità per introdurre la propria “pillola del veleno” negli accordi commerciali. Gli Stati Uniti hanno fatto questo con l’accordo di libero scambio USMCA con il Canada e il Messico con l’inclusione di una clausola in cui gli Stati Uniti avevano un veto sul Canada e sugli altri partner di libero scambio del Messico, in particolare se uno dei due aveva concluso un accordo di libero scambio con un “paese non commerciale”, ovvero la Cina.

In questa ipotetica pillola del veleno, o chiamiamola “clausola del moschettiere”, gli accordi commerciali potrebbero includere una clausola che impone ai partner di rispondere collettivamente alla coercizione economica contro uno dei suoi membri esercitando pressioni diplomatiche, economiche e di altro genere sull’attore offensivo. Questo potrebbe essere un boicottaggio collettivo, un lobbismo collettivo nelle organizzazioni internazionali, un aumento reciproco delle tariffe collettive, ecc. In breve, un’incarnazione del famoso motto dei Tre Moschettieri “Uno per tutti, tutti per uno”.

La terza area che deve essere affrontata è la tattica di cercare di dividere gli alleati occidentali. La suddetta ipotetica clausola andrebbe in questa direzione creando gruppi di stati affini interessati a proteggere i loro interessi nazionali e collettivi. Questo non sarà abbastanza. Dato che la Cina è il principale partner commerciale di Giappone, Corea del Sud, Australia e molti stati dell’ASEAN, deve avvenire un riequilibrio economico in cui gli Stati collettivamente si allontanano socialmente dalla Cina. Qui, la chiave è che sono meno dipendenti dalle relazioni bilaterali per la prosperità economica e più dipendenti da relazioni commerciali multilaterali equilibrate con una raccolta di paesi e di Cina orientati allo stesso modo.

Il disaccoppiamento completo dalla Cina non è realistico considerando il livello di integrazione delle nostre economie. Inoltre non è nell’interesse economico o di sicurezza degli stati in questione né della comunità globale. Ciò che è nell’interesse del Giappone, dell’Australia, della Corea del Sud, del Canada e di altre potenze medie e potenze minori è trovare modi per sostenere un ordine internazionale basato sulle regole e respingere un track record di politiche economiche coercitive.

La resistenza non è futile. Le vittime della coercizione economica devono incanalare la propria Winston Churchill ed incarnare le sue opinioni sul non arrendersi mai di fronte alla forza: “Questa è la lezione: non arrenderti mai, non arrenderti mai, mai, mai, mai, mai – in niente, grande o piccolo, grande o meschino – non arrendersi mai se non per convinzioni d’onore e buon senso. Non cedere mai alla forza; non cedere mai alla potenza apparentemente schiacciante del nemico.”

Qui l’articolo originale, apparso sul Japan Times del 21 maggio 2020.