Perché l’Isis è una minaccia geopolitica

Le origini dello Stato Islamico dell’Iraq e al Sham (Isis) risalgono a quando Abu Musab al Zarkawi, dopo essersi formato militarmente nella guerra d’Afghanistan contro l’Armata rossa, negli anni Novanta fondò la Jamat al Tawhid wa-l-Jihad. Durante la guerra irachena, al Zarkawi fu attaccato dai vertici di al Qaeda, per l’uso eccessivo della violenza verso la popolazione irachena, piuttosto che contro le truppe della Coalizione, nonché per la propensione eccessivamente radicale nell’imposizione della shari‘a. Un’impasse interna che non poté far altro che ampliarsi nel 2006 in seguito alla morte del terrorista giordano. Dapprima sconosciuta e composta da poche dozzine di militanti non iracheni, l’organizzazione, quindi, si è progressivamente imposta all’attenzione generale creandosi una fama che ha varcato i confini dell’Iraq (dove dal 2004 era diventata nota come al Qaeda nella Terra dei due fiumi o al Qaeda in Iraq). La sua aggressività, unita all’efficienza operativa sul campo, ha attirato, infatti, l’attenzione dei servizi di intelligence internazionali.

Perché l’Isis è una minaccia geopolitica - Geopolitica.info

In seguito vennero fondati l’organizzazione Majlis Shura al Mujahedin e poi lo Stato Islamico in Iraq. Quest’ultimo rappresenta idealmente il diretto predecessore dell’Isis che, secondo il progetto originario, avrebbe dovuto estendersi sulla maggior parte dell’Iraq centro-occidentale. La realizzazione del piano politico-militare degli eredi politici di al Zarqawi, tuttavia, non è corrisposto del tutto alla sua versione sulla carta, essendosi scontrato con le resistenze dei leader delle tribù locali e con l’opposizione della popolazione nelle regioni irachene a maggioranza sunnita. Si è così aperto un periodo di crisi per l’organizzazione, che inizia nel 2006 (subito dopo l’uccisione di al Zarqawi), culminando nel 2010, con l’uccisione dei suoi uomini al vertice, Abu Ayyub al Masri e Abu Omar al Baghdadi, e con il conseguimento del potere da parte di Abu Bakr al Baghdadi. L’attuale Isis è stata in grado di sfruttare la progressiva frantumazione del campo iracheno, trovando nell’acuirsi della crisi siriana la via preferenziale per valicare i confini dell’Iraq. In questa prospettiva la filiazione locale di al Qaeda, Jabhat al Nusra, ha rappresentato un naturale alleato, con la quale tuttavia, i rapporti non sono mai riusciti a diventare idilliaci. In breve tempo, si arrivò allo scontro tra il leader di al Qaeda, al Zawahiri e Abu Bakr al Baghdadi. La capacità di unire i due “palcoscenici”, siriano e iracheno, ha consentito di fatto al secondo di rilanciare il suo progetto militare e geopolitico, proseguendo inesorabilmente fino alla proclamazione del califfato del 29 giugno scorso.

Con questo atto l’Isis ha definito il suo obiettivo nel lungo periodo, attribuendo al suo leader il duplice potere, sia temporale che spirituale, di comandante dell’umma (intesa sia quale comunità religiosa che come soggetto politico). Nel breve e medio periodo, al contrario, l’obiettivo dell’ Isis è consolidare il proprio potere nei territori conquistati. Anzitutto nella dimensione della violenza, attraverso una legittimazione sul piano militare simmetrico che aveva sempre fatto difetto ad al Qaeda, e – forse – in seguito attraverso l’acquisizione di una soggettività internazionale legata all’assunzione dei tratti essenziali di uno Stato. Nonostante molte azioni dell’Isis equivalgano per efferatezza a quelle del gruppo di Bin Laden e al Zawahiri e di altre organizzazioni della galassia del radicalismo islamico, a livello politico l’organizzazione di al Baghdadi ha compiuto un vero e proprio salto di qualità rispetto ai gruppi islamisti del passato. Si proverà, in questa sede, a individuare sinteticamente i principali elementi caratterizzanti dell’Isis, che stanno imprimendo uno spostamento dalla configurazione di organizzazione terroristica pura verso una condizione più vicina a quella della statualità (si tratta per il momento solo di alcuni tratti che indicano un semplice avvicinamento al modello statale, che apparendo in via di formazione è sottoposto a esiti assolutamente incerti):

  1. Territorio: l’Isis ha rapidamente imposto e poi ampliato un controllo politico effettivo su porzioni di territorio siriano e iracheno, stabilendo una condizione simile al monopolio della coercizione fisica (resta da verificare quanto “legittimo” secondo l’accezione weberiana). È la prima volta che un gruppo di terroristi si impadronisce di un’area progressivamente più ampia e dai confini delimitati. Anche la pulizia etnico-religiosa contro yazidi, curdi e cristiani sembra seguire – seppur realizzata con lo zelo proprio del fanatismo religioso – manifesta la volontà di creare una comunità politica omogenea ben definita sotto il profilo culturale. Le truppe dell’Isis, inoltre, hanno conquistato alcune città di importanza strategica – Raqqa (la “capitale”), Aleppo e Abu Kamal in Siria e Mosul, Ramadi e Falluja in Iraq – che permettono il controllo su infrastrutture, passaggi nevralgici lungo i corsi fluviali del Tigri e dell’Eufrate, pozzi petroliferi e raffinerie. In questi territori l’Isis non si sta comportando come un gruppo terroristico tradizionale, cercandovi rifugio o possibilità di razzia, ma sta imponendo una macchina amministrativa, una nuova legge e le tasse come un governo “normale”. Durante l’estate, il gruppo è penetrato più in profondità nel territorio siriano, riguadagnando una porzione di territorio che aveva perso a vantaggio di altre formazioni ribelli, mentre in quello iracheno avanza verso Baghdad. Più difficoltà, invece, sembra aver incontrato nel tentativo di controllare le zona di frontiera, come quelle tra l’Iraq e la Siria e, soprattutto, quelle con la Turchia, per cui la presa di Kobane rappresenta un upgrade strategico;
  2. Organizzazione: l’Isis si contraddistingue per la struttura articolata – che richiama per molti versi l’organizzazione di governo di uno Stato – al cui vertice figura l’autoproclamatosi califfo Abu Bakr al Baghdadi, coadiuvato da un gruppo di consiglieri personali. Lungo la linea di comando seguono due delegati, uno responsabile per la Siria – Abu Ali al Anbar – e l’altro per l’Iraq – Abu Muslim al Turkmani – ai cui ordini rispondono rispettivamente dodici governatori. Questo segmento di vertice forma una sorta di esecutivo noto come al Imara. Nella piramide del potere figurano poi una serie di “consigli locali”, incaricati di occuparsi nei loro territori di competenza dei settori chiave per la sopravvivenza dell’organizzazione (giuridico, finanziario, militare, intelligence, comunicazione, arruolamento). La struttura è stata rinforzata dal reclutamento tra le sue fila di una parte dell’apparato militare e amministrativo dell’ex regime di Saddam Hussein, facendo leva sull’identità sunnita che ne ha impedito ogni tipo di reintegrazione durante il governo “sciita” di Nuri al Maliki. Le milizie dell’Isis – che vanno assumendo sempre più le sembianze di un vero e proprio esercito – posso contare, inoltre, sui circa 11.000 volontari giunti dai Paesi a maggioranza islamica (tra cui spiccano i 3000 volontari dalla Tunisia, i 2500 dall’Arabia Saudita, i 1500 dal Marocco, ma con volontari provenienti anche da Turchia e Algeria), ma anche dagli Stati occidentali che ospitano le comunità islamiche più ampie (più di 900 volontari dalla Francia e più di 800 dalla Russia, ma alcune decine provengono anche da Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Italia, Spagna, Belgio, Olanda e Kosovo);
  3. Economia: L’indotto generato dal commercio clandestino di petrolio e dall’attività delle raffinerie – le stime oscillano da uno a più di tre milioni di dollari al giorno – ha contribuito a trasformare l’Isis in uno dei gruppi terroristici con maggiori disponibilità economiche che la storia ricordi. L’organizzazione controlla molti dei pozzi petroliferi della Siria orientale e nell’Iraq centro-settentrionale. Nel mese di luglio, i miliziani hanno preso il controllo del più grande campo petrolifero siriano – Omar – che produce circa 30.000 barili al giorno e stanno concentrando la loro penetrazione militare in Iraq proprio nelle aree più ricche di risorse energetiche. Gli esperti stimano che i giacimenti di petrolio iracheni sotto controllo dell’Isis possono produrre dai 25.000 ai 40.000 barili di petrolio al giorno;
  4. Armamenti: Lo Stato Islamico ha rubato migliaia di armi e attrezzature da postazioni militari irachene ed è in possesso anche di carri armati e artiglieria pesante (come dimostrato anche dalle forze che hanno conquistato Kobane). Inoltre, ha intercettato forniture (inviate da governi stranieri) dirette verso altri gruppi ribelli siriani. Tra le armi ora in dotazione ai miliziani dell’Isis ci sarebbero anche fucili M16 e M4 che riportano la dicitura “Proprietà del Governo degli Stati Uniti” e che sono anche nelle mani delle forze sciite irregolari in Iraq (probabilmente fornite dagli Stati Uniti al nuovo esercito iracheno dopo la caduta del regime di Saddam Hussein). Non è da escludere, peraltro, che – non solo nelle fasi iniziali della guerra civile siriana – all’Isis siano arrivate direttamente forniture militari da alcuni Stati dell’area che hanno cercato di utilizzarla come strumento per far tramontare – o almeno a offuscare – la “mezzaluna sciita” disegnata dall’Iran su Siria, Iraq e Libano dopo il 2003.

Questi elementi contribuiscono a tracciare un profondo solco tra l’Isis e altre organizzazioni terroristiche che l’hanno preceduta, soprattutto tra quelle che hanno agito nella regione ribattezzata dall’intelligence statunitense “Grande Medio Oriente”. La stessa al Qaeda, che per anni ha costituito il gruppo islamista più temibile, non ha mai avuto il controllo diretto ed effettivo di un territorio, limitandosi ad influenzare – anche se in maniera significativa – le scelte del regime dei talebani in Afghanistan. Allo stesso modo la sua organizzazione, la sua capacità estrattiva di risorse economiche e la sua dotazione militare – sebbene realizzate su una scala maggiore rispetto al passato – restavano quelle di un’organizzazione terroristica.

Tali considerazioni, tuttavia, non possono far prevedere la trasformazione dell’Isis in un vero e proprio Stato, ma solo segnalare una tendenza geopolitica che sembra in atto e con cui – volenti o nolenti – gli Stati Uniti e i loro alleati dovranno fare i conti quanto meno nell’immediato futuro. Sull’evoluzione delle dinamiche in atto graveranno in misura determinante la capacità dell’Isis di rafforzare la sua legittimità tra la popolazione governata (se da una parte l’ha guadagnata con l’uso della violenza, dall’altra occorre notare che non ci sono stati esodi di popolazione sunnita dai territori conquistati), l’intensificazione degli attacchi aerei guidati dagli Stati Uniti in Siria e Iraq e sostenuti, boots on the ground, soprattutto dai peshmerga curdi, nonché la possibilità di un intervento militare della Turchia (alle condizioni espresse dal primo ministro Ahmet Davutoglu). La posizione dell’Isis, tuttavia, sta godendo dell’incapacità dell’Amministrazione Obama di sciogliere un dilemma geopolitico molto più complesso. Cercare l’appeasement con l’Iran – e quindi continuare con gli attacchi arei contro le postazioni dell’Isis, rinunciando al sostegno militare turco e all’abbattimento del regime di Assad – o riallinearsi con la Turchia e altri Paesi sunniti, tagliando così le radici all’Isis ma alzando la tensione sul capitolo del nucleare iraniano e affrontando un nuovo regime change in Siria?