Lo status internazionale di Taiwan

Uno dei temi politici più delicati che la Cina si è trovata a gestire negli ultimi anni riguarda la questione di Taiwan, un problema assai complesso che è stato causa di non poche tensioni tra Pechino e Taipei. Si tratta di un rebus diplomatico di difficile soluzione e le cui origini risalgono alle vicende cinesi degli anni immediatamente successivi al secondo conflitto mondiale. Ed il primo punto da evidenziare in questo intreccio riguarda il nome dello Stato, visto che il Paese indicato come Taiwan ufficialmente si chiama “Repubblica di Cina” e si considera il successore dello Stato repubblicano fondato nel 1912 da Sun Yat – sen.

Lo status internazionale di Taiwan - Geopolitica.info

Dopo la sconfitta per mano delle forze comuniste di Mao Zedong nel 1949, il governo nazionalista di Chiang Kai – shek si rifugiò sull’isola di Taiwan dove, secondo la versione ufficiale, si era “temporaneamente trasferito” nell’attesa di riassumere il controllo di tutto il Paese. Il regime nazionalista di Taipei, che si considerava come il legittimo rappresentante di tutta la Cina, forte del sostegno di Washington conservò così il suo seggio alle Nazioni Unite, sostenendo inoltre che la Repubblica Popolare non avesse l’effettivo controllo del territorio e potesse contare sul sostegno della popolazione.1 Al contrario Pechino, con l’appoggio dell’Unione Sovietica e degli altri Paesi socialisti, riteneva invece come il governo di Taipei dovesse essere escluso dai lavori dell’organizzazione non esercitando alcun controllo sul territorio cinese, sottolineando inoltre che la Cina rappresentava un quarto dell’intera popolazione mondiale. La richiesta di ammissione della Repubblica Popolare alle Nazioni Unite fu quindi respinta, con ampia maggioranza, dall’Assemblea Generale nel corso della sua quinta sessione del 1950. Da questo momento nel corso di ogni sessione la proposta di sostituire in rappresentanza della Cina i delegati di Taipei con quelli del governo di Pechino fu sempre rigettata, anche in virtù dell’espediente procedurale escogitato dagli Stati Uniti in base al quale era richiesta la maggioranza dei due terzi dei voti per l’approvazione della risoluzione. Tuttavia, il nuovo scenario geopolitico creatosi con il crescente numero di Stati del Terzo Mondo favorevoli a Pechino che entravano a far parte dell’ONU iniziava a rendere la posizione di Taipei sempre più precaria. Ma sarà il diverso atteggiamento degli Stati Uniti verso la Cina Popolare, reso possibile dall’emergere di un diverso quadro politico nella regione, a dare la vera svolta alla questione.

La rottura con Mosca faceva infatti della Cina un potenziale fattore di contenimento della politica sovietica in Asia, spingendo così l’amministrazione statunitense ad una progressiva apertura verso Pechino, culminata nella storica visita effettuata da Nixon nel 1972. Il forte significato politico del viaggio sarà confermato dalla sottoscrizione congiunta al termine dei colloqui al testo del “comunicato di Shanghai”, documento in cui si dichiarava l’appartenenza di Taiwan alla Cina e che costituiva di fatto il riconoscimento della Cina Popolare da parte degli Stati Uniti, anche se solo nel 1979 saranno avviate relazioni diplomatiche ufficiali tra Washington e Pechino. Sarà così che l’Assemblea Generale dell’ONU il 25 Ottobre 1971 approverà – con 76 voti favorevoli, 35 contrari e 20 astensioni tra cui quella degli Stati Uniti – la “Risoluzione 2758” con cui la Repubblica di Cina sarà espulsa dalle Nazioni Unite e sostituita dalla Cina Popolare che, di conseguenza, entrerà a far parte come membro permanente anche del Consiglio di Sicurezza. Per effetto della risoluzione – su cui, a dire il vero, esistono forti dubbi di legittimità2 – Taipei veniva impossibilitata a rientrare nell’organizzazione anche solo in rappresentanza del territorio sul quale il governo nazionalista esercitava la sua autorità, in quanto questa definiva l’isola come una provincia cinese priva di una propria soggettiva internazionale.3 Per Pechino quindi la “Repubblica Popolare Cinese” costituisce il solo legittimo governo del Paese e la sua proclamazione avrebbe posto termine all’esistenza della “Repubblica di Cina”, la quale oggi costituisce solo la ventitreesima provincia cinese e non possiede alcun titolo per agire come un’entità statale sulla scena internazionale. Queste affermazioni sono ovviamente respinte da Taipei che, citando a sostegno di questa tesi le vicende successive al secondo conflitto mondiale, al contrario sostiene invece come la “Repubblica di Cina” sia uno Stato sovrano e che la Cina Popolare non ha mai esercitato un’effettiva sovranità su Taiwan. Parte dell’Impero Cinese dal 1683 – anche se l’autorità era solo nominale – l’isola venne ceduta al Giappone nel 1895 con il Trattato di Shimonoseki e, dopo la resa delle armate nipponiche alle forze alleate nell’Agosto 1945, ritornò sotto il controllo del governo nazionalista di Chiang Kai – shek che poco dopo la dichiarò ufficialmente provincia della Repubblica di Cina, tanto che l’isola elesse otto rappresentanti allo “Yuan Legislativo” partecipando nel 1946 con i suoi delegati all’elezione del Capo dello Stato all’interno dell’“Assemblea Nazionale”. Gli eventi del dopoguerra non contribuiscono a definire completamente la questione. Nel Settembre 1945 il Comandante Supremo delle Potenze Alleate Douglas Mc Arthur emanò il “General Order No. 1” con il quale si ordinava alle forze nipponiche in Cina ed a Taiwan di arrendersi nelle mani di Chiang Kai – shek, un atto che per diversi studiosi rendeva incerto lo status dell’isola, essendo questa posta sotto il controllo del governo della Repubblica di Cina pur rimanendo ancora formalmente un territorio giapponese.

Questa difficile situazione sarà alla base della violenta protesta popolare esplosa il 28 Febbraio 1947 a Taiwan. Esasperata per il malgoverno delle autorità nazionaliste, la popolazione taiwanese chiese una maggiore autonomia all’interno della Repubblica di Cina oppure che l’isola venisse posta sotto l’amministrazione delle Nazioni Unite o proclamasse la sua indipendenza.4

Paesi con i quali la Repubblica di Cina intrattiene formali relazioni diplomatiche

Europa ( 1 )Santa Sede
Africa ( 1 )Swaziland ( Eswatini )
Centro – America e Caraibi ( 8 )Belize
Guatemala
Haiti
Honduras
Nicaragua
Saint Kitts and Nevis
Saint Lucia
Saint Vincent and Grenadines
Sudamerica ( 1 )Paraguay
    Oceania ( 4 )Isole Marshall
Nauru
Palau
Tuvalu

In seguito, con la firma del Trattato di Pace tra Giappone e Repubblica di Cina sottoscritto a Taipei nel 1952, Tokyo rinunciava ad ogni diritto su Taiwan e le Isole Pescadores e dichiarava privi di validità tutti i precedenti accordi raggiunti tra i due Paesi. Se da un lato quindi il trattato non ha trasferito espressamente la sovranità alla Repubblica di Cina, tuttavia è innegabile come la Cina Popolare, che non riconosce alcuna validità agli accordi sottoscritti dal governo nazionalista, dalla sua fondazione non ha mai esercitato alcuna autorità sull’isola.

Come sottolineò allora in una nota il Dipartimento di Stato, il governo nazionalista aveva “il controllo effettivo” di Taiwan e delle Isole Pescadores così che, con l’entrata in vigore del trattato di pace con il Giappone, queste erano diventate “de jure” il territorio della Repubblica di Cina.5 Sul piano del diritto internazionale non mancano poi gli esperti che fanno notare non solo come Taiwan, esercitando il controllo su un territorio con una popolazione stabile, disponendo di un proprio governo e della capacità di entrare in rapporti con altri Stati, sarebbe in possesso dei requisiti per venire ammessa alle Nazioni Unite. In questo caso la questione poggia però essenzialmente su questioni politiche. Attualmente l’opinione degli esperti è che l’isola costituisca un’entità sui generis, essendo considerata dalla comunità internazionale parte integrante della Cina Popolare ma agendo sulla scena diplomatica come uno Stato “de facto” indipendente.6 Questo ha portato i diversi Stati ad usare diverse formule diplomatiche per gestire il problema. Difatti anche se la gran parte dei Paesi riconosce la Cina Popolare ed accetta il principio dell’esistenza di “una sola Cina”, il significato attribuito a questa espressione risulta diverso da quello inteso da Pechino, visto che, a cominciare dagli Stati Uniti, la maggioranza non ha formalmente riconosciuto la sovranità cinese su Taiwan che viene tuttora ad essere considerata appunto come un’entità statale “de facto” autonoma.7 Dopo l’espulsione dalle Nazioni Unite, Taipei si trova nella condizione di non poter essere ammessa a qualsiasi istituzione internazionale data l’opposizione della Cina Popolare e può solo partecipare ai lavori di organizzazioni “non governative” per le quali non è richiesta la denominazione ufficiale dello Stato.8 Se fino al 1971 era la Repubblica di Cina ad intrattenere relazioni diplomatiche con la maggior parte degli Stati, con l’ingresso di Pechino alle Nazioni Unite un sempre crescente numero di Paesi è andato nel corso degli anni a riconoscere la Repubblica Popolare Cinese, rompendo di conseguenza i legami con Taipei.9 Questa oggi intrattiene formalmente rapporti diplomatici con appena 15 Paesi, un numero che negli ultimi anni è andato progressivamente riducendosi, dei quali il più importante è costituito dalla S. Sede, anche se quest’ultima, attenta da tempo al dialogo con Pechino, dal 1972 non nomina più un Nunzio Apostolico facendosi rappresentare nell’isola da un “Incaricato d’Affari”. Tuttavia, l’espulsione dalle Nazioni Unite non ha significato il totale isolamento internazionale della Repubblica di Cina. Taipei conserva infatti rapporti “semi – ufficiali” con i più importanti Stati attraverso altrettanti “Uffici di Rappresentanza”, i quali, tranne che nel nome, svolgono le funzioni tipiche delle Ambasciate essendo dotate di personale proveniente da uffici governativi ed a cui sono attribuite le immunità e privilegi generalmente concessi ai normali funzionari diplomatici. Questi uffici però non possono portare il nome dello Stato né esporre la bandiera e lo stemma nazionale.


Vuoi approfondire i temi relativi alla politica di difesa e a alla propaganda cinesi?

Scopri il nostro Crash Course “La potenza del dragone”!


Abbandonata la rivendicazione a rappresentare il legittimo governo di tutta la Cina Taiwan, dai Paesi con cui mantiene relazioni ufficiali è riconosciuta con il nome di “Repubblica di Cina” e non come un’entità statale indipendente.10 Ed è questo il paradosso della questione taiwanese. Se ci si dovesse attenere ai principi del diritto internazionale non vi sarebbero dubbi sul fatto che la Repubblica di Cina dovrebbe essere riconosciuta a pieno titolo come uno Stato sovrano nonché essere membro di tutte le organizzazioni internazionali. In realtà la posizione di Taiwan è invece ben diversa, dato che oggi questo Paese è riconosciuto da pochi altri e continua a non poter prendere parte ai lavori delle organizzazioni internazionali. Questo perché, nel caso di Taiwan, giocano esclusivamente considerazioni di ordine politico che hanno contribuito a far rimanere in una posizione indefinita lo status del Paese. Conservando lo “status quo”, Taipei continuerebbe ad agire come uno Stato “de facto” indipendente ma sarebbe impossibilitato ad essere ammesso a qualsiasi organizzazione internazionale, mentre nel caso proclamasse l’indipendenza rompendo i legami formali con la Cina, riacquisterebbe la sua piena soggettività ma si troverebbe esposta al rischio di un’immediata azione militare da parte di Pechino che davanti a questa eventualità ha sempre dichiarato di essere pronta ad usare la forza.


  1. Vedi sull’argomento The question of the Chinese representation in the United Nations, in HSIUNG ( a cura di ), Contemporary Republic of China: the Taiwan experience 1950 – 1980, Praeger, New York 1981
  2. La questione fu trattata dall’Assemblea come un avvicendamento di delegati di un Paese avvenuto a seguito di cambiamenti rivoluzionari del loro governo, cosa che nel caso cinese si presta a  non  pochi dubbi di legittimità. Il principio dell’avvicendamento dei delegati è valido quando un  governo  si sostituisce ad un altro su tutto il territorio dello Stato e non solo su una parte di esso, come era appunto    il caso della Cina Popolare. Il governo di Pechino  estendeva  infatti  la  sua  autorità  sul  continente  ma non sull’isola di Taiwan, rimasta sotto il controllo  del  precedente  regime  nazionalista  che,  pur  se ridotto territorialmente, continuava ad esistere sul piano internazionale. Al problema si dovevano applicare quindi le regole del diritto internazionale riguardanti il “distacco” di una  parte  di  Stato dall’altro, ammettendo all’interno delle Nazioni Unite la Repubblica  Popolare  Cinese  ma  conservando allo stesso tempo il seggio spettante alla Repubblica di Cina. Vedi  su  questo  CONFORTI,  Le  Nazioni Unite, CEDAM, Padova 1986
  3. La Repubblica di Cina estende attualmente la sua sovranità su una superficie di 35.980 Kmq, comprendenti Taiwan, l’arcipelago delle Pescadores, le due isole adiacenti alla costa   cinese di Quemoy     e Matsu ed alcuni isolotti minori.
  4. Sull’episodio vedi Taiwan’s 228 Incident: The Political Implications of February 28, 1947, The Brookings Institution, Center for Northeast Asian Policy Studies, Washington D.C, 22 Febbraio 2007
  5. Sull’argomento vedi HENCKAERTS, The international status of Taiwan in the new world order: legal and political considerations, Kluwer Law International, Londra 1996
  6. Su questo vedi CHIU, The International Legal Status of the Republic Of China, Maryland University School of Law, Occasional Papers / Reprints Series in Contemporary Asian Studies, No. 5/1992
  7. Vedi su questo HSIEH, The Taiwan Question and the One-China Policy: Legal Challenges with Renewed Momentum, Journal of International Peace and Organization, Berlin University Press 2009
  8. Tanto per fare un esempio, Taiwan partecipa ai lavori dell’APEC ed è membro  del CIO e  della  FIFA sotto il nome di “Chinese Taipei”, partecipando alle Olimpiadi con una particolare bandiera ( vedi in proposito al sito https://fotw.info/flags/tw@oly.html )
  9. Prima della decisione delle Nazioni Unite la  Repubblica  di  Cina  intratteneva  relazioni  diplomatiche  con 67 Paesi. Al contrario la Cina Popolare, oltre che dall’Unione Sovietica e dai suoi alleati, non era       stata riconosciuta che da alcune nazioni del Terzo Mondo e dalle neutrali Svezia e Svizzera. Facevano eccezione la Francia, che nel 1964  aveva deciso  di rompere con  Taipei e di stabilire legami ufficiali con     la  Cina  Popolare,  e  la  Gran  Bretagna,  la  quale  –  soprattutto  per  via  della  questione  di  Hong       Kong – manteneva aperta la sua Ambasciata a Pechino, anche se guidata da un Incaricato d’Affari. Nel  1972 invece il numero di Stati che riconoscevano la Repubblica di Cina  era  già  sceso  a  39.  Vedi  su questo CABESTAN, Taiwan Chine Popoulaire: l’impossibile réunification, Dunod, Parigi 1995
  10. Sugli aspetti giuridici della questione taiwanese vedi CRAWFORD, The Creation of  State  in  International Law, Clarendon Press, Oxford 2006