0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheItaliaL’endorsement di Blinken all’Italia nella Conferenza Ambasciatori 2023

L’endorsement di Blinken all’Italia nella Conferenza Ambasciatori 2023

-

La diplomazia è il cuore pulsante della politica internazionale dell’Italia. E forse è il caso di ribadirlo, in un momento storico di gravi crisi e conflitti globali, nel quale di diplomazia di qualità se ne sente davvero molto bisogno. Quale occasione migliore per ribadire il concetto della XVI Conferenza degli oltre 130 Ambasciatrici e Ambasciatori italiani nel mondo, riuniti a Roma, e che ha ospitato ieri il Segretario di Stato USA Antony Blinken, intervenuto con un videomessaggio. 

Articolo precedentemente pubblicato su The Watcher Post e qui consultabile.

Sicurezza: USA a fianco dell’Italia presidente G7
Se è vero com’è vero che “nei tempi più duri si vedono i veri amici” (Meloni dixit durante la sua visita a Washington), Blinken ieri ha dato un segnale di forte amicizia ed unità USA-Italia, in una congiuntura internazionale assai complessa. “Roma è al nostro fianco in questo momento cruciale”, ha tenuto a ribadire il Segretario di Stato USA. “Gli Stati Uniti lavoreranno con l’Italia al G7 per accrescere la sicurezza a livello internazionale”. 

L’eccellenza delle feluche tricolori
Il messaggio diretto di Blinken alle feluche tricolori è stato molto specifico: “Vanno accelerati gli sforzi per costruire catene del valore globali più sicure e resilienti, ad esempio nel settore dei semiconduttori. La diplomazia è il primo strumento per raggiungere questi obiettivi e la nostra risorsa più grande siete voi diplomatici”.

Le azioni Transatlantiche
Più a largo spettro Blinken ha sottolineato gli attuali sforzi Transatlantici in questo periodo di netta transizione, ribadendo la valenza strategica degli organismi internazionali: “Attraverso il G7, la NATO e la cooperazione tra Stati Uniti ed Unione Europea, i nostri Paesi coordinano gli sforzi per affrontare le complesse sfide dell’attuale scenario internazionale. Con la presidenza italiana del G7, lavoreremo insieme ad un’agenda di impegni concreti che porteranno beneficio a livello internazionale. Sono sicuro che la forte amicizia tra le nostre nazioni e i nostri popoli ci consentirà di costruire un futuro migliore per gli statunitensi, per gli italiani e per tutto il mondo”.

Infine sulle azioni globali che USA e Italia intendono portare avanti insieme:  “Stiamo contribuendo a costruire un Indo-Pacifico più libero, aperto, sicuro e prospero e a promuovere la pace e la sicurezza in Nord Africa”. Vale la pena ricordare i tavoli tematici di discussione della XVI Conferenza: intelligenza artificiale, Piano Mattei, diplomazia della crescita, gestione degli scenari di crisi, sostenibilità e transizione ecologica, Presidenza G7. 

Oltre ai protagonisti italiani il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la Premier Giorgia Meloni e il Vicepremier e Ministro degli Esteri, Antonio Tajani, la Conferenza ospiterà il Segretario britannico per gli Affari Esteri, il Commonwealth e lo Sviluppo, David Cameron, e il Commissario UE per il clima, l’olandese Wopke Hoekstra.

Articoli Correlati

JAPHUS è una realtà: il trilaterale Filippine – Giappone – USA rafforza l’architettura di sicurezza nell’Indo-Pacifico

Lo scorso 11 aprile il primo ministro giapponese Kishida, il presidente USA Biden e il presidente delle Filippine Marcos...

Trump ha tradito Reagan, la mossa di Biden per spaccare il fronte conservatore

Ronald Wilson Reagan, quarantesimo Presidente degli Stati Uniti, rappresenta ancora oggi una delle figure politiche più popolari del Novecento,...

“Uncommitted”: molto più di un semplice slogan. Il movimento di protesta contro Biden

Lo scorso 12 marzo, grazie alle vittorie in Georgia e in Mississippi, l’attuale Presidente ha superato la soglia minima...

Le rese dei conti all’interno del partito repubblicano del Texas

Il Super Tuesday del 5 marzo ha rivelato all’America un partito repubblicano del Texas spaccato in due. Con uno...