L’arsenale di armi proibite che Mosca può riaprire
L’arsenale di armi proibite che Mosca può riaprire - GEOPOLITICA.info

A settembre 2017 Vladimir Putin aveva annunciato la distruzione degli ultimi armamenti chimici presenti negli arsenali russi, sottolineando di aver agito nel rispetto – ed in anticipo sui tempi – della Convenzione sulle Armi Chimiche. Ciononostante i laboratori militari di Mosca sono ancora in grado di produrre Iprite e altri gas.
Come l’Urss, durante gli anni della Guerra Fredda, anche Usa e Gran Bretagna hanno investito denaro e risorse nello sviluppo di queste componenti letali, oggi vietate dal diritto internazionale. Le stesse usate, il 4 marzo, contro l’ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia Yulia.

LEGGI L’ARTICOLO

Articoli correlati

Italia-Russia: neutralità in metri cubi Pur muovendosi in uno stato di limbo tra l’Europa e Mosca, in virtù dell’attuale difficoltà posta dalle sanzioni europee, a seguito dei fatti ucraini,...
A Tale of Two Asias Whatever happened to the "Asian Century?" In recent months, two Asias, wholly incompatible, have emerged in stark relief. There is "Economic Asia," t...
L’Europa e la leadership energetica degli Stati Un... Sul piano energetico gli Stati Uniti, come evidenziato nella NSS-17, occupano una posizione centrale in quanto consumatori, produttori e innovatori e,...