La crisi politica tedesca

La crisi tedesca, iniziata qualche mese fa dal punto di vista economico, pare nelle ultime ore essere diventata anche una crisi in qualche modo di tipo storico-politico. Attenzione però che non è di certo la cancelliera Angela Merkel a rischiare e neppure la tenuta del suo governo centrista che oramai da quasi 15 anni è egemone indiscusso in tutto il Paese.

La crisi politica tedesca - GEOPOLITICA.info

Da qualche anno, con l’avvento del partito estremista di destra AFD, è diventato chiaro a tutti che il vecchio adagio secondo cui “in Germania non vi può essere nulla più a destra della CDU” è superato. Nessuno però, o quasi, si sarebbe aspettato ciò che è accaduto nei giorni scorsi, che il movimento Alternative For Deutschland diventasse una forza di Governo, per quanto locale, ed alleata peraltro della CDU stessa.

Tutto è iniziato lo scorso 5 Febbraio quando il leader locale del partito liberale Thomas Kemmerich ha ottenuto i voti necessari per poter essere proclamato Presidente della Turingia. Uno scenario possibile poiché alle ultime elezioni regionali del 2019 nel piccolo paese con poco di due milioni di abitanti, vinsero gli estremisti di sinistra della Linke andando oltre il 30%. Poco distanti si piazzarono i rappresentanti dell’AFD raggiungendo il 23,4% dei consensi e superando i popolari della Cdu fermi al 21,8. Consueto crollo dei socialisti fermi all’8%, mentre i iberaldemocratici superarono di poco i 5 punti.

Il pensiero iniziale è che, per evitare un nuovo voto, dovuto ad un quadro incerto, si debba ricorrere alla conferma del Presidente uscente con una eterogenea maggioranza che metta insieme l’estrema Sinistra (Linke) con i moderati della CDU. Eppure, tra lo stupore generale, nasce un estemporaneo accordo che permette al liberale Kemmerich di poter far convergere su di lui i voti da parte dell’AFD, della CDU e dei liberali stessi.

L’esperimento dura però poche ore poiché, nonostante l’assoluta regolarità dell’accordo a livello formale, prevale l’idea politica secondo cui il partito della cancelliera Merkel, così come il partito liberale, non possano fare alcun accordo di maggioranza con gli estremisti dell’AFD. Poche ore dopo Kemmerich rassegna le proprie dimissioni sancendo così per il piccolo land nuove elezioni.

Le conseguenze politiche dell’avvenimento varcano però anche i confini locali, creando un effetto domino culminato nelle scorse ore e che ha portato addirittura alle dimissioni della già debole leader nazionale della CDU Kramp-Karrenbauer da sempre sostenuta della cancelleria Merkel.

Secondo la grandissima maggioranza dei protagonisti politici tedeschi la scelta del Presidente della Turingia di ricorrere ai voti dell’AFD è stata inaccettabile e le sue dimissioni vengono considerate un atto dovuto.

Se da una parte però il caso del governo locale pare essere risolto, dall’altra nasce nuovamente l’eterno problema della necessità di un partito conservatore di destra nel Paese più grande d’Europa. Angela Merkel indiscutibile statista, come se ne sono visti pochi negli ultimi, sostiene da sempre la sua ricetta politica che negli ultimi vent’anni ha sostenuto una rigida visione centrista.

Una scelta vincente alla fine dello scorso millennio o nel decennio passato, ma non più attuabile in un panorama politico che in pochi anni è cambiato in modo radicale. Oggi la stessa Merkel appare sempre più in difficoltà; l’economia del Paese stenta e la sua immagine non appare più rassicurante come un tempo. Chi le succederà, e prima o poi questo dovrà avvenire, dovrà confrontarsi con il problema della “destra di governo” e dello spazio politico ad essa collegato. In un momento storico in cui il bipolarismo pare nuovamente tornare ad essere di moda, non considerare questo spazio sarebbe una follia che potrebbe spingere gli stessi estremisti di destra a rafforzarsi ulteriormente.