La crisi dell’esempio americano

Dopo la fine della Seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti emersero come nuovo centro del potere mondiale, completando un iter iniziato dai primi anni del XX secolo e ottenendo il ruolo che era stato di Londra per molto tempo.
Per adattarsi a questa nuova realtà, gli USA mutarono radicalmente la propria posizione a livello internazionale, abbandonando del tutto l’isolazionismo che li aveva caratterizzati fin dalla loro istituzione.
L’economia e la potenza militare assicurarono le basi più concrete del primato statunitense, ma ciò che influenzò l’emisfero occidentale in maniera più evidente fu la società americana. Sebbene non mancarono periodi di forti tensioni come quelle sviluppatesi in concomitanza con l’affermazione dei movimenti per i diritti civili, l’idea della società “equa e morale” divenne sinonimo di quella americana.

La crisi dell’esempio americano - Geopolitica.info

In numerose occasioni le conquiste della struttura sociale americana, dai pari diritti, all’affermazione e difesa delle libertà dei cittadini in numerosi campi, furono precorritrici dei tempi. L’influenza di Washington così si espandeva anche nel settare queste linee guida sociali, che fungevano da “imprimatur” per le nazioni del blocco occidentale, che spesso le replicavano nei propri ordinamenti interni, facendo del sistema americano un esempio da seguire.

La nuova tradizione del primus inter pares

Essendo seguita da molti, l’America divenne quasi un ideale, un concetto, un “modus vivendi”: molti politici guardavano a Washington per aiuto e consiglio, i giovani ne seguivano le mode e l’economia le scelte. Presto il ruolo di leader iniziò ad influenzare gli Stati Uniti in maniera capillare.

Uno degli esempi fu l’evoluzione della dialettica presidenziale. Alla Casa Bianca si iniziò ad utilizzare un particolare linguaggio nelle dichiarazioni ufficiali, influenzato dalle pesanti tensioni ideologiche della guerra fredda e da una profonda convinzione di essere nel giusto. Eisenhower nel 1950 sostenne: “per distruggere le libertà umane e per controllare il mondo, i Comunisti usano ogni arma concepibile (…) spinto da questa minaccia alla nostra stessa esistenza, Io parlo stanotte (…) della crociata della libertà. (…) per combattere la grande bugia con la grande verità”.
Tali convinzioni resistevano anche nelle occasioni nelle quali il ruolo di “poliziotto del mondo”, si scontrava direttamente con quello di uno Stato promotore di pace, creando contraddizioni tra il principio e l’azione. Ma ciò non veniva percepito come inappropriato. Il presidente Kennedy, nel 1961, spiegò come si potesse essere una nazione di pace, ma capace di agire comunque in scenari bellici, giustificando il fine per il quale gli USA stavano agendo: “Abbiamo proposto ai nostri alleati il ​​piano di disarmo del 1951 mentre eravamo in guerra con la Corea. E facciamo le nostre proposte oggi, mentre costruiamo le nostre difese su Berlino, non perché siamo incoerenti o insinceri o intimiditi, ma perché sappiamo che prevarranno i diritti degli uomini liberi”.

In un crescendo, si arrivò addirittura a sostenere un dovere quasi messianico,esemplificato dalle parole di Nixon del 1969: “Non lasciamo che gli storici appuntino che quando l’America fu la più forte nazione del mondo noi facemmo orecchie da mercante e lasciammo soffocare dai totalitarismi le ultime speranze per pace e libertà di milioni di persone”. L’America raggiunse negli anni della guerra fredda un ruolo di primus inter pares,un polo d’attrazione per chi si definiva equo e libero e ne assunse pienamente i tratti. Con questo forte condizionamento, presto le azioni internazionali definibili come “giuste” divennero quelle “americane” e viceversa le azioni “americane” divennero automaticamente “giuste” agli occhi della maggioranza delle nazioni.

Quando venne a mancare “il” nemico con la caduta dell’URSS, il gioco dei ruoli iniziò ad incrinarsi.
Il crollo dell’Impero Sovietico portò con sé la visione strutturata del mondo comunista, da sempre definita come direttamente opposta a quella americana, pericolosa, ingiusta, iniqua ed amorale, ma questo fu l’ultimo tassello per confermare quanto fosse giusta e fondata la “via americana” agli occhi degli americani stessi.

Il nadir a occidente

La tradizione diplomatica e politica di ogni nazione si fonda sulle esperienze passate e le conseguenti vittorie o sconfitte della propria storia, per questo motivo è stato in una certa misura naturale per gli Stati Uniti mantenere un comportamento da “princeps” anche nel XXI secolo. Sebbene lo scenario internazionale fosse mutato profondamente negli anni Novanta, non essendoci più un solo sistema di pesi “dualistico”, gli Stati Uniti non vollero (forse non riuscirono a) lasciare il centro della scena che gli era stato per molto tempo riservato. Tuttavia, le contraddizioni del sistema americano, una volta giustificate o del tutto non percepite, iniziarono a farsi sempre più evidenti, adombrando progressivamente il ruolo “esemplare” di Washington e delle sue politiche.

Sebbene non sempre popolari, non sono state tuttavia le azioni americane nella politica internazionale a suscitare le critiche più aspre. È prassi consolidata che nello scacchiere internazionale, uno Stato possa soprassedere sulle proprie tradizioni di diritto e società a favore di collaborazioni con Stati o regimi che non ne condividono i principi, applicando la tradizione della realpolitik.


Vuoi approfondire i temi relativi alla politica estera e interna degli Stati Uniti?

Scopri il nostro Corso online “L’America di Trump”!


Ma con gli albori di un sistema multipolare e generalmente evoluto (sia socialmente che legalmente) gli Stati moderni hanno iniziato a mal sopportare il paternalismo americano nelle questioni prettamente domestiche.
Non percependo questa realtà, lo spirito di intellettualismo etico degli USA ha mantenuto la propria tradizione, concretizzandosi in commenti, valutazioni e critiche riguardo scelte legislative e sociali di numerosi paesi stranieri.
Mentre le proteste a sfondo razziale si propagano in numerose città americane e la Casa Bianca sembra essere impreparata a questa crisi, le conseguenze internazionali non si sono fatte attendere. Alcuni capi di Stato, precedentemente criticati su svariate scelte dei rispettivi governi, come il presidente Putin, il presidente Rouhani ed ironicamente addirittura Kim Jong-Un, hanno espresso preoccupazione per le iniquità della società americana. In aggiunta a questi paesi, definibili come avversari o concorrenti, un concerto di nazioni alleate ha criticato, più o meno velatamente, la società americana e la sua leadership.  

La memoria internazionale difficilmente si oscura, specialmente verso un passo falso dei primi della classe. Non è quindi difficile immaginare che nel prossimo futuro si ammaccherà sempre di più il concetto di società felice ed idilliaca della quale gli Stati Uniti si sono spesso fregiati, rendendone meno incisiva la critica a livello internazionale nelle questioni sociali.

La tradizione “dell’esempio americano” sta muovendo gli ultimi passi verso il suo nadir, non perché la società americana sia nettamente peggiore delle altre, ma proprio perché fa parte di un complesso insieme di realtà nazionali del quale più nessuno può ergersi ad arbitro di ciò che può essere definito oggettivamente giusto o errato, basandosi su una propria moralità soggettiva. Nelle parole dello psicologo clinico canadese Jordan Peters: “assicurati che la tua casa sia in perfetto ordine, prima di criticare il mondo”.