Kerch e Mar d’Azov, il fronte economico dell’ultima sfida tra Russia e Ucraina
Kerch e Mar d’Azov, il fronte economico dell’ultima sfida tra Russia e Ucraina - GEOPOLITICA.info

Da questa mattina è in vigore la legge marziale nelle dieci regioni ucraine costiere e vicine alla Russia, per 30 giorni: Mosca, accusa il presidente ucraino Petro Poroshenko, «sta ammassando truppe ai confini». La tesi di Vladimir Putin, che ha commentato per la prima volta il sequestro di tre navi ucraine al largo di Kerch, in Crimea, è che si sia trattato «indubbiamente di una provocazione organizzata dalle autorità e, credo, dal presidente in carica alla vigilia delle elezioni presidenziali ucraine del prossimo marzo». Il pessimo rating di Poroshenko, ha detto Putin, non gli consentirebbe neppure di passare al secondo turno, «per questo doveva fare qualcosa per aggravare la situazione e ostacolare gli altri candidati».

LEGGI L’ARTICOLO

Articoli correlati

Italia-Russia: neutralità in metri cubi Pur muovendosi in uno stato di limbo tra l’Europa e Mosca, in virtù dell’attuale difficoltà posta dalle sanzioni europee, a seguito dei fatti ucraini,...
A Tale of Two Asias Whatever happened to the "Asian Century?" In recent months, two Asias, wholly incompatible, have emerged in stark relief. There is "Economic Asia," t...
L’Europa e la leadership energetica degli Stati Un... Sul piano energetico gli Stati Uniti, come evidenziato nella NSS-17, occupano una posizione centrale in quanto consumatori, produttori e innovatori e,...