0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheEuropaL’Unione europea più vicina che mai: gli uffici delle...

L’Unione europea più vicina che mai: gli uffici delle istituzioni europee in Italia

-

Se sei un cittadino italiano all’estero, sai che puoi rivolgerti all’ambasciata italiana in caso di problemi o di richieste particolari nel Paese ospitante. Il ruolo delle ambasciate è, infatti, quello di rappresentare lo Stato d’origine. 

Tuttavia, è importante ricordare che l’Italia è anche uno Stato membro dell’Unione europea e, pertanto, i cittadini italiani sono anche cittadini europei. A differenza di uno Stato nazionale, l’Unione Europea non dispone di vere e proprie ambasciate, data la sua natura sovranazionale. Infatti, l’UE è una forma di unione sia politica che economica di Paesi (ad oggi 27) che hanno deciso di collaborare pur mantenendo sempre la propria sovranità su alcuni aspetti chiave. Tuttavia, le istituzioni europee godono di rappresentanze all’interno di ciascuno Stato membro. Il ruolo principale di questi uffici è quello di coordinare le diverse attività e le comunicazioni tra Bruxelles e il Paese in cui si trova la Rappresentanza, cercando di promuovere le politiche dell’UE, di facilitare le relazioni bilaterali e di rappresentare gli interessi dell’UE nel Paese membro. Vediamo più nel dettaglio il ruolo della Rappresentanza della Commissione europea e l’Ufficio del Parlamento europeo in Italia.

Rappresentanza della Commissione europea in Italia 

La Commissione europea è una delle tre istituzioni dell’Unione europea. Il suo ruolo è quello di proporre nuove leggi, di attuare le politiche dell’Unione e di negoziare accordi internazionali per le aree di cui ha competenza. Le riunioni dei commissari europei avvengono a Bruxelles, in Belgio, presso il Palazzo del Berlaymont. Per implementare le decisioni di Bruxelles nei diversi Stati membri l’UE si serve di rappresentanze che svolgono il ruolo di ‘voce’ della Commissione. Ad oggi, la Commissione ha una propria Rappresentanza in tutte le capitali dei 27 Stati membri. Tra questi, c’è la rappresentanza in Italia con sede in via IV Novembre, proprio nel cuore di Roma. Il suo ruolo è quello di facilitare la comunicazione tra Bruxelles e Roma, e viceversa. “Comunicare nel Paese i messaggi dell’istituzione centrale adattandoli ai contesti del Paese in cui ci troviamo”, sono state le parole di Giacomo Baiocchi, Digital Leader della Rappresentanza in Italia, in merito al ruolo della Rappresentanza. Oltre ad organizzare le visite dei Commissari, della Presidente e degli altri funzionari, si occupa in modo particolare dell’interazione tra la società italiana e la Commissione. Il dialogo non deve essere solo di tipo politico con le autorità nazionali, ma anche con la società civile che svolge un ruolo fondamentale. Un’analisi dell’Eurobarometro relativa all’anno 2022 ha dimostrato che meno del 50% dei cittadini italiani afferma di avere una visione totalmente positiva dell’Unione Europea. 

Dato il senso di diffidenza dell’Italia nei confronti delle istituzioni europee, l’obiettivo della Rappresentanza in Italia è concentrarsi sui giovani, che rappresentano il 12,5% della popolazione, secondo gli ultimi dati ISTAT 2023. I giovani, infatti, sono considerati il futuro dell’Unione europea e molti voteranno quest’anno per la prima volta alle prossime elezioni europee. Per dialogare con i giovani, c’è bisogno di avvicinarsi a questa fascia della società. Per farlo, però, è necessario un linguaggio chiaro e diretto che coinvolge anche l’utilizzo dei social media. 

A tal proposito, la Rappresentanza della Commissione in Italia ha scelto di impegnarsi nella comunicazione di sé stessa, ma soprattutto di che cosa fa con l’obiettivo di avvicinare un’organizzazione tanto complessa e lontana a più persone possibili. Antonio Parenti, capo della Rappresentanza della Commissione europea in Italia, ha sottolineato il ruolo fondamentale dei giovani. “Per mantenere lo spirito democratico, c’è bisogno di spirito critico”, ha detto al margine dell’evento Next Gen EU experience a Roma il 12 e il 13 febbraio 2024 in cui il Centro Studi Geopolitica.info è stato invitato. Lo spirito democratico, infatti, non può esistere in assenza di un coinvolgimento diretto dei cittadini. Per questo, ogni cittadino deve sviluppare un senso critico, essenziale per valutare le informazioni e partecipare in maniera informata ai processi decisionali. La loro attività è poi accompagnata anche dai centri Europe Direct il cui ruolo è quello di fornire informazioni e di comunicare più a livello regionale e locale. 

Ufficio del Parlamento Europeo in Italia 

Anche il Parlamento europeo (PE) ha i suoi uffici nei vari Stati membri che svolgono una funzione simile. Solitamente nei Paesi membri è presente solo un ufficio, ad eccezione di quelli più grandi in cui ce ne sono due. In Italia, infatti, sono stati istituiti due Uffici di Collegamento a Milano e a Roma, chiamati European Parliament Liason Office (EPLO). Il PE è l’istituzione dell’Unione europea che svolge un ruolo fondamentale nel processo decisionale, insieme al Consiglio dell’UE. È composta dai rappresentanti direttamente eletti dai cittadini degli Stati membri ogni cinque anni. Proprio nel 2024 cade l’anno in cui tutti gli europei sono chiamati alle urne. Essendo stata istituita da elezioni democratiche dirette, il PE rappresenta gli interessi di tutti i cittadini europei. Per fare questo, ha bisogno di instaurare un contatto diretto con i propri cittadini attraverso gli uffici dislocati negli Stati. In Italia, il primo venne aperto nel 1967 a Roma, poi uno a Milano qualche anno più tardi. Ma qual è il loro ruolo concreto? Il ruolo principale di questi uffici in Italia è “essere vicino ai cittadini”, come ha detto Valeria Fiore, responsabile della Comunicazione e dei Social Media per l’Ufficio del Parlamento Europeo in Italia con sede a Roma. Proprio come in ogni Paese dell’Unione, i funzionari si occupano di offrire il supporto necessario agli eurodeputati e fornire un collegamento più diretto tra Bruxelles e la società italiana. Eventi e campagne d’informazione sui grandi temi di attualità sono i mezzi principali di cui l’ufficio usufruisce sul territorio italiano. Una delle iniziative che ha incrementato la loro visibilità nelle ultime settimane, e di cui probabilmente quasi tutti abbiamo sentito parlare, è la campagna “Usa il tuo Voto” per ricordare la partecipazione ad ognuno di noi alle prossime elezioni europee di giugno 2024. La matita, simbolo del voto elettorale, è arrivata fino al palco dell’Ariston a Sanremo.

Articoli Correlati

All’Italia del G7 urge un “Piano Mattei” (anche) per lo spazio, o forse meglio dire: un “Piano Broglio”

In questo 2024, oltre alla Presidenza del G7, l’Italia sarà il “centro mondiale” dei più importanti appuntamenti in campo...

Nasce l’edizione europea di The Watcher Post

Se, oggi 17 aprile 2024, si pensa al 2019, si pensa a qualcosa di molto in là nel tempo,...

Il sistema degli Spitzenkandidaten: prospettive sulle elezioni europee 2024

In questi mesi abbiamo assistito ai Congressi di tutti i gruppi politici presenti all’interno del Parlamento europeo. I gruppi,...

AI Act e aziende: tra innovazione e regolamentazione

L’adozione dell’AI Act rappresenta un passo fondamentale per disciplinare l’utilizzo dei sistemi di intelligenza artificiale soprattutto perché si tratta...