Intervista ad Anna Maria Anders, Ambasciatore della Polonia in Italia

Anna Maria Anders e’ l’Ambasciatore della Polonia in Italia. Laureata in filologia romanza all’Università di Bristol ha poi conseguito un MBA all’Università di Boston prima di entrare nel mondo del lavoro.

Intervista ad Anna Maria Anders, Ambasciatore della Polonia in Italia - Geopolitica.info

Diventata Senatrice nel 2016 ha poi abbandonato la politica per la carriera diplomatica arrivando a Roma. Non potendola incontrare per ovvie motivazioni ha però gentilmente deciso di concedere un intervista esclusiva a Geopolitica.info.

1. Eccellenza ringraziandola per la sua cortesia non posso non chiederle innanzitutto come è la situazione in Polonia e quali misure ha adottato Varsavia per contrastare il COVID-19.

Come in molti altri paesi sono state introdotte ulteriori restrizioni relative all’emergenza coronavirus. La maggior parte dei polacchi segue le raccomandazioni fornite. Tuttavia, ci sono ancora alcune situazioni che ci mettono tutti a rischio di infezione e le esperienze di altri paesi mostrano che la chiave per ridurre l’espandersi dell’infezione è la massima limitazione dei contatti. Dal 1 aprile, chiunque abbia meno di 18 anni può uscire da casa solo se accompagnato da un adulto. I parchi, le ville, le spiagge sono chiusi. Le regole per fare gli acquisti nei negozi sono state modificate. Come in Italia, i servizi quali parrucchieri, saloni di bellezza e centri di tatuaggi sono stati sospesi.

2. Abbiamo appreso con piacere che il Suo paese ha deciso di inviare un gruppo di medici all’ospedale civile di Brescia per collaborare con il personale sanitario locale. Quale è il significato di questa scelta?

Penso che il giudizio migliore del significato della missione dei 15 medici polacchi a Brescia possa essere espresso, una volta portato a termine l’incarico, dalle autorità della Regione Lombardia (Assessore per le Politiche Sociali Giulio Gallera). La missione ha una grande importanza anche per la Polonia. Uno dei motivi principali della missione polacca era di dimostrare la solidarietà dei polacchi con i cittadini italiani. Voglio assicurare che l’Italia è molto cara a tutto il popolo polacco. Noi siamo veramente convinti che “ogni uomo abbia due patrie; l’una è la sua personale e l’altra è l’Italia”, come disse lo scrittore polacco, premio Nobel Henryk Sienkiewicz. Sentiamo l’Italia vicina non solo per i suoi luoghi straordinari, ma anche per le relazioni interpersonali, i vincoli familiari, le amicizie. Per questo la situazione attuale in Italia ha toccato tutti i polacchi nel profondo del cuore. L’obiettivo della missione dei medici polacchi a Brescia è offrire l’aiuto al maggior numero dei malati, nostri amici. Speriamo di riuscirci.

3. Oltre a Varsavia solo Berlino si è attivata per supportare l’Italia mentre sono arrivati aiuti dagli USA, dalla Russia, dalla Cina e anche da Cuba. L’Europa è così debole?

Oltre alla Polonia, in aiuto all’Italia è venuta ovviamente la Germania, ma anche la Repubblica Ceca e forse anche altre nazioni (non conosciamo tutti i fatti). Sono convinta che gli altri paesi membri dell’UE ci seguiranno in questo. Confido che l’Unione Europea mostrerà la propria forza soprattutto nel momento in cui sarà necessario far ripartire l’economia. La forza degli strumenti finanziari dell’UE avrà allora un’importanza fondamentale. Anche se a volte le sue istituzioni agiscono lentamente, l’Unione c’è. Lo abbiamo visto con il pacchetto di misure a sostegno dei paesi alle prese con il coronavirus e dei loro cittadini, lo abbiamo visto oggi con quanto dichiarato da Ursula von der Leyen.

4. Eccellenza c’è molto dibattito sulla reale solidarieta’ di alcuni paesi (Russia e Cina). Esiste secondo lei una strategia di propaganda?”

Dobbiamo prestare particolare attenzione alla diffusione di notizie non verificate, soprattutto in questa situazione di straordinaria gravità e emergenza che richiede solidarietà e un atteggiamento positivo. La diffusione di informazioni non verificate può causare dannose ricadute e inutili cariche emotive in una situazione già molto difficile.
Parlando di propaganda, vale la pena citare l’analisi pubblicata dalla DFR Lab sull’utilizzo da parte della Russia della pandemia di coronavirus per ottenere una maggiore influenza in Europa. Ė solo il primo di una serie di testi, nel prossimo futuro sono previsti altri, dedicati alla Cina e all’Italia. Per esempio vi è stata recentemente una falsa diffusione di informazioni sul presunto diniego da parte della Polonia di sorvolo nel proprio spazio aereo degli aerei russi con gli aiuti all’Italia: una fake news circolata principalmente sui social media che però si ripercuote sull’immagine del paese.

5. Al termine di questo momento, quali azioni intende intraprendere per rafforzare ulteriormente le relazioni tra i nostri paesi?

Le relazioni tra Polonia e Italia sono molto forti. Nella dimensione politica, conduciamo un intenso dialogo bilaterale ai massimi livelli. Siamo alleati nell’UE e nella NATO. Siamo inoltre strettamente legati dalle relazioni economiche. L’Italia è il terzo partner commerciale della Polonia in termini di fatturato. Abbiamo forti legami storici, culturali e sociali. I polacchi in Italia costituiscono il secondo gruppo nazionale in termini di numeri tra i cittadini degli Stati membri dell’UE.
Penso che dopo questa tragica crisi, le nostre attività torneranno alla normalità. E’ il minimo necessario che ci aspettiamo. Vogliamo e continueremo a condurre attivamente un dialogo politico bilaterale. Nella dimensione economica, sarà importante che i nostri paesi mantengano gli scambi commerciali. Questo ci consentirà di riportare le nostre economie sulla strada dello sviluppo. Sono anche convinta che i polacchi continueranno a visitare l’Italia su vasta scala. Ci aspettiamo che gli studenti polacchi tornino in Italia e gli studenti italiani in Polonia. Non riesco a immaginare che ciò non accada.
E ora continueremo a guardare da vicino e, se possibile, ad aiutare, se e quando gli amici italiani ne avranno bisogno.

Giangiacomo Calovini,
Coordinatore Italia ed Europa Geopolitica.info e funzionario parlamentare