0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheItalia ed EuropaIl volo dell’aquila in 50 istantanee

Il volo dell’aquila in 50 istantanee

-

Il più grande regalo che la Storia (intesa propriamente come disciplina scientifica) ci ha fatto è quello di collocare, con prospettiva e senso di compiutezza, i protagonisti storici nella loro dimensione umana.

Una dimensione che ci permette di estrapolare – dal particolare al generale – tutte quelle sfaccettatura e sfumature di cui la storia è composta. Non – quindi – solo una fredda cronologia di fatti e avvenimenti, ma le interpretazioni che ogni protagonista ha dato della propria parabola storica e del proprio vissuto. Nel caso dell’epopea di Napoleone I, ci troviamo di fronte a un vissuto che ha certamente consacrato molti dei suoi protagonisti a un’immortalità quantomeno nell’immaginario collettivo.

In questo breve saggio – scritto a quattro mani da Salvatore Santangelo e Piero Visani (per Castelvecchi) – si cerca una traiettoria, una lente di ingrandimento, che possa collocare Napoleone (e il bonapartismo più in generale) in una dimensione in bilico tra l’umano “troppo umano” e il trascendente. 

Un tentativo che gli autori realizzano in 50 istantanee: “frammenti di storia colti in flagrante”.

Momenti eroici, slanci di coraggio, colpi di genio e frenesia della morte che hanno consacrato Napoleone Bonaparte nella storia mondiale, rendendolo un titano nella sfera militare ma anche nel mondo delle ideologie; come per esempio nel desiderio di un’Europa imperiale, opposta al mondo anglosassone e ai cascami del “Regime Antico”.

In questi 50 momenti rivediamo tutti i momenti e i personaggi che hanno cristallizzato ed eternato il Bonapartismo: dalla ritirata dalla Campagna di Russia, alle imprese della Grande Armata, alle azioni di indomito coraggio degli Marescialli di Napoleone come Murat, Ney e Macdonald.

Non solo eroismo e idealismo ma anche una sincera apertura su quelli che sono gli aspetti più umani dei protagonisti napoleonici e dei suoi antagonisti: i dubbi, le incertezze, le paure – che, come nei giorni nostri – confinano, assediano e limitano l’azione umana. 

Il Bonapartismo forse è stato soprattutto questo: un’esperienza totale, che coinvolse milioni di Europei. Inserito in questo contesto – il saggio di Santangelo e Visani – ci aiuta a ricostruire una trama più umana, capace di fermarsi nel tempo e di poter astrarre quelle stesse esperienze singole, umane e iconiche che hanno plasmato secoli di storia e i venti anni dell’epopea napoleonica. 

Articoli Correlati

Recensione di “In Orbita!” di Bae Myung-hoon (Add Editore, 2024)

Fantascienza, relazioni internazionali, romanticismo, thriller di spionaggio, commedia, satira: In Orbita! è tutto questo e molto altro. Se vi...

Il Centro Studi Geopolitica.info consiglia la lettura di “Tecnologie dell’impero. AI, quantum computing, 6G e la nuova geopolitica del potere”, scritto da Francesca Balestrieri...

Non vi è area dell’economia, della società o della vita quotidiana che non sia in qualche modo investita dalla...

Recensione di “Geopolitica Digitale. La competizione globale per il controllo della Rete” di Antonio Deruda (Carocci Editore, 2024)

Coordinatore della comunicazione digitale della Presidenza italiana del G7 presso l’Ufficio Sherpa della Presidenza del Consiglio, Antonio Deruda nel...

Recensione a “Madre Patria. Un’idea per una nazione di orfani” di Vittorio Emanuele Parsi, Bompiani, 2023

Un manifesto che rimette al centro il valore della Patria: un concetto che rappresenta un formidabile moltiplicatore di energie,...