0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheMedio Oriente e Nord AfricaIl viaggio del re del Marocco in Africa occidentale

Il viaggio del re del Marocco in Africa occidentale

-

Unico stato uscito sostanzialmente indenne dalle rivoluzioni e dalle mobilitazioni di piazza della cosiddetta “Primavera Araba” (anche l’Algeria ha infatti subito dei contraccolpi, quantomeno a causa della sua vicinanza con la Tunisia), il Regno del Marocco, guidato dal monarca riformista Mohammed VI, prosegue nella sua azione geopolitica e diplomatica volta a renderlo potenza regionale di riferimento dell’Africa Occidentale e fattore di stabilizzazione per l’area colpita dalla recente crisi del Mali. 

In questa logica va inserito il viaggio, iniziato il 15 marzo e chiusosi il 19, di Mohammed VI e numerosi membri del suo governo. In particolare i vertici marocchini hanno visitato il Senegal, la Costa d’Avorio e il Gabon, siglando importanti accordi con i governi locali nell’ambito del partenariato Sud-Sud.

A Dakar, la capitale del Senegal, i Capi di Stato delle due nazioni hanno inaugurato due poli sanitari, finanziati con risorse marocchine. Si tratta della clinica di oftalmologia “Mohammed VI” e della fabbrica di medicinali “West Afric Pharma”, filiale dei laboratori SOTHEMA MAROC. Il polo oftalmologico è una struttura d’avanguardia per il continente africano e disporrà delle attrezzature più moderne, consentendo la visita di oltre 50000 pazienti l’anno, nonché di effettuare annualmente più di 2500 operazioni di cataratta e 150 alla retina.

La “West Afric Pharma”, dal canto suo, permetterà l’approvvigionamento di medicinali generici di qualità non soltanto del Senegal, ma anche dei paesi aderenti all’Unione economica e monetaria dell’Africa Occidentale (UEMOA) e quelli della Comunità economica degli Stati dell’Africa Occidentale (CEDEAO).

Altrettanto importanti i trattati siglati con il governo Ivoriano. Ben 6 accordi volti a rafforzare la cooperazione tra i due paesi in materia di relazioni diplomatiche, protezione degli investimenti, pesca ed agricoltura, trasporti aerei, turismo e protezione civile.

Il dinamismo marocchino si accompagna ad una politica di riforme interne, finalizzata alla progressiva costituzionalizzazione della monarchia ed alla democratizzazione del sistema istituzionale, che sta dando i suoi frutti in termini di stabilità politica, favorita anche dal trand positivo che l’economia del paese sta attraversando .

In questo quadro Rabat può rivelarsi sempre di più un partner strategico di primaria importanza per l’Europa, che ha tutto l’interesse a salvaguardare i suoi interessi nell’area anche attraverso una maggiore solidità delle istituzioni socio-politiche locali.

Articoli Correlati

“Leggere Massoud a Teheran”: come cambia l’Iran di Pezeshkian 

Nonostante le roventi temperature estive e i bombardamenti senza sosta sulla Striscia di Gaza, il vento del cambiamento sembra...

Pezeshkian Presidente dell’Iran: significati interni, esteri e uno sguardo alla Turchia

Pezeshkian vince le elezioni con una differenza di circa 3 milioni di voti rispetto al suo rivale Jalili, appartenente...

L’accordo tra Turchia e Somalia ridefinisce gli equilibri del Corno d’Africa

La Repubblica somala, che sperimenta un’instabilità semiparalizzante da oltre 30 anni, ha sottoscritto l’8 febbraio un accordo di difesa...

Chi corre alle elezioni, chi no, e perché 

Il Consiglio dei Guardiani ha qualificato 6 persone per la corsa alle elezioni presidenziali del prossimo 28 giugno. Dei...