0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

NewsIl ruolo di Taiwan nella lotta alle pandemie

Il ruolo di Taiwan nella lotta alle pandemie

-

In un mondo che ancora sta elaborando le lezioni apprese dalla pandemia di COVID-19, il Ministro della Salute e del Welfare di Taiwan, Dr. Hsueh Jui-yuan, solleva una questione fondamentale: l’inclusione di Taiwan nei meccanismi decisionali globali della sanità. Attraverso un’analisi attenta dei tre anni di crisi sanitaria globale, caratterizzati da perdite umane devastanti, gravi conseguenze economiche e disuguaglianze esacerbate, il Dr. Hsueh evidenzia l’urgente necessità di un approccio più inclusivo alla governance sanitaria mondiale. Sebbene il COVID-19 non sia più classificato come un “emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale” (PHEIC), l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) avverte della minaccia sempre presente di futuri focolai pandemici, ribadendo la necessità di rafforzare la preparazione e la risposta globale.

In questo contesto, il Dr. Hsueh sottolinea come l’attuale esclusione di Taiwan dall’OMS limiti gravemente la capacità di coordinamento e collaborazione internazionale necessaria per affrontare le sfide sanitarie globali in modo efficace ed equo. In un periodo in cui si stanno rivedendo le strategie di risposta alla pandemia e si sta discutendo un nuovo accordo sulle pandemie, è essenziale comprendere il ruolo cruciale che Taiwan potrebbe svolgere in questo processo. Il Dr. Hsueh evidenzia il contributo pionieristico di Taiwan nell’identificare e affrontare il rischio epidemico sin dalle prime fasi della pandemia di COVID-19. La sua nazione ha dimostrato un impegno senza pari nella trasparenza e nella condivisione delle informazioni, guadagnandosi così la fiducia e il rispetto della comunità internazionale. Tuttavia, nonostante il suo ruolo attivo nella gestione della pandemia, Taiwan è ancora escluso dai principali tavoli decisionali dell’OMS. Questa esclusione non solo limita la capacità di Taiwan di condividere le proprie esperienze e conoscenze, ma priva anche la comunità internazionale di una voce preziosa e di un alleato fondamentale nella lotta contro le future minacce alla salute globale. In questo contesto, il Dr. Hsueh sollecita con vigore il sostegno internazionale per l’inclusione di Taiwan nei processi decisionali dell’OMS, affinché possa contribuire appieno alla preparazione e gestione delle future pandemie.

Nel presente articolo, riportiamo integralmente il messaggio del Ministro della Salute e del Welfare di Taiwan, Dr. Hsueh Jui-yuan, che solleva con urgenza la questione dell’inclusione di Taiwan nei meccanismi decisionali globali della sanità. Attraverso la voce del Ministro, esploreremo le argomentazioni fondamentali che sottolineano l’indispensabilità del contributo taiwanese nel panorama della salute pubblica mondiale.

I tre anni della pandemia di COVID-19 hanno provocato una terribile perdita di vite umane e hanno esacerbato le disuguaglianze sanitarie. L’economia globale è crollata e, in tutto il mondo, è stata colpita la vita delle persone. Questa esperienza ha dimostrato che l’attuale quadro di governance sanitaria globale non è efficace nel rispondere alle minacce alla salute globale. Sebbene il COVID-19 non sia più etichettato come una “emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale” (PHEIC) e l’attività commerciale ed economica a livello globale sia tornata alla normalità, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mette in guardia contro la minaccia di una pandemia della Malattia X. Pertanto, è fondamentale che i Paesi di tutto il mondo si uniscano per rafforzare la governance sanitaria.

L’OMS e molti Paesi hanno iniziato a rivedere le strategie di risposta durante la pandemia di COVID-19. Sono state evidenziate le debolezze del Regolamento Sanitario Internazionale (IHR, 2005) per quanto riguarda la gestione di questa crisi. Di conseguenza, i cambiamenti sono in atto. Le revisioni proposte includono una maggiore sorveglianza, comunicazione e condivisione delle informazioni; migliore prontezza di risposta; e criteri rivisti per la dichiarazione delle PHEIC. Allo stesso tempo, è in corso un acceso dibattito attorno a un nuovo accordo sulle pandemie, che mira a creare un solido quadro di governance globale della pandemia fondato su responsabilità, trasparenza ed equità. Potrebbe essere approvato durante la 77esima Assemblea Mondiale della Sanità.

Poiché Taiwan non è uno Stato membro dell’OMS, non possiamo influenzare direttamente la revisione del Regolamento Sanitario Internazionale (IHR, 2005) o la stesura dell’accordo sulle pandemie. Rimaniamo tuttavia fortemente preoccupati per il contenuto e gli sviluppi riguardanti questi documenti centrali. Siamo ansiosi di contribuire con le nostre conoscenze nella gestione delle pandemie e di imparare dalle migliori pratiche internazionali. Taiwan è stata la nazione che ha inizialmente identificato il rischio epidemico e ha prontamente adottato misure di adattamento. Taiwan ha inoltre condiviso in modo proattivo informazioni vitali con partner globali e ha guadagnato la fiducia del pubblico attraverso l’impegno alla trasparenza. Ciò è stato fondamentale per attuare efficacemente le politiche sulla pandemia. Per affrontare le future pandemie, ci impegneremo a perfezionare gli approcci all’ottenimento dei vaccini, alla gestione delle risorse mediche, all’utilizzo della tecnologia, alla salvaguardia dei diritti umani e alla lotta alla disinformazione.

Appoggiamo fermamente l’approvazione e l’attuazione degli emendamenti al Regolamento Sanitario Internazionale (IHR, 2005) e all’accordo sulle pandemie. Chiediamo all’OMS di includere Taiwan come firmatario di questi documenti. Ciò ci consentirebbe di collaborare al monitoraggio di nuovi ceppi virali, alla segnalazione e allo scambio di dati sulla diagnosi dei patogeni e alla condivisione di nuove ricerche su vaccini e antivirali o risultati di sperimentazioni cliniche. Ciò favorirebbe un’azione globale collettiva contro le future pandemie e sforzi antipandemici più resilienti da parte della comunità internazionale.

Esortiamo l’OMS a sostenere l’inclusione di Taiwan nella supervisione della salute globale. Taiwan continua a impegnarsi a prendere parte in base ai principi di professionalità, pragmatismo e di contributo. Taiwan cerca di cooperare con l’OMS per colmare le lacune geografiche nella sicurezza sanitaria globale e per costruire un quadro sanitario globale completo.

Il Consiglio dell’OMS sull’Economia della Salute per Tutti ha rilevato che almeno 140 Paesi riconoscono la salute come un diritto umano fondamentale nelle loro costituzioni. Nonostante ciò, molte nazioni non hanno approvato e attuato leggi per garantire che i propri cittadini abbiano accesso ai servizi sanitari. Taiwan ha lavorato duramente per raggiungere la copertura sanitaria universale e negli ultimi decenni ha costantemente migliorato la qualità dell’assistenza sanitaria in linea con le raccomandazioni dell’OMS. Taiwan ha efficacemente integrato e stanziato risorse di assistenza sociale per migliorare l’assistenza sanitaria primaria e orale per tutti, implementare programmi di salute mentale e rafforzare la rete di sicurezza sociale. Taiwan ha messo in atto un sistema sanitario agile e resiliente in grado di combattere sia le malattie trasmissibili che quelle non trasmissibili. Stiamo migliorando la salute di tutti gli individui nel corso della loro intera vita. Inoltre, Taiwan sta lavorando per condividere la propria esperienza e competenza nel raggiungimento della copertura sanitaria universale per aiutare la comunità internazionale a realizzare la salute per tutti.

Il tema della Giornata mondiale della salute 2024 è “La mia salute, il mio diritto”. Questo è un modo per sostenere che ogni individuo, ovunque, abbia accesso a servizi sanitari, istruzione e informazioni di qualità, oltre a godere di acqua potabile sicura, aria pulita, buona alimentazione, abitazioni di qualità, condizioni lavorative e ambientali dignitose e libertà dalla discriminazione.

Attraverso un partenariato pubblico-privato, Taiwan ha contribuito agli sforzi globali per realizzare il diritto alla salute in collaborazione con i Paesi partner e le organizzazioni internazionali. Abbiamo migliorato l’assistenza medica nelle piccole nazioni insulari del Pacifico meridionale, abbiamo migliorato la nutrizione per le donne e i bambini colpiti dal terremoto ad Haiti, abbiamo fornito supporto psicologico alle donne e ai bambini ucraini rifugiati in Romania e agli operatori umanitari; abbiamo rafforzato l’adattabilità al cambiamento climatico nei Caraibi; e abbiamo migliorato l’accesso all’acqua, ai servizi igienico-sanitari e all’igiene nelle strutture sanitarie in Kenya. Inoltre, Taiwan ha fornito assistenza umanitaria attraverso il recupero post-catastrofe e gli sforzi di ricostruzione, che hanno aiutato le persone a superare i disastri nelle Filippine, in Giappone, nelle Hawaii, in Turchia e in Indonesia.

Taiwan ritiene che la salute sia un diritto umano. Eppure i diritti dei 23 milioni di abitanti di Taiwan vengono ignorati dall’OMS per ragioni politiche. Taiwan rimane un partner risoluto nella difesa del diritto alla salute di tutte le persone in tutto il mondo. Esortiamo l’OMS e tutte le parti interessate a riconoscere i considerevoli contributi di Taiwan alla salute pubblica globale e al diritto umano alla salute. È imperativo che l’OMS adotti un approccio più aperto e dimostri flessibilità, aderendo ai principi di professionalità e inclusività. Taiwan dovrebbe essere inclusa, per una questione di pragmatismo, nell’Assemblea Mondiale della Sanità e in tutte le riunioni, attività e meccanismi dell’OMS, in particolare quelli riguardanti l’accordo pandemico dell’OMS. Ciò consentirebbe a Taiwan di collaborare con i partner globali per sostenere il fondamentale diritto umano alla salute sancito dalla Costituzione dell’OMS e nella visione di non lasciare indietro nessuno, esposta negli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Dr. Hsueh Jui-yuan

Ministro della Salute e del Welfare

Repubblica di Cina (Taiwan)

Articoli Correlati

L’Unione europea come attore globale e le sue capacità di difesa di fronte al crescente ed aggressivo imperialismo della Russia

Un progetto concreto di difesa comune dell’Unione europea non è mai stato realizzato. I progetti elaborati in passato in...

“Countering FIMI and Election Interference in Taiwan: Implications for the EU”: report of an event at the European Parliament

On April 16th, the "Countering FIMI and Election Interference in Taiwan: Implications for the EU" conference took place in...

Recensione a “Madre Patria. Un’idea per una nazione di orfani” di Vittorio Emanuele Parsi, Bompiani, 2023

Un manifesto che rimette al centro il valore della Patria: un concetto che rappresenta un formidabile moltiplicatore di energie,...

Giordano Merlicco, Una passione balcanica. Calcio e politica nell’ex Jugoslavia dall’era socialista ai giorni nostri, Besa, 2023

Una passione balcanica, ultimo lavoro di Giordano Merlicco, è molto di più di quanto suggerisce il titolo. Il sottotitolo,...