Il porto di Massaua come nuova leva dei rapporti italo-cinesi nel Corno d’Africa

Il 16 settembre del 2018 a Gedda è stato firmato lo storico trattato di pace ed amicizia tra Eritrea ed Etiopia che ha posto fine a vent’anni di guerra tra le due ex colonie italiane. Nonostante l’Eritrea resti un “osservato speciale” della comunità internazionale, viste le violazioni dei diritti umani ed il regime autoritario del presidente Isaias Afewerki, la fine del conflitto con il vicino etiope ha comunque portato alla revoca delle sanzioni ONU contro Asmara grazie alla mediazione dell’Arabia Saudita presso gli Stati Uniti.

Il porto di Massaua come nuova leva dei rapporti italo-cinesi nel Corno d’Africa - GEOPOLITICA.info

Da quel momento l’Eritrea è stata parte in causa della “guerra degli approdi” tra le Potenze del Golfo che, in funzione di quanto accade sullo scacchiere yemenita (tornato improvvisamente d’attualità dopo gli attacchi contro i giacimenti sauditi di Buqayq e Khurais del 16 settembre scorso), hanno la necessità di tenere sotto controllo quanti più porti possibili affacciati sulla costa occidentale del Mar Rosso. Da qui anche l’interessamento della corte di Riad per l’Eritrea e per Gibuti: tra questi due Stati, importanti per gli equilibri strategici marittimi dell’area, sussiste una disputa quarantennale irrisolta per la regione di Dumeira occupata dalle truppe eritree; questione che oggi, grazie alla mediazione saudita, viene affrontata da entrambi i contendenti con spirito di collaborazione.

La guerra in Yemen e l’alto volume del traffico internazionale di petrolio che passa attraverso lo stretto di Babel Mandeb (nel 2016, secondo i dati del Dipartimento di Stato per l’Energia USA, ben 4,8 milioni di barili di greggio al giorno hanno attraversato lo stretto) hanno spinto molte delle Potenze impegnate nella nuova “corsa all’Africa” a puntare lo sguardo su un porto in crescente espansione come Massaua, prima capitale della Colonia italiana d’Eritrea ed oggi primo porto dell’Eritrea indipendente. Protetto dall’arcipelago Dahlak e vicino allo stretto di Babel Mandeb, il porto di Massaua è aperto agli investimenti dopo gli annunci in tal senso del presidente Afewerki e l’avvio del programma di modernizzazione infrastrutturale il cui obiettivo è fare della città un polo turistico e, soprattutto, produttivo oltre che di sosta obbligata per le navi petroliere e cargo che percorrono le rotte del “Cindoterraneo”.

Il porto nuovo di Massaua è uno dei più grandi del Corno d’Africa, costruito ed ampliato con capitali italiani e cinesi. Tuttavia, è stato il dragone cinese a fare la parte del leone con la costruzione dell’area dell’industria del freddo nel porto nuovo, giudicata un hub commerciale di primo livello per l’export di frutta e cereali, due tra le merci cardine del mercato eritreo. Gli investimenti nella zona di libero scambio del porto di Massaua sono parte integrante della strategia cinese di neo-colonizzazione del Corno d’Africa, senza contare che la Repubblica Popolare Cinese resta, tuttora, il riferimento ideologico-culturale del presidente Afewerki e del suo Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia.

L’ingombrante presenza cinese a Massaua ha condizionato non poco il ruolo italiano non solo in città ma in tutta l’Eritrea. Asmara ha prima blandito Roma per ottenere fondi e poi, una volta completate le opere, ha preferito puntare tutte le proprie carte su Pechino. Bisogna ricordare che l’Italia è considerata il “padre geopolitico” dell’Eritrea a fronte del “padre ideologico” cinese; nel 1890 gli italiani fondarono la Colonia Eritrea unendo per la prima volta tribù e gruppi umani che fino a quel momento non avevano avuto una consapevolezza unitaria, di pari passo la Cina maoista è sempre stata il riferimento ideale di Afewerki, il luogo in cui ha imparato le tecniche della guerriglia e della gestione di uno Stato socialista. I nuovi abboccamenti eritrei al governo italiano per l’ammodernamento della rete ferroviaria – che nel tratto che porta a Gibuti è stata interamente costruita con materiali e capitali cinesi – lasciano però ben sperare, a patto che Roma trovi un modus vivendi con la Cina.

Nella vicina Gibuti, da più parti definita come la “caserma del mondo”, esistono basi militari di diverse nazioni, tutte interessate a garantire la libertà e la sicurezza delle rotte commerciali nello stretto di Babel Mandeb ma altrettanto interessate a garantirsi un’area d’influenza più o meno ampia nel Corno d’Africa. Tra le Potenze che hanno militari schierati a Gibuti ci sono anche l’Italia e la Cina; con un piede ben piantato in Eritrea entrambe potrebbero ottenere sostanziali vantaggi rispetto ai rivali.

Il rafforzamento della posizione politica e strategica di una Potenza nel Corno d’Africa è legata alla capacità di essere considerata un buon investitore e, di conseguenza, un valido partner dagli Stati che affacciano sulla costa del Mar Rosso. L’Eritrea è uno di quei banchi di prova, forse uno dei più importanti, in cui la diplomazia italiana può testare l’utilità e la validità delle nuove frontiere aperte dalla “via della seta” che, inutile negarlo, in Africa ha una delle sue vie preferenziali di sviluppo. L’Eritrea, dalle frontiere con l’Etiopia fino allo scalo portuale di Massaua, è in continuo fermento modernizzatore e quindi è aperto alla penetrazione estera; due Potenze si trovano ad avere uguali interessi nell’area, la linea da seguire oscilla tra i due poli antitetici della collaborazione o dello scontro, tertium non datur.

Nonostante Roma abbia, inutile negarlo, alcuni obblighi nei confronti degli alleati occidentali – su tutti gli Stati Uniti – da rispettare, e dunque non può adottare una autonoma politica “cinese”, è anche vero che per quanto riguarda i rapporti con il mondo arabo e con le proprie ex colonie d’Africa l’Italia ha sempre goduto di ampia autonomia. Per la teoria dei “cerchi concentrici” della nostra politica estera infatti, le relazioni di Roma con l’Eritrea rientrano appieno nella “sfera creativa” e dunque autonoma della diplomazia nazionale. Dunque, ove non si possa adottare una politica di collaborazione diretta con la Cina, non bisogna perdere di vista la possibilità di dialogare – che significa essere disponibili ad investire capitali e risorse oltre che avere una strategia politica ben definita – con un partner come l’Eritrea, magari più approfonditamente di quanto non sia stato fatto nel corso degli ultimi anni.