0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheMedio Oriente e Nord AfricaIl nemico del mio nemico è mio amico: i...

Il nemico del mio nemico è mio amico: i rapporti tra Turchia, Iran ed Israele

-

La pericolante equazione delle alleanze mediorientali è soggetta al costante rimescolamento delle carte in gioco e alla fragilità delle coalizioni esistenti, e poiché le infinite combinazioni si reggono sulle necessità puntuali delle potenze regionali ed internazionali, raramente possono far affidamento su una visione strategica di lungo periodo. È precisamente questo il caso del curioso triangolo formatosi tra Turchia, Iran ed Israele, un’equazione fondata su azione e reazione dove la potenza turca fa da equilibrista tra Iran e Israele.

Se Teheran e Tel Aviv rappresentano i due poli magnetici opposti e respingenti nell’universo mediorientale, i restanti paesi dell’area si trovano a fare i conti con la loro incompatibilità: tra essi, la Turchia, dominando l’arte dell’amico-nemico, è riuscita a mantenere rapporti periodicamente migliori con ciascuna delle rivali. Conscia di non condividere una completa armonia con nessuno dei due litiganti, Ankara è in grado di legarsi periodicamente con l’uno o con l’altro in base alle necessità contingenti dell’ultimo decennio.  

Le relazioni tra Ankara e Teheran sono frutto di un equilibrio basato su cooperazione, amichevoli contrasti e fiera rivalità, dipendente sia da fattori esterni, che dalle realtà politiche dei due paesi e dalla situazione geopolitica del momento. In quanto potenze regionali, i punti di maggior frizione si riconoscono nel sovrapporsi delle reciproche sfere di influenza, e per questo motivo il fulcro delle tensioni turco-iraniane è da individuare nella gestione dell’instabilità proveniente dai paesi confinanti. In Iraq, i due paesi hanno sostenuto gruppi politici e sociali opposti, scontrandosi indirettamente, similarmente a ciò che accade all’interno del Governo regionale del Kurdistan, dove Ankara e Teheran supportano due fazioni avversarie (rispettivamente il Partito democratico del Kurdistan – Kdp – e l’Unione patriottica del Kurdistan – Puk). Il conflitto siriano rappresenta un ulteriore terreno di scontro per Iran e Turchia: se al principio dello scoppio della guerra, Ankara ha sostenuto i ribelli e Teheran il regime di Bassar al-Sadat, con l’intervento russo nel 2016, la Turchia ha dovuto abbandonare la speranza di rovesciare il regime e si è concentrata sull’eliminazione dell’autonomia curda e sulla gestione del flusso di rifugiati. 

È proprio a partire dal 2016 che i rapporti tra le due potenze mediorientali sono entrati in una fase di armonia grazie alla spinta antioccidentale della macchina comunicativa di Erdogan e a seguito della risposta comune alle aggressive politiche economiche dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti. Il contenimento dei punti di frizione tra due potenze regionali ha potuto portare ad una maggiore intesa, concretizzatasi nella coalizzazione contro il referendum curdo del 2017 e nella gestione delle conseguenze delle “primavere arabe”. 

In questa fase distensiva dei rapporti turco-iraniani, Ankara si è notevolmente distanziata da Israele, ed al loro deteriorarsi, la Turchia ha visto un progressivo miglioramento di quelli con Tel Aviv. A fine 2020, a distanza di pochi mesi da quando forze turche e filo-iraniane si erano scontrate per il controllo delle strategiche autostrade siriane M4 e M5, Turchia e Israele hanno dato inizio ad un lungo negoziato che ha portato ad un progressivo disgelo nelle loro relazioni. Basti pensare che ad agosto 2022, i due ministri degli Esteri hanno annunciato il pieno ristabilimento delle relazioni diplomatiche, dopo che nel 2018 la Turchia aveva espulso l’ambasciatore israeliano a seguito della violenta repressione a Gaza. Il partenariato tra Israele e Turchia si base sull’opportunità economica reciproca che l’uno rappresenta per l’altro, oltre che un’utilità strategica da non sottovalutare: consapevoli che un’affinità ideologica non potrà essere raggiunta, Tel Aviv e Ankara hanno preferito un legame periferico, basato su una complicità non universale, ma legata a specifici temi. I due paesi si concedono accordi vantaggiosi per entrambi senza che capitoli scomodi come la situazione palestinese o la concorrenza nel settore energetico debbano essere aperti tramite negoziati. 

Il futuro delle relazioni di questo curioso triangolo, vittima degli eventi politici nazionali e internazionali, è incerto: se al momento i rapporti più tiepidi tra Tel Aviv e Ankara sono da ricondursi al clima geopolitico, le fonti di discordia tra i due paesi li attendono dietro l’angolo. Radici più profonde, come il sostegno fornito al gruppo islamico palestinese Hamas da parte della Turchia e lo stato dei rapporti tra Israele e Palestina, potrebbero strappare il rapporto cucito negli ultimi anni. Contemporaneamente, un riavvicinamento con Teheran appare improbabile: la crescente cooperazione tra Russia e Iran e la possibile militarizzazione del programma nucleare iraniano mette in allerta Ankara, allontanando maggiormente i due paesi. Nell’ultimo decennio, il walzer delle alleanze mediorientali è stato dominato dalla Turchia che è stata in grado di avvicinarsi, senza legarsi, ai due litiganti in base alle sue necessità, e come Ankara riuscirà a proseguire il ballo, è solo da vedere. 

Articoli Correlati

GSM NATO 2024: le origini dell’instabilità mediterranea

Il Concetto Strategico 2022 denuncia la profonda relazione che intercorre tra il ritorno alla competizione strategica tra grandi potenze,...

Pirates of the 21st century: the modern threats shaping our world

Piracy dates back 2000 years to ancient Greece when the Greeks faced challenges in commerce. During the Roman era,...

La difesa italiana nel fianco Sud della NATO

Una delle caratteristiche principali della politica di difesa italiana, che la distingue da molti altri Paesi europei, è la...

Le guerre oscurate: il Sudan sull’orlo dell’apocalisse

“Questa non è una guerra tra due generali”, si afferma con forza in un webinar del Center for Middle...