0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheAmerica LatinaHaiti: una crisi senza fine

Haiti: una crisi senza fine

-

L’escalation della violenza a Port-au-Prince – capitale della ‘perla delle Antille’ nella parte occidentale dell’isola Hispaniola – ha costretto circa 40.000 persone ad abbandonare le proprie case in diversi quartieri, aggravando una crisi umanitaria già complessa. Donne, bambini, anziani e altri gruppi vulnerabili sono i più colpiti dalla violenza brutale perpetrata da gruppi armati che lottano per il controllo del territorio. Centinaia di civili sono stati uccisi e decine di migliaia sono stati costretti a fuggire dalle proprie abitazioni.

Haiti sta vivendo un crollo umanitario che si riflette in una crisi socioeconomica e politica di proporzioni allarmanti. Questo crollo ha raggiunto livelli critici negli ultimi anni, mettendo a dura prova il Paese su molteplici fronti. Circa la metà del Paese si trova ad affrontare livelli acuti di insicurezza alimentare, evidenziando la profonda necessità di assistenza umanitaria per garantire la sopravvivenza di una vasta parte della popolazione. A causa del peggioramento della sicurezza e delle condizioni socioeconomiche, molte scuole hanno dovuto chiudere e un gran numero di bambini non frequenta la scuola. Questo ha portato a gravi sfide educative nel Paese. La situazione di crisi continua a richiedere un sostegno costante da parte della comunità internazionale, con l’assistenza umanitaria che rimane fondamentale per affrontare le sfide persistenti in Haiti. In seguito agli uragani che hanno colpito Haiti nel 2004 e nel 2016, e al terremoto dell’11 gennaio 2010, ci sono stati centinaia di vittime. Haiti, che secondo il Programma Alimentare Mondiale ha un indice di miseria in costante aumento, rendendolo il Paese più povero delle Americhe, ha ricevuto aiuti umanitari. 

Il punto chiave di un’analisi attenta e critica non è il Paese che invia gli aiuti ma il Paese che li riceve. Qui, le dipendenze asimmetriche e il deficit democratico hanno permesso alla criminalità organizzata di intercettare gli aiuti destinati alle classi più basse per rivenderli ai trafficanti. Haiti, colonia francese fino al 1804 e membro dell’ONU dal 1945, rappresenta un chiaro esempio poiché è finanziariamente piccolo e non un grande esportatore. Una vasta parte della popolazione dipende dall’agricoltura di sussistenza per sopravvivere. Circa la metà del bilancio annuale del paese è coperta dagli aiuti esteri. Un esempio di ciò è l’aiuto alimentare inviato ad Haiti dagli Stati Uniti che è stato confiscato e successivamente rivenduto illegalmente sul mercato locale. Ciò non solo ha impedito che gli aiuti arrivassero dove erano più necessari, ma ha anche abbassato i prezzi locali dei prodotti alimentari e disincentivato i contadini locali dal portare i loro raccolti al mercato dove si trovavano in svantaggio competitivo rispetto al grano importato dagli Stati Uniti. Le crisi sono state molte, dall’Uragano del 2012 (201.850 persone colpite) all’Epidemia del 2011 (514.000 persone colpite), dal Terremoto del 2010 (3,7 milioni di persone colpite) alla crisi alimentare del 2008-09 e alla crisi finanziaria internazionale. 

Le variabili di shock possono essere diverse come i termini di scambio, la domanda esterna e in particolare gli investimenti diretti esteri o l’assistenza dell’IDA (International Development Association – The World Bank) come quota del PIL del Paese. I valori sono fissati nel decimo percentile della distribuzione specifica di Haiti negli ultimi dieci anni e sono destinati a stimare la vulnerabilità di Haiti agli eventi di crisi. Guardando i dati V-Dem riguardanti l’Indice delle Violazioni Pandemiche degli Standard Democratici, Haiti presenta punteggi emblematici: PanBack Score di 0,25 e PanDem Score di 0,35 con un PanBack Score Ranking di 17/144 che è salito al 23° su 144 durante il periodo del Covid-19. L’economista vincitore del Premio Nobel nel 2015, Angus Deaton, premiato per la sua analisi dei consumi, della povertà e del benessere focalizzandosi principalmente sulla povertà, l’ineguaglianza, la salute, il benessere e lo sviluppo economico, ha sostenuto che i governi delle nazioni possono diventare più corrotti mentre appropriano fondi e diventano meno motivati a far funzionare le proprie economie. Questo finisce per rallentare la crescita economica. Gli aiuti possono anche portare a una riduzione della base fiscale di un Paese indebolendo la chiarezza della responsabilità tra i cittadini e il loro governo. Per avere i fondi necessari per gestire un Paese, un governo deve raccogliere tasse dai suoi cittadini. Se i leader non forniscono i servizi basilari promessi, la popolazione ha il potere di escluderli in una democrazia. Deaton sostiene infine che gli aiuti esteri possono indebolire questa relazione e quindi rendono i governi meno responsabili. Realtà drammatica questa che ora affligge il Paese caraibico.

Articoli Correlati

Nuovo accordo tra Unione europea e Cile per il litio: liberalizzazione, strategia e doppio standard

L’Advanced Framework Agreement tra UE e Cile garantirà la liberalizzazione commerciale tra le due parti in cambio di materie...

L’asse Venezuela-Iran: un’alleanza strategica di sopravvivenza

Da più di vent’anni, Venezuela e Iran mantengono un’alleanza strategica che permette loro di far fronte alla situazione di...

Haiti tra gruppi armati e traffico illecito di armi

Haiti è in preda al caos. Nel Paese vige la legge del più forte e il traffico illecito di...

I BRICS e il controllo degli stretti: una possibile spiegazione dell’allargamento

Il primo gennaio 2024 il gruppo BRICS si è allargato ad Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi...