Gli eventi geopolitici del 2019

Ci apprestiamo ad arrivare alla fine del 2019, e proviamo a riassumere, mese per mese, i principali eventi e le principali immagini che hanno contraddistinto la politica internazionale dell’anno trascorso.

Gli eventi geopolitici del 2019 - GEOPOLITICA.info


Gennaio 2019
Il 23 gennaio John Guaidò, nel corso di una manifestazione, giura come presidente ad interim del Venezuela. Si apre quindi un contenzioso politico con Maduro, che segue una crisi sociale ed economica che già contraddistingue il paese latino americano da tempo. Il Venezuela si trova quindi catapultato al centro dello scenario internazionale, con gli Stati Uniti che chiedono alla comunità internazionale di riconoscere Guaidò come presidente venezuelano, e la Russia di Putin che continua a sostenere Maduro. In generale il 2019 sarà un anno significativo per il Sud America, con le elezioni in Argentina che vedono la vittoria del fronte peronista, e con le dimissioni di Morales in Bolivia a seguito di grandi proteste di piazza.

Febbraio 2019
Il 2019 è stato sicuramente l’anno che ha visto come protagonista la giovane attivista Greta Thunberg. A febbraio, durante una manifestazione a Bruxelles, Greta parlando davanti al presidente della Commissione Europea Juncker, dichiara che “se l’Ue deve dare il suo contributo equo per restare nell’obiettivo del limite di 2 gradi dell’accordo sul clima di Parigi, significa un minimo dell’80% di riduzione entro il 2030″. Una vera e propria indicazione politica, per un tema, quello ambientale, oramai entrato nell’agenda dei principali partiti europei e della stessa nuova Commissione guidata dalla tedesca Ursula von der Leyen.

Marzo 2019
Il 15 marzo a Christchurch, in Nuova Zelanda, un uomo di 28 anni compie un attacco con un armi semiautomatiche presso una moschea e un centro islamico della città, portando alla morte di 50 fedeli durante la preghiera del Venerdì. L’uomo ha ripreso tutta l’operazione con una telecamera appoggiata in testa, in diretta Facebook. Brenton Harrison Tarrant, così il nome dell’attentatore, aveva anche rilasciato un manifesto, dai tratti xenofobi e anti-islamici, nel quale spiegava le motivazioni della sua azione.

Aprile 2019
Il 21 aprile, giorno di Pasqua, una serie di attentati hanno colpito 3 chiese, 4 alberghi di lusso e un complesso residenziale nello Sri Lanka. Gli attacchi hanno colpito i principali luoghi di culto cristiani del paese, e causato la morte di 253 persone. Gli autori dell’attacco sono stati 7 cittadini srilankesi associati alla Thowheeth Jama’ath nazionale (Organizzazione Monoteista Nazionale), una milizia fondamentalista islamica locale. Pochi giorni dopo l’attentato l’Isis ha rivendicato l’azione.
Ad aprile, inoltre, si sono celebrati i 70 anni dell’Alleanza Atlantica, e nel corso dei mesi si è assistito a un vero e proprio dibattito a distanza tra i principali leader internazionali sul ruolo futuro della NATO. Macron, ad esempio, ha definito l’Alleanza in uno “stato di morte celebrale”.
Sempre ad aprile si registra l’inizio dell’offensiva
di Haftar in Libia verso Tripoli, controllata dal governo di alSerraj (sostenuto dall’Onu, e
ufficialmente dall’Italia). In questi mesi l’offensiva, dopo un inizio violento, si è tramutata in una guerra di posizione, con le truppe di Haftar che una volta esaurita la spinta propulsiva (per mancanza di fondi, armi ed equipaggiamenti), si sono arenate nel sud di
Tripoli. Questa situazione di stallo si è sbloccata nelle ultime settimane, dopo che la Russia ha deciso di intervenire decisamente nel sostegno al generale Haftar: si registra l’invio di diverse centinaia di soldati della Wagner Group.  Tale sbilanciamento di forze
ha portato un acceleramento della situazione sul campo, tanto che pochi giorni fa il generale libico Khalifa Haftar ha annunciato che per la sua milizia è arrivata “l’ora
zero, quella dell’attacco finale a Tripoli per liberarla dai terroristi”.

Maggio 2019
Tra il 23 e il 26 maggio si sono svolte le elezioni europee: diverse le tematiche affrontate nelle varie campagne elettorali, dalla questione Brexit al populismo, passando per la crisi economica e sociale che attanaglia l’Eurozona e che in alcuni paesi, come la Francia, ha comportato la nascita di fenomeni come i Gilet Gialli, che da novembre 2018 manifestano settimanalmente contro il governo di Macron. Da segnalare la vittoria del Brexit Party di Farage nel Regno Unito, il sostanziale pareggio tra la Le Pen e Macron in Francia, e la netta vittoria della Lega di Savini in Italia, che farà da preambolo alla crisi di governo di agosto.

Giugno 2019
Donald Trump e Kim Jong Un si sono incontrati e stretti la mano nella zona demilitarizzata al confine tra le due Coree. Trump è stato quindi il primo presidente americano a metter piede in un paese formalmente ancora nemico degli Stati Uniti. A margine dell’incontro il presidente Usa ha dichiarato che “passare al di là della linea è stato un grande onore” e che quella con il leader di Pyongyang è “una grande amicizia”.

Luglio 2019
Il 9 luglio, la governatrice di Hong Kong ha dichiarato “morto” il disegno di legge sull’estradizione, che aveva scatenato le prime manifestazioni di protesta nel marzo dello stesso anno. Da luglio inoltre le manifestazioni si sono intensificate e trasformate in veri e propri scontri di piazza con la polizia, che hanno portato anche all’assalto e all’irruzione presso il parlamento locale da parte di un gruppo di manifestanti.

Agosto 2019
Il 2 agosto gli Stati Uniti formalizzano l’uscita dal trattato INF (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty), siglato a Washington nell’87. Già nell’autunno scorso Trump aveva annunciato il ritiro, accusando la Russia di non rispettare l’accordo. Inoltre secondo l’amministrazione Trump la mancata adesione della Cina al trattato comportava uno svantaggio strategico per gli Stati Uniti.

Settembre 2019
Nella notte tra il 13 e il 14 settembre, un importante attacco combinato con droni e cruise ha colpito, in territorio saudita, due importanti asset per l’industria petrolifera della compagnia nazionale Saudi Aramco.  I due obiettivi dell’attacco sono stati il giacimento di Hijra Khurais, il secondo del paese, e l’impianto di Abqaiq, infrastruttura fondamentale per Riad, dove vengono lavorati i due terzi del greggio saudita da destinare all’esportazione.
Subito è arrivata la rivendicazione dell’attacco da parte degli Houthi, i ribelli sciiti vicini all’Iran che nello Yemen combattono una guerra per procura contro l’Arabia Saudita. In realtà, sin dalle ore successive all’attacco, la maggior parte degli analisti e osservatori internazionali ha  espresso diverse perplessità sull’attendibilità della rivendicazione degli Houthi: un’operazione militare di questa portata sarebbe infatti fuori dalla capacità operativa dei ribelli yemeniti.

Ottobre 2019
ll 9 ottobre, dopo diverse dichiarazioni di Trump sul ritiro dei soldati americani presenti nel nord-est della Siria, che vanno ad iscriversi all’interno della conclamata strategia di disimpegno statunitense dal Medio Oriente, Erdogan ha annunciato l’inizio dell’operazione militare “Primavera di Pace” in territorio siriano, con l’obiettivo di creare una safe zone di oltre 30 km a sud della frontiera turco-siriana, controllata da Ankara.
Inoltre, il 26 ottobre, nei pressi di Barisha, vicino Idlib, un commando della Delta Force è entrato nel compound dove viveva nascosto il leader dell’Isis Al-Baghdadi. Il Califfo ha tentato la fuga tramite un tunnel sotterraneo, però senza uscita, e oramai spacciato ha azionato una cintura esplosiva, uccidendo sé stesso, 2 mogli e 3 figli. Nell’operazione hanno perso la vita anche una decina di suoi uomini, mentre non risultano feriti tra il commando americano.

Novembre 2019
Il 26 novembre nel cuore di Londra un uomo già condannato per terrorismo nel 2012 ha pugnalato 5 persone sul London Bridge, uccidendone 2. Usman Khan, in libertà vigilata dal 2018, è stato inizialmente bloccato dai passanti nonostante indossasse una cintura esplosiva, poi rilevatasi finta, per poi essere ucciso dalle forze dell’ordine. L’Isis ha prontamente rivendicato l’attentato tramite l’agenzia Amaq. Si tratta del primo attentato in territorio europeo dopo la morte di Al Baghdadi.

Dicembre 2019
Il 12 dicembre si sono svolte le elezioni nel Regno Unito. Il Partito Conservatore di Boris Johnson si è aggiudicato la maggioranza, conquistando 365 seggi (a fronte dei 326 necessari): una maggioranza di 80 seggi che il Partito Conservatore non aveva in Parlamento dai tempi della Thatcher. Sconfitto il Partito Laburista guidato da Jeremy Corbyn, che ha conquistato 203 seggi (32,2% dei voti), una disfatta se confrontata con i 262 seggi presi dai Laburisti nelle precedenti elezioni.
Sulla Brexit Johnson ha dichiarato, facendone anche lo slogan della campagna elettorale (“get Brexit done”) l’intenzione di chiudere il processo che porterà il Regno Unito ad uscire dall’Unione Europea.