Geopolitica & strategia: una riflessione

Una volta John Kennedy spiegò in maniera semplice una cosa molto importante. “Il momento giusto per riparare il tetto è quando il sole splende”. Gestire l’emergenza non è un progetto strategico. Semmai, è la conseguenza di una strategia.

Geopolitica & strategia: una riflessione - Geopolitica.info

La crisi, ogni crisi, discrimina il valore degli attori in campo sulla base della strategia, non delle opinioni o delle emozioni. E poiché la strategia è un concetto di origine militare, presuppone un “nemico”. O per lo meno un avversario. Di solito, vince chi ha un pensiero strategico chiaro e riesce a metterlo in atto. Lo stesso vale nel business. Quando la competizione si fa dura, cioè quando la visione deve trasformarsi rapidamente in azione, bisogna aver chiaro dove si vuole andare e come ci si vuole arrivare.

La geopolitica è una “scienza” di lungo periodo, ma inesatta. Pertanto la sua gestione, più che in altre discipline, richiede un pensiero strategico. I governi stanno facendo ogni possibile sforzo per contrastare un avversario nuovo e temibile, attivando alleanze inusuali e fino a pochi mesi fa del tutto impensabili. Non so se la politica internazionale cambierà per effetto del virus che stiamo combattendo. Mi chiedo piuttosto se e come cambieremo noi; in particolare, se acquisiremo una consapevolezza nuova sull’importanza di una visione strategica sul mondo e su come affrontare le sue vicende. Per garantirne uno sviluppo sostenibile. Sarebbe già un grande risultato, una lezione preziosa.

Non è l’anno zero. Certamente, però, il mondo è molto diverso dall’inizio dell’anno. Nessun governo, oggi, può dire di attenersi all’agenda decisa poche settimane fa, e nessun Paese – forse – resterà immune dalla sferzata di questo “virus globale” . Tuttavia, per chiunque si muove nel mondo delle relazioni internazionali, resta inteso che le sfide importanti non si vincono grazie alla velocità di reazione agli avvenimenti, ma per la chiarezza della strategia. Cioè facendo scelte precise. Più o meno condivisibili. Ma scelte. Di geografia o di settore. Di lungo o di breve periodo. Ma comunque scelte, determinazioni di una visione strategica che precede l’azione. Senza dubbio, la velocità reattiva aiuta a cogliere opportunità e ad evitare minacce. Ma senza una strategia efficace, agire velocemente non basta. O per lo meno non ci rende protagonisti di niente. Semmai comparse, in scenografie decise da altri.

Nel great game della geopolitica globale, distrarsi è sempre pericoloso. Ancor peggio, farlo in periodi crisi. Ma per essere vigili occorrono obiettivi chiari e priorità definite sulle quali vegliare. Come ogni crisi, pertanto, anche quella che stiamo vivendo conferma un principio: per comprendere, o contrastare, la strategia di altri bisogna averne una. Crearla durante l’emergenza è sempre pericoloso. Quasi vietato.

L’impressione è che l’epidemia in atto sia una circostanza, più tragica di altre e a suo modo “violenta”, che ricorda a tutti gli attori geopolitici un dato di fatto: e cioè che le relazioni internazionali non sono soltanto una questione di problem solving, ma – prima di tutto – un esercizio (complesso e difficile) di decision making. E quanto più il mondo diventa veloce e interconnesso, tanto più sarà così. La rapidità di reazione agli accadimenti funziona bene se inserita in un progetto strategico chiaro, già definito nel momento in cui la realtà si svela. Anche per questo, forse, Kennedy non ha detto “Quando comincia a piovere, corri al riparo il più velocemente possibile”.

Violentando la realtà, e con essa i rapporti internazionali, il virus suggerisce anche alla geopolitica un cambio di passo, questo sì veloce, perché il mondo che ci aspetta sarà asimmetrico, poco lineare, fatto di enigmi da decifrare e non solo di problemi da risolvere. “Il futuro”, per dirla con Paul Valéry – “non è più quello di una volta”. Fare sempre meglio le stesse cose non è più sufficiente. Bisogna imparare a fare al meglio cose diverse. Per esempio immaginare futuri possibili prima che diventino realtà. La guerra contro il virus è mondiale. A differenza delle altre, è tutti contro uno. Ma trasforma ogni persona in un fante, impegnato a difebdere un pezzo di mondo, e ogni Paese in un (possibile) alleato. Una cosa mai vista, impensabile un paio di mesi fa, quando ancora ognuno pensava che le relazioni internazionali fossero solo una questione di Stati. Questa “guerra” è “scoppiata” da poco, ma finora ha irriso qualunque barriera geografica; ha messo in ginocchio l’economia di interi Paesi; rischia di cambiare equilibri politici globali. Per questo, richiede un pensiero strategico nuovo e diverso. Più condiviso, forse. Adeguato ai tempi, potremmo dire, perché l’avvenire è di tutti. Mai stato così vero.

Fra le responsabilità di ogni generazione, si intravvede anche quella di guardare alla successiva. Per la nostra, in particolare, corre l’obbligo di imparare a definire un pensiero strategico. Per gestire il presente, innanzi tutto. Ma anche per trasmettere ai più giovani, abituati a ragionare in 140 caratterei e a reagire in tempi digitali, gli strumenti necessari ad affrontare l’imprevisto. Cioè avere una visione profonda, anticipare l’effetto delle azioni, immaginare risposte creative innanzi a circostanze mutevoli.

In un mondo smart, la geopolitica deve riscoprire la propria intelligenza. Nel senso latino della parola, intus-legere, capacità di leggere dentro le cose. Capirne l’essenza. Coglierne il significato per trasformarlo in scelte. Riaffiora, da questa riflessione, il nesso che lega geopolitica e strategia: la leadership. Che in ultima istanza non è l’esercizio di un comando, ma la capacità di programmare (o per lo meno immaginare) un futuro, fra i tanti possibili. Usciremo dalle nostre case per tornare in un mondo nel quale, forse, il pensiero conterà più dello “strumento”. In cui la strategia sosterrà l’azione. In cui la responsabilità significherà veramente “respondere”, ciascuno nel suo pezzo di mondo, alla complessità di questa epoca.

Marco Alberti,
Head of International Institutional Affairs, Enel S.p.A.