0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

Sala StampaLa diplomazia senza la forza

La diplomazia senza la forza

-

Le suggestioni “obamiane” della politica estera italiana peccano di assenza di realismo, secondo Angelo Panebianco. La collocazione geografica del nostro Paese e i tumulti dell’area mediterranea impongono scelte oculate e di lungo periodo, senza dimenticare che una diplomazia che non contempli l’opzione dell’uso della forza rischia l’inefficacia.

Leggi l’editoriale

Articoli Correlati

NATO75: evento alla Camera e volume di approfondimento

“La Nato verso il 2030. Continuità e discontinuità nelle relazioni transatlantiche dopo il nuovo Concetto Strategico”. È tutto nel...

Migranti, difesa comune, Ucraina. Tutte le sfide della nuova Nato

Del futuro dell’Alleanza Atlantica hanno discusso alla Camera parlamentari e diplomatici in occasione della pubblicazione del volume di Natalizia...

IMEC e BRI, corridoi imperiali

I corridoi sono sempre stati presenti nella storia geopolitica. Di fatto non si è mai trattato di mere estensioni...

Italia in Asia: come ci stiamo muovendo nell’area Indo-Pacifico. La ricerca di UNINT

“I confini del Mediterraneo Allargato e dell’Indo-Pacifico si sovrappongono”. Anche a livello di interesse strategico per l’Italia. La nuova...