0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheItaliaDa vulnus a punto di forza. L'energia e la...

Da vulnus a punto di forza. L’energia e la diplomazia italiana del “Piano Mattei”

-

Alla tavola rotonda Med Energy di Ravenna, l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha dichiarato che le tensioni in Medio Oriente non hanno modificato in alcun modo il rapporto con l’Algeria, primo fornitore di gas dell’Italia. Descalzi ha anche evidenziato come uno dei maggiori problemi sul fronte energetico sia la debolezza di fondo dell’Europa, che è sì un grande mercato, ma che non ha fonti energetiche proprie né, quindi, indipendenza energetica.

A dominare è la “geografia dell’incertezza”, per citare Alessandro Ricci, ed i conflitti tra Russia e Ucraina e tra Israele ed Hamas stanno rendendo ancora più incerta la questione dell’approvvigionamento energetico per il vecchio continente. L’importanza di gas e petrolio per la vita quotidiana e per le economie europee rende quella legata all’energia una questione d’importanza strategica. 

Sotto questo aspetto, la vecchia ambizione italiana di trasformare la Penisola nell’hub energetico dell’Europa, sfruttando la sua proiezione geografica al centro del Mediterraneo, che delle rotte energetiche è crocevia, è nuovamente fulcro delle discussioni “geopolitiche” nazionali. Uno dei principali attori della politica estera italiana, l’Eni, ha avviato da qualche tempo un processo di diversificazione delle proprie attività industriali, che hanno spinto il “cane a sei zampe” verso lo sviluppo di nuove tecnologie, verso gli investimenti nelle rinnovabili e la cattura e trasformazione della CO2. 

Senza dimenticare la particolare attenzione che l’Eni ha sempre riservato all’Africa, palcoscenico dell’ancora nebuloso – ma che dovrà necessariamente concretizzarsi – “Piano Mattei” (legatissimo sotto il profilo ideologico-programmatico alla “scuola geopolitica” Eni e che nella compagnia energetica vede uno dei principali attori/strumenti per la proiezione italiana nell’area) del governo Meloni, e dunque l’obiettivo di mantenere forti legami con Algeria, Egitto e Libia, alcuni interlocutori tradizionali ed altri nuovi, per la politica energetica di Roma.

In più, anche il Medio Oriente, con “vecchie conoscenze” della diplomazia italiana, come il Libano, e nuovi partner, come il Qatar, sta rientrando a pieno titolo in un “Piano Mattei” allargato, che segue, sotto il profilo politico-energetico, i confini ampi del politico-militare “Mediterraneo allargato”.

Già prima del 24 febbraio 2022, il governo presieduto da Mario Draghi aveva aperto una nuova fase della diplomazia energetica di Roma, più attenta alla differenziazione dei partner dai quali acquistare gas e petrolio, meno incline a legarsi prioritariamente alla Russia in quanto potenza revisionista e dunque “inaffidabile” per quanto concerne la solidità delle strategie italiane anche di breve-medio periodo.

Seguendo una linea già tracciata dall’allora ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, attuale amministratore delegato e direttore generale di Leonardo, il ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin, punta a fare dell’Italia un “crocevia energetico”, perché oggi anche la posizione geografica invidiabile può fungere da “peso determinante” in Europa e nel Mediterraneo.

Il “cambio di passo” africacentrico del ministro degli Esteri, Antonio Tajani, che ha invitato a “guardare all’Africa con mentalità africana e non mentalità europea”, ha nella diplomazia energetica proprio uno dei suoi pilastri, ma anche uno dei suoi scopi. Di fatto si tratta della riproposizione, da adattare, però, al contesto geopolitico della “globalizzazione competitiva” e ad una Italia sempre più legata all’anglosfera, del programma cattolico-nazionale di Mattei.

Un programma che richiede, obbligatoriamente, una impostazione assertiva e decisamente più attiva e presente della diplomazia italiana in Africa e Medio Oriente.  

Articoli Correlati

Il Piano Mattei e la politica estera italiana. Intervista all’On. Giangiacomo Calovini (FdI)

Il 29 gennaio si è concluso a Roma il Vertice Italia Africa in cui si sono incontrati 25 capi...

L’Italia, Aspides e la crisi del Mar Rosso

Alla Marina Militare italiana sarà affidato il ruolo di Force Commander della missione navale europea “Aspides” per la sicurezza...

Con il Piano Mattei, Meloni guarda al Fianco Sud 

Il governo Meloni torna a chiedere a Bruxelles e agli alleati internazionali una rinnovata attenzione verso i Paesi africani,...

L’endorsement di Blinken all’Italia nella Conferenza Ambasciatori 2023

La diplomazia è il cuore pulsante della politica internazionale dell’Italia. E forse è il caso di ribadirlo, in un...