0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheAfrica SubsaharianaCosa Sta Succedendo in Nigeria e Cosa è la...

Cosa Sta Succedendo in Nigeria e Cosa è la SARS

-

Sono ormai alcune settimane che vanno avanti le proteste in Nigeria contro la Special Anti-Robbery Squad (SARS), l’unità speciale della polizia nigeriana, accusata di atti violenti ed abuso di potere. I cittadini delle principali città nigeriane si sono riversati in piazza a seguito della pubblicazione di un video che mostra un agente dell’unità speciale aggredire e uccidere un uomo, sembrerebbe con l’intento di rubargli la macchina.

Il video, caricato lo scorso 7 ottobre, ha provocato l’ira dei manifestanti, che ad oggi chiedono giustizia e protezione. La risposta delle autorità è stata violenta: la polizia ha utilizzato idranti, manganelli e proiettili per disperdere la folla, causando la morte di almeno 15 persone.

A seguito delle proteste il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha ordinato la dissoluzione immediata del corpo speciale di polizia, ma i manifestanti credono che questa misura non basti.

La SARS, infatti, non è nuova a questo tipo di comportamento fuorilegge: il movimento #EndSARS che anima le proteste di oggi nasce in realtà nel 2017, a seguito di casi analoghi di violenza, e negli anni ha portato varie volte allo scioglimento dell’unità speciale – nel 2017, nel 2018 e nel 2019 – lasciando però una situazione pressocché immutata.

Stando al rapporto di Amnesty International, che da anni monitora la situazione nel Paese, tra gennaio 2017 e maggio 2020 sono almeno 82 le persone detenute nei centri SARS che hanno subito torture e sevizie di vario genere. Nel corso degli anni, la SARS è stata più volte accusata di abusi sessuali, arresti immotivati e vere e proprie esecuzioni extragiudiziali. Le vittime prese di mira dal corpo di polizia, sono generalmente giovani tra i 18 e i 35 anni, spesso appartenenti alle fasce più deboli della società.

La Storia

La Special Anti-Robbery Squad viene creata nel 1992 per far fronte al problema della criminalità violenta che stava dilagando a Lagos, soprattutto per contenere il fenomeno delle rapine a mano armata e dei rapimenti. Per essere più efficienti e mimetizzarsi con la popolazione, agli agenti della SARS veniva permesso di operare in borghese, spesso con il volto coperto o con uniformi a cui era stata tolta la targhetta con il nominativo. L’anonimato serviva loro per avvicinarsi più facilmente alle gang che tenevano sotto scacco il Paese, ma, con l’andare del tempo, si è trasformato in invulnerabilità ed impunità, portando le unità della SARS ad agire in maniera del tutto fuorilegge ed indisturbata, spesso derubando, molestando ed in alcuni casi compiendo delle vere e proprie esecuzioni.

Le proteste oggi

Nonostante lo scioglimento della SARS, le proteste non si sono placate. I cittadini temono che, una volta ricomposta l’unità speciale la situazione – come negli anni precedenti – non cambi nella sostanza e per questo richiedono una riforma strutturale del corpo di polizia.

A tal proposito, è stata resa nota una lista con le cinque richieste essenziali della popolazione: 1. il rilascio immediato dei manifestanti arrestati da inizio ottobre; 2. un risarcimento economico per le vittime e per le famiglie delle vittime di violenza da parte della polizia; 3. l’istituzione di un corpo indipendente all’apparato poliziesco che apra un’inchiesta sugli abusi compiuti ed analizzi le denunce a carico degli agenti; 4. una valutazione psicologica degli ormai ex agenti SARS che confermi la loro idoneità ad entrare a far parte di altri corpi di polizia; 5. un aumento degli stipendi per tutti i corpi di polizia.

Richieste, quindi, volte più che a destrutturare il corpo di polizia, a riformarlo e migliorarlo – tra queste la richiesta, che potrebbe sembrare insolita, di aumentare gli stipendi dei corpi di polizia, proprio nella speranza di dissuaderli dal compiere furti ed estorsioni.

Sabina De Silva,
Geopolitica.info

Corsi Online

Articoli Correlati

Nuove idee per le migrazioni? L’accordo UK-Rwanda

Regno Unito e Rwanda hanno firmato un accordo per il ricollocamento dei richiedenti asilo nel paese africano che di...

Il Sudan tra sospensione di fondi internazionali, proteste e insicurezza alimentare

Dalla destituzione di Omar Al-Bashir, al governo di transizione democratica guidato dall’ex funzionario ONU Abdalla Hamdock, al golpe militare...

Processo Sankara, la condanna dopo trentaquattro anni e i risvolti politici

Ci sono voluti sette anni di indagini e sei mesi di udienze per arrivare alla sentenza per l’omicidio del...

Il Sudan negli Accordi di Abramo

Bilad al-Sudan, il villaggio, la località dei neri, è il nome arabo di un Paese oggi al centro dell’interesse...