0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

Chi sono gli Houthi?

-

I numerosi e indiscriminati attacchi perpetrati dagli Houthi a navi commerciali e petroliere nello Stretto di Bab el Mandeb, nel Mar Rosso, costituiscono il nucleo delle crisi internazionali coinvolgenti le rotte strategiche tra l’Oceano Indiano e il Mar Rosso – che rappresentano il 12% del commercio globale – e le relazioni tra gli Stati del Golfo, del Medio Oriente e del Corno d’Africa.

Gli Houthi (al-Ḥūthiyyūn) sono un gruppo armato prevalentemente sciita zaydita, originato verso la fine del Novecento nello Yemen, divenuto attivo in senso antigovernativo negli anni Duemila. Il gruppo ha dato vita a un’organizzazione armata autodenominata ‘Partigiani di Dio’ (Anṣār Allāh) o ‘Gioventù Credente’ (al-Shabāb al-Muʾmin). Il nome deriva dal fondatore Hassan Al Houthi, ma il gruppo non presenta omogeneità interna.

Gli Houthi controllano un terzo del Paese, in cui però risiede più dei due terzi della popolazione. Lo Yemen confina a nord con l’Arabia Saudita e a est con l’Oman. Nonostante la presenza di giacimenti petroliferi e di gas naturale poco sfruttati, il Paese è uno dei più poveri al mondo. Le rimesse degli emigrati costituiscono il 40% del prodotto nazionale lordo, mentre le limitate infrastrutture e la persistente violenza ne ostacolano lo sviluppo.

Nel 1839, l’espansione coloniale britannica stabilì una base commerciale nel porto di Aden, successivamente integrata con la creazione del Canale di Suez nel 1869. La regione meridionale della Penisola Arabica fu divisa tra l’area d’influenza britannica e l’area formalmente turca, poiché lo Yemen fu parte dell’Impero Ottomano fino al 1918. Negli anni Sessanta del XX secolo, il Paese fu al centro delle ‘Proxy Wars’, conflitti per procura tra ideologie socialiste e capitaliste che impoverirono ulteriormente la regione. Dopo anni di guerra civile fino al 1990, lo Yemen meridionale e settentrionale si unirono politicamente, ma le tensioni ripresero dopo quattro anni.

A partire dal 2015, gli Houthi hanno consolidato il loro controllo in uno Yemen dilaniato da lotte politiche interne, ricevendo anche supporto militare dall’Iran, mirato principalmente a contrastare l’influenza saudita. Il conflitto in Yemen è stato talvolta semplificato come una guerra settaria tra fazioni sostenute dall’Arabia Saudita wahhabita e dall’Iran sciita, una narrazione che non corrisponde alla complessità delle violenze alimentate da interessi regionali e internazionali.

Elizabeth Kendall, esperta di Yemen contemporaneo, sostiene che il legame tra gli Houthi e l’Iran era inizialmente strumentale agli obiettivi in Yemen. L’Iran cercava soprattutto di percepirsi come un importante ‘sponsor’ del gruppo armato, prima che l’escalation delle violenze portasse, dal 2020, all’invio di droni e missili balistici chiaramente di origine iraniana. Lo Yemen sembra ora sull’orlo di una nuova frammentazione. Gli Houthi si presentano come autentici patrioti e difensori leali della nazione yemenita, contrapponendosi ad altri gruppi armati come Al Qaeda e alle fazioni politico-militari governative che spesso hanno tradito le popolazioni locali.

I recenti attacchi in uno dei ‘colli di bottiglia’ globali nel Golfo di Aden, nel Mar Rosso e nell’Oceano Indiano si sono rivelati calcoli estremamente errati. Le ripercussioni sulle catene di approvvigionamento internazionali – con richieste assicurative fino a due milioni di dollari per i passaggi attraverso lo Stretto di Bab el Mandeb – potrebbero causare gravi crisi economico-commerciali. Prolungare i viaggi di dodici-quindici giorni, costringendo le navi a circumnavigare l’Africa, potrebbe incrementare i costi fino a 1 milione di dollari per rotta e inevitabilmente rallentare i tempi di consegna delle merci. Tuttavia, gli Houthi mantengono la loro convinzione autentica che Dio sia dalla loro parte, alimentando così la loro militanza apparentemente indomita.

Articoli Correlati

Revolution in Tehran happens only from within. How do the balances change after Raisi?

At 11 a.m. Italian time – 12:30 Persian time – Kayhan, the newspaper that is closest to the Supreme...

President Raisi accident: impressions from the Iranian press and an overview

The President of the Islamic Republic of Iran, Ebrahim Raisi is dead, together with Foreign Minister Hussein Amir-Abdollahian following...

L’incidente del presidente Raisi: impressioni dalla stampa iraniana e un quadro d’insieme

Il presidente della Repubblica Islamica dell’Iran, Ebrahim Raisi, è morto insieme al Ministro degli Affari Esteri Hussein Amir-Abdollahian a...

Le relazioni Stati Uniti – India alla prova del porto di Chabahar

Il 13 maggio scorso Iran e India hanno concluso un accordo per lo sviluppo del porto iraniano di Chabahar....