0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

ASCONT

L'Asia Centrale contesa tra Cina e Russia. Competizione o cooperazione?

Con il sostegno dell’Unità di Analisi, Programmazione, Statistica e Documentazione Storica del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ai sensi dell’art. 23-bis del DPR 18/1967. Le opinioni contenute nel progetto sono espressione degli autori, e non rappresentano necessariamente le posizioni del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Enti partner

Finalità e risultati attesi

Il progetto ASCONT si prefigge di verificare quali siano gli elementi di cooperazione e competizione tra Cina e Russia nell’Asia centrale e quali scenari politici ed economici siano teorizzabili alla luce delle molteplici sfide emerse dal conflitto in Ucraina. L’invasione russa in Ucraina ha, infatti, accelerato la sfida delle potenze revisioniste al mondo occidentale. Da un lato, il progressivo declino del primato statunitense e la parallela ascesa della Cina hanno profondamente trasformato la struttura del sistema internazionale che oscilla da un assetto unipolare – post Guerra Fredda – ad una diffusione del potere di tipo bi- o multipolare. Dall’altro lato, le ambizioni imperialistiche della Russia di Putin, che non accetta di perdere l’Ucraina dalla propria sfera d’influenza, unita alla volontà di giocare un ruolo importante nella ridefinizione dell’ordine internazionale, hanno avvicinato, nel corso degli anni, il Cremlino verso Pechino, come una lunga tradizione secolare del filone del pensiero “euroasiatico” ha sempre auspicato. Il presente rapporto di ricerca ha lo scopo di inquadrare, dal punto di vista storico e politico, le principali problematicità, le questioni irrisolte e il peso delle eredità del passato nella ridefinizione dei rapporti tra la Federazione russa e l’Asia Centrale e la crescente rilevanza della Cina nella regione.

Contenuti del report I

La storia delle relazioni sino-russe in Asia Centrale: dal crollo dell’URSS ad oggi

A cura di Mara Morini

Mara Morini è professoressa associata di Scienza politica all’Università di Genova dove insegna Politics of Eastern Europe e Politica comparata. Osservatrice elettorale dell’OSCE-ODIHR in Russia, Uzbekistan e Moldova, è coordinatrice dello Standing Group “Russia e spazio post-sovietico” della Società Italiana di Scienza Politica (SISP). Visiting Professor all’Accademia Diplomatica del Ministero degli Esteri della Federazione Russa e alla High School of Economics di Mosca, ha pubblicato il libro La Russia di Putin (edizioni il Mulino, 2020).

INDICE

Introduzione, di Mara Morini
I. La questione delle nazionalità e la dissoluzione dell’URSS, di Lara Piccardo
II. Le geometrie variabili dell’intesa russo-cinese, di Lorenzo Termine
III. L’Asia centrale nello scenario internazionale post-bipolare. Introduzione alla formulazione della politica estera di Kazakhstan, Uzbekistan e Turkmenistan, di Carlo Frappi