0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

0,00€

Nessun prodotto nel carrello.

TematicheCina e Indo-PacificoA Camp David, Giappone, USA e Sud Corea raggiungono...

A Camp David, Giappone, USA e Sud Corea raggiungono un accordo storico ma fragile

-

Le relazioni tra Giappone e Corea del Sud a partire dal dopoguerra sono sempre state particolari. Legate dal fatto di essere due democrazie forti in Asia orientale, e condividendo entrambe delle partnership importanti con gli Stati Uniti, sono ancora oggi divise dai crimini commessi dai giapponesi durante l’occupazione ad inizio ‘900. Recentemente si è arrivati ad un punto di svolta nei rapporti tra questi due Paesi. Durante una visita a Camp David negli USA, Tokyo e Seul per la prima volta si sono impegnati per approfondire la collaborazione, insieme al loro reciproco alleato, anche sul piano militare. 

Cruciali per questo traguardo sono state anzitutto le figure apicali dei tre governi in questione, ovvero il presidente statunitense Joe Biden, il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ed il primo ministro giapponese Fumio Kishida. Non bisogna però tralasciare il ruolo svolto dalle sempre più frequenti crisi che scoppiano nella regione dell’Asia-pacifico, causate secondo questi tre Stati soprattutto dalla Cina e dalla Corea del Nord, ed a un sempre maggior allineamento tra Pechino e Mosca. Benché quest’accordo rappresenti una vera svolta per le relazioni tra Sud Corea e Giappone, i prossimi appuntamenti elettorali nelle tre nazioni partner di questo accordo fanno dubitare della possibilità che questo possa essere veramente duraturo.

L’accordo

La Casa Bianca ha rilasciato il 18 agosto del 2023 un documento che elenca i punti salienti del meeting avvenuto tra i leader dei tre Paesi. Sono stati toccati vari argomenti, che vanno dalle questioni economiche, fino a quelle di sicurezza. Tra i vari impegni che Stati Uniti, Giappone e Repubblica di Corea intendono portare avanti nei prossimi anni, spicca sicuramente quello di svolgere regolarmente esercitazioni militari in collaborazione. Viene espressa anche l’intenzione di tenere incontri regolari sia tra i leader che tra le figure apicali dei ministeri più importanti dei tre Paesi, in maniera simile a quanto accade tra gli Stati della NATO o del G7. Inoltre, si intende aumentare la comunicazione e la consultazione durante le crisi che sempre più caratterizzano la regione dell’Asia-Pacifico. In questo settore è particolarmente importante il progetto per condividere informazioni riguardo ai lanci missilistici della Corea del Nord, ormai sempre più frequenti.

Non vengono tralasciati gli aspetti tecnologici ed economici della cooperazione. Biden, Kishida e Yoon si sono accordati a Camp David per collaborare al fine di rendere le supply chains dei tre Stati sempre più resilienti, soprattutto quelle riguardanti prodotti sempre più fondamentali (ad esempio semiconduttori e batterie). La collaborazione tra queste nazioni si estenderà anche a settori cruciali come sicurezza energetica, intelligenza artificiale ad altri campi di particolare interesse.

Le relazioni tra Giappone e Corea e le fragilità dell’intesa

Le relazioni tra Tokyo e Seul hanno visto sempre alti e bassi a causa dell’occupazione nipponica della penisola coreana, avvenuta tra il 1910 ed il 1945. La precedente amministrazione sudcoreana del presidente Moon Jae-in aveva gestito le relazioni con il Giappone in maniera particolarmente tesa proprio per via di queste problematiche storiche. Il presidente Yoon Suk-yeol intendeva nel suo programma proprio tentare di alleggerire queste problematiche, di modo da poter allineare maggiormente gli interessi strategici di Seul con quelli giapponesi e statunitensi. Già ad aprile del 2023 sembravano esserci stati segnali positivi per un avvicinamento dei rapporti tra Giappone e Corea del Sud. Una vera alleanza tra Giappone e Corea del Sud non è ancora stata raggiunta, ma questo meeting avvenuto a Camp David è sicuramente un punto storico non solo per la collaborazione tra questi due Paesi e Washington (anche se Giappone e Sud Corea sono già strettamente legate agli USA da alleanze militari), ma soprattutto per i rapporti tra le due nazioni asiatiche. Non è un caso che i tre leader che si sono riuniti a Camp David si siano espressi molto positivamente riguardo ai risultati del meeting. 

Nonostante ciò, gli stessi motivi che negli anni precedenti hanno reso tesi i rapporti tra Sud Corea e Giappone, rendono precari gli impegni presi a Camp David, e non è detto che questo accordo duri a lungo. In Corea del Sud, la decisione del presidente Yoon ha generato scontento tra gli elettori, mente il suo partito è alle porte delle elezioni legislative che si terrano ad aprile del 2024. Similmente in Giappone, dove il Primo Ministro Kishida non gode di molta popolarità, la nuova collaborazione stretta con Seul ha reso scontenti i politici più conservatori. Si teme inoltre per la stabilità dell’accordo nel caso in cui alle prossime elezioni presidenziali statunitensi, Donald Trump dovesse essere eletto per il suo secondo mandato. Le situazioni interne dei tre Stati, ed i prossimi impegni elettorali dei leader, rendono incerta la durabilità dell’accordo.

Il ruolo di Pechino e Pyongyang nella firma dell’accordo

Tra le ragioni di questa riunione a Camp David è rintracciabile in primis la sempre crescente tensione nel Pacifico. Gli ormai più frequenti test missilistici di Pyongyang preoccupano tutti e tre i Paesi in questione. Tra i più recenti, a metà luglio la Nord Corea ha lanciato due missili in occasione della consegna statunitense di un sottomarino nucleare alla Corea del Sud. Pochi giorni prima, un test ha rivelato il possesso nordcoreano di un vettore balistico in grado di raggiungere gli USA. Il missile sorvolò il Giappone prima di atterrare in mare. Non a caso, nel documento rilasciato dalla Casa Bianca riguardo l’incontro trilaterale a Camp David ci sono vari riferimenti alla Repubblica Democratica Popolare di Corea. I leader hanno infatti riaffermato l’importanza di raggiungere una piena denuclearizzazione dell’armamentario nordcoreano, poiché minaccia la sicurezza della penisola coreana (e non solo). Sono stati poi fatti espliciti riferimenti agli attacchi cyber degli hacker nordcoreani, oltre che all’intenzione di continuare a cooperare per promuovere il rispetto dei diritti umani in Corea del Nord.

Riferimento esplicito viene fatto anche riguardo alla preoccupazione nutrita da Stati Uniti, Giappone e Repubblica di Corea per il comportamento di Pechino nel Mar cinese meridionale, che viene definito come pericoloso e aggressivo. I tre Paesi riaffermano dunque la loro opposizione a quelli che vengono percepiti come tentativi di modificare lo status quo regionale. La loro maggior cooperazione servirà dunque a reagire meglio a questi tentativi cinesi di agire con maggior assertività nella regione. Le preoccupazioni sono alimentate dall’aggressione russa all’Ucraina e da un sempre maggior avvicinamento tra Cina, Russia e Corea del Nord, il quale è testimoniato dalla presenza del Ministro della difesa russo Shoigu e dall’ufficiale del partito comunista cinese Li Hongzhong alla parata militare organizzata a Pyongyang per il settantesimo anniversario della fine della guerra di Corea.Le reazioni cinesi sono state ovviamente negative. Sull’incontro dei tre leader a Camp David si è espresso Wang Yi, ministro degli esteri cinese, che ha raccomandato ai due Paesi asiatici di non allinearsi eccessivamente con interessi occidentali piuttosto che asiatici. Dalla Fudan University a Shanghai, il professor Wu Xinbo ha affermato che Pechino potrebbe cercare di incontrarsi privatamente con Tokyo e Seul per reagire a questo nuovo accordo con gli Stati Uniti. Tuttavia, ha aggiunto che se la situazione si rivelasse particolarmente sfavorevole, la Cina potrebbe reagire anche con azioni più dure.

Articoli Correlati

What is the Bluebird Movement? Taiwan’s political turbulence: the emergence of the Bluebird Movement

Since Lai Ching-te took office as president, Taiwan has experienced difficulty. Recent reforms proposed and accepted by the Legislative...

UE e Australia: la vita comune per le materie prime critiche

Australia ed Unione europea hanno siglato un accordo strategico sulle materie prime critiche e strategiche. Canberra e Bruxelles, dopo...

Nafta? No, Nefta!

Il 27 maggio 2024, il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol, il primo ministro nipponico Kishida Fumio, e il premier cinese...

Le relazioni Stati Uniti – India alla prova del porto di Chabahar

Il 13 maggio scorso Iran e India hanno concluso un accordo per lo sviluppo del porto iraniano di Chabahar....